Ciao ragazzeee!

Quante di voi aspettano tutto l’anno l’arrivo della notte degli Oscar? Io personalmente non vedevo l’ora di poter seguire tutta la serata in diretta… e ne è valsa la pena! Ovviamente si tratta di un momento imperdibile per tutti gli appassionati di cinema (e c’è da dire che quest’anno tantissimi film nominati sono stati considerati dei veri capolavori!), ma per noi  beauty-addicted è anche un appuntamento attesissimo: la speranza è sempre quella di vedere qualche look che si ricorderà negli anni, qualcosa di incredibilmente elegante e indimenticabile. Avrà soddisfatto le aspettative, quest’edizione 2017 degli Academy Awards?

Io ho diviso i look più interessanti in categorie come “le stra-wow” (perché sì, ci sono state), “le (belle) sorprese”, ma anche “le noiose”, fino ai “big no-no”, ovvero gli incomprensibili e insindacabili disastri. Come avete capito, quest’anno non ci siamo fatte mancare proprio niente! Siete pronte?!

ClioMakeUp-oscar-2017-red-carpet-vestiti-abiti-trucchi-make-up-look-academy-emma-cover.001

Invece di dividere il post tra abiti e trucchi, essendo davvero difficile giudicare un look solo per aspetti separati e non nel suo insieme, oggi vi faccio vedere sia i make-up che i vestiti delle star, poi verrà un post in cui vi mostreremo tutti i segreti dei backstage, prodotti compresi, usati dai MUA prima che la loro stella calcasse il tappeto rosso. E poi, sappiatelo, gli After Party sono stati molto succulenti e non mancheremo nel commentarli con voi nei prossimi giorni! Quindi, insomma, per questa settimana, avete molti pop-corn da preparare!! 😉

LE NOIOSE (MA BELLE)

Le noiose (ma belle), sono le attrici che hanno scelto un look innegabilmente adatto ed elegante, ma che è risultato o già visto o comunque non abbastanza “di carattere” da emergere. Insomma, non dei veri e propri flop, ma nulla che mi abbia fatto dire WOW. Insomma, quelle che non penso ci ricorderemo, ma che non hanno fatto brutta figura!

FELICITY JONES IN VERSIONE BALLERINA

ClioMakeUp-oscar-2017-red-carpet-vestiti-abiti-trucchi-make-up-look-academy

Ormai fedelissima alla categoria delle “belle e noiose”, Felicity Jones ha calcato il tappeto rosso con quello che sembra essere un abito di scena de La Scala. Un tulle incrociato che crea quasi un tutù bianco, impreziosito da alcuni ricami vedo-non-vedo.

ClioMakeUp-oscar-2017-red-carpet-vestiti-abiti-trucchi-make-up-look-academy

In realtà la scelta della lunghezza alla caviglia è anche un’apprezzabile tentativo anti-conformista che Felicity ha saputo portare con eleganza, ma tra il beauty look carino ma anonimo (una mezza coda mossa, eye-liner e un rossetto pesca) e la linea dell’abito non proprio ideale su di lei (né il décolleté né il punto vita risulta valorizzato) ha reso il tutto non così vincente come avrebbe potuto essere.

NICOLE KIDMAN IN ARMANI SENZA INFAMIA E SENZA LODE

ClioMakeUp-oscar-2017-red-carpet-vestiti-abiti-trucchi-make-up-look-academy

Questo è stato l’anno del grande ritorno di Nicole Kidman – e questo le va concesso. Sono stata molto contenta di vederla di nuovo in forma, ormai “sgonfiata” dopo la sua “disintossicazione da botox” e magnifica come la ricordavamo.

ClioMakeUp-oscar-2017-red-carpet-vestiti-abiti-trucchi-make-up-look-academy-6

Ma per gli Oscar, se il make-up è essenziale ma elegante, grazie al rossetto opaco rosso fuoco (abbinato agli orecchini) e all’incarnato di porcellana impeccabile, l’abito di Armani non spicca tra gli altri, secondo me, facendola apparire come una stella… non troppo luminosa.

MICHELLE WILLIAMS BELLA MA NON BALLA

ClioMakeUp-oscar-2017-red-carpet-vestiti-abiti-trucchi-make-up-look-academy

Michelle Williams ha divertito tutti i fan avendo portato come “+1” non un parente o una fiamma, ma la sua migliore amica di sempre, co-star in Dawson’s Creek Busy Philipps. Sui social si è capito che a passare la serata migliore, sono state probabilmente loro, tra risate, selfie in bagno, preparazione insieme e tutto quello che prevede la più classica delle serate tra amiche.

