Ciao a tutte!

Qui sul blog Clio vi ha parlato spesso dei canoni e dei modelli sbagliati che da anni il mondo della moda cerca di propinarci, nonchè degli scandali che sistematicamente colpiscono riviste e campagne pubblicitarie, accusate di veicolare ideali fisici da non prendere ad esempio, se si ha a cuore la propria salute. Questi dibattiti sono diventati una questione di Stato in Francia, dove qualche settimana fa è stata approvata una legge che vuole combattere il fenomeno dell’anoressia ed estirparlo innanzitutto dalle passerelle. A puro scopo informativo, vogliamone parlarvene nel dettaglio in questo post!

louis-vuitton-printemps-ete-2015

A prendere l’iniziativa è stato il deputato socialista Olivier Varan, il quale con il sostegno del ministro della Sanità Marisol Touraine, ha messo da parte gli spassionati appelli ed è passato all’azione: ha presentato degli emendamenti alla legge sulla riforma della sanità, finalizzati a vietare la presenza di modelle eccessivamente magre in passerella.

883e513a5cfbe4d8781e15b973f26495

___only-legs-7819-442x457 - Copy


“Se sei una modella è importante passare il giusto messaggio alle ragazze, ossia che bisogna mangiare e prendersi cura di sè. È intollerabile promuovere la cattiva nutrizione e sfruttare commercialmente persone che mettono a rischio la propria salute. L’impatto sociale causato dall’immagine convogliata dalla moda, che porta le ragazze a pensare di dover essere magre ad un livello patologico per essere belle e sfilare in passerella, è estremamente grave” ha dichiarato Varan. L’ok dell’Assemblea nazionale francese è arrivato i primi di aprile, e così è stato introdotto il reato di apologia dell’anoressia.

image-articolo-anoressia_su_vertical_dyn

Come individuare le “mannequin” (modelle) sottopeso? Grazie al Bmi, l’indice di massa corporea che determina il rapporto tra peso e altezza. La legge ha stabilito che d’ora in poi il Bmi di ciascuna modella dovrà essere indicato su un apposito certificato rilasciato da un medico, e che in caso di indice inferiore a 18 (sotto questa soglia è la stessa Organizzazione mondiale della Sanità a parlare di denutrizione) non si potrà salire in passerella.

mQIQ8Ybl

Praticamente d’ora in poi una modella alta 1 metro e 75 potrà sfilare solo se pesa almeno 55 Kg circa: un vero ritorno alla normalità per le passerelle (sempre che ci sia qualche top model in circolazione che rentri in questo parametro…). Per chi non rispetta la norma pene decisamente salate: multa fino ad un massimo di 75000 euro per le agenzie e fino a 6 mesi di carcere per i diretti responsabili.

anorexic-model-1

La novità legislativa ha portato anche all’introduzione del reato di promozione dell’anoressia, con il quale si vogliono colpire i siti web che inneggiano ai disturbi alimentari, ovvero tutte quelle preoccupanti pagine pro-ana e pro-mia (le sigle di anoressia e bulimia) in cui ci si scambiano ‘consigli’ ossessivi su come diventare sempre più magre e su come portare il proprio corpo alla denutrizione. Anche per questo secondo reato sono previste pene severe.

Addirittura il Google Immagini francese non consente di salvare sul proprio computer immagini di modelle ritenute eccessivamente magre, cercando di limitare anche la diffusione “privata” di materiale che può promuovere un modello sbagliato.

anorexic-view

Che ne pensate ragazze? Secondo voi la strada che ha imboccato la Francia per combattere questo allarmante fenomeno è quella giusta? ‘Ripulire’ le passerelle può essere un primo passo verso un cambiamento di mentalità oppure non basta? Ciao dal team!

181 COMMENTI

  1. Mah,.,il fatto che non esistano modelle alte 1,75 che pesano 55 chili mi fa pensare che sia una cosa poco fattibile,.,sempre meglio che niente, comunque

  2. Il problema è complesso, e porta con se tante considerazioni. È giusto non esaltare modelli che possono portare anche alla morte, ma va da sè che poi si potrebbe pensare che anche la modella sovrappeso possa istigare al l’obesità. C’è l’anoressia, ma c’è anche la magrezza costituzionale. E soprattutto a me lascia perplessa il fatto che nessuno pensi che anche far sfilare od usare delle quasi bambine come modelle sia altrettanto pericoloso per il messaggio lanciato. Questo non significa che io sottovaluti il problema. Chiunque come me ha avuto caso di anoressia in famiglia sa che la cause sono più profonde. I modelli c’entrano poco.

  3. L’iniziativa non mi dispiace, soprattutto perchè è la Francia che lo ha fatto. Hanno le sfilate più famose al mondo e se si costringono le agenzie almeno un po’ a cambiare i canoni per poter partecipare alla settimana della moda, secondo me un po’ di influenza la può avere. Se la facevano in paesi meno famosi per la loro moda, allora avrebbe meno effetto secondo me.

  4. Il discorso è molto complesso ma credo che sia un buongusto di inizio e di svolta. Complimento al ministro francese.
    Certo è che una modella di 1,75 che sia 55 kg credo sia piuttosto magra calcolando che il BMI risulta 17,9 ed è giudicata “sottopeso”. Ok quasi 18, ma cmq sottopeso è. Anche perché io sono 15 cm di meno ma peso sempre 56kg: sono grassa? No, il BMI dice “normopeso”.

  5. Io sono sottopeso secondo il Bmi ma mangio come un caverNicolo.
    ogni volta che mi dicono “MA MANGI?” SOFFRO e sto male con me stessa.
    Additare una persona come anoressica è uguale al CICCIONA detto per offendere .

    Esiste la magrezza costituzionale.

  6. Che l’anoressia abbia cause ben più profonde si sa bene, ma trovo un’ottima scelta questa del governo francese, e spero che non rimanga un caso isolato ma che in molti lo seguano!

  7. Personalmente non soni affatto d’accordo, e non perché io inneggi all’anoressia. Personalmente trovo che basarsi sul bmi e vietare indici inferiori a 18 significhi in parte vietare un fisico di un certo tipo. Esistono ragazze molto alte e molto magre per natura, di costituzione, e penso che vietare un corpo magro e secco di natura significhi farlo sentire inadeguato quanto uno sovrappeso, quando penso che il messaggio sia che ognuno debba poter fare quello che vuole con il corpo che ha. Purchè sia sano. (E non vi parla in fuscellino, davvero!)

    Piuttosto il tema è: può essere giusto usare l’indice bmi (potenzialmente escludente di fisici diversi) perché rappresentativo della situazione di salute della maggior parte di persone?

  8. forse più che il bmi bisognerebbe utilizzare altri metodi,come la misura della plica tricipitale che prende in considerazione se la % di grasso è in linea con il peso corporeo..detto ciò spero che anche altri paesi,compreso il nostro,mettano dei limiti a questi canoni di bellezza su esempio della Francia,e non solo per quanto riguarda il mondo della moda ma anche la tv ad esempio..le ragazze che si lasciano influenzare dai modelli che vedono sono più di quelle che ci immaginiamo,e uscire dal tunnel dell’anoressia è difficilissimo..parlo avendo avuto l’esperienza di mia cugina,che era arrivata a cenare sempre con finocchi o frutta e a sentirsi in colpa quando mangiava un po’ di più,arrivando a fare su e giù per le scale per perdere calorie..sono molto sensibile a questo tema e non sopporto quando una donna particolarmente magra viene giudicata “bellissima”…in quel momento stiamo dicendo che è un esempio da seguire no?

  9. Stai scherzando spero. Il BMI è un criterio medico di diagnosi di MALATTIE quali l’anoressia e la bulimia. Essere eccessivamente magre o eccessivamente grasse è una MALATTIA. E non si può inneggiare alle malattie, come si è fatto e si fa tuttora nella moda. Riguardati le foto delle ragazze qui sopra e dimmi se non ti viene voglia di correre a comprare loro un cheeseburger.

  10. FANTASTICO FINALMENTE un vero NO ad qst “problema” !! Sono davvero contenta!! Cioè non mi sembra vero sono stra felice chissà che non solo in Francia si adoperi questo sistema di legge. E se hanno dovuto addirittura mettere l’anoressia sotto legge(con tanto di certificato e multe pure) significa che si è arrivati veramente ad un degrado in Francia.
    Grazie Clio x questo post xxxxxoooooo

  11. Ho scritto ECCESSIVAMENTE magra. Significa che se una è alta 1,80 e pesa 50 kg probabilmente ha qualche problema di salute. Ma questo lo dovrebbe valutare un medico.

  12. Ma guarda, sono d’accordo che l’anoressia è un grave problema e di sicuro non mi sento di volerlo incoraggiare. Però voglio riportarti il caso di mia mamma, alta 180 cm e da sempre fissa sullo stesso peso: 57 kg. Secondo il bmi sarebbe da ricovero, eppure lei lavora, mangia, ha avuto due figli e di sicuro non ha velleità da modellina. Ma non è la sola, conosco altre ragazze magari bassine con un peso ridicolo, ma perfettamente sane.

    Esistono numerosi indici, secondo me ben più validi. Come quelli che prendono in considerazione la % di grasso e non un numero fissato dalla fisionomia standard.

