Ciao a tutte!

Oggi vogliamo parlarvi di un particolare prodotto che sta a cuore a moltissime di voi: il fondotinta bio! Un prodotto essenziale nella routine di ogni bio-addicted che si rispetti. In commercio ne esistono davvero tantissimi tipi e noi abbiamo voluto fare una ricerca online per capire quali sono quelli più apprezzati sul web e per scoprire quali caratteristiche hanno e a quali pelli sono adatti.

Insomma cercheremo di fare chiarezza e di fornirvi una guida, se anche voi siete alla ricerca dei migliori fondotinta bio perfetti per la vostra pelle e dalla texture che più vi aggrada! Siete curiose di saperne di più? Se la risposta è sì, allora non vi resta che continuare a leggere il post!

ClioMakeUp-migliori-fondotinta-bio-preferiti-clio-team-web-10

AVRIL, FOUNDATION

Tra i fondotinta fluidi più amati in assoluto sul web troviamo quello di Avril. 100% naturale ed ecobio, promette una texture leggera e in grado di far respirare la pelle, un effetto idratante e infine lunga durata. Esiste in quattro colorazioni e contiene olio di Jojoba biologico nutriente.

ClioMakeUp-migliori-fondotinta-bio-preferiti-clio-team-web-2Avril, Foundation. Prezzo: 8€ su Amazon.it

Data la sua texture idratante dunque non lo consiglieremmo alle pelli grasse e con molte imperfezioni, dal momento che la maggior parte delle recensioni che si trovano online lo definiscono un prodotto molto leggero, luminoso e idratante, adatto dunque alle pelli tendenzialmente secche.


LAVERA, NATURAL LIQUID FOUNDATION

Sempre tra i prodotti liquidi troviamo il fondotinta di Lavera che promette di proteggere e nutrire la pelle, fornendo una copertura perfetta e uniforme.

La texture stavolta è più cremosa che liquida e anche questo prodotto contiene al suo interno oli idratanti, perfetti dunque per chi ha la pelle secca. Ma secondo le molteplici recensioni la lucidità può essere tenuta a bada perfettamente con l’utilizzo di una cipria.

ClioMakeUp-migliori-fondotinta-bio-preferiti-clio-team-web-7
Lavera, Natural Liquid Foundation. Prezzo: 9,92€ su Amazon.it

Cosa più importante secondo le utenti che lo hanno provato: non fa effetto maschera, anzi dona un incarnato perfettamente naturale!

PUROBIO COSMETICS, FONDOTINTA LIQUIDO BIOLOGICO SUBLIME

Se siete alla ricerca di un fondotinta ad alta coprenza ma sempre biologico e naturale, un prodotto che potrebbe fare al caso vostro è il fondotinta di PuroBio vegano, dalla texture cremosa, ricco di principi attivi con proprietà anti-age e dall’asciugatura rapida.

È descritto come un prodotto versatile in grado di adattarsi a tutti i tipi di pelle: dalle più grasse alle più secche. Ha un finish matt e vellutato e promette di coprire alla perfezione tutte le discromie della pelle!

ClioMakeUp-migliori-fondotinta-bio-preferiti-clio-team-web-6
PuroBio, Fondotinta liquido biologico sublime. Prezzo: 14,90€ su Amazon.it

Le recensioni sul web sono molto positive, chi lo ha provato consiglia di applicare il prodotto poco alla volta perché essendo molto denso e asciugandosi in fretta potrebbe non stendersi in modo uniforme. Inoltre pur essendo adatto a tutti i tipi di pelle, chi lo ha provato lo trova adatto alle pelli tendenzialmente grasse o miste.
Ad ogni modo si tratta di un prodotto super apprezzato!

Bellezze, siamo solo a metà dell’opera! A pagina due troverete gli altri fondotinta biologici migliori in assoluto più due bonus se siete amanti degli inci naturali ma siete disposte a scendere a qualche compromesso! Siete curiose di saperne di più? Allora non vi resta che voltare pagina! 🙂

84 COMMENTI

  1. Boh dopo alcune brutte esperienze con il bio, forse essendo prodotti che contengono principi attivi puri possono scatenare reazioni della pelle, sono mooolto prudente! Gli unici prodotti bio che non mi danno problemi sono quelli di Viviverde della Coop, se facese make up lo proverei volentieri! Buona domenica!

