Un viaggio a Venezia va fatto almeno una volta nella vita. Magica, misteriosa, romantica, culturale, poetica e artistica, Venezia è una delle mete più visitate al mondo. Questo la rende “quasi invivibile” di giorno, specialmente nei periodi d’alta stagione, per l’infinità di turisti che la riempiono. Ma se di giorno è gremita da 100.000 persone, al tramonto la città cambia completamente; si svuota e si specchia silenziosa su quell’acqua che fino a qualche ora prima era solcata da decine e decine di gondole, riflettendo il caos del turismo di massa.

Di giorno Venezia regala emozioni, arte e cultura, mentre di sera è possibile godersela in tranquillità, senza fare zig-zag tra le migliaia di turisti e scoprendo una città dall’atmosfera surreale e bellissima. In questo post abbiamo raccolto per voi un po’ di tappe da fare assolutamente in un viaggio a Venezia, alcune tappe fuori dai percorsi tradizionali e un po’ di idee per assaporare l’atmosfera notturna. Pronte a partire con noi per Venezia? Allora, via con il post!

Viaggio a Venezia: ammirarla al tramonto e la sera è un'esperienza unica

Dove non diversamente specificato, le immagini di questo post sono prese da @visitveneziaofficial Via Instagram

PREMESSA: UN VIAGGIO A VENEZIA HA DELLE TAPPE MUST DO

viaggio a Venezia: il Campanile di Piazza San Marco

Un viaggio a Venezia è incompleto e insensato se non si visitano i luoghi più famosi. Non si può visitare Venezia senza andare in Piazza San Marco, considerata il salotto di questa città. E in questa piazza enorme, ariosa e piena di porticati, è d’obbligo almeno soffermarsi ad ammirare la magnificenza della Basilica di San Marco, che con i suoi enormi archi è soprannominata la Basilica D’Oro. Per non parlare dell’iconico Campanile di San Marco, su cui si può salire godendo di una vista unica su Venezia e dal quale, ogni seconda domenica del Carnevale veneziano, ha luogo lo storico Volo dell’Angelo.


Credits:@sumfinity.com

Così come non si può non salire sul Ponte di Rialto – unico modo per attraversare il Canal Grande a piedi – e lasciarsi incantare dalla vista che regala. Altra tappa must do è senza dubbio il Ponte dei Sospiri, che è forse il più celebre dei ponti veneziani, e che non deve il suo nome ai sospiri degli innamorati che si giuravano amore passandoci sotto in gondola, ma ai sospiri dei condannati, che attraverso quel ponte venivano condotti nelle vicine carceri. C’è poi Palazzo Ducale, caro ai veneziani perché non solo è stupendo, ma racchiude tutta la loro storia. Insomma, ogni angolo di Venezia è favoloso e ci sono luoghi che non si può non visitare! A questi si aggiungono piccole perle, da vedere per vivere davvero tutto lo spirito di Venezia.

Viaggio a Venezia: il Ponte dei Sospiri è una tappa obbligata

Credits:@thewayfaress via Instagram

PER GLI AMANTI DEI LIBRI, LA LIBRERIA ACQUA ALTA È TAPPA OBBLIGATA

Viaggio a Venezia: la libreria Acqua Alta è tra le 10 più belle al mondo secondo la BBC

“Welcome to the most beautiful book shop in the world” è la scritta che ci presenta la famosa Libreria Acqua Alta a Venezia, una delle piccole perle a cui accennavamo prima. Questa piccola libreria, un po’ fuori dal tour tradizionale, è stata inserita dalla BBC tra le 10 librerie più belle del mondo ed effettivamente è così particolare che sembra uscita da un racconto di magia. Cosa la rende così bella?