  13. Appunto dovrebbe valutarlo il medico con ESAMI SPECIFICI Non con un semplice calcolo che non valuta i singoli casi

  14. Ok, ma molto spesso si può già intuire da segnali esterni che la persona non sta bene. Le ragazze nelle foto sopra non sono evidentemente il ritratto della salute!

  15. Sì Lucey ma non ti preoccupare, io credo che nell’articolo ci si riferisca a casi estremi, ho avuto il (dis)piacere di conoscere una modella e ti assicuro che digiunava per mantenere la linea!

  16. Non se sia la mossa giusta da fare ma è sicuramente una gran cosa il fatto che qualcuno abbia finalmente deciso di agire in qualche maniera in merito all’argomento! non si è fatto altro che chiacchierare su anoressia e problemi alimentari ma nessuno ha mai realmente fatto nulla di concreto e penso che sia una cosa positiva e spero che non si limiti alla Francia! Però in merito alla nuova tendenza di modelle curvy imporrei un limite anche lì..male l’anoressia ma anche l’obesità non è un buon modello da esporre!

  17. BillieBee, anche mia mamma è un fuscello e rientra per poco nel giusto BMI. Mangia ed è attiva, ma non penso che guardando le nostre mamme ci viene da pensare “oddio, che scheletro”. Guardando le sfilate invece è proprio la prima associazione che faccio! Quindi qualcosa che non va c’è, con questa legge siamo (forse) sulla via del miglioramento.

  18. Anch’io sono magra di costituzione e sotto peso…e negli anni ho sofferto molto quando a scuola tutti mi dicevano…ma mangi?? Sei anoressica??…sei trooooppoo magra mangia di piu’….mi sono creata vari complessi per in spiaggia non mi spogliavo mai..
    Il BMI a parer mio e’ un parametro un po’ esagerato…

  19. A me pare una buona idea, anche se perfezionabile visto che il BMI da solo non basta.
    Soprattutto mi sembra utile l’introduzione del reato di promozione all’anoressia. Tempo fa sono capitata su un sito pro-ana cercando qualche consiglio per arginare la fame nervosa e mi sono spaventata. Qui davvero percepisci quanto la malattia riguardi la psiche. Il problema è che chiuso uno se ne riaprirà un altro…

  20. Quest’articolo è interessantissimo!! Complimenti alla Francia, questa è una decisione super intelligente che dovrebbero copiare tutti gli altri Paesi!!! E complimenti anche al Team Clio per questo bellissimo post, brave ragazze!! 😀

  21. La Francia è sempre un passo avanti, approvo in pieno, la politica deve fare il suo dovere certe modelle sono inguardabili da quanto sono scheletriche, essere in salute non c’entra nulla con il non mangiare, qui da noi invece vige l’anarchia più assoluta come in tutte le cose purtroppo.

  22. Finalmente! Anche se purtroppo ci credo poco…la moda ora vuole anche gli uomini più magri! Mah speriamo

  23. Io sono d’accordo. Comunque devono essere valutate molte cose. Io conosco mie colleghe universitarie davvero magrissime ma, come dire, non fa senso guardarle. Le modelle anoressiche o le ragazze anoressiche penso si riconoscono subito a parer mio. Sono disarmoniche e anche con chili di trucco il loro volto non è per nulla sano. Un passo alla volta, senza fretta ma senza sosta! Forza Francia! 🙂

  24. Fanno benissimo. Alzerei pene pecuniarie e mesi di carcere, perché l’apologia dell’anoressia è apologia del suicidio. Se un’anoressica non è salvata in tempo, rischia veramente la pelle.

  25. ti assicuro che una magra di costituzione è una cosa, un’anoressica è completamente un’altra.

  26. Si infatti !! Ci sono anche persone che per costituzione pur mangiando restano magre così come altre ingrassano.
    E la cosa peggiore è che se una persona magra dice di sentirsi poco bene,tutti pensano che sei anoressica e che ti senti male perchè non mangi.
    Poi se una persona più in carne si dovesse sentire debole, diventa un caso inspiegabile…
    Se ognuno si facesse i cavoli suoi specie quando non sa le cose….

  27. Io sono d’accordo con il ministro francese, ma penso che il BMI sia da calcolare singolarmente di volta in volta; mia sorella è alta 1,72 e pesa 54 chili, come me che sono alta 1,64… nessuna delle due è anoressica, se ci vedi siamo della stessa “magrezza” sana (a parte che lei ha una quarta di seno e io una prima…questa è sfiga!), solo che lei ha le ossicine che sono la metà delle mie (non scherzo): quando ero in quinta elementare (e ovviamente zero tette) ho provato un suo vestito (fatto per lei su misura da mia mamma) con i bottoni davanti e sul petto a me non si chiudeva… mia sorella aveva già una seconda, io le ossa grosse! Per dire che una ragazza con le ossa piccoline (il contrario di me che le ho grosse) può essere alta 1,75 e pesare 55 kg senza essere per niente sottopeso rispetto alla sua struttura ossea (io se pesassi dieci chili in meno sarei anoressica invece). Credo che un BMI calcolato bene debba tenere conto di tutta una serie di fattori che esulano dalle tabelle che troviamo in internet e che tale calcolo vada lasciato ai medici che hanno a disposizione conoscenze e macchinari che noi non abbiamo…

  28. Non è stato deciso da loro, ma dall’oms..é sempre stata quella la soglia minima, sotto la quale si considera i soggetti sottopeso..

  29. Non è sempre vero.
    Ci sono persone che per stress anche se mangiano bruciano… Anche per problemi ormonali ereditari eh…
    Conosco una mia amica che con il problema al ginocchio che ha,non potrebbe prendere più di un certo peso…
    Ripeto… Ogni caso è diverso.

  30. Ma figurati se non va bene..il bmi è stato stabilito secondo criteri oggettivi e sanitari. E ricordo che 18 è il minimo insindacabile. Un bmi normale è dai 18 e mezzo fino a 24.

  31. se si attribuisce la colpa della diffusione dell’anoressia ai vari trand ed alle varie mode allora è un bel passo avanti!

  32. sono contenta sia passata finalmente una legge che regola le passerelle .. dovrebbero farla anche da noi.
    e allo stesso tempo mi dispiace leggere commenti che “supportano” in qualche maniera la magrezza estrema … a me fà star male il vedere certe immagini che girano ormai da troppi anni, sono fisici da campi di concentramento punto e basta,
    nessuno mi venga a dire che sono ragazze in salute e magre di costituzione …
    ne conosco tante ragazze sottopeso dicono tutte che mangiano tanto ma poi quando ci vai a mangiare una pizza insieme la mangiano al massimo mezza e poi dicono che non ce la fanno a finirla perchè scoppiano … conosco solo un ragazzo che è magrissimo e mangia a volontà ma ha problemi di tiroide quindi caso a parte.
    Per me una modella deve essere una bella donna, con le curve da donna e senza viso emaciato e triste come ormai ci siamo abituate a vedere!

  33. Ottima idea direi, però devo fare un appunto, 1.75 per 55 è molto poco eh…non cerchiamo di far passare che quella è la normalità, altrimenti addio buoni propositi di legge…

  34. Ho visto delle foto….sembrava più pesante il vestito(stupendo) che lei stessa!!E’ una ragazza così carina,fare una corretta alimentazione ed esercizio fisico non basterebbe?!

  35. Lo so che il limite del sottopeso Per l’OMS è BMI 18.5, sono un medico. Ma essere sottopeso è diverso da essere malate e molto diverso da essere anoressiche. Non penso esistano molte modelle normo peso, salvo quelle plus size (che in Italia hanno la taglia 46… io che sono alta 185 cm e ho un BMI di sovrappeso per soli 0,3 punti ho la 50-52). Mi incuriosisce capire come hanno deciso che il sottopeso è per definizione anoressia. Poi dove troveranno tutte queste modelle con BMI 18…

  36. L’idea è lodevole,ma quanti altri paesi la adotteranno??E poi riusciranno a fare i controlli ogni anno,senza che qualcuno faccia il “furbo”??

  37. io non ne sono certa ma credo proprio che il calcolo del bmi come lo troviamo noi su internet sia diverso dal bmi di come lo calcolano i medici… credo che loro calcolino tutte le varianti quali soprattutto la struttura ossea di una persona, e credo abbiano anche degli strumenti che ti permettono di calcolare massa grassa, massa magra, eccetera… mia sorella è alta quasi dieci centimetri più di me e pesa come me, ma ha le ossa che sono la metà delle mie: lei è di una magrezza normale, e anche io, se fossi io a pesare dieci chili in meno (che ho le ossa il doppio delle sue) sarei decisamente sottopeso e farei impressione… Io dubito che un medico si basi solo su un calcolo con le uniche varianti altezza-peso, sarebbe inutile, credo abbiano gli strumenti adeguati per valutare ogni singolo caso…

  38. Credo di essermi spiegata male. Infatti sono concorde con il tuo discorso è volevo dire infatti che il mero calcolo del BMI ci da certo un’indicazione, ma ci sono altri fattori che influenzano quel valore.

  39. Non è esattamente la stessa cosa! Anoressia è, a tutti gli effetti una PATOLOGIA, così come l’obesità. Dire “sei anoressica” sarà politicamente scorretto ma suona come “sei raffreddata”… dire “sei cicciona” è solamente offensivo, oltre che politicamente scorretto!