  2. Buongiorno donne! Uso la BB di Sobio, che pur essendo una Bb per me ha la coprenza di un fondo. Mi trovo bene e in genere mi dura quasi tutto il giorno, anche senza cipria. La mia pelle è mista.

  3. Io invece mi trovo benissimo con bare minerals matte che ha un inci completamente verde 🙂

  4. Il vero problema dei fondi ecobio è la scarsa selezione dei colori. Per chi come me, ha la pelle chiarissima, è quasi impossibile trovare un fondo ecobio perché sono tutti troppo scuri. Inoltre, io li sento sempre un po’ untuosi ed io cerco la leggerezza in un fondotinta, non devo “sentirlo” sulla pelle

  5. Io tra quelli indicati nel post ho provato solo il Purobio, e non mi sono trovata molto bene: troppo pastoso e difficile da stendere. Ho dato una chance ad un nuovo marchio bio: Piteraq, che offre due possibilità di scelta, fondotinta per pelli grasse o secche. La selezione dei colori la trovo ben congeniata. Io pur avendo la pelle mista ho optato per quello indicato a quelle secche. Mi sto trovando molto bene,lo uso da circa un mese, mi copre bene, ha un effetto naturale, direi “rinfrescante “. Per le mie zone lucide ho preso la loro cipria compatta . Buona domenica a tutte!

  6. Buona domenica a te! Anch’io sento pareri contrastanti in proposito. Parti dal presupposto che come base non metto quasi mai niente ma cercavo una bb o un fondo leggero per mia sorella che ha la pelle mista. Per fartela breve le ho consigliato i prodotti essence recensiti qui, perché comprarle una cosa bio online senza esserne sicura era un peccato.. Semmai le ragazze del team ci faranno qualche mini recensione a riguardo e mi farò un’idea più chiara! Mi piacerebbe
    Invece per quanto riguarda rossetti e ombretti sono soddisfatta dal bio.. ho già sperimentato qualcosina.
    P.s. anche i miei capelli dopo più di un anno di buon inci e bio sono così com’erano. ..folti e voluminosi. Questo gran nutrimento non lo vedo o dovrei applicarmi di più 🙂 Ciao

  7. Bel post, mi è piaciuto molto!

    Aggiungo quelli che conosco io, direttamente o de relato (amiche).

    Per una coprenza decisa: il fondo in stick della Couleur Caramel (ottimo marchio: i fondotinta sono molto buoni in generale) e la bb cream della Jonzac (quest’ultima è mooooooolto coprente, infatti lo usa da anni una mia amica che soffre di acne). Sono modulabili e consentono di coprire davvero moltissimo nei punti critici, fungendo pure da correttore.

    Per le pelli mature: il fondo Liquiflora, che Clio ha recensito molto positivamente. Per me è un must da anni, ormai. Ho 44 anni e sento nella stagione fredda l’esigenza di un fondo che mi coccoli la pelle. Questo è davvero confortevole e morbido, idrata molto bene.

    Per un effetto leggero e luminoso: alterno il Liquidflora con il Juice Beauty (preso su the beautyaholic’shop) e debbo dire che mi piace moltissimo!

    Mi permetto di fare un paio di considerazioni.