ClioMakeUp-oscar-2017-red-carpet-vestiti-abiti-trucchi-make-up-look-academy

Però, per quanto riguarda il look, tutto funziona senza eccitare troppo: l’abito spezzato di velluto e chiffon lavorato è bello, ma non indimenticabile. Così il beauty look: i capelli biondo platino (forse un po’ tanto corti sulla fronte) avrebbero richiesto forse un trucco un po’ più di carattere, per non far apparire il viso dello stesso colore della gonna. In poche parole: bella ma non balla!

ClioMakeUp-oscar-2017-red-carpet-vestiti-abiti-trucchi-make-up-look-academy

LE MATRONE

Matrona: /ma·trò·na/: sostantivo femminile che, in senso figurato, indica una donna matura e imponente che a una gradevole floridezza di forme accompagna una dignitosa compostezza nel portamento: il dizionario indica esattamente quello che Scarlett Johansson e Charlize Theron hanno rappresentato durante la notte degli Oscar.

ClioMakeUp-oscar-2017-red-carpet-vestiti-abiti-trucchi-make-up-look-academy

ClioMakeUp-oscar-2017-red-carpet-vestiti-abiti-trucchi-make-up-look-academy

In barba a tutte quelle che, con l’abbigliamento, vogliono apparire più magre, il taglio d’abito scelto dalle due star mette in evidenza le curve, anche laddove non sono così prosperose, come nel caso di Charlize.

ClioMakeUp-oscar-2017-red-carpet-vestiti-abiti-trucchi-make-up-look-academy-6 ClioMakeUp-oscar-2017-red-carpet-vestiti-abiti-trucchi-make-up-look-academy-6 ClioMakeUp-oscar-2017-red-carpet-vestiti-abiti-trucchi-make-up-look-academy-6

Anche il beauty look è simile, sia per quanto riguarda i capelli (anche se in realtà Chalize ha un piccola coda), che lo stile del make-up glowy. Che ne dite, poi, delle palpebre glossy di Scarlett?

LE (BELLE) SORPRESE

Ogni tanto non sul red carpet vediamo look che ci rubano il cuore e si tende a pensare che siano sempre le stesse, le più attese, a darci soddisfazione. Ma non è sempre così: vediamo chi mi ha stupita (in positivo!) ieri sera!

VIOLA DAVIS E IL MINIMAL CHE VINCE

ClioMakeUp-oscar-2017-red-carpet-vestiti-abiti-trucchi-make-up-look-academy

Un abito rosso fuoco con coda e drappo potrebbe non rappresentare nel modo migliore la parola “minimal”, ma trattandosi di Viola Davis, che ha sempre apprezzato il look scintillanti e sgargianti soprattutto per quanto riguarda il trucco, non si può non parlare di make-under.

ClioMakeUp-oscar-2017-red-carpet-vestiti-abiti-trucchi-make-up-look-academy

E lo devo dire, secondo me funziona: Viola ne risulta ringiovanita e i suoi bei tratti decisi sono valorizzati, così come il suo fisico allenato. A prova del fatto che ogni tanto togliere qualcosa fa risplendere.

EMMA ROBERTS: È NATA UNA NUOVA STELLA

Ho trovato Emma Roberts una delle più belle sorprese della serata. La giovane nipotina della diva Julia, direi che ha decisamente imparato a spiccare il volo per conto proprio. Promotrice della moda responsabile, Emma ha scelto un magnifico abito Armani vintage, perfetto per il suo fisico minuto.

ClioMakeUp-oscar-2017-red-carpet-vestiti-abiti-trucchi-make-up-look-academy

I capelli ramati si sposano benissimo con il suo incarnato e scongiurano l’effetto smorto che il biondo platino (colore portato di solito da Emma) ha giocato a Michelle Williams.

ClioMakeUp-oscar-2017-red-carpet-vestiti-abiti-trucchi-make-up-look-academy

Le onde retrò e il make-up  deciso e moderno (rossetto rosso fuoco opaco e trucco occhi che richiama il colore dei capelli perfetti) la fanno sembrare una vera diva. Forse, nella generazione delle giovani “figlie/sorelle/nipoti di”, Emma Roberts, in questa occasione è chi meglio ha fatto dimenticare le parentele.

OCTAVIA SPENCER, COME VESTIRE FROU FROU UNA PLUS SIZE

Octavia Spencer ha dimostrato il proprio talento già durante qualche edizione fa degli Oscar – quando ha vinto come Miglior Attrice Non Protagonista per The Help –, ma è da un bel po’ di tempo che dimostra anche di star esprimere il proprio stile al meglio.