  40. La trovo una cosa stupenda! Il BMI permette di controllare non solo anoressia e bulimia, ma anche obesità ed altre problematiche affini, pertanto permette di controllare che LA MODELLA SIA SANA! Fa male sia troppo magro che trppo grasso e così facendo si trova il giusto equilibrio

  41. Non metto in dubbio che ogni caso sia diverso e, personalmente, non mi permetterei mai di additare una persona magra come “malata” o “problematica”. Ho delle amiche magre “di natura”, ho come insegnante di tedesco una quarantenne bellissima molto alta e magra. Il punto è che queste persone, a me vicine, hanno un colorito sano, mangiano di gusto e pur essendo magre di costituzione non si vedono le ossa. Non credo che in questo articolo si parli della magrezza dovuta a cause ormonali/genetiche/di costituzione, quanto della magrezza imposta, quella che fa digiunare e star male le modelle stesse.

  42. Io credo che sia innanzitutto un buon inizio e mi affido al buon senso dei medici… e ho due ipotesi: molte volte i giornali stessi non scrivono perfettamente gli articoli, e può essere che non si intenda usare solo il bmi ma anche altri indici appropriati, e che lo scopo ultimo sia accertare attraverso questi indici che la modella sia sana; se invece si intende usare solo il bmi, beh lo ritengo comunque un inizio. Mi spiego meglio: anche io ho una sorella alta dieci centimetri più di me, che però pesa come me (che cmq per la mia struttura ossea sono magra), ma che è sana perché ha (per sua fortuna genetica diciamo) le ossa che sono la metà delle mie, quindi mi rendo perfettamente conto che il bmi non è abbastanza; però l’importante è che si cominci da qualche parte, altrimenti non si comincia più, e poi ci sarà sempre spazio per le modifiche… Inoltre una legge, in quanto generale e astratta, non potrà mai essere perfetta per tutti per sua natura, in questo e in tutti i casi, per quanto la si perfezioni, c’è sempre qualche caso particolare che non si adatta, ma in questo caso mi sento di dire che il male di non comprendere tutti sia inferiore al bene che viene fatto, perché così a spanne mi pare che nel mondo della moda le ragazze veramente magre di costituzione (che non a caso in quanto fighe imperiali di natura diventano top model) siano molte meno delle ragazze che per raggiungere gli stessi standard sono denutrite…

  43. Anche io pensavo di essere magra di costituzione, invece ero celiaca! Cmq penso che una ragazza alta 175 cm che pesa 50 kg è già magra!

  44. Era ora! E’ ovvio che il Bmi non sia in un certo senso preciso, perché la costituzione fisica cambia in ogni persona.. Ma questo messaggio di imporre questo limite era a parer mio una cosa assolutamente da fare!!
    E io di costituzione son alta e magra e non mi faccio complessi perché mangio e amo farlo, ma una mia cara amica soffre ancora adesso di tutti questi stereotipi assurdi!

  45. Purtoppo il solo indice di massa corporea non basta a determinare se una persona sia sottopeso. Sono alta 1,75 e peso si e no 50 kili, ma sono tutt’altro che anoressica (c’ho pure un po’ di panzetta). La condizione fisica va valutata nell’insieme.

  46. Sono alta 1,75 e peso circa 50 chili. Quindi il mio BMI è inferiore a 18. Un qualsiasi medico può valutare la mia condizione fisica e vedere che sono in salute, quindi a prescindere dal BMI.

  47. Se leggi i commenti sotto le sue foto di Instagram ne trovi tanti che dicono “mangia, sembri uno scheletro”.

  48. Solita moda delle ragazze magre (tipo Melissa Satta, Ilary Blasi e compagnia) che dicono “mi abbuffo come se non ci fosse una domani” e poi si ammazzano in palestra e saltano i pasti. Non dite niente che fate più bella figura.

  49. Bella iniziativa. Significa che almeno qualcuno inizia a mettersi le mani sulla coscienza ma credo che non serva a nulla.
    Trovo però disturbante che quasi la totalità della colpa la si faccia ricadere sulle modelle quando in realtà sono gli stilisti a voler delle stampelle che camminano.
    Senza contare che è usanza globale e comune riempirsi la bocca con le belle parole per poi crocifiggere la sfigata vip di turno che osa ingrassare 1 kg.
    La legge in Francia è un punto ma paroganabile ad una goccia nel mare.

  50. esatto…un’altra cosa che poi mi fa rimanere di stucco perché penso ci sia qualcosa dietro è vedere queste donne subito dopo che hanno partorito..PIATTE SENZA PIÙ UN FILO DI PANCIA!!ma come caspita è possibile?io penso che facciano qualcosa a livello chirurgico..mi ricordo che solo Vanessa Incontrada ci mise un po’ per ritrovare la forma e i giornali la trattarono uno schifo..ma stiamo scherzando?io fossi stata una donna che ha appena avuto un bambino mi sarei sentita proprio offesa..

  51. Non so,per me discriminare,punire,far pagare per una condizione fisica mi sembra una brutta piega da prendere. Ci sta che le agenzie,i datori di lavoro debbano cominciare a rispettare questi parametri, ok, ma non che paghino le modelle che si trovano già in condizioni cui magrezza estrema,loro vanno aiutate a ritrovare la salute e la pace con loro stesse,eventualmente.
    Altrimenti già vedo il giorno in cui mi faranno pagare perché sovrappeso.

  52. Direi che la Francia sta facendo i primi passi, dei quali tutti i Paesi dovrebbero prendere esempio! Anche io fino ai primi anni di liceo ero magrissima (1.70 x 48kg) pur mangiando come una disperata, ci stavo male quando arrivavano certe battute del tipo “ma un piatto di pasta in più no eh?!”.
    Con gli anni ho preso qualche kg, ora sono alta 1.70 e peso 55 kg. Sto bene con me stessa e questo penso sia la cosa più importante per ognuna di noi!
    E poi se qualcuno ha da dire qualcosa me ne frego… perchè alla gente piace parlare, criticare, giudicare… il problema è ke lo fanno sempre nei confronti del terzo e mai verso loro stessi che forse ne avrebbero più bisogno!! ahah
    Il mio messaggio è rivolto a quelle ragazze che stanno attraversando quella fase critica dell’adolescena dove il corpo femminile se magro di costituzione non ne vuole sapere di assumere kg! Ragazze state tranquille e non vergognatevi del fisico… se siete magre di costituzione non c’è nulla di male, non si può forzare la natura, ma vi assicuro che col tempo il fisico cambia e con buona forza di volontà potrete acquisire quei kg che mancano per farvi sentire soddisfatte!

  53. La scelta di mettere il minimo del bmi possibile per salire in passerella a 18 non è scelto a caso secondo me. Sottopeso lo si è andando al di sotto di 18,5 e se una modella come minimo è alta 1,75 vuol dire che non può pesare meno di 55 chili. Nella vita di tutti i giorni è normale che una ragazza possa essere magra di costituzione mangiando tanto o normalmente, introducendo alimenti anche grassi e avendo una massa grassa nella media. Le modelle hanno una dieta che impedisce loro, per la maggior parte dei casi, l’introduzione di grassi, e quindi questo porta loro ad arrivare a casi di magrezza malata, perché l’organismo non funziona come dovrebbe, con ad esempio i più lampanti problemi di diminuzione di capelli o blocco del ciclo.

  54. Anche io sono magra e ho un imc (l’ho sempre chiamato cosí) di appena appena sopra il 18: Ma un conto é mangiare come un animale (presente!) ed essere magre per costituzione (ed é evidente la differenza tra anoressia e magrezza per costituzione perché quest’ultimo si vede che é sano!), un conto é essere anoressiche e avere tutti quei disagi che l’anoressia comporta… Poi, come hanno citato le ragazze, é stato proprio l’oms a stabilire che l’indice di massa corporea ideale per le donne dovrebbe aggirarsi tra il 18.3 e il 23.8 se non ricordo male… É chiaro poi che ci sono casi e casi, che nel momento in cui una modella x é di costituzione una ragazza magra e che ha un indice pari a 18 o poco sotto, ma ha il ciclo regolare e una corretta funzione metabolica il medico scriverá tutto ció nel rapporto e lei potrá sfilare… Questa é la mia opinione, comunque sono d’accordissimo con questa legge! 🙂

  55. Il BMI è un indice che ha i suoi limiti. VERO
    Ma qui non stiamo parlando di personecomuni, ma di una categoria ad alto rischio di disturbi alimentari!!!!!, per cui credo che un BMI di 18 sia davvero il minimo… Quindi è vero che ci sono persone magrissime di costituzione, ma la % di magre di costituzione fra le modelle quanto credete che sia? Quante credete siano le modelle che anche se già magrette di loro mangiano quello che vogliono?nessuna…la dura verità è questa…e non le incolpo… Sono persone malate e vanno curate. La gente non può dire SI alle malattie.
    Questa legge credo sia manna dal cielo e spero lo adottino ovunque.

  56. Hanno fatto bene. Gli appelli non sono serviti a niente? Bene te lo impongo.
    Spero si cominci a fare così un po’ ovunque.

