Molto spesso qui sul blog, ma anche sul forum e sul canale YouTube di Clio, avete condiviso con noi il desiderio di saperne di più su uno degli argomenti recentemente più discussi e hot che tocca il settore beauty ma anche -e soprattutto-quello della moda e dello stile: l’Armocromia!

Per affrontare questa tematica, allora, abbiamo avuto il piacere di incontrare ed intervistare Rossella Migliaccio, una delle più qualificate consulenti di immagine ed esperte del colore oggi in Italia.

Armocromia, analisi del colore stagioni, palette ideali e sottotono: siete curiose di scoprire le risposte dell’esperta alle vostre domande più frequenti su tutte queste cose? Allora non vi resta che continuare a leggere :-)!

cliomakeup-armocromia-analisi (28)Via Instagram @Rossellamigliacciostyle

Innanzitutto chi è Rossella Migliaccio: membro dell’Association of Image Consultants International, ha fondato il primo network italiano di Consulenti di Immagine e Personal Shopper e, come Style Coach, affianca privati e professionisti che desiderano migliorare la propria immagine.

Riconosciuta come una delle maggiori esperte di Armocromia, Rossella si avvale delle più avanzate tecniche di Colour Analysis e ha collaborato con molte delle più grandi aziende cosmetiche. Inoltre, condivide sul suo sito rm-style.com i segreti di stile di celebrity e delle icone di bellezza più iconiche, insieme a curiosità e novità sulla moda e, ovviamente, sul mondo dei colori!

cliomakeup-armocromia (1)Credits: @Rossella Migliaccio

TeamClio: Ciao Rossella! Cominciamo con una domanda molto basilare: cos’è l’Armocromia, e come è nata?


Rossella Migliaccio: L’analisi del colore è il primo step della consulenza di immagine e ha lo scopo di trovare la palette ideale che valorizza la nostra combinazione pelle-occhi-capelli, facendoci apparire immediatamente più belle, più in forma, più giovani.

Identificare la nostra palette di colori “amici” è fondamentale nella scelta di abiti e accessori, ma anche di capelli e make-up, per creare un fantastico senso di armonia e di bellezza. Avete presente quando vi fanno tanti complimenti, ma in realtà non avete fatto nulla in particolare? Magari indossate semplicemente un colore che vi illumina!

cliomakeup-armocromia (4)

Credits: @Rossella Migliaccio

Viceversa, a volte capita di sentirsi dire: “Ti vedo un po’ stanca. Sei giù? Tutto bene?”, mentre in realtà avete dormito dieci ore! Ecco, magari state solo indossando il colore sbagliato!

L’Armocromia è nata alla fine degli anni ’30, con l’avvento del cinema a colori. Le costumiste di Hollywood, che di fatto sono state le prime vere consulenti di immagine, cominciarono ad usare il colore come uno strumento di bellezza, al pari di abiti, accessori e beauty.

cliomakeup-armocromia (18)Negli anni ’30, inoltre, Elizabeth Arden introdusse la box Colour Harmony, una linea di prodotti che abbinava tonalità di ombretti e blush a seconda delle caratteristiche di ogni donna!

L’armocromia è nata negli anni ’30 con la diffusione del Technicolor, ma ha cominciato a diventare un fenomeno di massa a partire dagli anni ’80

È stato però negli anni ’80 che si è diffusa come fenomeno di massa: in quel periodo tutte le donne newyorkesi volevano la propria palette personalizzata. Da noi è arrivata un tantino dopo, ma è sempre più ricercata e usata, sia per scopi professionali che strettamente personali.

TC: Come si può diventare armocromista, e quali sono i migliori libri per chi desidera documentarsi a riguardo?

RM: I corsi seri per diventare Consulente di Immagine prevedono un ampio approfondimento della teoria del colore. Il mio corso di Armocromia, attualmente il più lungo e completo, prevede due giornate full immersion e tre mesi di tutoring, interamente dedicati al colore.

cliomakeup-armocromia (3)Credits: @Rossella Migliaccio

Quanto ai libri, ce ne sono moltissimi, soprattutto in inglese (ottimi quelli di Color Me Beautiful). Ma la verità è che è una materia troppo complessa da imparare sui libri: la teoria sembra facile, ma necessita di molta, molta pratica!

cliomakeup-armocromia (8)

Carole Jackson, Color Me Beautiful. Prezzo: 14,79€ su Amazon.it

TC: Che cos’è la teoria delle stagioni, e perché è divisa in 16? Si può applicare anche alle spose sebbene spesso siano vestite di bianco?