    Il fondotinta bio ideale è effettivamente poco semplice da trovare, per il fatto che non lo si trova nella grande distribuzione, ma prettamente sul web e nelle poche bioprofumerie. Un neo sono senz’altro le poche colorazioni: in tal caso la pace dei sensi è più agevole trovarla, nel trucco ecobio, con il minerale, che fornisce tantissimi colori e sottotoni (soprattutto il marchio Meow). Pure il minerale, però, NON è tutto uguale.
    Coprente e luminoso è l’effetto della Youngblood (americana), leggero e morbido l’effetto della marca Les Trois Fées (francese), di vari effetti e coperture la marca Meow (americana), delicato e perfezionante quello della Lily Lolo (inglese). Mi duole doverlo dire, ma la Neve Cosmetics, che mi piace moltissimo per altri prodotti, non mi piace per nulla per i fondotinta: pesanti e gessosi, ad effetto stucco.
    Un altro fattore da considerare è che l’assenza dei siliconi rende il fondo bio meno semplice da lavorare, perché “scivola” meno sulla pelle, per cui non si può stare per molto a ravanare con pennelli & C. Un’accortezza validissima prevede l’uso di un buon primer (una bomba opacizzante è il primer della Couleur Caramel, che uso nella stagione calda) e l’uso delle dita. Al massimo un pennello a setole fitte.

  8. Ho acquistato quello della Deborah Perfect&Natural nr. 4….. su di me è tremendo!
    Non so come finirlo, l’ho usato si e no 3 volte (non su tutto il viso, ma stendendolo) e mi vedo sto pastone in faccia. Buttarlo mi spiace perchè è praticamente nuovo…… ma se non riesco a piazzarlo a nessuna farà una brutta fine!

  9. Io ho ancora il trauma risalente all’utilizzo del fondotinta di puro bio… mai e dico mai provato nulla di peggio. Come tentare di spalmarsi fango sulla faccia. Da allora non oso provare altri prodotti bio per la base, piuttosto esco senza!

  10. Io sono passata da un po di anni all’eco bio non testato su animali con molta soddisfazione, anche se ho quelli siliconici per le occasioni più importanti. Li ho provati quasi tutti, per lungo tempo o in campioncino.
    Ultimamente sto usando il fondo di helan che mi ha stupito positivamente per durata e luminosità, la copranza è media.
    Il fondo della purobio mi incartapecorisce.. mentre mi sono trovata molto bene con il fondo della couleur caramel (più costosi) ed aspetto di provare la loro ultima creazione che promette prestazioni eccellenti.
    Mi trovo bene anche con la bb di so bio, messa però con la spugnetta (io uso quella della RT).
    In polvere ho amato molto quelli della all natural face, sono molto fini. Quello in polvere di neve deve essere usato nel modo giusto, e con il pennello giusto per avere un buon effetto. Credo che faccia la differenza più che non i fondi siliconici trovare il modo di applicazione giusta

  11. Io son convintissima che le performance non saranno mai paragonabili a quelle dei fondi siliconici, quindi partendo dal presupposto che non passo certo tutta la mia vita col fondotinta in faccia, preferisco semplificarmi le cose, usare un buon fondotinta che mi permetta un’applicazione anche rapida e uniforme, e curare molto bene la skincare e la pulizia del viso. In un certo senso mi fido più dei prodotti non naturali, perché spesso quelli bio contengono oli che sulla mia pelle creano il disastro, e la sensazione di pesantezza è sempre quella! E inoltre se devo puntare solo sul bio, la gamma di prodotti tra i quali scegliere si restringe notevolmente e anche la reperibilità diventa un problema! Ho provato tempo fa ad adottare il bio per pelle e capelli ma per me si è rivelata una faticaccia inutile, la mia pelle sta molto meglio adesso che uso prodotti mirati e la lascio respirare quanto più possibile! 🙂

  12. Probabilmente credo di essere stata l’unica a cui non è piaciuto il Sublime di Purobio… Effetto bruttissimo, coprenza minima e stesura difficile! Vorrei provare il nuovo uscito, quello con la confezione bianca, che dovrebbe essere più semplice da stendere e anche coprente

  13. Ho provato la bb cream di so’ bio per un po’ di tempo, reduce dall’acne che mi era venuta in quel periodo. L’ho usata fino al 2015, poi mi era finito e qui a Londra (dove vivo) ho trovato altre alternative non bio, ma che funzionano sulla mia pelle.
    Non ho notato nessun miglioramento della mia pelle, anzi. L’uniformità che mi danno altri fondotinta non riesco a trovarla in nessun fondotinta bio (saranno i siliconi, molto probabilmente).
    Menzione al flat perfection di neve che ho usato per un periodo come fondotinta compatto: pochissima coprenza (penso che le persone lo usino come cipria) e nessun giovamento alla pelle.
    Non penso tornerò mai al bio, lo farei se avessi una pelle senza particolari problemi (ho alcune cicatrici da acne).

