Torniamo a parlare di mamme e galateo, argomento che avete apprezzato molto nei post precedenti! Oggi ci focalizziamo sul puerperio, un periodo molto delicato sotto tanti punti di vista: quello che segue immediatamente il parto!

Oltre all’affaticamento fisico dovuto ai nove mesi di gravidanza, al parto, all’allattamento e (spesso) alle notti insonni, c’è anche il carico psicologico. Gli ormoni sono impazziti, la vita è cambiata completamente, e per il nostro bambino proviamo emozioni intensissime che ci rendono felici al massimo grado, ma in alcuni momenti anche fragili, disorientate.

Nei momenti bui, la nostra inesperienza ci fa sentire inadeguate, non all’altezza; in molte occasioni non sappiamo come comportarci e abbiamo ansie e paure mai provate prima. Per questo a volte anche una semplice frase, magari detta in buona fede, può mandarci su tutte le furie o spiazzarci e ferirci! Vediamo quindi quali sono quelle da evitare quando state parlando con una mamma in puerperio.

cliomakeup-galateo-puerperio-1

#1 “SEMBRI STANCA”, “TI VEDO SBATTUTA”

cliomakeup-galateo-puerperio-2-sembri-stanca

Per quanto questa frase possa essere rivolta solo per premura, suona inevitabilmente infelice. Una neomamma è generalmente ben consapevole di non essere proprio al massimo. I nove mesi di gravidanza e le notti insonni lasciano il segno sul viso, tuttavia la voglia di sentirci belle e apprezzate non passa mai.


#2 “QUANDO TORNI A LAVORARE?”

cliomakeup-galateo-puerperio-3-lavoro

Non è il caso della nostra Clio, che praticamente non ha mai smesso 😉. Ma ogni famiglia è un caso a sé: sono diverse le situazioni, i bambini, i modi in cui è andato il parto. Qualsiasi mamma, una volta dimessa dall’ospedale, è costretta a un tour de force, tra notti insonni, un corpo affaticato, mille cose e gesti da imparare, una nuova routine da organizzare. Per non parlare del lato psicologico.

La prospettiva di tornare a lavorare per alcune mamme appare al di sopra delle proprie forze. Altre sono terrorizzate all’idea di lasciare il loro bambino. Altre ancora stanno pensando di smettere e temono il giudizio della società. Sono scelte personali e che nessuno può giudicare: per questo si tratta di una domanda un po’ indelicata.

cliomakeup-galateo-puerperio-4-mamma-lavoratrice

#3 “I MIEI BAMBINI DORMIVANO TUTTA LA NOTTE”

ClioMakeUp-anna-victoria-fitness-guru-foto-virale-corpo-perfetto-clapChe bravi. Vuoi un applauso?

OGNI NEONATO È UNA PERSONA UNICA E SPECIALE, FIN DAL PRIMO RESPIRO

Fare confronti tra i bambini è, in una parola, stupido.

Un conto è rassicurare una neomamma inesperta argomentando che anche i nostri bambini hanno preso una certa abitudine o attraversato una determinata fase, ma non è il caso di vantarsi di quanto dormissero 8 ore fin dall’inizio o di come si attaccassero bene al seno.

cliomakeup-galateo-puerperio-5-sonno-neonato

#4 “PIANGE PERCHÈ…”

cliomakeup-galateo-puerperio-7-pianto-neonato

A volte i neonati piangono senza sosta e persino per la mamma e il papà è difficile capire il motivo, soprattutto i primi tempi.

cliomakeup-galateo-puerperio-8-sleep-deprivationMagari hanno mangiato e dormito a sufficienza, sono puliti e asciutti e non riusciamo proprio a spiegarci il perché di un tale dramma, né come porvi fine. È precisamente in questa situazione che, quasi immancabilmente, interviene il tuttologo di turno, che a volte può essere utile… altre un po’ meno, ehehe!!

#5 “NON DORME LA NOTTE PERCHÈ…”

OGNI PICCOLO-GRANDE PROBLEMA VIENE SEMPRE IMPUTATO AI GENITORI

In questo senso, un grande classico sono le ipotesi (o, per meglio dire, le granitiche certezze 😉) sul perché il neonato non dorma di notte.

Quasi sempre, naturalmente, è colpa dei genitori. Non dorme perché non mangia abbastanza, perché lo facciamo dormire nel lettone e sta scomodo o viceversa nella culla e si sente solo… insomma, solo noi genitori sembriamo incapaci di gestirlo.

cliomakeup-galateo-puerperio-10-dormire

Ragazze, finora vi siete ritrovate in queste frasi? Se volete scoprire le altre cinque e un bonus dedicato ai neopapà, correte a pagina 2!

51 COMMENTI

  1. Ecco. No. La doppia pesata no. È sconsigliatissima da anni perché produce dolo stress per la mamma e i risultati sono troppo variabili. I bimbi possono semplicemente essere pesati 1 volta a settimana. Se prendono circa 20 g al giorno (120 a settimana) stanno crescendo bene. Ho patito moltissimo l’allattamento ( che era misto) e l’accrescimento del bambino e se fosse sazio o meno mi faceva diventare pazza. Lasciando perdere consigli non richiesti da parte di chiunque. È strano come chi non ha figli sia sempre sul pezzo mentre una mamma vera no!!!!!!!

  2. Non sono passata in questa fase perché non ho figli, ma credo che l’unica regola da adottare in questo caso ma nella vita in generale sia una sola, la grande verità: pensare prima di parlare e pensare a “se lo facessero a me, mi farebbe piacere o no?”. Non ci vuole molto e ce lo insegnano da piccoli i genitori ad essere educati (cosa Chen si vede ben poco oggigiorno), ma nessuno ormai lo fa.