  57. Post molto interessante! Avevo già letto della notizia e ne sono stata contenta…credo che una persona per fare da “modello” debba essere prima di tutto in “salute”. Ogni volta che vedo una pubblicità o sfilata con modelle magrissime mi vengono i brividi addosso! Nonostante faccio parte delle magre ( 177cm x 55kg) credo che tutti debbano darsi una bella regolata!!! Il bello è sinonimo di salute! Spero che tt le passerelle adottino l’iniziativa francese 🙂

  58. No. L’anoressia é una malattia che puó portare a morte, fine del ciclo e altri problemi… Chi é magra di costituzione (presente), é una persona sana che ha un buon metabolismo e tutti i parametri s posto 🙂

  59. Sì è vero, suona male anche a me. Ma gli appelli sono rimasti inascoltati e la nostra è la società dell’apparire e basta. Allora trovo giusto proporre un modello di salute anche nel corpo. In America vorrebbero combattere l’obesità, ma quando sono andata io una coca da litro costava 1 dollaro, una piccola costava di più. Lì invece dovrebbero rivedere il concetto di porzioni su una dieta da 1800-2000 kcal. Facciano anche lì una legge in merito! Altro che le verdurine biologiche della Sig.ra Obama!

  60. Ho partorito 8 gg fa e la panza e il culone mi sono rimasti…non ho tempo di andare in palestra. Già tanto se dormo un po’ tra una poppata e l’altra del piccolo.
    Ma mi sento comunque bella

  61. Scusate se mi permetto..Il BMI é un parametro che non tiene conto di alcuni aspetti importanti ad esempio il rapporto massa grassa e massa magra (ovvero i muscoli). Paradossamente uno sportivo potrebbe rientrare nel sovrappeso. É limitante, tuttavia credo che per fare una prima selezione possa andarebene ma poi bisognerebbe fare un esame più specifico per capire se la modella é effettivamente anoressica o denutrita.
    Denutrizione é DIVERSO da anoressia.
    La legge in questione non toglie di mezzzo l’anoressia. É impossibile pensare di rimuovere l’anoressia con una legge. É una malattia che esprime disagio interiore, nei propri o altrui confronti. Nessuna persona (scusate il termine bruttissimo) “psicologicamente sana” diventerà mai anoressica (e intendo veramente) vedendo una sfilata!
    Tolgo di mezzo un qualcisa che potrebbe ricordare alla persona “quanto é bello essere magro” ma l’anoressia rimane lì! Detto ciò ben venga, mi sembra una cosa sacrosanta e giustissima per noi; ma se mi mettessi nei panni di una modella, il sentirmi direi “non sfili perché sei un esempio sbagliato” e magari mangio come tutte le altre persone non sarebbe proprio bello. (Detto da una che vive con un bmi attorno al minimo indispensabile. Vi assicuro che quando sono arrivata a un bmi di 17 per altri motivi che non erano l’anoressia, non mi sarebbe piaciuto sentirmi dare dell’anoressica)

  62. È vero. Mia cognata è molto magra ma non è anoressica.
    Il fatto è che se solo quello è il modello discrimini tutti gli altri. Gli stilisti dovrebbero far sfilare varie tipologie di donne, più o meno magre, normopeso, non tutti stecchini. Avevano fatto un appello, ma visto che gli stilisti se ne fregano, secondo me hanno fatto bene a passare alle maniere forti.

  63. È un po’ di tempo che fanno leggi campagne articoli ecc contro l anoressia in generale e soprattutto sul mondo della moda. Chissà come mai, le modelle sono sempre anoressiche

  64. ma fai bene!!infatti dico che sia sbagliato far passare il messaggio che una donna che ha appena partorito deve subito pensare a perdere peso…comunque auguri!!bimbo o bimba???:-)

  65. Comunque non c’è niente di più ipocrita dei giornali femminili. Non ho più rinnovato l’abbonamento quando su un numero si fa il servizio sulla lingerie per donne curvy: anche curvy è bello. Poi nella pagella dei vestiti un commento acido sul fatto che Scarlett Johansson è ingrassata (dove, mi sono chiesta, è splendida! Poi ha avuto da poco un figlio…): ecco avrei voluto mandare una mail dicendo proprio ma andate a c.

  66. È vero, ma è un primo passo ed è limitato ad un settore dove si è rasentato il fondo. Proporrei il divieto di photoshop nelle pubblicità dei cosmetici per pubblicità ingannevole. Basta pelli spianate ciglia chilometriche…

  67. Infatti ritengo che sia giusto quello che é stato fatto. Ma d’altra parte potrebbe generare una confusione sociale non indifferente. <18 uguale "anoressico o poco ci manca". In realtá non é così!

  68. Scusa ma seguendo lo stesso ragionamento anche dire a una “sei obesa” non è offensivo perché l’obesità è una patologia. Voglio dire, lo so che in sé si tratta di termini medici e quindi neutri, ma quando una persona mi apostrofa dandomi dell’obesa o dell’anoressica non mi sta facendo una diagnosi, sta giudicando il mio corpo e mi sta facendo sapere che non va bene.

  69. Finalmente qualcosa si è mosso!!! Sono d’accordissimo con questa legge perché non è pensabile che nel 2015 ci siano delle ragazze che per fare ciò che a loro piace inevitabilmente finiscono per subire gravi danni psicologici. Ammesso che tali danni avvengano dopo essere entrate nel mondo della moda,perché credo che una ragazza che decide di fare la modella, abbia già da parecchio tempo certi ideali di bellezza. La cosa che mi spaventa di più e la reazione delle case di moda. Accetteranno questa legge o faranno di tutto per aggirarla e rendere nullo tutto ciò che si è raggiunto? Non so, mi sembra un “fenomeno” troppo diffuso per essere sconfitto da una legge. O meglio, non credo che una legge abbia il potere di cambiare gli ideali che esistono da anni in questo ambiente. Mi spiace molto però perché continuo a pensare che tutto ciò non sia normale.

  70. Ecco, lo stop al photoshop indiscriminato mi pare ottimo! Credo che ormai la gente sia talmente abituata da non farci più caso

  71. secondo me è positivo! magari ci sarà da perfezionare la legge, ovviamente è difficile stabilire con un solo parametro il confine fra forte magrezza ma “sana” e anoressia, ma intanto è un primo passo, è un segnale che a qualcuno interessa non mandare più messaggi negativi sulle passerelle!

  72. cmq la modella in posa sul bancone è da brividi…cioè davvero mi fa pensare che non ci sono limiti alla voglia di magrezza 🙁 povera,non ho parole….

  73. Ciao ragazze, mi trovo d’accordo con quello che avete detto tutte voi, il BMI è un indice non un parametro perfetto quindi per quelle di voi che sono magre (sottopeso) di costituzione, non credo ci siano problemi. Io stessa ho un’amica magrissima di costituzione ma che mangia normlamente e vi posso assicurare che si nota se la magrezza è sana oppure malata. Qui si parla di anoressia che è una malattia vera e proria quindi non sentitevi in colpa o attaccate, anzi 🙂 🙂

  74. Giustissimo quello che hai detto, io vedendo alcune foto del post sono inorridita dal fatto che si riuscissero a vedere anche le ossa della modella!!! Purtroppo molte ragazze che sono insoddisfatte del proprio aspetto le guardano e pensano che siano un modello da seguire…io penso che la società odiena ci stia distruggendo a furia di proprinarci “modelli” assoluti di perfezione…la perfazione non esiste ma non tutti riescono ad accettarsi per come si è!!

  75. Io penso che comunque i rapporti vengano fatti anche in base ai dati sulla costituzione (si calcola mi pare con la circonferenza del polso), di modo che riescano a calcolare il peso ideale minimo per ognuna in base alla sua costituzione enon solo in base a peso e altezza 😉

  76. La modella sul bancone è Isabelle Caro, fece anche una campagna pubblicitaria contro l’anoressia. Lo era dall’età di 13 anni, non credo che sia una foto fatta come si fanno alle modelle in generale…

  77. Forse non risolverà il problema, ma è un segnale forte ed un passo avanti, specie per quei siti internet….estremamente pericolosi!

  78. Giusto ieri ho letto un articolo su DonnaModerna che trattava proprio l’anoressia e solo ieri ho scoperto che esistono siti e blog interi che trattano il pro Ana, dove Ana è una vera e propria divinità. Ho sofferto molto nel leggere di teenagers che chiedevano consigli per passare dai 45 ai 40 kg prima dell’inizio della scuola o di come fare un solo pasto al giorno. Come spesso accade, anche in questo caso la Francia si dimostra pragmatica nella risoluzione di un qualcosa che sta dilagando davvero troppo! Approvo in pieno!!!

  79. Finalmente una legge che regoli questo mestiere delle modelle . Anche se solo in Francia e’ un buon esempio per il resto del mondo che speriamo si allinei. Oggi la moda si segue moltisso per cui tutte vedendo quelle modelle cosi’ innaturalmente magre ci chiediamo come sia possibile tutto cio’ ! Speriamo ci sia un’inversione di tendenza verso la normalita’ !