  14. Sarei curiosa di sapere quali sono le fonti del web a cui avete attinto perchè frequento i siti, forum, blog, gruppi FB storici ecobio da una vita e, Purobio a parte che cmq è piuttosto recente, questi non sono affatto i fondi più chiacchierati, amati e comprati dalla community green italiana, Inika e Sante in particolare sono stati provati da una % davvero minuscola di persone. Avete dimenticato tantissimi must have ben più popolari, usati e recensiti: Liquidflora (liquido e compatto cremoso), SoBio (fondo liquido e bb originale spesso usata al posto del fondo), Couleur Caramel (stick, liquido antiage, cremosi, ecc), 100% Pure (liquido, compatto, crema, ecc), BoHo Green Cosmetics (liquido e compatto cremoso), VegUp (compatto cream to powder), Vegalè (fluido e compatto cremoso), Green Energy Organics (liquido antiage), Miss W, Piteraq (liquido diviso per tipo di pelle), Jonzac (bb/fondo compatto super coprente con spf), Alkemilla (compatto cremoso), Neve Cosmetics e Everyday Minerals fra i minerali liberi e compatti, ecc…e ne dimentico sicuramente qualcuno! 😀 Fino a 5/6 anni fa fra i liquidi la scelta era scarsissima e spesso venivano fatti arrivare dall’estero (SoBio dalla Francia e 100%Pure da Usa o Uk), al momento i più desiderati sono sicuramente le due novità liquide antiage illuminanti di Green Energy Organics e Couleur Caramel.

  15. Mi avete letto nel pensiero, cercavo proprio qualche idea per un fondo liquido! Io amo i prodotti bio, pelle e capelli non conoscono altro ormai da anni e il risultato si vede! Per quanto riguarda il make up sono diventata un po’meno intransigente invece, soprattutto con gli ombretti (non c’è niente da fare: le ho provate tutte ma senza il primer potion a fare da barriera qualsiasi ombretto mi finisce nelle pieghe), ma in una zona estesa come la pelle del viso non esiste altra opzione al di fuori del fondo bio. Quello di PuroBio mi interessa parecchio, andrò sicuramente a provarlo! Grazie dei consigli!

  16. Causa acne anche io ho voluto dare una possibilità al bio: la bbcream sobio l’ho odiata, mi rendeva una palla da discoteca e contemporaneamente mi evidenziava tutte le pellicine, e si scioglieva come neve al sole. l’ho proprio gettato via!
    Mi trovo molto meglio con l’high coverage di neve, ma giusto se ne metto un velo quasi come cipria colorata, paradossalmente mi dura molto più che se ne faccio uno strato più spesso, sennò poi finisce sempre con lo sciogliersi e macchiare mani e vestiti. Ho visto su youtube ragazze mettersene proprio tanto addosso ed in effetti può coprire parecchio, ma non so come facciano a sopportarlo tutta la giornata!

  17. Ma i fondi bio non sono curativi, casomai impediscono un peggioramento qualora la tua pelle soffrisse per l’occlusione dei pori dovuta ai prodotti siliconici. La guarigione avviene dopo un po’ che si è smesso di usarli.
    Anche per i prodotti bio comunque bisogna cercare quello più adatto al proprio tipo di esigenze, forse quelli che hai usato non erano giusti per te!