ClioMakeUp-oscar-2017-red-carpet-vestiti-abiti-trucchi-make-up-look-academy

Chi l’ha detto, infatti, che una donna abbondante, dal seno prosperoso e dal corpo “a mela”, non possa indossare un abito da principessa, con corpetto drappeggiato di seta e una grande gonna decorata da piume? Octavia mostra che si può, con la semplicità dell’eleganza!

Ragazze, siamo all’inizio: nella prossima pagina vi parlo dei look che, per me, non meritano più di un “boh” e quelle se hanno dato a tutti una lezione su come si possa essere delle bombe-sexy, rispettando i canoni della massima eleganza. Curiose? Allora passate a pag. 2!

62 COMMENTI

  1. Buondí! Questo si che é un post succulento! Tra le wow mi sento di bocciare entrambi gli abiti di HAILEE STEINFELD e Emma Stone. Non mi piacciono per niente. Invece mi sento di salvare l’abito di Alicia Vikander, secondo me il problema é il trucco troppo troppo smorto che rende il viso stanco. Banalmente bastava un rossetto rosdo o fuxia. E salverei anche l’abito di Hale Berry, l’intrecciayo del corpino mi piace come anche le gonne. A dirla tutta é molto piú brutto quello spezzato di Michelle Williams. Buona giornata!

  2. Bel post, complimenti Clio!concordo sulla tua preferita, era stupenda, mi sono piaciute anche Emma Roberts, Karlie Kross, Jennifer Aniston (devo verificare se è vero che si è tirata)Nicole Kidman.Lasciamo perdere la tizia patata al vento che si commenta da sola…Di Emma Stone non mi è piaciuto l’abito, in generale non mi fa impazzire.Attendo i prossimi post sugli oscar!buona giornata a tutte 🙂

  3. Per me la migliore è Halle Berry, mi è piaciuto tutto il suo look (trucco, parrucco e abito) bellissima anche Emma Stone ma la parte finale del suo abito proprio non mi piace, Emma Roberts l’ho trovata molto bella anche se forse con quel trucco dimostra di anni di quanti ne abbia, promossa anche la Teigen ..sono d’accordo con i flop (per me Dakota non ne azzecca una) e ci aggiungerei Michelle Williams che nell’ultima foto sembra molto più grande (peccato di solito mi piace).. stranamente (per i miei gusti) ho trovato belle e particolari Scarlett e Charlize..

  4. Dunque, prima di commentare gli abiti devo fare una premessa. Normalmente non mi capita mai di vedere la cerimonia in diretta, mentre quest’anno sono riuscita a seguire il red carpet e la premiazione vera e propria.
    Dico questo perchè, alcuni abiti che in foto avrei bocciato, visti dal vivo, con i movimenti e le luci, mi hanno fatto cambiare opinione.
    Uno su tutti, quello di Jessica Biell, che non mi piaceva assolutamente in foto, e invece mi parso tutto diverso guardandolo dal vivo. Non è comunque il mio preferito, ma aveva una luce davvero bella, e gli “strappi” non si notavano così tanto come nelle foto. Lei comunque è bellissima, e suo marito, che ha aperto la serata, pure. XD
    Un’altro abito, che invece è il mio preferito, ma che è parso ancora più bello in tv è quello di Hailee Steinfield. Spettacolare.
    Molto bello anche quello di Nicole, ma io sono dell’idea che su una pelle un po’ più ambrata avrebbe fatto tutta un’altra figura. Secondo me le sta male perchè non c’è alcuno stacco tra carnagione e tessuto.
    Sono d’accordo sul flop assoluto di Dakota. Capisco ancora il vestito, che può piacere o meno, ma i capelli proprio sono insalvabili e danneggiano ancora di più l’outfit generale.
    Non sono d’accordo invece sull’abito di Halle Berry. Dal vivo era molto bello anche se certo non indimenticabile.

    Ultima nota.
    CHARLIZE THERON non è umana. Ne ho avuto la riconferma. Già è bella nelle foto, ma dal vivo è pazzesca. Bellissima.

  5. Moulin Rouge…la Traviata meshata con la Tosca a videoclip. Si si. Proprio la stessa cosa.
    Poi, la regia frenetica di Lurhmann identica a quella accuratissima di Chazelle. E pure, c’era l’avviso sulla Locandina: per i folli e i sognatori.

  6. A me è piaciuta tantissimo Emma roberts, trucco e capelli davvero ben fatti e l’abito….. lo adoro! Già su una donna con appena più seno, con quella scollatura sarebbe stato leggermente volgare, su di lei invece era perfetto.