RM: Secondo la teoria delle quattro stagioni, per ogni individuo esiste una palette personale di colori in grado di trasmettere bellezza, personalità e stile. Ogni palette comprende quasi tutti i colori, ma con caratteristiche personalizzate per ogni cliente. L’applicazione di questo metodo si estende persino alla casa e agli ambienti in cui viviamo.

cliomakeup-armocromia (14)

La teoria delle quattro stagioni è un pilastro dell’armocromia, sebbene sia stata ampliata e rinnovata

La teoria delle quattro stagioni però ha i suoi limiti, tanto che è stata ampliata fino a 16 sottogruppi. Nel mio corso infatti, spiego sia il vecchio metodo che quelli più avanzati.
Perché allora studiare entrambe le teorie, anche quella vecchia? Io dico sempre che è un po’ come studiare il latino per imparare meglio l’italiano… Anche se è superata, la teoria delle quattro stagioni è comunque un pilastro dell’Armocromia.

cliomakeup-armocromia (19)Via Pinterest

E certo che sì, la palette cromatica riguarda anche le spose! Innanzitutto perché ci sono infinite tonalità di bianco: sembrano tutti uguali, ma vi garantisco che sotto al viso hanno tutto un altro effetto… e poi il colore riguarda le spose per il make-up, la tonalità dei capelli, la scelta dei fiori e delle decorazioni…nessuno è escluso da questa teoria!

cliomakeup-armocromia (11)

Ragazze, siamo solo all’inizio! Gli occhi castani stanno bene con tutto? E cosa sbagliano più spesso le donne italiane in fatto di colore? Scoprite questo e molto altro a pagina 2!

46 COMMENTI

  1. Interessantissima questa prima spolverata di armocromia! Spero che ci siano altre “lezioni” sebbene sia una materia molto vasta.

  2. Sì, sì e sì ad una nuova puntata per capire come individuare il sottotono!
    E magari anche un’altra dedicata ai colori adatti ad ogni sottotono 😀

  3. Molto interessante,ho seguito un corso sui colori per quanto riguarda L’arredamento/interior design e davvero a volte non pensiamo quanto i colori siano influenti! Il mio cantante si è sottoposto a questa”analisi dei colori” per capire che colori usare,come vestirsi etc,è costosa ma gli ha cambiato la vita(fa il life coach). Insomma trovo sia una materia che merita di essere approfondita!

  4. Io non riesco ad individuare il mio sottotono, so solo che sto malissimo con il verde oliva. Sono scura e mediterranea, non dorata, ma nemmeno tendente al rosa.. se mi trucco di marrone e oro non mi risalta (quindi sono fredda?!?) ma i rossetti fucsia freddi mi sbattono (sono calda???!) credo di essere di quel colore olivastro che sembra caldo perchè scuro ma in quanto olive è freddo.. magari sono neutra ahahahaha

  5. Non ho altro da aggiungere, se non che lascerei stare la psicologia spicciola in questi casi. Il nero è un bel colore, che può piacere o meno.

  6. Quindi anche se ho la pelle gialla, siccome le mie vene sul dorso della mano e sul petto sono verdi, il mio sottotono è caldo? Questa è una rivelazione.

  7. Interessante!!
    Ho studiato molto il “colore” all’università (lavoro nell’ambito del design) e sinceramente ho sempre saputo che il primo a parlare di armocromia fu Joannes Itten, che pubblicò i suoi studi ne “L’arte del colore”.

    Comunque io spenderei volentieri soldi per farmi dire QUAL E’ IL MIO MALEDETTO SOTTOTONO! Sono anni che cerco di capirlo!

    Sono una contraddizione vivente, a partire dal fototipo:
    – Pelle scura ma che si ustiona subito (uso la protezione 50+ da maggio a settembre… Già con la 20, mi ustiono).
    – Ho delle leggere efelidi/lentiggini (illuminatemi sulla differenza che non ricordo eheh) che sicuramente NON sono macchie solari.
    – Ho gli occhi neri ma i capelli castano chiaro/biondo scuro. Se penso a una celebrity che come colori mi somiglia penso a Jessica Alba, anche se in alcune foto sembra “rosa” e in altre è “giallissima” 😀
    – Tendo a vestirmi quasi esclusivamente con colori freddi o dal sottotono freddo (viola, blu, bordeaux “freddo”, verde militare ecc…). Molte volte quando mi fanno i complimenti dicendo che qualcosa mi sta particolarmente bene, sono vestita di viola (è anche il mio colore preferito eheh) o blu/verde petrolio. Odio il giallo, non riesco proprio a metterlo, quando lo indosso mi sembro malata, così come gli arancioni e i rossi troppo accesi. Sicuramente i colori troppo accesi non mi donano. L’oro non lo metto mai, ma non so se è perchè non mi sta bene o solo perchè non mi piace 😀
    – Se chiedo che sottotono ho, alcune mi dicono che sono “aranciata”, altri “olivastra”, altri “pesca freddo”… Insomma tutti dicono una cosa diversa!!