  18. Ragazze il post sembra un po’ approssimativo, un insieme davvero troppo conciso di recensioni scovate nel web, non si sa nemmeno dove visto che mancano un sacco di brand molto apprezzati e chiaccherati! Poi davvero nessuna di voi ha avuto l’idea di testarne almeno un paio? Così sono recensioni che servono a poco perchè non riportano un’esperienza diretta!! Detto questo io mi trovo molto bene con i fondotinta purobio, coprono bene e l’effetto finale è matte ma naturale. Apprezzo molto anche la bbcream (qui non è nemmeno stata nominata) che rispetto al fondotinta ha una stesura molto più facile ma ovviamente copre meno. Ho provato anche 2 bbcream so’bio, la normale e l’ultraleggera. L’ultraleggera purtoppo mi faceva spuntare dei brufoletti (ed io non ne ho praticamente mai)

  19. Grazie per aver completato l’elenco ! Mi ispira tantissimo quello della Coulour Caramel antiage, peraltro sul loro sito molte delle colorazioni sono già sold out ! Siete in tante a consigliare questa marca quindi penso proprio che mi lancerò !

  20. Non so dirti nulla su make-up bio perché non ne uso ma per i capelli, invece, il bio è molto facilmente reperibile, anche nella grande distribuzione e il risultato per me è stato una rivoluzione in positivo

  21. Per il mascara ti consiglio Occhioni di Neve Cosmetics. È una formula volumizzante e su di me ha sempre fatto una bella figura!

  22. Questo é vero….si parla tanto dei siliconi e dell’effetto occlusivo ma ci si dimentica spesso che i prodotti bio contengono principi attivi che possono essere molto allergizzanti o irritanti, dato che non sono inerti come i siliconi. Non sono una fan di quest’ultimi ma penso che a volte si confonda il bio con lo zero pericolo per la pelle, e non é esattamente così ! Non è un caso se molte marche specializzate nelle pelli sensibili non utilizzano quasi mai oli vegetali o oli essenziali che invece abbondano in genere nei prodotti bio. Insomma, prima di demonizzare una tipologia o l’altra di prodotto andrebbe capito cosa si cerca e che cosa la nostra pelle sopporta.

  23. Sì ma è minerale. Poi da quando la Neve ha cambiato formula rendendolo ad alta coprenza, non mi piace più. Mi sento una maschera. Troppo opaco e troppo coprente. Mi indurisce i lineamenti. Un tempo usavo il Fair Neutral. Perfetto per la mia pelle, vero, ma quando lo hanno reso più coprente ho smesso di usarlo.

  24. Audacieux di Sobio :effetto ciglia finte. Unico neo:si secca dopo 3 mesi dall’apertura. Però costa 12 euro scarsi

  25. Buondì ☺️ Mi sono da poco avvicinata al mondo bio è sto provando i prodotti della Couleur Caramel, qualcun’altro la usa o la conosce? Io mi ci trovo molto bene!

  26. Come blogger del bio ti consiglio Miss Haul e Bambi Organics, come forum L’angolo di Lola.

  27. Io sto usando il fondotinta liquido della Bare Minerals, è totalmente bio! Come mai non l’avete citato?

  28. Confermo team io amo i primi due prodotti e si trovano online sul sito eccoverde ! In particolare amo il fondo Avril che illumina ed uniforma l incarnato, e leggero c he nn sembra indossarlo! Confermo anche di avere una pelle normale tendente al secco senza grosse imperfezioni!idem per il Lavera ottimo, mai avuto problemi nella stesura, uso il pennello grande e piatto di purobio : i 15€ mai spesi meglio! Ora sto provando il fondo benecos ma nn mi piace come questi : mi sembra più pastoso si asciuga subito per cui bisogna sbrigarsi a stenderlo e rispetto ad avril nn mi da la stessa nella luce!io direi che per 8/10€ max la vostra pelle ringrazierà ed anche il portafogli potendovi regalare un ombretto/ rossetto in più! Ottimo post team se vi servisse una dritta sul bio non avete che chiedere!
    p.s. Segnalo anche il mascara avril ottimo!provare per credere

  29. Confermo che he la mia pelle è molto migliorata da quando uso solo fondi bio! Ormai nn torno più indietro
    Quest anno ho fatto40 anni ma nn li dimostro e la mia pelle e migliore di quando ne avevo 20!