  7. Secondo me se Dakota Jonson non avesse messo la collana, si fosse legata tutti i capelli in modo da riprendere l’austerità dell’abito e se si fosse truccata meglio (via quelle due righe di contouring e quello smokey che la fa sembrare malata) sarebbe stata molto meglio.
    A me invece Hailee non è piaciuta! Mi sento una st****a a dirlo ma non mi piacciono le sue orecchie. Scusatemi!
    Oscena la Blanca Blanchi o quello che è!

  8. mi è piaciuta tanto emma roberts, la mia preferita. E nicole Kidman, Charlize, vabè è bella anche con un sacco di patate perchè è di un altro pianeta.
    Emma Stone….niente da fare, non mi è mai piaciuta e non mi piace. La trovo scialba anche stavolta….

  9. Mi spiace se ti sono sembrata brusca. Solo che a parte il genere musical che li accomuna e il fatto che gli interpreti di entrambi non sono Fred Astaire e Ginger Rogers, io li trovo molto diversi negli intenti. 14 nomination infatti non sono diventati 14 Oscar . Per me invece che 6 avrebbero dovuto essere 8. (Montaggio e film) ma devo vedere ancora tutti i candidati. Quindi sono in riserva.

  10. Salve a tutti! Io ho guardato tutto il red carpet e tutta la cerimonia (infatti ieri ero distrutta XD)
    La mia preferita in assoluto è Kirsten Dust♡♡♡ Per me era bellissima, con un abito che nella sua semplicità era meraviglioso ed elegantissimo. Poi ha un vitino…. Anche Emma Stone mi è piaciuta molto, e di solito non é tra le mie preferite. Hailee Stenfield era carina, ma l’abito non mi piace particolarmente e quelle specie di fiocchi sulla schiena sono blah. Brie Larson è un’altra che mi è piaciuta molto. Nicole Kidman era carina, non indimenticabile ma carina. Suo marito invece è molto carino 😛
    Jennifer Aniston non mi è sembrata piena come scrivi tu clio. Anzi appena l’ho vista ho pensato che fosse bellissima e super in forma.
    Mi sono accorta di aver scritto un papiro ahaha

  11. Cristo santo, ma come si fa anche solo a pensare ad andare alla cerimonia degli Oscar con la fagiana al vento?

  12. Solo una considerazione…Dalle foto ho capito che gli abiti tutti bianchi o tutti neri necessitano di un rossetto colorato e deciso. Mi piace tantissimo l abito di Dakota Johnson, ma si sa, con un abito accollato bisogna raccogliere i capelli per forza!

  13. Bellissimo post, adoro i red carpet 🙂 per me top assoluti Emma stone, Taraji, Emma roberts, Brie larson. Trovo invece che i vestiti a matrona non stiano bene per nulla a charlize theron e a scarlett johanson, le rendono tozze nel punto vita, le allargano in un modo strano stravolgendone il fisico, non mi convincono per nulla. Di olivia culpo salvo l’abito molto carino ma peccato per quel makeup, dakota trovo che stia molto meglio con la frangia per quanto riguarda i capelli. No comment per quella blanca, ma come si fa?

  14. Dakota alias l’attrice più insulsa esistente.
    La Stone è fantastica in tutto. In LaLaLand era travolgente. La stimo profondamente, una di quelle attrici che si fanno il mazzo, amano il loro lavoro e sei felice che guadagnino una valanga di (meritati) soldi. Ahahah
    Jennifer Aniston mi è sembrata davvero stravolta! O.O
    E vabbè, della scosciatona non mi importa: penso che se una cosa non piace, non se ne deve parlare per non darle l’attenzione che NON merita e a cui punta. Quindi silenzio stampa, che finisca nell’oblio.

  15. Viola Davis, Brie Larson, Taraji P. Henson, Emma Roberts e Auli’i Carvalho le mie top!
    Halle Berry con quell’acconciatura guadagnava anni in giovinezza!!
    Dakota Jonson oggettivamente mi chiedo chi le abbia dato l’ok ad uscire conciata in quella maniera. Come dice il figlio di Pacha nelle Follie dell’Imperatore “Sembri la mia pro-pro-pro-pro-pro…” XD il vestio la invecchia, i capelli le stanno proprio male (piuttosto la preferisco con la frangia, almeno da proporzione al viso). No. No. No. Un enorme ed infinito NO.
    E poi… baaaaaasta con le bagiane al vento! O_O Una persona un vestito simile lo sceglie solo per quel motivo. E immagino che facciano mille prove di vestiti camminando negli atelier per prenderci confidenza… vogliamo proprio credere che nessuno le abbia mai detto “Figlia mia, se ti muovi a malapena con quell’abito te la vedono fino a Timbuctu?” -_-”
    Ho deciso una cosa: l’anno prossimo mi prendo il lunedì di ferie e me la guardo in streaming!! Su Sky il tappeto rosso non è bello da vedere 🙁 ogni 3×2 è interrotto dalla diretta in studio e loro che parlano e parlano e parlano….