Viaggio a Venezia: La Libreria Acqua Alta

LA LIBRERIA ACQUA ALTA è TRA LE 10 PIù BELLE AL MONDO SECONDO LA BBC

Il connubio perfetto tra libri e gondole. Il proprietario, Luigi Frizzo, ha concepito questa libreria affinché potesse far fronte al principale problema di Venezia: l’acqua alta. Ecco allora che qui i libri galleggiano all’interno di canoe, vasche da bagno e gondole, per evitare che in caso di acqua alta si rovinino. E ci sono libri ovunque, che spaziano dall’arte al cinema, dalla storia ai romanzi, fino ad arrivare all’erotismo e ai libri dedicati a Venezia.

Viaggio a Venezia: alla Libreria Acqua Alta alcuni libri destinati al macero sono diventati una scala che conduce a una vista mozzafiato

Ci sono anche dei vecchi libri che, invece di finire al macero, sono stati trasformati in una scala posta sul retro del negozio per permettere ai turisti di affacciarsi dal muretto e avere una vista mozzafiato sul canale. C’è anche una gondola con una poltroncina su cui ci si può sedere a leggere. Insomma, una tappa qui è da fare!

VIAGGIO A VENEZIA PER SCOPRIRE COME SI COSTRUISCONO LE GONDOLE

Credits:@argun26 via Instagram

La gondola è il simbolo di Venezia in tutto il mondo. Ma dove vengono costruite e riparate queste imbarcazioni tipiche della laguna? Negli squeri, parola veneziana che significa infatti “cantiere”. Lo squero di San Trovaso è uno dei più antichi e famosi di Venezia ed è qui che una volta venivano costruite e riparate tutte le imbarcazioni della tradizione navale veneziana. Risalente al Seicento, è uno dei pochissimi ancora in funzione, sebbene oggi produca e ripari solo gondole.

Credits:@flickr.com

L’edificio è inoltre molto particolare per il contesto veneziano: ha la forma tipica di una casa di montagna! Questo è dovuto in parte alla creatività degli squerarioli e in parte al fatto che molti maestri d’ascia provenivano dalla zona del Cadore. Lo squero è visitabile solo con gruppi di 25 persone e il tour viene effettuato dagli artigiani, che spiegano nel dettaglio l’arte del costruire gondole. Quando il cantiere non è aperto al pubblico, si può comunque guardare gli artigiani al lavoro stando sul lato opposto del canale, magari sorseggiando uno spritz o mangiando leccornie tipiche.

Viaggio a Venezia: l'andar per bacàri è un'attività tipica veneziana

Credits:@giulia.casir Via Instagram

VIAGGIO A VENEZIA CON TAPPA AL CAFFÈ PIÙ VECCHIO DEL MONDO

Viaggio a Venezia: il Caffè Florian è attivo dal 1720

Credits:@eliana_strano Via Instagram

Una tappa lussuosa è quella al Caffè Florian, che detiene il titolo di caffè più antico d’Italia, mentre a livello mondiale è secondo solo al Café Procope di Parigi. Fu inaugurato nel lontano 1720 da Floriano Francesconi, chiamato Florian in dialetto veneziano. Da allora ha proseguito la sua attività ininterrottamente fino ai giorni nostri, divenendo meta privilegiata di veneziani e di turisti provenienti da ogni dove. Tra guerre, insurrezioni e altri importanti avvenimenti storici, è proprio il caso di dire che questo luogo di Venezia ne ha vista passare di acqua sotto i ponti!

Credits:@caffeflorian1720 Via Instagram

È inoltre sempre stato frequentato da personaggi illustri, come ad esempio Casanova, che ci corteggiava le dame, ma anche Goldoni, Foscolo, Dickens, Goethe, Rousseau, D’Annunzio e molti altri. Ancora oggi il Caffè Florian ha il fascino del Caffè di un tempo ed è un lusso fermarsi qui, ma che ci si può concedere una volta nella vita.

Il nostro viaggio a Venezia non è ancora finito! A pagina 2 vi proponiamo tante idee per scoprire Venezia di notte, quando è ancora più bella. Continuate a leggere!

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here