  30. come forum anche Saicosatispalmi e Biomineral, fra le blogger SemplicementeBio e BioVanillaDreams, fra i gruppi FB privati ForeverBio e VanitySpace (che ha anche un blog con recensioni e offre spesso ottimi codici sconto)

  31. Il discorso è molto ampio. In Italia siamo svantaggiate, perché l’eco-bio dobbiamo reperirlo sul web e nelle sparute bioprofumerie o nei supermercati biologici. Capisco perfettamente che se necessito con urgenza di un fondotinta, faccio un salto da Sephora e lì ne trovo un fottìo. Basterebbe vivere in Francia per avere un’amplissima rosa di scelta dell’eco-bio, sia per il makeup che per la skincare.
    E poi… no: l’eco-bio non è tutto uguale.
    Come per la cosmesi tradizionale, anche dell’eco-bio ce n’è di bassa, media ed alta qualità, ed a volte non se ne ha voglia/tempo/budget di cercare ed investire (assolutamente comprensibile).
    Purtroppo, e mi duole dirlo, molte marche ben distribuite non sono il massimo, e chi le prova ci rimane comprensibilmente deluso ed altrettanto comprensibilmente fa dietro-front. A me non piace per nulla l’Omia e neppure la linea Verde Coop, eppure me le ritrovo ovunque.
    Parimenti non mi piace il fondo Sublime della PuroBio, che ho provato alla Bioprofumeria..Pastoso, ad effetto cakey, che butta fuori molto olio, a mio avviso non è formulato bene. Va molto meglio la bb cream della PuroBio: ecco, quello è un prodotto decisamente migliore, è leggero e luminoso, e copre discretamente.
    La Lavera nella nuova formulazione ha fatto passi da gigante: il “vecchio” fondotinta sfarinava facilmente e non era affidabile, adesso è molto più performante. E’ adatto però a chi cerca solo di uniformare il colorito, perché è leggero.
    Phb ha un’ottima bb cream: la Ecco verde me ne ha mandato un campione e credo di aver trovato la bb cream della prossima estate, a breve la ordinerò. Però costa sui venti euro.
    Sul web ci sono buone recensioni del marchio italiano Vegale e del marchio francese BoHo.
    E siamo alle solite: difficoltà di reperimento de visu. Sempre sul web, affidandosi a recensioni altrui.
    Spero davvero che prima o poi si diffondano delle catene di prodotti eco-bio, in modo che se ho bisogno di un mascara io non debba per forza di cose andare da Kiko.

    Scusate il pippone, ma ritenevo doveroso esporre le mie riflessioni sul punto, dato che prediligo l’eco-bio da 8 anni a questa parte e comprendo le perplessità di molte.

  32. Fra i prodotti dimenticati segnalo anche Dr.Hauschka e AnneMarie Borlind che ha un’ampia scelta fra bb cream, fondi liquidi, compatti, in polvere, in crema, antiage, con ialuronico, ecc Di solito vengono scelti da chi cerca qualcosa in più di un semplice fondo, con attivi di pregio curativi (Hauschka) o antiage (Borlind) 😉

  33. le matite occhi (assieme a rugiada e al primer opacizzante) sono fra le poche cose di Neve che proprio non sopporto, usate in rima esterna non superano la mezz’ora, in rima interna mi bruciano, gonfiano e arrossano gli occhi da morire, cosa che non mi era mai capitata con i prodotti non bio 🙁 Stessa cosa il mascara Avril, davvero contiene troppo alcol, meglio SoBio Audacieux e Occhioni di Neve su di me

  34. Prova a mischiarlo ad uno zic( poca) crema idratante magari si allunga e riesci a stenderlo in modo più omogeneo!

  35. Non è “bio” perché non è certificato ne ha all’interno prodotti derivati da agricoltura biologica ma ha “buon inci” nel senso che non contiene sostanze inquinanti per l’ambiente 😉

  36. Mi trovo bene!! Io utilizzo quello nel “barattolino”giusto nella zona occhiaie e su qualche imperfezione, per fortuna non ho molto da coprire! Si hai ragione, sono prodotti abbastanza cari… purtroppo nella mia città però non ci sono molti negozi che vendono Bio MakeUp e a comprare online non mi fido molto