  16. Brie Larson ha esagerato con il contouring alle tette!
    L’abito è davvero bello ed elegante, ma questo contouring così esagerato rende il look decisamente pacchiano!

  17. Opinione personale: con quel vestito Hailee Steinfeld da davanti è bellissima, da dietro la decorazione mi fa venire in mente tipo la cresta di uno stegosauro… 😉

  18. E perché la sequenza finale? Quando c’è troppo entusiasmo arrivano i detrattori. Sempre. Avendo perso l’Oscar contro moon light entra a pieno titolo nel cult.

  19. Io l’ho detestato La La Land!!! Insulso e stupido all’inverosimile. Ryan Gosling in qualsiasi ruolo che fa sembra una triglia imbalsamata, non ho idea di come possano chiamarlo “attore”. Lasciamo perdere poi le parti cantate, che è meglio… a me che ho studiato canto per poco non veniva un coccolone.
    A Moulin Rouge un filmaccio del genere può solo pulirgli le scale, con o senza piano sequenza (ma un bel “chissene frega” pure a ‘sto benedetto piano sequenza non glielo vogliamo dire???).

  20. La penso anche io così, Emma Stone sembra un paralume, per quanto invece sia fatto bene il trucco. Emma Roberts mi ha lasciata perplessa con quel rossetto troppo overlined. Sembra sbavato…

  21. Della prima pagina non me menomale nessuno di look , a parte Emma R, la lunghezza dell’abito di Felicity J è davvero infelice. Nella seconda pagina invece mi piace il collier di Karlie e anche Chrissy non è male. Jessica Biel ha una acconciatura che non le dona per niente. Emma Stone più di tanto non mi ha colpito, l’ho trovata banalotta. Mi sono piaciute tanto la ragazzina e Hailee (stegosauro on the back a parte) e anche il vestito della Culpo.

  22. Sicura di non essere stata troppo buona? Insomma ma chi è questo Chazelle? Un idiota incompetente vero? Che piatte queste performance….. avrebbero dovuto prendere qualcuno che ha studiato canto come te. Ma perché non ci hanno pensato? Invece quel Gosling zero carisma… Mannaggia….. e il piano sequenza, davvero chissene frega. Del resto è facile girare e dirigere un film. Facilissimo. Avrebbe potuto farlo chiunque.

    Ne ho lette così tante su questo film: “razzista” “sessista”… ci può stare che non piaccia a tutti, figuriamoci. Ma leggere tutta questa m**** sul lavoro altrui. Mi sembra davvero da arroganti.

  23. Auli’i Cravalho, Emma Stone e Viola Davis secondo me sono in assoluto le più belle. Sinceramente non mi sono dispiaciuti affatto i vestiti di Halle Berry e di Charlize Theron. Le altre… Mah. Come al solito, c’è sempre qualche “sproposito” che non mi convince.
    Blanca Blanco… F**k you. Che schifo.
    E comunque, forse un piccolo Oscar in miniatura ci sarebbe voluto per un ospite di gran successo: il rossetto rosso opaco 🙂

  24. Sono arrogante perché sono competente in materia di musica e critico un musical? Ah beh…
    Piuttosto non capisco perché a chi è piaciuto tanto debba essere così aggressivo contro chi esprime pareri non allineati. Vi paga la distribuzione del film? Altrimenti non si spiega.
    Bisogna che ve ne facciate una ragione: c’è gente a cui La La Land ha fatto schifo. Si regge solo sulla fotografia e la bravura recitativa (e sottolineo “recitativa”) della Stone. Storia banalissima narrata in maniera asettica, senza dar modo agli spettatori di empatizzare coi protagonisti. Dialoghi imbarazzanti. Scene musicali sconnesse con la narrazione e buttate lì per fare numero nella track list della colonna sonora (il balletto con le coinquiline e quella stramaledetta prima scena in autostrada), e come ho già detto sul canto non mi esprimo. Personaggi odiosi, sia lei che lui, ma soprattutto lui. E no, non penso che sia razzista o sessista, ma ignorante sul jazz lo è eccome. Il jazz è esattamente il contrario di come lo intende il personaggio di Ryan Gosling, infatti l’unico momento che ho apprezzato è stato quando John Legend lo critica per questo.
    Poi che altro… ah, le citazioni. Anche quelle non contestualizzate né armonizzate con la storia, inserite solo per farti dire “oh guarda, gira attorno al lampione come nel musical tal dei tali!”. A questo punto la cosa migliore è guardarsi tutti i musical che sono stati citati, perché quelli sì che sono belli…

  25. Sei competente in canto. Ricordati che gli stupidi danno risposte e i saggi fanno domande.
    Se hanno scelto attori che non nascono come cantanti il motivo è chiaro e lampante. Il genere Musical è datato e appartenente al passato. L’astrazione del musical oggi mal si accorda. Scegliere persone che cantano come “quasi” canterebbe chiunque è per calarsi più nella “realtà” e si stacca dal passato per la mancanza di happy Ending. Poi, questa menata sul jazz che ha preso piede tra i detrattori… mamma mia. Che pesantezza.