    AIUTO.

  8. ahaha siamo in due ad avere problemi! Secondo me avere la pelle scura non aiuta… con la pelle chiara sembra tutto più facile!

  9. Bel post. Io nel 2014 mi feci fare l’analisi e venne decretato Inverno Profondo. A oggi invece sto facendo un aggiornamento e pare invece che il mio sottotono sia più neutro quindi sono ancora in ballo per capire esattamente dove sto..forse autunno profondo soft..vedremo 🙂

  10. capisco bene la tua situazione, io ho tagliato la testa al toro e mi sono fatta “analizzare”! 🙂

  11. L’argomento mi incuriosisce parecchio!! È da un po’ che cerco su internet siti dedicati all’armocromia, però devo dire che ne ho tratto informazioni contrastanti sul mio sottotono. Io ho i classici colori mediterranei che nei siti specialistici sono identificati come tipici di sottotono freddo o neutro freddo. Io adoro colori come verde acqua e turchese quindi inizialmente avevo accettato il mio sottotono freddo, salvo qualche perlessitá perché grigio, lilla glicine e bianco puro ecc… Mi stanno malissimo. Un giorno però mi hanno regalato una canotta giallo brillante fa palestra. La prima volta che l’ho messa ho ricevuto decine di complimenti, è un sacco di commenti del tipo ‘questo colore ti illumina’. Cosí ho iniziato a testare colori sempre snobbati e ho scoperto che i colori che mi illuminano sono giallo, arancio, corallo, verde oliva

  12. allora è probabile tu sia un autunno sai? hai provato a guardare le tonalità di quelle palette?

  13. Ciao! Leggendo in siti di armocromia ho capito che tono della pelle (giallo, olivastro, rosa, pesca…) è sottotono sono due cose diverse! (Si può essere gialle calde e gialle fredde, rosa calde e rosa fredde…) In Italia la maggior parte della gente è gialla o olivastra, però non sono tutti caldi (anzi il fenotipo Mediterraneo dicono essere tendenzialmente neutro-freddo). Quindi non ti fermare solo al tono di pelle giallo o rosa. Comunque la tua palette di colore preferiti mi fa pensare che tu sia decisamente fredda, però è chiaro che per averne la certezza dovresti farti analizzare

  14. Io sono sempre più confusa… ho le vene chiaramente verdi, il colore del viso chiaramente tendente all’arancione e sono molto chiara con lentiggini…. tuttavia mi sembra di stare molto bene con Rossetti dal sottotono freddo (vedi fuchsia flash di maybelline che è considerato dupe diCandy yum yum di Mac)… qualcuna può aiutarmi?? 🙂

  15. Ciao! Ti riporto un commento che ho scritto sopra: iao! Leggendo in siti di armocromia ho capito che tono della pelle (giallo, olivastro, rosa, pesca…) è sottotono sono due cose diverse! (Si può essere gialle calde e gialle fredde, rosa calde e rosa fredde…) In Italia la maggior parte della gente è gialla o olivastra, però non sono tutti caldi (anzi il fenotipo Mediterraneo dicono essere tendenzialmente neutro-freddo). Quindi magari sei gialla e fredda! Prova a pensare con quali colori ti vedi meglio, magari può essere un indizio. Ovviamente io non sono un’esperta, mi sono solo appassionato all’argomento e ho curiosato in giro

  16. guarda io credo di essere neutra..la ragazza che mi sta rianalizzando dice che sicuramente sono profonda (ai tempi disse inverno profondo ma poi abbiamo capito che non sono cosi fredda) e quindi forse potrei essere inverno profondo soft…magari potrebbe fare al tuo caso? Se ti interessa ti posso dire che la ragazza che mi sta analizzando è bravissima e non costa molto, la trovi su colorgriffe

  17. Argomento sempre un po’ ostico sarebbe molto utile un approfondimento sulle differenze tra il sottotono giallo e quello olivastro poiché di fatto si parla sempre e solo del primo oltre ovviamente di quello neutro o rosato, grazie!