  80. No, forse mi sono spiegata male 🙂 Sono d’accordo con te quando dici che le persone non fanno diagnosi ma giudicano, e sono la prima a dire che ognuno dovrebbe farsi i fatti propri e soprattutto preoccuparsi del proprio corpo anzichè giudicare/criticare gli altri. Volevo solo dirti che l’anoressia è una patologia e che è molto diverso dal molto magro 🙂 tutto qui

  81. Ill mio BMI è 16.53 ma io mangio, faccio sport e sono in forma!!!Di sicuro non sono magra come le modelle che sfilano!Come al solito si fa di tutta l’erba un fascio….esistono persone un po’ più in carne che si chiudono in bagno ogni volta che mangiano…ma se il loro BMI è superiore a 18 allora va bene?E’ vero che non si possono prendere in considerazione i singoli casi ma di sicuro bisognerebbe ragionare un po’ di più prima di fare queste leggi…vorrei sapere il BMI di Cara…

  82. Mi sembra abbastanza superfluo riportare in auge la discussione secondo
    cui esistono anche ragazze naturalmente magre e molto magre che in discussioni come queste si sentono “discriminate” e chiamate in causa: lo
    sappiamo, e per fortuna che esiste questa diversità! Ma qui si parla d’altro,
    si parla di una malattia, e c’è una bella differenza tra una ragazza magrolina
    ma sana e una ragazza anoressica: si tratta di differenze chiaramente visibili
    anche ad occhio nudo, figuriamoci per un medico. L’IMC è il modo per
    individuare chi potrebbe non essere nella norma, ma ricordiamoci che sarà un
    medico a rilasciare il certificato sanitario, e un medico saprà distinguere una
    ragazza “skinny” da una malata, non vi pare?

    Comunque mi rendo conto che è un argomento piuttosto complesso…

    D’altro canto, eliminare i siti e i blog con contenuti pro-Ana, oltre che un’operazione probabilmente impossibile, mi sembrerebbe anche deleteria. Quello che serve è una maggiore informazione, diffusione di cultura e valori, servono degli aiuti concreti per noi giovani.

    I cartelli di divieto non sono mai serviti a niente, se non a scatenare
    la reazione opposta.

    E poi, se non saranno blog, chi vuole autodistruggersi troverà sempre il modo per farlo, per sfogarsi e per condividere le informazioni acquisite con altre persone interessate.
    Bisogna invece lavorare sull’autostima, sulla propria forza, perché stiamo parlando di un male che non arriva da solo e che quasi sempre è una sofferenza psicologica riversata sul proprio fisico: “la stima di sé è la confidenza nella propria capacità di pensare e reggere alle sfide della vita. Implica avvalersi del diritto di avere successo ed essere felice, il diritto di sentirsi degni, meritevoli, con la facoltà di esprimere esigenze e desideri, la possibilità di perseguire i propri valori e la liceità di godere il frutto dei propri sforzi”.

    Vorrei aggiungere, d’altro canto, che anche quella delle modelle cosiddette “curvy” è una piaga, in quanto fomenta il messaggio diametralmente opposto all’anoressia, ossia l’obesità. Questa colossale campagna di marketing “curvy” sta dando liceità all’essere sovrappeso, come se essere sovrappeso fosse cosa normale, sana, naturale. Ma non lo è.

    Qualcuno più giù citava, a questo proposito, la modella Tess Munster,
    che è una modella americana “plus-size”, così si definisce, molto richiesta
    ultimamente. Ecco, Tess non è morbida, non è burrosa, non è in forma. Tess è
    grassa, laddove “grassa” non costituisce un insulto, bensì la semplice ed
    oggettiva esposizione dei fatti. Ritengo, dunque, sia indispensabile far
    passare i messaggi giusti, da una parte e dall’altra.

    E aggiungo, in conclusione, che i modelli estetici a cui ambiscono le giovani donne non vengono quasi mai direttamente dal mondo della moda, bensì dal mondo dello spettacolo (programmi TV) e dei social network (Instagram e Tumblr in special modo). Quindi, come bisogna fare per avviare una vera campagna di sensibilizzazione su questi problemi?

    Mi sono dilungata parecchio, scusate il papello!

    P.S.: http://miymakeup.blogspot.it/

  83. una cosa è la costituzione, e dipende quanto sei sottopeso, e una cosa è voler essere eccessivamente magri e un’altra cosa ancora è essere costretta a fare la fame per sfilare!

  84. non credo che si basino solo sul bmi. perchè un conto è fare la fame e portarsi sotto questo valore e una cosa esserci perchè di costituzione. quando sei praticamente anoressica il tuo corpo reagisce in molti modi (tipo il ciclo) e ciò non accade a chi è magro di costituzione. e anche se una persona dice di stare bene ma è sotto quel valore, e mangia tanto, c’è il rischio del’ipertiroidismo.

  85. io sono totalmente d’accordo con ciò che ha fatto la francia ma non credo che sia ormai molto utile. il canone eccessiva magrezza= bellezza è ormai troppo radicato nella società per essere debellato

  86. Marty un discorso molto interessante, concordo con tutto!
    Non mi piacciono le generalizzazioni riguardo i disturbi alimentari perché come dici tu dietro a queste malattie ci sono motivi psicologici molto vari. Il fatto di voler disperatamente avere un fisico da modella super magra può certamente essere una causa in alcuni casi, ma in genere il discorso è molto più complesso.

  87. Siamo tutti psicologicamente sani, finchè non lo siamo più. Lo “psicologicamente sano” a prescindere non esiste. Non è che un individuo nasce con la predisposizione all’anoressia o ai disturbi alimentari in genere, sono le influenze dell’ambiente in cui cresce e vive che fanno sì che sviluppi questi disturbi. Quindi ben vengano leggi del genere (anche se mantengo le mie riserve sul bmi come indice unico da tenere in considerazione) per ridurre alla radice alcune delle cause che possono portare a patologie di questo genere!

  88. Il problema non esisterebbe se le casa di moda la smettessero di creare categorie. Oramai esistono solo modelle “anoressiche” e modelle “curvy” da far sfilare rigorosamente in occasioni differenti. Mai insieme. E se invece organizzassero sfilate con ragazze e donne di tutti i pesi, le altezze e le età? In fondo è il vestito che deve adattarsi alla donna, non è la donna che deve adattarsi al vestito. Se gli stilisti sono bravi come dicono ( o per lo meno si fanno pagare come tali) dovrebbero saper creare abiti per ogni tipo di donna, uomo e bambino di qualsivoglia dimensione. Ovviamente non dico di scegliere la prima che capita per strada: ci vuole personalità, versatilità, portamento, disponibilità a viaggiare ecc. per fare la modella, ma è un mestiere come un altro. Non è giusto che si debba essere escluse per il proprio aspetto e come tutti i lavori si può sempre imparare a farlo. Ciao a tutte ^_^

  89. Sono molto d’accordo con te. E’ un bel segnale la legge in Francia ma è troppo poco per portare dei veri cambiamenti.
    Ciò che serve davvero è informazione, educazione, autostima.
    Però non riesco a non pensare che ciò che vada radicalmente cambiata è la società. Non è Tizio che decide cosa è bello, è Tizio+Caio+Sempronio.
    Secondo me ancora non si riesce ad affrontare la questione nei termini in cui andrebbe afforntata, c’è un molto pressapochismo intorno a questo genere di malattie che, seppur mortali, non sono prese sul serio.
    Dunque, avevo scritto una risposta lunghissima ma l’ho cancellata, il discorso è troppo, davvero troppo vasto.

  90. Bello questo post, brave ragazze!
    Io ora diró una cosa forse impopolare, ma a me una legge fatta cosí non piace.
    É molto comodo prendersela con le passerelle, peccato che siano solo l’ultima parte del problema. Credo che l’anoressia si combatta con l’educazione, ovvero a scuola e in famiglia. Mi sembra troppo facile scaricare la responsabilitá di un’educazione disattenta verso l’alimentazione e l’amore per il corpo al mondo della moda, che é solo l’utilizzatore finale di questo pessimo fenomeno. Educazione alimentare, sport, autostima: servono queste tre cose a mio parere per vincere i disturbi alimentari.
    La maggior parte delle ragazze che sviluppano queste malattie lo fanno come reazione a realtá sociali troppo esigenti (famiglie che pretendono troppo, sovraccarico di responsabilitá ecc) e non come mera imitazione di un modello (sbagliato).

  91. bravissima! è esattamente quello che penso io! dovrebbero far sfilare ogni tipo di donna e far vedere che sono bravi a riuscire a valorizzare ogni tipo di figura … troppo facile far sfilare degli attaccapanni umani, il vestito restà lì appeso senza personalità, a volte viene persino sminuito

  92. comunque 1.75 x 55 kg è ancora abbastanza sottopeso… io sono alta 1.70 e il mio peso forma, confermatomi da tutti i medici e nutrizionisti che conosco, è 63kg. Non sono contraria ai fisici supertonici e asciutti, però comunque anche quelli che sembrano sani e belli da vedere, sono “sottopeso” di circa 10kg

  93. Fanno bene a combattere L’anoressia in passerella, ma non è questo il modo. Il BMI è un buon indicatore fino ad un certo punto… Farebbero meglio secondo me a richiedere piuttosto visite mediche approfondite per vedere l’effettivo stato di salute (es uno dei primi sintomi di dimagrimento esagerato è L’arrestarsi del ciclo).
    Una sacco di gente risulta essere sottopeso se si valuta solo il BMI ..