  37. il correttore 08 aranciato mi piace tantissimo sulle mie occhiaie genetiche blu/viola ma va fissato bene con la cipria altrimenti va nelle pieghette, lo uso di più in inverno, in estate è troppo ricco su di me. Il marchio è più caro per due motivi, appartiene a una fascia bio di alta gamma professionale (come se in profumeria comprassi Mac o Makeupforever) e il rivenditore italiano applica dei rialzi assurdi, in Francia e Belgio costa molto meno

  38. Concordo! Io per esempio invece ho risolto e la grana della mia pelle è migliorata di molto ma concordo con te che la resa rispetto ai fondo tradizionali è diversa.dipende da cosa si cerca e dal trovare il giusto equilibrio per la propria pelle che non potrà mai essere la stessa per un altra persona! Però bello poter condividere anche queste riflessioni!grazie team per aver offerto questo spunto di riflessione!

  39. Si? E che Marche usi?io Lavera e da poco ho preso per provarlo shampoo urtekram sempre su eccoverde.devo provarlo .tu che usi?vedo che hai un bimbo/a usi bio anche per lei/lui? Io cerco di sì per la mia bimba

  40. Prima di acquistarlo ho letto molte recensioni, ma soprattutto ho scritto direttamente alla Piteraq una serie di mail, soprattutto per farmi aiutare nella scelta del colore. Molto disponibili ed esaurienti. La cipria purtroppo era arrivata un po’ rotta ed erano disponibili a spedirmene subito un’altra, ma ho preferito optare per uno sconto su i prossimi acquisti.

  41. Negli ultimi anni sto usando molto i fondotinta minerali neve e bearmineral ma da qualche settimana ho acquistato Deborah perche avevo voglia di un fondo liquido che però non contenesse troppe schifezze e mi trovo molto bene! Ha coprenza media e pur avendo la pelle grassa non si lucida quasi per nulla anche senza cipria, vedremo in estate! Per il momento promosso!

  42. Dopo i tuoi commenti mi sono fissata con il juice beauty. A Roma c’è un negozio che vende il marchio, appena posso vado. Online al primo colpo non mi fido, devo provare i colori.
    In passato usavo il fondo minerale di neve, sinceramente niente di che. Però ero giovane, parliamo di almeno 10 anni fa, quindi qualsiasi cosa mi mettessi in faccia la resa non poteva essere totalmente disastrosa…

  43. io eviterei i fondi bio nel tuo caso. io ho 49 anni ( tu sei molto più giovane) e dopo aver provato vari fondi bio ho capito che in caso di rughe, pori dilatati e pelle spenta sono i fondi con i siliconi che mimimizzano questi inestetismi. tra l’altro non è assolutamente vero che i fondi bio siano meglio di quelli con i siliconi. la reazione ai fondotinta bio o meno dipende da pelle a pelle. ultimo acquisto flop. il fondotinta formula pura di deborah che clio aveva osannato (non è “colpa” sua ma mia): mi prude da morire sul viso. dopo due volte che mi ha fatto questo effetto è in un cassetto. altre ragazze hanno avuto la stessa reazione?

  44. In uno degli ultimi video Clio ha accomunato
    pelli secche e disidratate e ha fatto bene!ho la pelle che si lucida ma credo per effetto rebound..se metto fondi mattificanti o lunga tenuta mi asciugano troppo la pelle ed evidenziano i pori dandomi un aspetto stanco…stavo pensando di ricomprare il Lavera usato per anni che mi dava un aspetto luminoso..con qualche brufolo però.. Col bío purtoppo mi riempio di punti neri e atro..Da una settimana sto provando l Alla Matt plus di Catrice..(shine control ma idratante)..si stende benissimo non evidenzia pellicine e pori..ma non dura molto..quindi ancora aperta la questione fondotinta per pelli grasse ma disidratate..e non più giovanissima

  45. resta da vedere se occlude più un silicone o un mix di olii, burri, emulsionanti e pigmenti come i fondi bio. io ho provato sia i fondi bio che siliconici. la varietà delle reazioni descritte in questo blog dalle ragazze e donne ogni volta che si parla di fondi bio mi ha ormai convinta che ogni pelle è un caso unico.

