Gioie e dolori, amori e dispiaceri… Top e Flop. Se ieri vi abbiamo svelato i nuovissimi prodotti che ci hanno fatto innamorare, oggi, come ormai vuole la tradizione torniamo da voi con i cuori infranti, parlandovi di quelli che sono i brand che hanno infranto il nostro cuore, deludendo le aspettative.

Come sempre, da brave beauty-addicted la nostra selezione di prodotti è molto vasta, passando dal make-up ai prodotti per la skin-care, ma non solo… Abbiamo per voi anche un deodorante che non mantiene le promesse, ahia! Inoltre, incredibile ma vero, abbiamo anche bocciato uno dei nostri brand prederiti! Curiose dunque di scoprire insieme a noi quali sono i prodotti che abbiamo bocciato? Se siete curiose, prendete i fazzoletti e preparatevi. Diamo il via al post!

cliomakeup-flop-team-febbraio-1-copertina

SILVIA E LA TEXTURE SECCA DEL CORRETTORE FENTY BEAUTY

Io e Clio abbiamo gusti simili in fatto di correttori, ci piacciono le stesse texture, e non c’è da stupirsi quindi se entrambe abbiamo inserito nei nostri flop il famoso correttore Pro Filt’r di Fenty Beauty. 

cliomakeup-flop-team-febbraio-5-coorettore

Fenty Beauty, Pro Filt’r Correttore. Prezzo: 24,90 € su sephora.it

Sfortunatamente non è adatto per chi ha un contorno occhi segnato o secco, in quanto tende a mettere in evidenza queste problematiche.

cliomakeup-flop-team-febbraio-6-silvia-correttorePotrebbe andar bene invece per chi ha una pelle mista o non particolarmente segnata. I colori disponibili sono ben 50 per cui è possibile trovare la giusta corrispondenza per il proprio incarnato. Peccato perché non fa proprio per me!

cliomakeup-flop-team-febbraio-4-fenty-beauty-correttore

GELTRUDE E IL DISASTRO DEL PRIMER A PROVA DI PALESTRA

Ho provato per la prima volta il primer di Essence You Better Work, che fa parte della linea di prodotti pensati per essere utilizzati durante l’attività fisica. Premetto che non vado mai in palestra truccata, ma mi sono lasciata incuriosire dal fatto che questo primer promette di minimizzare i rossori e le imperfezioni ed è a prova di sudore. 

cliomakeup-flop-team-febbraio-11-primer-essence

Ho pensato potesse essere una buona soluzione per uniformare l’incarnato ed eliminare un po’ di discromie, senza ricorrere al make-up. Purtroppo l’effetto non mi è piaciuto per niente! Il primer si presenta di un color azzurrino e dovrebbe andare ad annullare i rossori. In realtà sappiamo che per i rossori sarebbe più indicato il verde, ma ho voluto fidarmi e testarlo.

cliomakeup-flop-team-febbraio-12-primer-essence

Essence, You Better Work Gym-proof Primer. Prezzo:  4,49€

Il problema è che su una pelle chiara come la mia, l’effetto è stato disastroso. Il mio colorito aveva un aspetto decisamente poco sano e verdastro. Inoltre lascia la pelle appiccicosa e unta ancora prima di iniziare a sudare, figuratevi dopo! Deduco infine che questo primer che non sia pensato per chi ha la pelle mista o grassa, come ne mio caso. Purtroppo, per me è no!

ANNA E LO SMALTO ANTIROSICCHIA CHE SPARISCE NEL NULLA

Purtroppo ho il pessimo vizio di rosicchiarmi le unghie appena sono sotto stress. Tuttavia sono un’amante sfegatata degli smalti e mi piace avere le unghie curate. Per me la soluzione migliore è sempre stata quella di usare uno smalto apposito. Non sono molte le aziende che lo propongono, ma quando l’ho visto sul sito della Kiko ho pensato di correre subito in negozio a prenderlo. 

cliomakeup-flop-team-febbraio-2-smalto-kiko-anti-rosicchiamento.jpg

Kiko, No More Biting Smalto. Prezzo: 4,99€ su kikocosmetics.it

Qui nasce il primo problema: quello smalto non era reperibile nei negozi, ma solo online. Così ho fatto un ordine (ovviamente comprando altre 10 cose che non mi servivano, ma era necessario per ottenere la spedizione gratuita). Finalmente arriva a casa e lo applico ma dopo neanche 2 giorni inizia a sgretolarsi e a staccarsi. Ho provato mettendolo sopra a uno smalto base, sopra a uno colorato, ma la durata è sempre minima. Inoltre se applicato sopra a un colore lo rende leggermente opaco e l’effetto risulta piuttosto bruttino. Il sapore faceva abbastanza schifo da non farmi mangiare le unghie, ma durando così poco anche i risultati erano scarsi.

giphy

Ragazze, sfortunatamente non c’è limite alla nostra disperazione. Nella prossima pagina tanti altri prodotti, che non ci sono piaciuti per nulla. Curiose? Allora continuate a leggere e girate pagina!