  94. Per quanto ne so vengono scelte modelle magre o magrissime perchè i vestiti non sono fatti su misura, hanno un’unica taglia, e per fare abiti di taglie diverse bisognerebbe farli su misura per ogni modella. Le modelle magre possono indossare qualunque cosa, mentre quelle con qualche forma no, perchè i vestiti potrebbero cadere male.
    Certo, se ci fosse la volontà si potrebbe anche fare una cosa del genere, ma bisognerebbe spenderci piú energie e soldi…

  95. credo ci sia anche una componente psicologica da valutare. come per gli obesi o chi soffre di binge o bulimia.

  96. Non lo so, mi sembra un po’ discriminatoria come legge…allora bisognerebbe fare lo stesso anche per altre categorie, tipo i body builder, anche lí la linea tra salute e patologia è sottilissima. Anche la gente che si distrugge con la chirurgia è malata e potrebbe dare cattivi esempi. Insomma, prendersela con le modelle mi pare troppo, come se queste fossero solo un capro espiatorio.

  97. L’anoressia è una malattia soprattutto mentale, causata da problemi che nulla hanno a che vedere con il corpo… La separazione dei genitori, una delusione in amore, una fragilità eccessiva… Ci si sfoga sul corpo perché è più facile controllare il cibo che il problema vero… Una legge del genere cambierà le cose? Non credo… Forse vedremo meno modelle anoressiche, ma se una modella ha un problema mentale che non riesce a curare, semplicemente sarà licenziata…
    Per risolvere il problema dell’anoressia è necessario lavorare sui bambini, istruirli, aiutare i genitori ad accorgersi dei segnali… Le modelle attualmente anoressiche sono, purtroppo, irrecuperabili 🙁

  98. Beh, io sono 175x 52kg…. Il mio BMI è inferiore al 18… E, fidatevi, non sono anoressica! Quando si parla di queste cose entrano in gioco moltissime cose, anche genetiche, anche personali e questa legge mi sembra…. Mooooooolto migliorabile!
    E, come già detto altre volte, più che altro andrebbe promosso l’amore verso la propria persona
    Buona serata a tutte 🙂

  99. Che tristezza. Spero veramente che questa legge si estenda anche al di fuori della Francia e che questi siti cessino di esistere. Povere/i teenagers.

  100. Anche io avevo un’amica che era magrissima e il suo BMI era inferiore al minimo ma mangiava come un animale, quando qualcuno le chiedeva se mangiasse ci rimaneva sempre male perchè ovviamente non voleva passare per una che aveva problemi alimentari.Sicuramente ci sono le magre per costituzione ma alcune modelle esagerano e credo sia giusto imporre delle regole e delle pene per chi si ”approfitta” di queste cose.

  101. Si..in fondo é quello che penso anche io. Va bene ed é giusto il criterio non scegliamo modelle scheletriche che mandino messaggi sbagliati. Sono d’accordo che il BMI non sia il criterio per diagnosticare l’anoressia. Ma rimango abbastanza convinta che ciò che faccia scattare in una persona l’anoressia non sia solo la moda. Può contribuire ma non é quello che fa scattare il meccanismo.

  102. Conosco gente costituzionalmente magrissima che non crede di stare bene con tutto anzi lamenta proprio che a volte non trova la xs o che cade a sacco…

  103. Ciao, secondo me hanno fatto bene a mettere questa legge.
    Anche se non so quanto il BMI sia un buon indicatore, non si dovrebbe tenere conto anche della dimensione delle ossa?
    Comunque, sì secondo me vedere modelle meno magre può cambiare le cose (certo non basterà a eliminare i disturbi alimentari, ma può aiutare a diminuire il problema)! Ho letto nei vostri commenti che secondo molte non cambierebbe nulla, ma secondo me invece sì! Vedere sempre queste modelle magrissime nei telegiornali, nei servizi di moda, nelle riviste sì che influenza!
    Per i siti anche fanno bene a mettere le multe, è assurdo che ci possano essere siti pro Ana o pro Mia! È come se ci fossero dei siti che promuovono la mafia, andrebbe bene solo perchè le persone devono essere educate dai genitori e insegnanti?
    A me piacerebbe che anche negli altri paesi facessero una legge simile.
    Poi un’altra cosa che mi piacerebbe è che le modelle fossero diverse (donne di diverse taglie e altezze).

  104. Ciao Manu Zeta. Sì, bisognerebbe spenderci più soldi ed energie, ma quando una persona va da un sarto o una sarta a farsi fare un vestito, non è che poi quella/o si rifiuta di farglielo perchè sa fare abiti di una sola taglia. E se una semplice sarta o un semplice sarto sanno lavorare su diverse forme e misure e le sanno valorizzare, perchè non dovrebbe saperlo fare un grande o una grande stilista? Ancor meglio se poi quella stessa bravura viene mostrata in passerella. Secondo me ci guadagnerebbe in prestigio la o lo stilista e non si creerebbero dei falsi canoni di bellezza. Solo perchè non si entra o si casca dentro a quell’unica taglia non vuol dire che si è più belle/i o più brutte/i. Si è solo di un’altra taglia. ^_^

  105. Sono d’accordo, ma gli abiti che girano in passerella sono dei samples. E le modelle sono solo dei manichini per quegli abiti. È una logica all’incontrario, dove l’abito è protagonista. Infatti tutte le modelle sono standardizzate e omologate (stesso trucco, stessi capelli etc) perchè alla fine l’unica cosa che deve essere esaltata è l’abito, non la modella. Non significa che io sia d’accordo con questa logica, sto riportando solo quello che ho sentito in alcuni documentari sull’argomento! 🙂 Il discorso di prima sul fatto che sulle magre è piú facile mettere tutto era solo una risposta al perchè non si scelgono taglie diverse. Anch’io me l’ero chiesta e ho scoperto che funziona così per i motivi che ho scritto nell’altro commento 🙂

  106. Si, però è sempre piú facile vestire una persona piatta come una tavola e senza curve, bene o male a loro infili tutto. Una persona con qualche forma invece riempie e modifica il vestito ed è piú difficile che possa indossare tanti abiti diversi. Anche se una è magrissima, ma ha una quarta, fa fatica a mettere certi vestiti (tipo il collo alto che fa un po’ un effetto strano specialmente se è uno di quelli con stampe e geometrie) Poi ogni persona si mette quello che vuole, ma dal punto di vista di uno stilista che deve presentare un abito al pubblico è piú semplice fare misure standard per modelle tutte uguali. Senza preoccuparsi di come veste alla modella x o y.

  107. Sono perplessa.
    Sorvolando l’ovvia questione di chi è naturalmente magro ma anche sano,i fini dell’iniziativa sono lodevoli, e forse qualche differenza potrebbe farla,però secondo me il problema è un altro. E’ che un qualche signor Guru x della moda ha deciso che c’è un solo modello da seguire se vuoi sfilare, ed è di essere una specie di stampella ambulante. E poi ci sono i media che gli vanno dietro che ti bombardano convincendoti che “si può solo essere così”. Sarebbe tremendo anche se il sig.Guru si svegliasse e decidesse “ok, da domani in passerella solo taglie forti con la quinta di reggiseno e le altre si arrangino”
    Piuttosto, che inizino a mostrare sfilate con modelle magre e rotonde, alte e basse, perché siamo esseri umani e non manichini preconfezionati. Quello sì farebbe la differenza, secondo me.

  108. Anche io sono magrissima di costituzione, ormai ho smesso di fare shopping con persone che non siano mia mamma perché mi sono stancata dei continui commenti….. -.-“

  109. sicuramente potrebbe aiutare… le stesse modelle! che se vogliono lavorare devono mettere su qualche chiletto! per il resto… è una semplificazione davvero esagerata ricondurre i disturbi alimentari al messaggio mandato dal mondo della moda. e le demonizzazioni in genere non producono effetti positivi. purtroppo in queste malattie entrano in gioco dinamiche che noi non possiamo nemmeno immaginare. quindi chissà

  110. esatto!!la cosa migliore sarebbe far sfilare tutti i tipi di fisici,perché le donne sono diverse tra loro!!

  111. Lo trovo discriminante. Bisognerebbe più pensare alla psicologia della patologia che al BMI. Inoltre, se seguiamo questa logica, dovrebbero vietare di sfilare anche alle modelle curvy eccessivamente sovrappeso?

  112. Il BMI è UN CRITERIO per la diagnosi dell’anoressia. Possono esserci casi di problematiche alimentari anche tra persone normopeso o sovrappeso (soprattutto bulimia, binge eating disorder…)
    Riporto i criteri, dal DSM IV, per la diagnosi di anoressia nervosa. Li ho ripresi da internet, spero ci siano tutti. Ovviamente anche questi non bastano per una diagnosi, vengono fatti colloqui, test, colloqui con i familiari…

    A. Rifiuto di mantenere il peso corporeo al di sopra o al peso minimo normale per l’età e la statura (per es. perdita di peso che porta a mantenere il peso corporeo al di sotto dell’85% rispetto a quanto previsto, oppure incapacità di raggiungere il peso previsto durante il periodo della crescita in altezza, con la conseguenza che il peso rimane al di sotto dell’85% rispetto a quanto previsto).

    B. Intensa paura di acquistare peso o di diventare grassi, anche quando si è sottopeso.

    C. Alterazione del modo in cui il soggetto vive il peso o la forma del corpo, o eccessiva influenza del peso e della forma del corpo sui livelli di autostima, o rifiuto di ammettere la gravità della attuale condizione di sottopeso.