    Poi, io vivo benissimo se non piace a tutti. Anche a me non piacciono film che hanno trovato molto consenso. Ma non vado a spalare m**** nei toni come hai fatto tu. Tutto qui. O sbaglio a dire che è il tono che fa la musica? Lo domando a te che studi canto.

  26. Mi intrometto. A me sembra che i primi ad essere aggressivi siano proprio quelli a cui non è piaciuto, i commenti che ho letto in giro sul web sono a dir poco irritanti. Il film può non piacere, ci sta, ma si vede che dietro è stato fatto un lavoro magistrale, non merita assolutamente di essere umiliato come ho visto fare

  27. Mi chiedevo dove fosse finito questo post, non appariva nella pagina principale.
    Comunque ho visto tutto, red carpet e cerimonia, fino alle sei e mezza del mattino. Passo all’analisi:
    -Viola Davis, questa donna è la regina dei colori! La sua carnagione e il suo sorriso le permettono di stare bene con qualsiasi colore
    -“Le matrone”, i vestiti erano bellissimi ma quelle scollature secondo me rovinavano tutto quanto, facevano effetto latteria
    -Kirsten Dunst, era molto bella ma il trucco mi sembrava un po’ pesante, più che altro sugli occhi
    -Priyanka Chopra, la scollatura non l’ho capita
    -Hailee Steinfeld, molto bella. L’unica cosa che mi ha un po’ disturbata erano queste due applicazioni (che vengono riprese su tutto il vestito) proprio sul seno effetto copri capezzoli, in quella zona avrei seguito un disegno diverso perchè mi sembra tolga un po’ di classe all’abito che è bellissimo
    -Ruth Negga, quel rosso poteva essere solo di Valentino, stupendo
    -Alicia Vikander, non mi è piaciuta per niente. Viso un po’ smorto e abito effetto flamenco, la versione nera dell’emoji
    -Jessica Biel, questa donna può mettersi anche un sacco della spazzatura addosso…è talmente bella, ha dei lineamenti che distraggono da tutto il resto. Non potrei mai bocciarla
    -Blanca Blanco, quasi neanche la commento. In generale questi abiti con lo spacco altissimo che mette tutto in mostra li odio, poi ad un evento di classe come questo…cioè non siamo mica ai VMAs!
    -Emma Stone, mi si illuminano gli occhi solo a parlarne. Tifavo per lei e mi sono emozionata tantissimo quando è salita a prendere il premio. Come sempre non sbaglia mai look, questo abito in linea con il personaggio di La La Land con l’atmosfera vintage. Perfetta
    -Brie Larson, mi ha conquistata, bella da togliere il fiato. Senz’altro la mia preferita

  28. La storia che li hanno scelti perché “se cantano male sono più attinenti alla realtà” è ridicola. È una scelta di marketing. E non è nemmeno l’unico musical che finisce “male”, ma se piace crederci a me poco interessa.
    A me questo film non è piaciuto, lo trovo veramente stupido e sopravvalutato così come il suo regista. Mi sono stufata di dovermi giustificare per una cretinata del genere come se avessi commesso qualche reato: sono libera di dirlo come e quanto voglio anche perché conosco la musica, il canto, l’arte scenica e la storia della musica (le critiche al jazz, pesanti o meno, sono sensatissime), e questo film sputa in faccia a tutto ciò pur essendo un musical. Sono arrogante nel dire questo? Va benissimo.
    Mi pare che i toni che hai usato tu nel criticare Moulin Rouge non siano stati molto diversi dai miei, eppure non sto qui a romperti l’anima per questo. Nemmeno se in quel caso le performance dei due protagonisti sono state impeccabili, pur essendo neofiti della musica anche loro.

  29. Io però non ho scritto nè “stupido” nè “insulso” nè “triglie imbalsamate” ne compagnia bella.
    Usa i toni che usi e sarà improbabile non istigare a rispondere. Poi ti ripeto… mi sembra che ti vanti di sapere un pò troppo, e non mi pare che tu occupi il posto di Chazelle. Se pensi questo non ti porrai più alcuna domanda.

