Lacqua micellare, ormai, non ha proprio più bisogno di presentazioni: usata come fedele alleata per struccarsi e detergere la pelle del viso, in molti beauty kit ha rimpiazzato, da tempo, grandi classici come lo struccante ed il latte detergente! Più delicata e meno oleosa del primo, e decisamente più leggera del secondo, grazie alle micelle, le particelle piccolissime che contiene e da cui prende il nome, ha il “magico” potere di attirare a sé sporcizia e impurità, non appesantendo la pelle e lasciandola idratata, morbida e luminosa!

Ebbene, proprio per via di tutte queste sue caratteristiche, ultimamente sono diversi i prodotti che vanno al di là della skincare routine che la presentano come componente principale, e riguardano soprattutto i…capelli! Oggi dunque ve ne vogliamo parlare, e desideriamo anche condividere con voi i risultati di un nostro esperimento, ovvero lavare i capelli con l’acqua micellare! Siete curiose, ragazze, di scoprire di che cosa si tratta e che risultati abbiamo ottenuto? Allora non vi resta che continuare a leggere il post!

cliomakeup-capelli-acqua-micellare-12

ACQUA MICELLARE CAPELLI E NUOVI PRODOTTI

L’acqua micellare rimuove il trucco e pulisce la pelle

Uno dei più grandi vantaggi dell’acqua micellare, e caratteristica che la rende molto versatile, è il suo poter essere usata anche quando si è senza trucco, per pulire e, al contempo, lenire la pelle, rimuovendo il sebo in eccesso e la sporcizia che, quotidianamente, si sedimenta sul viso.

cliomakeup-capelli-acqua-micellare-4

Altro punto di forza di questo prodotto è il non attaccare il film idrolipidico della pelle, per non parlare del fatto che non necessita risciacquo!

cliomakeup-capelli-acqua-micellare-7

Per via di tutte queste utili proprietà, per vederla impiegata in altri prodotti che vanno al di là di quelli studiati per la pulizia del viso era solo una questione di tempo, e ora l’acqua micellare è stata sdoganata per lavare i capelli! Come? Beh, innanzitutto con il lancio di shampoo che la presentano come componente base.

cliomakeup-capelli-acqua-micellare-2Il primo prodotto di questo tipo è stato il Buildup Buster di Deva Curl. Prezzo: circa 25€

Ora l’acqua micellare è stata sdoganata nei prodotti per capelli

Questi prodotti, nuovi sul mercato, sono stati appositamente studiati per rimuovere l’accumulo di sporcizia e sebo che si sedimenta sui capelli ma in maniera molto delicata, sfruttando al massimo le proprietà dell’acqua micellare.

cliomakeup-capelli-acqua-micellareL’ Everyday Gentle Micellar Shampoo di Charles Worthington è mirato anche a preservare il colore dei capelli tinti. Prezzo: 8,15€

COME E OGNI QUANTO USARE GLI SHAMPOO ALL’ACQUA MICELLARE?

Questi shampoo si usano con una frequenza che varia a seconda di quanto si sta a contatto con fattori come l’inquinamento atmosferico e della quantità di sebo prodotta dai capelli. Per alcuni se ne raccomanda un uso settimanale mentre, altri, possono essere usati tutti i giorni!

cliomakeup-capelli-acqua-micellare-1

Come il Clean Maniac Clean Touch Micellar Shampoo di Reken, che può essere usato quotidianamente. Prezzo: 22,95 su Lookfantastic.it

Bisogna applicare questi prodotti concentrandosi inizialmente sulle zone più critiche, e poi massaggiarli sulla cute, sulle lunghezze e, infine, sulle punte dei capelli.

cliomakeup-capelli-acqua-micellare-9

Una volta fatto ciò, si raccomanda di mettere un balsamo per enfatizzare le proprietà idratanti dell’acqua micellare, e poi risciacquare. Insomma, tra una cosa e l’altra, si usano come un normale shampoo!

cliomakeup-capelli-acqua-micellare-8

Ragazze, non è finita però! Nella pagina successiva, infatti, vi parleremo del nostro esperimento: abbiamo provato a lavare i capelli direttamente con l’acqua micellare! Siete curiose di scoprire il risultato? E come si può fare un’acqua micellare fai da te? Per scoprirlo, seguiteci a pagina 2!

11 COMMENTI

  1. Io seguo con attenzione le novità per la skin care, per il make up..tutto si evolve ed è naturale che anche in questi campi ci sia ricerca, però onestamente negli ultimi tempi trovo che il marketing, conscio che bisogna creare sempre nuove “necessità”, stia un po’ esagerando.. esistono tremila tipologie di shampoo, cowash..acqua minerale .. e pagare 30€ uno shampoo che potremmo fare anche da sole mi sembra prendere proprio per il sedere i consumatori.

  2. ma scusate……non si diceva che bisogna sempre sciaquare il viso dopo l’acqua micellare? non capisco più niente……

  3. Ah ecco, avevo capito male! Credevo che Ceddy, dopo l’acqua micellare utilizzasse lo shampoo come sempre! Devo dire che sinceramente non mi laverei mai i capelli solo con acqua micellare dato che le radici si sporcano subito..però magari mescolarla con lo shampoo sì!

  4. I miei soliti momenti alla Superquark..secondo me non basta buttare del detergente in acqua per fare l’acqua micellare. L’acqua si chiama micellare perchè ha delle micelle che si formano alla concentrazione micellare critica. Se si mette poco tensioattivo (soprattutto bisogna sapere quale visto che la cmc di uno non è quella dell’altro) non si formano le micelle sferiche e quindi i tensioattivi rimangono liberi e viene meno la delicatezza del prodotto, se se ne mette troppo si formano delle lamine. Oltre a conoscere la cmc, bisogna anche considerare che questa cambia in base agli elettroliti e ad altre cose. Facendola in casa, esce un sapone molto diluito e non un’acqua micellare. Almeno questa è la teoria, però non so correlare la teoria alla pratica, cioè non so dire come farla; non deve essere facile.

  5. Penso anch’io che questi prezzi siano esagerati, mi sa che continuerò ad usare lo shampoo classico. Non sono invece sicura che sia così semplice farsi a casa questi prodotti, penso che comunque servano almeno delle conoscenze di base di chimica che non tutti hanno.

  6. Bene ora mi sbarazzo di quell’acqua micellare che brucia gli occhi !! Speriamo non mi renda CALVA !!! :-}}}

  7. Ragazze ciao, lo shampoo micellare WORTHINGTON lo ha solo un sito finlandese su internet…qualcuna di voi ha mai acquistato da lì??? Non ho idea di come funzioni…dogane o altro 🙁

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here