Ciao ragazze!

Dopo il resoconto della sfilata di Kristina Ti, è arrivato il momento di parlarvi della mia esperienza con Aigner, dove sono stata capo-team per la seconda volta, sempre in collaborazione con Maybelline. Ovviamente stiamo parlando della Milano Fashion Week, che si è svolta nel periodo dal 18 al 24 Febbraio! Siete curiose di saperne di più? Leggete oltre!

photo 1

Aigner-RF14-2418_main_image_defile

Aigner è un brand tedesco di lusso, famoso soprattutto per le splendide borse; in Italia non è molto conosciuto, mentre in Germania è tra i più amati! Le loro sfilate sono sempre meravigliose, in location emozionanti: quest’anno era a Palazzo Reale, in piazza del Duomo, sede di mostre ed eventi prestigiosi.

AIGNER-Women´s-Fashion-Show-FallWinter-201415-Palazzo-Reale

Il giorno prima, come al solito, c’era stata la prova trucco: in questa occasione lo stilista mi ha fatto vedere gli abiti, esprimendo la sua idea per il make-up. C’era molto rosso nei vestiti, e forme e materiali anche aggressivi, quindi si è voluto riprendere il concetto, ma smorzando i toni, con un look da moderna Biancaneve, raffinato e d’impatto. Pelle luminosa e candida, di un tono più chiara degli incarnati delle modelle, senza cipria, per un effetto naturale; un velo di ombretto tortora sugli occhi, per dare un po’ di profondità, e mascara per aprire lo sguardo. Sulle guance abbiamo usato un rossetto fucsia (Maybelline Super Stay n.110 Neverending Pink), calcando abbastanza la mano, per un bell’effetto salute; protagoniste assolute, però erano le labbra, rosse e glossy, abbinate allo smalto. Importanti anche le sopracciglia, definite e naturali.

IMG_1966

Le labbra rosse e lucide sono di grande effetto, ma come tutte abbiamo sperimentato nella vita reale, portano tantissime complicazioni. In particolare alle sfilate si iniziano a truccare le modelle circa 3 ore prima dell’inizio, così c’è tutto il tempo per bere, mangiare e far sbavare il rossetto da tutte le parti 🙂 Per evitare problemi abbiamo deciso di lasciarle opache fino all’ultimo e di aggiungere il gloss 10 minuti prima dell’uscita in passerella; immaginate il mio terrore all’idea di dimenticarne una, magari andata di corsa in bagno hehe!

Schermata 2014-03-05 alle 15.26.57
Anche la pettinatura era semplice, ma particolare, con quella treccina che creava movimento!
Schermata 2014-03-05 alle 15.33.12
L’attesa…
IMG_1826
1. Contouring
IMG_1832
2. Rossetto
IMG_1854
3. Pronta per la passerella!

Un’oretta prima dell’inizio, invece, c’è la prova passerella, in cui si fanno sfilare le ragazze dopo il trucco e parrucco per vedere se sotto le luci e da lontano l’effetto è lo stesso; è una fase delicata, perché bisogna essere critici nei confronti del lavoro appena svolto e, in caso di complicazioni (troppo contouring, pelle troppo lucida, occhi poco definiti…), è necessario prendere in mano la situazione e cambiare ciò che non funziona.

IMG_1886

Qui vedete mentre incremiamo per benino le modelle: braccia e gambe, quando sono in vista, devono essere perfettamente idratate e luminose. Ve l’ho già detto in passato, ma in caso di cicatrici, lividi e imperfezioni sulle gambe, anche quelle vanno coperte con fondotinta o correttore.

IMG_2092 IMG_2079

Mentre truccavo mi hanno fatto un’intervista in inglese (sono sempre timida quando devo parlare inglese e non sono in America, nel “mio ambiente”!)

IMG_1984

Vi lascio con un ultimo aneddoto: in una sfilata le modelle escono due volte in passerella, cambiando l’abito in pochi secondi. Durante uno di questi cambi ho assistito a una scena agghiacciante: una delle ragazze aveva un vestito strettissimo, che le è stato sfilato in fretta e furia per rientrare nei tempi. Mi vedevo già il rossetto sbavato fino ai capelli, quando ho notato che, da professionista, la modella aveva serrato le labbra, spingendole in dentro, per non rovinare il trucco e sporcare l’abito! Sospiro di sollievo e via, pronta a uscire in passerella!

download download (1) download (2)

download

1969307_10152323301580439_1623034905_n

Infine ci tengo a ringraziare Maybelline e tutto il team per l’esperienza meravigliosa ed emozionante che ho vissuto! Come avrete capito sono lavori impegnativi e stressanti fino all’ultimo secondo, ma la soddisfazione che ne deriva è tantissima!

Ragazze, spero che questo post vi abbia interessate! Avete altre domande sulle sfilate e sul mio lavoro? Vi piace la collezione di Aigner? E il trucco che abbiamo realizzato? Cos’avreste fatto di diverso? Un bacioneee