Stanche di scarpe chiuse, colori scuri e freddo ai piedi perenne? Allora siete nel posto giusto! Abbiamo sbirciato per voi le passerelle dei più importanti stilisti e selezionato alcune tra le tendenze più portabili per quanto riguarda le scarpe della prossima primavera 2018.

Accanto a creazioni ardite e inavvicinabili, che sembrano più adatte ad essere esposte nelle scarpiere delle star piuttosto che a calcare le strade della nostra vita di tutti i giorni, ci sono anche dei trend assolutamente replicabili, seppur sfiziosi. Oggi infatti non vi parleremo di sneackers – che comunque sono ancora sulla cresta dell’onda! – ma di calzature un po’ più eleganti, capaci di dare carattere ai vostri outfit senza pregiudicare il comfort.

Per ognuna di queste tendenze abbiamo indicato anche le proposte più abbordabili, dato che non tutte possiamo o vogliamo spendere 4 o 500 euro per un paio di scarpe. Se state già sognando la primavera e non vedete l’ora di impreziosire i vostri outfit con un dettaglio protagonista e chic, quindi, andate avanti a leggere!

cliomakeup-scarpe-primavera-2018-1-moda

#1 I KITTEN HEELS, TACCHI BASSI

Ottimo compromesso tra lo stiletto e la scarpa bassa, il tacco midi o kitten heel è elegante e senza tempo – Audrey Hepburn docet!

cliomakeup-scarpe-primavera-2018-2-tacco-medioPrada

cliomakeup-scarpe-primavera-2018-3-kitten-heelsBottega Veneta


È un intramontabile, è vero, ma quest’anno è più attuale che mai. Anche il mezzo tacco grosso è ancora di moda, ma la tendenza della primavera è rappresentata, appunto, dai kitten heels, che nella versione più attuale si sposano a décolleté a punta con laccetto posteriore.

cliomakeup-scarpe-primavera-2018-4-miu-miuMiu Miu

Una calzatura bon ton che ci permette di sfoggiare outfit eleganti per l’ufficio o una serata senza rinunciare alla comodità e senza l’imbarazzo del non “saper camminare” con i tacchi alti. Inoltre, regalano in ogni caso qualche centimetro!

cliomakeup-kitten-heelsFaith – Scarpe argento metallico con tacchetto a spillo. Prezzo: 52,99€ su ASOS.it

#2 I SABOT O MULES

Sappiamo che molte di voi li detestano ma chissà, forse nella miriade di versioni che hanno popolato le passerelle della primavera 2018, anche le detrattrici troveranno un modello che le convincerà! 😉

cliomakeup-scarpe-primavera-2018-6-mules-rosaCushnie et Ochs

 cliomakeup-scarpe-primavera-2018-7-sabot-gialli.jpg

Fenty Puma by Rihanna

ACCANTO AL CELEBRE GUCCI, ALTRI MODELLI COL TACCO MEDIO O ALTO RENDONO IL MULES UNA CALZATURA PIÙ VERSATILE

Se l’ormai celeberrimo modello di Gucci con il pelo all’interno fa sì che continui ad essere attuale la versione flat, per la prossima primavera è anche molto trendy quella col tacco.

Tallone e caviglia scoperti rendono l’effetto molto sexy e, in alcune versioni, stanno bene anche con abiti o look da ufficio: è una scarpa infatti ormai completamente sdoganata.

cliomakeup-scarpe-primavera-2018-8-mulesASOS – SIESTA – Sabot piatti a punta. Prezzo: 37,99€ su ASOS.it

#3 SCARPE ROSA PER LA PRIMAVERA

Per la primavera 2018, le scarpe si tingono di stupendi colori pastello, come giallo, lavanda e il rosa, un richiamo al Millennial Pink che tanto ha fatto parlare di sè.

cliomakeup-scarpe-primavera-2018-9-rosaMiu Miu

cliomakeup-scarpe-primavera-2018-10-rosaCalvin Klein

Le scarpe color nude continuano ad essere un grande classico con cui non si può sbagliare, ma se quest’anno volete svecchiarle un po’ scegliete un rosa confetto!