  30. Ma scherzi? Eh… loro sanno tutto: canto, musica, scenografie, storia… tutto. Avrebbero fatto sicuramente meglio di Chazelle. Poi si piccano ad essere definiti quali sono: arroganti.

  31. Io ho adorato i ricci di Halle Berry, Kirsten Dunst per me perfetta, e Isabelle Huppert: non giovanissima, ma stupenda. Dell’ultima Miss Nessuno spero si perda traccia quanto prima…

  32. Neanche avessi augurato la morte al cast e alla crew (e non ho intenzione di farlo). Io non istigo proprio nessuno a fare nulla, mi è andato di dire quelle cose ed in quel modo perché sì, e se ho detto di conoscere la musica 1) non è qualcosa che normalmente si tiene nascosto dopo la fatica che si fa per impararla, e 2) era attinente al contesto dell’affermazione poiché serviva a rafforzare il mio dissenso verso la parte musicale, fondamentale visto che si parla di un MUSICAL. Se ti sei sentita “istigata” a rispondere non è certo un mio problema. Io ormai da mesi leggo opinioni entusiaste verso questo film che additano come stupidi, ignoranti e trogloditi coloro che non l’hanno apprezzato. Critiche a singole persone, tra l’altro. Pensi che mi sia scagliata contro tutti questi per far valere le mie ragioni e farmi il sangue cattivo? A che pro?
    È solo un film. C’è a chi non è piaciuto e ha ottimi motivi per criticarlo, in maniera pacata o feroce, e bisogna proprio che voi fan di La La Land cominciate a farvene una ragione.

  33. Io ho visto solo fan molto aggressivi che, se posso dirti, non fanno che abbassare l’opinione già poco felice che ho di questo film.

  34. Oh signore…. ma chi ti dice che ti deve piacere. Nessuno.
    Ti dico solo che hai usato toni sprezzanti, dall’alto della tua sedicente competenza. Quando film come questi, o ti prendono o non ti prendono. Di pancia. E possono non prenderti, ma non per questo puoi dire che Chazelle non vale una cippa. Perchè non sei “nessuno” per sputare così sul lavoro altrui.
    A me non piace quasi nessuno del film di Lurhmann che ho visto, ma non mi sognerei mai di dire che il posto che occupa sia immeritato. Ti è chiaro? Se non lo è. Va bene lo stesso.

  35. E infatti qui si vede chi usa toni aggressivi. Tu, ma non verso di me. Ma verso regista, tecnici e attori che ovviamente sono dove sono perché ci sono capitati per caso.

  36. Del finale ho adorato la scelta di sceneggiatura di far vedere come sarebbero potute andare le cose, e soprattutto la sensazione dolceamara con cui ti lascia quando esci dalla sala. Non un happy ending ma nemmeno un finale tragico, insomma una cosa non scontata e che non mi aspettavo. La capacità di creare suspense nei momenti prima dell’incontro al cinema è stato personalmente una delle scene che più mi hanno emozionato e po potrei continuare per ore perché l’ho trovato davvero un lavoro eccezionale.

  37. A me sembra che non sia chiaro A TE quello che ho detto io fino adesso. Io uso i toni che mi pare se sto criticando un’opera, e se in materia ho pure delle competenze (“sedicenti”… vabè) lo faccio ANCHE in base a quello perché è inevitabile avere un occhio clinico su certe cose. Non mi sembra difficile da capire.

  38. Si subdorava dall’inizio che c’era un finale un pò dolce amaro, ma solo grazie alla musica. Ultramalinconica e tanto aderente al film. Il pezzo finale è dolorosamente ed esteticamente perfetto. Purtroppo tutto questo odio ingiustificato è colpa della critica che esaltandolo a Venezia non ha fatto i conti con il fatto che non è un film per tutti. E con questo non intendo che bisogna essere più intelligenti o cinemaniaci. Dico solo che bisogna abbandonare l’occhio critico e lasciarsi andare. E non capisco come non sia successo a tutti se c’era una musica così. Il tema a piano è così coinvolgente. Boh.

  39. A me sembra difficile per te capire che puoi esprimere concetti analoghi e il tuo dissenso senza offendere un lavoro che non credo (prendi nota del beneficio del dubbio) sei in grado di replicare. Perché ti ci voglio vedere davanti a Chazelle a dire “stupido, insulso e immeritato”. Poi, certo “sedicente”. Lo dici te che sei competente. Non qualcun’altro per te. (E non ti sto accusando di dire falsità a riguardo). Ma ti voglio ricordare per l’ultima volta, che quando si crede di sapere tutto, si sa solo quello.

  40. Anche per me risulta incomprensibile tutto questo clamore. L’ho visto proprio per tentare di darmi una spiegazione ma ne sono uscita con ancora più domande di prima!