  18. scusa volevo dire autunno profondo soft. anche se non sono molto convinta di una palette calda, vedremo cosa uscirà 🙂

  19. Ciao a tutte, è la prima volta che scrivo. Mi sto avvicinando da poco sia al make up (prima mi truccavo solo in rarissime occasioni) e sia all’armocromia. Credo di essere una ragazza autunno profondo, in quanto ho sicuramente sottotono caldo (non penso neutro) e mi rivedo molto nei colori consigliati per questa categoria. Mi piacerebbe avere consigli sui vestiti e, soprattutto, sul trucco. Sarebbe bello avere qualche consiglio su una palette di ombretti, ad esempio, o sui rossetti.

  20. Adesso voglio un libro sull’Armocromia. Ho trovato un altra cosa su cui voglio imparare! Sospetto di essere una estate ma dovrei fare le prove…

  21. Ancora prima di Elizabeth Arden e il passaggio del cinema al colore uno dei precursori è stato Max Factor, quando era makeup artist per i grandi studios agli inizi del ‘900 creò 4 stanze di 4 colori diversi per pettinare e truccare al meglio le attrici bionde, rosse, more e castane 🙂 L’armocromia mi ha sempre affascinato molto, dovrei essere un’autunno soft chiaro, la trovo molto utile quando voglio valorizzarmi col trucco e per comprare capi spalla più costosi e incisivi come gli occhiali da vista o il cappotto o per correggere capi che ho da tempo e amo ma della tonalità sbagliata (nel mio caso una sciarpa avorio vicino al viso o i giusti orecchini possono fare miracoli) ma non ho un atteggiamento rigido e dogmatico che invece riscontro in molti gruppi e blog dedicati alla materia, tra l’altro le varie guru che si autodefiniscono più o meno esperte (ma evidentemente non preparate seriamente quanto Rossella) non sono quasi mai d’accordo fra di loro perciò molte analisi possono cambiare parecchio da persona a persona, ho amiche che da un lato sono “di sicuro inverno” dall’altro “certamente autunno profondo”, io stessa sono stata definita sia primavera che autunno di varie gradazioni, credo che l’analisi soggettiva gratuita o a pagamento fatta solo via foto che da qualche anno va molto di moda online sia molto più esposta a rischio di errori.
    P.S. secondo me Jennifer Lopez non è sempre impeccabile sia con i rossetti con troppo bianco che le fanno effetto fantasmino che con molti capi color pastello freddo per cui sembra avere una predilizione nonostante cozzino con il suo incarnato.

  22. Argomento molto interessante, mi farebbe piacere un approfondimento sui sottotoni 🙂
    Io non ho la più pallida idea a quale stagione corrispondo: ho la pelle chiara ma non chiarissima, i capelli castano scuro, gli occhi nocciola con pagliuzze verdi, e il mio sottotono credo che sia neutro ma non ne sono sicura. Sia con il make-up che con i vestiti (total black a parte) mi vedo decisamente meglio con i colori caldi e mi piacciono molto i contrasti, ma resta sempre una mia impressione filtrata dai gusti personali (che comunque restano la parte più importante). Credo che se consultassi un armocromista lo farei esaurire.

  23. Ciao ragazze magari !
    Capire il proprio sotto tono e quali colori ci donano non è facile per niente!
    Mille post sull’argomento …
    grazie baci valentina

  24. Grazie mille a tutte ragazze! Siamo contente che il post vi sia piaciuto e vi sia stato utile. Torneremo quindi alla carica con una seconda puntata. Un bacione dal Team!

  25. Comunque voglio l’indirizzo di Rossella ! Meglio 200€ adesso che 500€ spesi in cose che ci stanno male.

  26. Cliuzza Ke bel post nel prossimo le puoi chiedere di approfondire la parte delle stagioni citando le tt e 16 e anche quella del sottotono grazie 1 bacino

  27. Non ho capito del tutto come funziona l’accostamento al sottotono: io sono chiarissima e molto gialla, eppure con i colori rossi e caldi mi vedo molto male. Ricevo tanti complimenti quando mi vesto in verde freddo e blu!

  28. Io ho capito il mio sottotono provando i fondotinta. Sono bianchissima e in profumeria mi veniva sempre data la colorazione più chiara, che però ha quasi sempre un sottotono rosa, e nonostante le pressioni delle commesse mi vedevo sempre male, smorta, e con uno stacco orrendo col collo. Quando ho trovato finalmente un fondotinta chiaro e giallo non ho avuto più dubbi, perchè mi faceva sembrare in salute e a mio agio (e senza stacchi!).

  29. Forse allora vale la stessa cosa per me … i fondotinta chiari e freddi mi ingrigiscono, mentre quelling piú scuri e gialli no però sono, appunto, troppo scuri… alla fine vado di nn cream e terra 🙂

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here