    D. Nelle femmine dopo il menarca, amenorrea, cioè assenza di almeno 3 cicli mestruali consecutivi. (Una donna viene considerata amenorroica se i suoi cicli si manifestano solo a seguito di somministrazione di ormoni, per es. estrogeni.)

    Questo per dire che ok, forse non è giusto proporre modelli esageratamente magri o sovrappeso, ma SOTTOPESO è estremamente diverso da ANORESSICO/A.
    E poi, dipende sempre cosa intendiamo. Se mettiamo la foto di una ragazza obesa o molto sottopeso in una campagna che promuove l’amore per sé stesse senza escludere il ricorso ad un medico o ad un’equipe di specialisti, ci sta. Diverso è il modello di bellezza che si propone.
    E comunque, vorrei sottolineare anche che l’anoressia non nasce mai per semplice imitazione di una modella. Il problema, e lo ripeterò fino allo stremo, è quando il corpo femminile diventa un oggetto. La donna prova vergogna per il proprio corpo quando si auto-oggettivizza, ovvero vede sé stessa come un semplice oggetto che deve rispondere a determinati canoni. Qui, insieme a problematiche molto profonde e radicate (giusto per dirne una, il rapporto con la madre spesso è molto problematico, ma è tutto estremamente complesso), la vergogna porta al RIFIUTO di sè stessa, della propria femminilità, e a un tentativo di auto-annullamento. Ma, ripeto, questo processo avviene in persone già fragili per mille altre ragioni profondissime. Leggete questo articolo:

    http://www.chiarasole.it/wikisole/riflessioni-sul-sintomo.html

    Sinceramente, non so se questa legge in sè sia giusta o meno. Quello che so è che, così scritta, alimenta la disinformazione. Continuiamo a pensare che l’anoressia nasca dal desiderio di sentirsi belle, e faremo il danno peggiore. Ma soprattutto, pensiamo di risolvere il problema semplicemente cambiando i canoni di bellezza, e allora si che non combineremo nulla di buono.

  113. mah, io non credo… è solo l’ ideale di quest ultimo ventennio… basta tornare agli anni 80: le modelle erano magre certo, ma non scheletriche. anzi davano una certa idea di salute quasi. erano in forma diciamo. poi certo erano “inarrivabili” comunque (parlo delle supermodels).

  114. E uno psicologo…l’anoressia, non dimentichiamolo, è una patologia psicologica.Se una ragazza ad esempio è molto magra, ma SA DI ESSERLO, NON DESIDERA DIMAGRIRE ULTERIORMENTE e NON BASA LA PROPRIA AUTOSTIMA SUL PESO è già molto meno probabile la diagnosi di anoressia.

  115. la società può essere una causa scatenante, ma NON PROFONDA, per lo sviluppo dell’anoressia. Le cause profonde sono radicate nei nostri primi anni di vita, nei rapporti con i genitori, nella genetica, nella nostra idea di noi stessi. E si, una ragazza può benissimo essere più predisposta all’anoressia rispetto ad un’altra. Ci sono case con fondamenta più fragili e case con fondamenta più solide, è innegabile. Dove per fondamenta intendo genetica e rapporto con le figure di riferimento importanti del bambino. E questa della casa è una metafora presa pari pari dal mio professore di psichiatria.
    Ridurre alla radice le cause non vuol dire affatto intervenire sulla società. Vuol dire fare una psicoterapia individuale.

  116. Finalmenteeeee….forse potrò smettere di chiamarmi “DIETA” di secondo nomeeee!!! Yeyyy!!!…dai che forse ci siamo….iniziano a cambiare i tempi!!…altro che “bello e’ magro”…” bello e’ ciccetta”…ahah…io sono costantemente alla rincorsa di perdere i soliti fantomatici 4/5 kg tutti concentrati sul fondoschiena !! Almeno CLIO ha un bel “davanzale” io ho due “pirulini” per accendere la radio!…ahah!!…Ciaoo!!

  117. Post molto interessante, è sempre “gratificante” sapere come gli altri paesi sono sempre un passo avanti a noi Italiani, detto ciò credo che possiamo solo prendere esempio dalla francia, essendo l’unica a muovere qualcosa contro questa bruttissima malattia che colpisce sempre più ragazze! Io penso che meriti un premio solo per averci fatto qualcosa di concreto.

  118. Questo tema oggi mi tocca particolarmente poiché, solo due giorni fa, ho saputo che una mia ex coinquilina, malata di anoressia, purtroppo non ce l’ha fatta 🙁

  119. Sicuramente è una bella iniziativa, finalmente una ragazza con un sogno non deve morire per vederlo realizzato.

    Speriamo che prima o poi cada anche la regola che se non sei una stangona non puoi sfilare…sarebbe davvero una bella cosa.

  120. E’ morta qualche anno fa, a quanto ricordo, ma potrei anche sbagliare, aveva un rapporto molto conflittuale con la madre, tanto che quest’ultima dopo la morte della figlia si suicidata. Che brutta storia.

  121. Ma magari lo facessero tutti, ovunque…
    Un BMI pari a 18 è improponibile. E non mi dite che c’è chi nasce così. C’è differenza tra essere magre ed essere denutrite. Poi nei casi in cui sia “costituzione” (casi rari) mi dispiace per quelle ragazze, ma rientreranno nei milioni di casi di persone che “non nascono col fisico da modella”.

  122. La prima parola che mi è venuta in mente è stata FINALMENTE!!!! Tutti i Paesi (in particolare gli USA) dovrebbero prendere esempio dalla Francia, in modo da diffondere alle nuove generazioni giuste idee, che non sono certo “oddio non porto una 38, quindi faccio schifo e sono obesa!”. Finalmente gli ideali promossi saranno quelli di stare bene con il proprio corpo ed essere in salute (che è la cosa più importante!).
    Però ho un dubbio: riusciranno a eliminare le modelle “scheletriche”? Come faranno? Ma soprattutto: ce la faranno??

  123. Ma che discorso è? “ognuno deve fare quello che vuole col corpo che ha”? Bene, allora possiamo fare le modelle tutte, giusto? Perché tutte abbiamo il diritto di sfilare. E invece no.
    Una modella dovrebbe essere – come dice il nome – un modello. Se il modello è irraggiungibile, a meno di nascere così o smettere di mangiare, quel modello è inadeguato. Il modello dovrebbe poter essere raggiungibile da tutti senza ammalarsi e seguendo una dieta sana.

  124. Però chi è grasso di costituzione viene tranquillamente additato, giusto?
    Perché non ci battiamo affinché Valentino, ad esempio, faccia sfilare chi è grasso perché soffre di tiroide? Non vorremmo mica discriminare delle persone malate, giusto? Ma che discorsi fate?

  125. Vero, in parte é una semplificazione, ma il BMI pur essendo solo UNO dei criteri per diagnosticare un’anoressia é invece un indice abbastanza CERTO di denutrizione. E’ un campanello di allarme che indica che il corpo é in pericolo di vita, che ci sia dietro o meno un’anoressia. Certo, sarebbe bene che oltre a questa legge si dessero più fondi ai centri di cura, alle campagne di prevenzione etc etc…però é un inizio….vedremo se porterà anche ad altri risultati più concreti o resterà solo una sparata politica

  126. Mi avete fatto molto riflettere con i vostri commenti sul BMI e il rischio di discriminazione.
    In effetti leggendo qua e là, in un primo momento la commissione affari sociali aveva dato parere negativo su questo punto della legge (ma non sul divieto ai siti pro anoressia e bulimia), proprio sottolineando il rischio di togliere il lavoro a una categoria di persone in modo discriminatorio. Dopodiché la camera francese ha invece dato l’ok, fregandose del parere della commissione.
    Va sottolineato inoltre che da quel che ho capito più che il BMI si parla di un vero e proprio certificato medico che attesti uno STATO DI DENUTRIZIONE, il che toglierebbe di mezzo il rischio di non assumere persone magre di costituzione.
    A questo vediamo se il senato approverà definitivamente la legge.
    Interessante discussione.

  127. Io peró credo che si capisca quando una persona è molto magra di costituzione, ma sana, rispetto a una persona con problemi di anoressia. Una persona che si nutre come dovrebbe, ha un bel colorito, bei capelli, viso rilassato… Anche se é molto magra. Differente è una persona con seri problemi alimentari, che ha una fisicità malata e riconoscibile… Certo, io parlo di persone “normali” in passerella è tutto diverso, ci sono centinaia di professionisti (makeup artist e parrucchieri) che si prendono la briga di “mascherare” i segnali della malattia facendo diventare le modelle bellissime.

  128. Ciao a tutte!
    Comincio con un’osservazione: E’ strano come ora le ragazze e Clio stessa mettono la mani avanti all’inizio si ogni articolo: “se vi interessa leggete oltre”, “a puro scopo informativo” e così via… Spero che adesso almeno le responsabili di tutto ciò siano contente!
    Riguardo al articolo io la penso in questo modo:
    Era ora che qualcuno ha cominciato ad agire in una maniera più concreta, e spero che queste misure vanno oltre le passerelle (anche perche io ogni tanto leggo il Vanity Fair ma di sfilata non ne ho mai vista una. Con questo voglio dire che queste immagini delle ragazze troppo magre devono proprio SPARIRE dalla faccia della terra).
    E spero che la Francia è solo un inizio, un pioniero, e non rimane solo una goccia nel mare. Se no, presto ce ne dimentichiamo com’è già successo altre (troppe) volte.