cliomakeup-scarpe-primavera-2018-11-rosaNew Look – Décolleté a punta in vernice con tacco alto. Prezzo: 29,99€ su ASOS.it

Ragazze, siamo a quota 3 delle 7 tendenze che abbiamo selezionato per voi. Nella prossima pagina ne trovate altre 4 alle quali, siamo certe, farete almeno un pensierino! 😉

36 COMMENTI

  1. No vabbè i sandali con i calzini non potete dire che diventeranno un moda, spero che resti confinato nelle passerelle e in qualche azzardato red carpet!
    Comunque per il resto sono scarpe per me importabili, andavo meglio quando andavano di moda le punte più arrotondate con i plateau, io queste punte così lunghe e tacchi così bassi non posso permettermeli avendo un 39/40 ma essendo alta solo 1.57. Sembrerei una caricatura…

  2. La foto di copertina…piedi abbronzati nei sandali….voglia di bella stagione! Ma non del caldo allucinante che fa nelle nostre città in estate!

  3. Mi fa morire quel “portabili” nel titolo 😀
    Cmq quasi tutto orrendo, per quanto mi riguarda, specialmente le Scarpe di plastica trasparente o questi benedetti tacchettini a spillo che non slanciano, mortificano la figura e non donano neanche un bell’effetto al piede. L’unica scarpa di queste proposte che comprerei è la decollétè con scollo a V, la trovo bella, di classe e efficace nel dare una bella forma al piede.

  4. Io le Superga non le tollero perché quando ero piccola (circa 15-20 anni fa) le vendevano al mercato a due lire in croce e le regalavano con le raccolte punti Parmalat e ricordo che mio padre ne aveva un paio a strisce rosse e nere (i colori del Foggia, la nostra città), orrende! Quindi oggi non solo conservo il ricordo di quel trauma ( 😀 ) ma trovo assurdo spendere 60-80 € per un paio di scarpette di tela del cavolo.

  5. dai commenti che leggo non sono l’unica che non piacciono per niente queste scarpe. Salvo solo quelle di alice+oliva. buona giornata a tutte

  6. Mi piace solo l’immagine di copertina di questo articolo ahah anche se le décolleté glitterate non sono male. A me piacciono veramente tanto solo che non so portare i tacchi alti, quindi magari evito. Però se trovo qualcosa di simile per le ciompe come me, ci faccio un pensierino 😉

  7. Se queste sono le scarpe di questa primavera…mi sa che girerò scalza ahah
    Salvo le décolleté con scollo a V perché penso possano donare una forma graziosa al piede, e la moda del metallizzato/glitterato che tutto sommato non mi dispiace

  8. Compio 29 anni il mese prossimo quindi siamo lì 😉
    Sì, le Superga erano considerate Scarpe sfigatelle rispetto ai grandi classici (Nike, Adidas eccetera) ed è scandaloso vederle oggi ai prezzi delle suddette Nike. E vabbè, la moda.

  9. Della prima pagina non mi piace nulla. Della seconda mi piacciono le scarpe con delle trasparenze ma laterali, cioè non dita o talloni.
    Lo scollo a V mi piace ma non quello alla Minnie: le scarpe per me devono essere molto scollate; anche perché ho le gambe magre ma un po’ a tubo quindi mi starebbero malissimo. Ma le scarpe accollate in genere stanno bene a poche.
    Il metallizzato mi piace ma forse perché va di moda. In generale, con le scarpe tende a piacermi di più quello che va di moda. Quando andava di moda il plateu mi piaceva, adesso non mi fa impazzire. La punta rotonda la preferivo alla appuntita (scusate la ripetizione) qualche anno fa, adesso invece no. La punta si, però non deve essere super, tipo anni 2000. Forse perché non ho un gusto ben definito o forse perché la scarpa fuori moda la noto subito…

  10. Ma che è? Sono proprio brutti… comunque ci sono tanti brand senza passare dalle stelle – in plastica???- (miu miu, armati e compagnia bella) alle stalle sempre in plastica di Asos.

  11. Le scarpe con le trasparenze mi danno sempre l’idea che taglino il piede. Le mule mi piacciono, ma non sono convinta di saperle abbinare senza sembrare scappata di casa. Gli stivali da cowboy rossi mi ricordano quelli di Ted Mosby! E le scarpe coi glitter le adoro da una vita!