  46. Io da un po’ trovo la Lavera (sia makeup che creme) all’Esselunga. Per le altre marche, guarda se nella tua zona ci sono dei rivenditori, in genere sul sito ufficiale trovi una pagina dedicata. Altrimenti si trovano su siti come Eccoverde o Mondevert, anche se mi rendo conto che scegliere online il fondotinta non è semplice.

  47. Se posso darti un suggerimento, io proverei una bb cream invece che un fondotinta, magari in questo periodo la tua pelle non sopporta i prodotti pesanti. Io uso la bb cream della Garnier, non è bio ma mi ci trovo bene, comunque ne esistono anche di bio. Magari puoi fare la base con quella e correggere eventuali imperfezioni con un correttore.

  48. Hai la fortuna del negozio fisico di The Beautyaholic, in via della Fontanella di Borghese 64: ti invidio al massimo, io ci vivrei lì dentro!! buono shopping!

  49. non trovo con molto senso parlare di prodotti scrivendo le recensioni del web, che tutti leggiamo, senza aggijungere nemmneo una virgola.. detto ciò vi dico la mia su quelli provati: quello di deborah mi piace abbastanza ma su di me non ha una grande durata (diciamo media) e in effetti pochi colori su cui scegliere.. poi ho provato (ma letteralmente per una sera: ero fuori casa) quello di purobio, marca di cui mi piacciono alcune cose tipo la cipria che ricompro sempre: beh mi è sembrato più buono ma ho fatto fatica a metterlo, mi ha segnato secondo me ho proprio sbagliato l’applicazione! Gli vorrei dare una chance, qualcuna di voi lo ha provato?

  50. Allora, uso Omia e vitalcare per tutti i giorni,ma anche i Provenzali, mentre uso Biofficina toscana quando voglio un effetto super bello ma costicchia. Inoltre ormai uso da mesi henné ed erbette di vario genere, come shikakai, sidr e amla per curare il capello. I piedini che vedi sono del mio terzo bimbo, la svolta bio è nata con lui che soffre di dermatite atopica per cui ho eliminato sles, parabeni, petrolati da tutti i detergenti. Uso hipp, dermana e Marche bio di vario tipo

  51. Ciao laura, io lo uso quotidianamente e ho notato che si applica in modo ottimale con un pennello a setole fitte o il kabuki.

  52. Per me i migliori fondo bio sono da sempre il flat perfection di neve ed il sublime di purobio, fisso sempre con la cipria, e la mia pelle grassa ringrazia!

  53. il so bio fa anche a me quell’effetto infatti ho smesso di usarlo proprio per questo. Il purobio non l’ho mai provato, mi piacerebbe ma non amo troppo i fondotinta cremosi, preferisco quelli in polvere compatti

  54. ho il pennello… un grande acquisto online, mi manca il fondotinta, domani mi sa vado in bioprofumeria e provo! Grazie :*

  55. Anche io ho una bimba ed uso lavera weleda e pierpaoli per lei : di questo,ultimo,si trovano anche detergenti al todis ( marca gently) e all eurospin ( natura bella ) li trovo delicati sennò uso nour sapone Aleppo sa piccola appena nata il sapone nour le tolse la crosta Lattea !

  56. C’è differenza eccome tra Bio e non Bio i siliconi ci tappano i pori e la pelle non respira in più parabeni .. nono meglio bio

  57. I fondotinta liquidi di lavera sono dei prodotti molto validi e hanno una coprenza e durata media, li consiglio a chi desidera un effetto naturale ma una buona coprenza. Per quanto riguarda i fondotinta di Purobio non hanno una texture liquida ma decisamente più pastosa; proprio per questo motivo basta veramente pochissimo prodotto. Consiglio di stenderlo con una spugnetta blender o un pennello adatto per risultati ottimali.

  58. Anche si di me é orribile..quando so secca sembra quasi polvere solidificata e se lo ritocchi viene via…mah!

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here