  129. Mamma mia, sono sconvolta…non riesco proprio ad immaginare come si sia sentita lei o sua madre…che tristezza!

  130. Sono d’accordo con ritenere il bmi non adatto cone strumento!Anche io sono una di quelle ragazze magrissime che risulta costantemente con bmi sotto i 18 e mangio molto!….in ogni caso sono a favore di questa legge perché almeno è una cosa concreta contro una delle piaghe della nostra società!L’anoressia è come una tossicodipendenza,queste persone vanno aiutate in ogni modo,anche con una legge!Bravo ministro francese,speriamo si estenda anche all’Italia questo provvedimento!

  131. Sono davvero felice che la legge sia passata… adesso non resta che aspettare che si diffonda! Io ho in classe una ragazza anoressica, per me è straziante vederla quando alle feste non prende nulla da mangiare, quando mentre eravamo in gita non toccava nulla che non fosse un vegetale.. Per fortuna la situazione ora sta migliorando, spero anche grazie all’aiuto e al supporto che tutte noi compagne di classe cerchiamo di offrirle, anche se ci risulta difficile capire quando è giusto o quando invece potrebbe causarle fastidio o imbarazzo…

    Penso che sarebbe carino se anzichè presentarsi come “il team” vi presentaste con i vostri nomi, io faccio sempre fatica a ricordarmi chi vive dove e chi fa cosa! D:

  132. Dunque,il discorso è molto complesso.Di sicuro è una buonissima iniziativa,che spero sia adottata anche negli altri paesi,ma il BMI non so quanto vada preso alla lettera perché bisogna considerare l’ossatura delle persone:ho un’amica che per le tabelle è sottopeso,ma non ha assolutamente un aspetto deperito,anzi,è solo che ha l’ossatura finissima,sembra che abbia ancora il corpo di una ragazzina.
    Di sicuro la questione deve essere valutata al momento di fare il colloquio,quando le modelle sono in costume:credo si capisca chi ha un aspetto sano e chi no.
    Comunque è una cosa ammirevole che si cerchi di trovare una soluzione con interventi “dall’alto”,visto che agli stilisti sembra non fregare una cippa se sulle passerelle sfilano ragazze denutrite(ed io solo per quello li farei fallire tutti quanti).
    Una cosa non riesco a spiegarmela però e mi scuso se mi dilungo:come mai queste ragazzine che inneggiano all’anoressia prendono come esempio queste modelle?Sono delle sconosciute,nessuno sa chi sono,i media non danno loro nessuna importanza perché oggettivamente non si possono vedere.I giornali e la televisione danno spazio a donne in forma(modelle di intimo,veline ecc..)che però,pur essendo snelle e con un fisico difficilmente raggiungibile,sono tutte lontane dal sembrare denutrite.E’per questo che a volte non mi sento di demonizzare neppure i media.Ma queste ragazzine che seguono questi siti pro-ana di merd@ perché si fissano con ‘ste modelle denutrite?Da dove accidenti prendono questo ideale di bellezza malato?Un conto è una ragazzine che vuole diventare come Adriana Lima,un conto è una che vuole assomigliare ad una di queste povere creature che figurano nelle foto che ha postato Clio.
    Giuro,è una cosa che non riesco a comprendere,che cosa ammirano in queste ragazze?

  133. guarda spero che tu abbia ragione! se tutti gli stati facessero come ha fatto la francia, forse la società aprirebbe di più gli occhi e farebbe un passo indietro

  134. Uff… Io non guardo le sfilate e pensavo di essere magara… Ora scopro che i miei 54 kg per 1.68 sono ben oltre il limite che hanno dato loro :'(

  135. Non so, mi sembra un po’ esagerata come cosa. Va bene mobilitarsi per questo problema molto ricorrente oggi ma non vorrei si stesse esagerando. Se una di costituzione è magra ed una BMI inferiore a 18 deve essere per forza anoressica?? Mmmhhh, forse così passa un messaggio sbagliato allo stesso modo.
    Visto che vogliono il certificato medico è proprio questo che facendo esami appositi deve stabile se una persona è in salute o no, indipendentemente dalla BMI.

  136. credo che la maggior parte delle ragazze che stanno commentando siano d’accordo con te su questa cosa. Stanno infatti dicendo che considerare il BMI di 18 come cut-off non è giusto, ma bisognerebbe utilizzare altri parametri; il BMI è si un criterio medico ma infatti molti medici non lo utilizzano perché non è “personalizzato”.

  137. Sono d’accordissimo con questa legge e di tutti i principi che l’hanno ispirata e spero di non essere fraintesa per quello che sto per scrivere. Fatta questa premessa vorrei però dire che il vietare certe pagine internet mi sa di premessa a future censure di altro tipo da parte dei governi. Spiego meglio, internet è sempre stato del tutto libero e per questo ha portato a tutti a passi avanti che sono stati fatti negli ultimi anni, i pochi stati che hanno messo dei paletti sono state le dittature; il fatto che il governo francese metta certe leggi anche nel mondo della rete a me francamente un po’ spaventa.
    ripeto, la legge in toto è giustissima e i siti pro-ana mi hanno sempre messo un sacco di terrore.

  138. Secondo me è sbagliato il metodo, io sono un metro e 70 e peso 45 kili, non perché non mangio ma è cosi il mio corpo. Ho le ossa piccole, un 35 di piede e una testolina piccola, infatti posso solo comprare i cappelli per bambini. È dalla prima visita agonistica fatta a 7 anni che mi dicono che sono sotto peso ma sono in piena salute. Mi da fastidio che mi potrebbero etichettare come anoressica,sembra di tornare al liceo.
    Detto questo se si usano altri parametri questa legge è corretta

  139. infatti a volte non é questione di dieta ecc.Bisognerebbe fare una distinzione tra chi é mal nutrito, chi ha un buon metabolismo e chi invece ha problemi addirittura con quello ( non riesce a mettere su peso). Io mi trovo in una situazione simile anzi si nota di più perché sono alta 1,84 e sono 10 anni che il mio peso va dai 62 ai 65 kg e per come mangio io, visto che mi piace dovrei esserne molti molti di più ma niente da fare..però cmq già guardando bene una ragazza in faccia lo vedi se é costituzione o dell’ altro…il viso la pelle i capelli sono le prime cose danno segnali

  140. E’ vero…una seconda imbottita!! Che triste!!…vorrei collegarmi una cannetta che sposta il grassetto dalle chiappe alle zizze!!

  141. CIAO

    Stiamo registrato, garantiti e certificati governo, società di
    prestito internazionale, e diamo i prestiti a individui, società,
    istituti, organizzazioni imprenditoriali e le persone di tutti i tipi
    in tutto il globe.Are Avete bisogno di un prestito per qualsiasi
    scopo? Sei in un problema finanziario, Avete bisogno di una soluzione
    finanziaria Avete bisogno di prestito urgente per saldare il conto, o
    per gestire alcune sfide finanziarie ?! Avete bisogno di prestito
    urgente per saldare il conto, o per gestire alcuni problemi
    finanziari? O si sta là fuori alla ricerca di pozzi che offrono
    prestiti segreti per ottenere un prestito? FONDI HOME Azienda è la
    soluzione a tutti i vostri problemi finanziari, i nostri prestiti sono
    facile, economico e veloce. Contattaci oggi per tale prestito si
    richiede, possiamo organizzare un prestito per soddisfare il vostro
    budget a solo il 3% di tasso di interesse scriveteci subito:rkoladi@gmail.com

  142. Io sono una modella, ho un bmi di 17, ho molti muscoli perché mi piace fare sport e mi sento dire costantemente ai casting che ho le gambe troppo grosse, e che sono grassa. Non me ne faccio un cruccio perché per me l’essere in forma è più importante che sfilare, e ho un altro lavoro su cui contare (chirurga). Su una ragazza più giovane, e che punta tutto sulla carriera di modella, gli standard che vigono oggi per sfilare sono deleteri. Era ora che si facesse qualcosa. Certo il bmi non è il metodo migliore ma è sempre meglio di niente.
    Non vedo l’ora che tornino in auge le forme alla Cindy Crafword! Magri sì, ma sani e tonici.

  143. Ehm, a me basta perdere 1 kg (cioè come ero fino a poche settimane fa) per avere un bmi leggermente inferiore a 18, sono magra ed esile, è vero, ma ho anche un po’ di pancetta e le gambe leggermente muscolose, non mi definirei nè denutrita nè anoressica. Dunque sì, c’è chi nasce così e non sei più carina di chi accusa le persone sovrappeso.
    Con questo non voglio dire che non sono d’accordo con la legge, anzi, così come non possono sfilare persone sovrappeso non lo faranno nemmeno persone sottopeso, d’altronde di parla di “modelle”. Non sarebbe male però se oltre alle sfilate e alle linee plus size iniziassero a fare anche quelle per noi “petite”, anche perché io sono abbastanza stufa di andare a comprare i vestiti nel reparto bambini e stiamo iniziando a discriminare dall’altro lato!

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here