  12. Ciao a tutte io non amo particolarmente i tacchi bassi abbinati ad una punta a “stiletto” trovo che sia di cattivo gusto, ma è solo un’opinione personale. I tacchi bassi li salvo solo per gli stivaletti da cowboy!!! le Superga non si possono vedere. Grazie team che ci tenete alla larga da acquisti sbagliati!! Ciao e buona giornata a tutte.

  13. AMEN! Passino le Superga, ma i tacchi bassi “a clessidra”+punta, le sabot, il tacco quadrato.. NO! Non riesco neanche a guardarle! Chiunque si ricordi gli anni ’90 può capire… 😀

  14. I (o “le”?) sabot a punta anni 90 sono UNIVERSALMENTE riconosciute come alcune tra le scarpe più brutte della storia… Mi chiedo ancora come si faccia a camminare con le ciabatte col tacco (e la chicca era/è il tallone in vista, che non sempre è proprio il top da vedere, w dr.Scholl!)… Così come in generale le scarpe degli anni 90/primi 2000 (fate una ricerca su Google ahahah). Sono presenti in ogni lista tipo “Le scarpe più brutte di sempre”, “Tendenze che speriamo non tornino mai di moda”, “Le cose più brutte degli anni ’90” ecc… 😀

    Ammetto di avere un gran problema col colore giallo, ma l’immagine di copertina è davvero NO… ll tacco a parallelepipedo NO, l’enfasi su quel tallone NO, il giallo NO…
    Giuro che se vi piacciono questi trend sono stra-felice per voi… Per me è tutto un gran NO! 🙂

  15. Era talmente a punta che quasi si arricciava e si sollevava da terra, stile babbucce di Aladino… io ho ancora il trauma, non sono mai riuscita ad acquistare una décolleté a punta nemmeno ora che è più “moderata”. Poi mi ricordo che spesso il tacco era proprio stile kitten heels… mamma mia che disagio!

  16. Le mie prime scarpe col tacco erano così… mi ci sentivo come Claudia Shiffer mentre calca una passerella con tacco 20… Peccato che erano alte solo 4/5 cm ahahahahahah (davvero raccapriccianti)

  17. ahaha la punta si schiantava contro ogni sampietrino/mattonella posata male, causandone l’arricciamento… Non ho più voluto vedere una punta su una scarpa da allora! Poi io avendo già il 38, con la punta sembrava avessi il 45 (abbinato al tacco max 5 cm, poi… slanciatissima!) ahahah

  18. Negli anni ’90 c’erano pure le scarpe con la punta quadrata, DA VOMITO… poi ricordo che andando verso i 2000 c’erano già i/le sabot, non avevano ancora la punta da Aladino ma praticamente avevano una punta semi-accettabile su una suola squadrata. Gli angoli sporgevano e mi facevano un orrore assoluto, avrei voluto limarli via a chiunque li indossasse.

  19. Salvo solo gli stivali….(ero adolescente negli anni ’90 e certe cose dovrebbero restare negli anni ’90)

  20. A far uscire questo articolo la settimana scorsa qualcuno avrebbe potuto domandarsi se fosse uno scherzo di carnevale. BrutteBrutte.

  21. Mi piacciono solo le decolletè rosa con tacco alto e quelle glitterate argento (ma il tacco non mi piace). Il resto no… il tacco basso a me non starebbe bene con il mio metro e 60… non slancia per nulla. I sabot, poi, li ho sempre odiati! Quando andavano di moda alla fine degli anni ’90/inizi 2000 mi sono sempre rifiutata di portarli!
    Le famose scarpe flat con pelo di Gucci comunque sono tra le calzature più brutte che si siano mai viste sulla faccia della Terra. Mi fanno rabbrividire.

  22. E’ vero! Ricordo la pubblicità sul Topolino! Si potevano prendere le scarpe con i colori della squadra di calcio preferita! XD
    Comunque avevo anch’io le Superga classiche da piccola e te le tiravano dietro.. costavano davvero una cavolata… Ora non capisco perchè costino così tanto!!

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here