Ciao a tutte!

Se state leggendo questo blog, presupponiamo che siate interessate al mondo beauty e che nutriate la vostra passione divorando siti, magazine, blog, account Instagram e canali YouTube dedicati a questo tema. Sia che vi imbattiate in testi e canali scritti in inglese, sia che leggiate altre lingue o che preferiate seguire solo blogger e riviste italiane, ci sono alcuni termini ormai diventati internazionali e imprescindibili per capire e conoscere l’universo online dedicato a make-up&Co. Eccovi una mini-guida alle più  conosciute: dalle più facili a quelle più difficili! Siete pronte per prendere appunti?

giphy

Primo livello: principiante.

Insomma, almeno ci provate!

giphy (3)

Trend

In principio fu il trend. Il trend è letteralmente una tendenza, un andamento in una certa direzione. Nel beauty e nella moda è una tecnica, un colore, un prodotto, uno stile particolarmente in voga. Può nascere da un film, una star, una sfilata, una influencer (vedi sotto) e normalmente si va poi diffondendo sui red carpet o sul web.

Influencer

Una personalità che pur non essendo una vera e propria celebrity, ha un certo potere sulla gente che la segue e la stima. Le sue opinioni e le sue preferenze influenzano, appunto, un grand numero di persone – che sono, per le aziende, potenziali consumatori. Un esempio? Vediamo se la conoscete 😉 !

11849990_946299898750213_1573764117_n

Beauty Addict / Addicted / Addiction

Letteralmente “dipendente dalla bellezza” inteso in senso lato come smodatamente appassionate di prodotti per la cura di pelle e capelli, make-up ecc. Insomma, stiamo parlando di molte di voi (e di noi ;-D !). Se non siete sicure di rientrare nella categoria vi consigliamo di testarvi leggendo le frasi che una vera B.A. non direbbe mai e i prodotti che non si è fatta mancare in questo ultimo anno.

Finish

Entriamo nel tecnico, ma restando sul basic. Il finish è l’effetto finale di un certo prodotto: opaco, brillante, satinato ecc. Vi consigliamo di approfondire l’argomento leggendo il post dedicato a tutti i vari finish!

Texture

La texture è la consistenza di un prodotto: ciò che sentiamo quando lo tocchiamo. Può essere cremosa, schiumosa, liquida, polverosa, ma anche leggera, grassa, unta, secca.

Secondo livello: appassionata

Ok, non sarete infallibili, ma la strada è quella giusta…!

giphy (1)

Tips / Tricks / Tricky

I “tips” sono più strettamente i consigli, i segreti dei professionisti, le raccomandazioni. I “tricks” sono più propriamente i trucchetti, quelle piccole cose che rendono tutto più facile ma a cui non si penserebbe immediatamente. I primi hanno un’aria più teorica, i secondi più pratica.Tricky” invece è un termine inglese ormai molto diffuso (Clio in qualche video lo usa 😉 ) che significa “macchinoso“, leggermente complicato e scomodo.

Layer

Spesso Clio parla di layer perché si tratta di un termine usatissimo, soprattutto per i capelli: significa “strato”, “livello” e indica in generale qualunque superficie che si sovrapponga ad un’altra: uno strato di prodotto (la crema idratante, il fondotinta e la cipria fanno 3 layer, per esempio) o di capelli (in un taglio scalato, ogni lunghezza corrisponde ad un layer diverso).

Fall Out

Avete in mente quando, facendo uno smoky eye (ok questo diamo per scontato che sappiate cosa sia), vi ritroviate lo zigomo leggermente ingrigito o sporco di ombretto? Ecco: quell’indesiderabile caduta di prodotto (inevitabile, se l’ombretto è molto polveroso) è chiamata in gergo tecnico “fall out”.

Haul

Di solito è un video o un post in cui la blogger e/o influencer mostra e commenta i suoi ultimi acquisti, subito dopo lo shopping.

Terzo livello: professional

Niente da dire, non vi sfugge nulla: le vere esperte siete voi!

giphy (2)

 

Strobing

Se pensiamo che ormai tutte sappiate cosa sia il contouring, siamo certe che solo le più attente ricordino cosa sia lo strobing, il suo negativo. Questa tecnica prevede di scolpire il viso non scurendo le parti da “incavare” o “infossare”, ma mettendo in evidenza le zone da portare in fuori (zigomi, centro della fronte, arco di cupido ecc), facendo uso di un illuminante.

Baking

Altra tecnica usatissima dalle star non-proprio-acqua-e-sapone (in primis, J-Lo), il baking consiste nello stendere un abbondante strato (o layer ;-D) di correttore cremoso sulla zona T e sotto gli occhi (formando un triangolo rovesciato) e coprirlo con una cipria in polvere libera prima che il correttore sia del tutto asciutto. A questo punto si attende circa 10 min perché il calore del viso “cuocia” il tutto e poi si passa delicatamente un pennello per mandare via l’eccesso di polvere. A questo punto, la zona va sfumata sfumata sfumata sfumata e ancora sfumata grazie ad un minuzioso lavoro di spugnetta.

Over-Lining

Avete presente Kylie Jenner? Nell’immaginarvela siamo certe abbiate pensato alle sue labbra. Ecco, “over lining” significa mettere la matita labbra leggermente fuori dai bordi, per ingrandire otticamente la bocca.

Fly-aways / Baby Hair

Siamo sicure che le prime a riconoscere quanto fastidiosi siano i cosiddetti “baby hair” o (fly-aways) siano le ragazze che fanno o hanno fatto danza (ma non solo). Avete presente quei “capellini” che non stanno mai a posto lungo il contorno del viso o sulla nuca? Non c’è forcina che riesca a tenerli a bada e raramente ci riesce una tonnellata o due di lacca. Ecco, esiste un nome per definirli, ma non uno che descriva la disperazione che proviamo nel tentativo (fallito in partenza) di domarli.

kim-kardashian-wedding-hair-piecehbz-kim-kardashian-wedding-jxwyke1q

Ragazze, questi erano solo alcuni dei termini più utilizzati ultimamente dalle beauty guru e dagli specialisti! Quanti ne conoscevate? Quanti altri ne aggiungereste? Vorreste altri post come questo, per chiarirvi le idee? Almeno i primi speriamo che fossero alla portata di tutte… ma gli ultimi? Fateci sapere a quale livello appartenete e se siete preparate o se dobbiamo bocciarvi all’esame 😉 ! Un bacione dal Team!