  41. Io non so tutto, so solo ciò che ho studiato. E in questo caso tanto basta.
    Ti è piaciuto il film? Bene. A me no, e Chazelle non credo abbia bisogno di essere difeso dalle mie opinioni dopo tutti i premi che ha vinto. Direi che può bastare così.

  42. Se avessi risposto così dall’inizio, non ti avrei risposto. Vorrei che capissi solo che non ci tengo che un film, o un libro o altro piaccia a tutti. Vorrei solo che si riacquistasse un po’il senso del rispetto per il lavoro altrui. Anche se non è nelle nostre corde.

  43. Per quello che ho visto i fan sono aggressivi verso chi è risultato aggressivo nel criticarlo, se uno alza i toni è normale che poi gli si risponda allo stesso modo.
    Ti faccio un esempio
    Fan “Oddio film meraviglioso, fotografia da sogno e musiche che ascolterei tre volte al giorno”
    Hater “QUESTO FILM È UNA M***A”
    Fan “CI SARAI TE UNA M***A”
    Allora se si deve criticare va bene, ma almeno che non si sminuisca un lavoro che a quanto pare ha ricevuto sei premi Oscar, scusate se è poco

  44. Mamma mia, possibile che non si possa parlar male di questo stramaledetto film??? Che pesantezza gente, sul serio!!!
    Le PERSONE in quanto tali non si giudicano. Le OPERE ARTISTICHE, e tutto il lavoro che c’è dietro, nascono per essere poste all’attenzione del pubblico, quindi alla CRITICA. E la critica può essere positiva o negativa. L’esempio che hai fatto è proprio il motivo per cui ritengo i fan aggressivi. Uno dice che il film è una m***a (e ha tutto il diritto di farlo) e l’altro si triggera e sposta il giudizio dall’opera artistica alla persona che ha osato profanare il sacro lavoro di Chazelle. Questo, oltre che infantile, è ingiusto! Se vi triggerate perché qualcuno obietta su qualcosa che vi piace non è un problema di chi critica, ma vostro, visto che non sapete accettare i pareri negativi persino se riguardano cose che non c’entrano niente con voi!!!
    E se non vi piacciono i “toni” aspri, beh… state lontane dalla satira inglese, allora.
    Basta con ‘sto La La Land. È un film. Ti è piaciuto? Benissimo. Ha vinto 100.000 oscar? Buon per chi ci ha lavorato. Ma io penso comunque che sia una m***a e lo dico, così come altri possono dire che fanno schifo cose che piacciono a me senza che per questo io mi debba offendere. Sono opinioni che non ledono la vita di nessuno. BASTA.

  45. Infatti. A parte che si veste come una signora di 80 anni, ma io la trovo anche un po’…. Bruttina. Sorry ma non mi viene proprio altro aggettivo per definirla

  46. Eh ma stai calma, ho fatto un commento generale per ciò che ho visto come persona estranea ai fatti, non ti ho mica insultata.
    E poi penso sempre che le critiche possano definirsi tali quando vengono esposti i problemi, definire qualcosa una M***a così a caso sembra solo un commento superficiale.
    E con questo la chiudo qui perché queste discussioni in cui per sostenere il proprio punto di vista critico non si devono riconoscere i punti di forza che sono oggettivi mi sembrano inutili

  47. Io invece sono a dir poco scandalizzata che un signor film come “Silence” di un “omino sconosciuto” come Mr. Scorsese (l’ironia qui ci sta tutta) non sia stato neppure accolto alla kermesse. Una cosa del genere è inqualificabile. Già solo per questo “La La Land” non lo voglio vedere: non mi interessa se sia bello o brutto, non mi garba che ci sia al solito il film “acchiappatutto” nonostante altri buoni lavori, neanche si trattasse di una sorta di monopolio. Non ci sto. La potenza espressiva ed ideologica di immagini, dialoghi e tematiche in “Silence” non è cosa da tutti i giorni, e non andava sacrificata così. Che barba, che noia.

  48. Assolutamente Silence va visto. Guarda Scorsese è sempre stato snobbato dalla Academy… è stato premiato per The Departed che non compete con Taxi Driver, Toro scatenato e Quei bravi ragazzi….
    Però, non ha senso snobbare La La land che poi ha perso per il politico Moonlight, che per amore d’informazione pure mi vedrò. Fregatene degli Oscar, indipendentemente se sono a favore o contro.
    Oltretutto se non vedi tutti i candidati come fai a dire che questo o quello doveva andare a tizio o a caio?
    Io cercherò di vederli tutti, fosse pure per avere solo la certezza che come al solito gli Oscar sono stati politicizzati.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here