  3. a me dava fastidio quando mi dicevano che era una benedizione il latte che avevo. per me è stato un inferno il periodo dell’allattamento durato quasi 3 anni. e ringhiavo a chi mi diceva mangia oppure esci che ti svaghi (ero così debole per i primi 5 mesi che a malapena riuscivo ad andare in bagno da sola senza cadere).
    i soli che davvero in quel periodo mi difesero sono stati i miei genitori. neppure mio marito si era reso conto di quanto stavo male o fossi debole e anche lui non faceva altro che dirmi reagisci ed esci… ma con 8 di emoglobina e 4 litri di latte al giorno da togliere ogni 3 ore dove cavolo vuoi uscire??? sono ancora arrabbiatissima per il suo comportamento.

  4. Purtroppo è paradossalmente su argomenti così intimi, che le persone sanno essere (consapevolmente o meno) indelicate e sgradevoli!

  5. Buongiorno a tutte, mamme, neo mamme, ziette and company! L’argomento ‘maternità e dintorni’ è interessante, per me, anche se lo stesso brutto vizio del consiglio non richiesto si ritrova in tutti i frangenti della vita: ti stai per sposare/comprare casa/iniziare un nuovo lavoro/chi più ne ha più ne metta???
    Trovi sempre qualcuno che ‘simpaticamente’ vuole dire la sua.
    Io sono stata molto fortunata, ero così contenta delle mie neonatine che non mi fregava nulla nè prima nè dopo (chili in più, nausee, coliche, notti in bianco ecc) di tutti i commenti assolutamente sgarbati, inappropriati e malevoli che ho sentito su ogni argomento.
    Sarò sincera: ho sempre visto non solo quelli da voi citati ma anche tanti altri (la lista è potenzialmente infinita…) come una manifestazione della scarsissima intelligenza di chi mi stava di fronte!
    Non serve un manuale di buone maniere per sapere che dire a chi non ha latte o ha difficoltà ad allattare ‘ah, ma come??? se io ho allattato 34 mesi!’ è inutile, stupido e insensibile!
    Care neo mamme, le pochissime persone della cui opinione ha senso preoccuparsi vi vogliono bene, sono contente per voi e sanno che è tutto temporaneo: le notti insonni, i dentini che spuntano ecc.
    Godetevi il momento, ve lo ricorderete come uno dei più felici della vostra vita! Non angustiatevi per quel che pensano, vogliono, credono gli altri, anche se in buona fede; siete VOI al centro dell’attenzione in questo momento, e vi accorgerete di quanto gli altri siano egocentrici come non mai in questo frangente!

  6. a me dopo il parto della mia seconda figlia la vicina di casa di mia mamma le disse che dopo la prima ero tornata subito in forma mentre ora mi aveva visto veramente appesantita, erano passati circa 3/4 gg dal parto!

  7. Ahahah!!! Quante verità!!!
    Ma io mi chiedo: perché sull’argomento gravidanza e bimbi piccoli TUTTI, ma proprio TUTTI, si sentono in diritto di dire la loro opinione (non richiesta)…. Nessuno si risparmia: a me è capitato perfino che perfetti estranei in mezzo alla strada dovessero intervenire….
    Comunque almeno, se si manda qualcuno a quel paese c’è la scusa degli ormoni… 😉

  8. Fanno arrabbiare anche i consigli che tu stessa dai agli altri? No perchè su instagram quella povera ragazza è stata presa di mira e bullata (si bullata) davanti a tutti solo per avere dato un consiglio che leggiamo tutti i giorni anche sul blog…non è stata maleducata e non ha detto nulla di male…mi fa sorridere che gli articoli siano tutti piccipiccibaubau,parlano di rispetto (che giustamente ci deve essere) etc e poi i primi a non rispettarli siete voi

  9. Come per tutto, se un argomento non lo conosco, non mi pronuncio. Mi faccio ampiamente i miei affari. Oltretutto non m’interessa e proprio qui a, sto giro voglio dare io un consiglio a chi ha i figli piccoli: ci fa piacere, possiamo immaginare che sia faticoso, ma esistono anche altri argomenti oltre a pappa, popò, pipì e ninna, soprattutto non è che senza un figlio, allora la tua vita è incompleta e “no, non puoi capire, esiste solo lui, chi ha tempo per le ca… te che fai tu, beata te che hai tempo per pensare a queste cose”.. ( e te lo dicono anche se lavori nostop quando hai una tua attività).
    Capito neo mamme (e anche dopo, purtroppo) ?

  10. Ahahah addirittura bloccata per aver espresso un’opinione senza offese. grazie per avermi dato così tanta importanza e non avere avuto la dignità di rispondere…vi state scavando la buca da soli con questo comportamento…non tutte sono 13enni in piena fase ormonale da non riuscire a capire chi ha torto o ragione…comunque spero che la ragazza in questione sia forte e non si faccia influenzare dalle cattiverie che gli sono state rivolte da persone che vengono qui a dire di non giudicare e invece sono le prime a farlo, aizzate tra l’altro dallo stesso “signor illogico”o come cappero si fa chiamare…adios

  11. Succede che su instagram solo perchè una ragazza si è permessa di dire a clio di cambiare pettinatura e colore di capelli per risultare più fresca è stata presa di mira prima dal signor illogico e poi da tutte le altre ragazzine..non era un commento offensivo era un consiglio di quelli che leggiamo anche qua…ma a regola non vale se non è il team clio a scriverlo e va bene mandare alla gogna un utente che dice la sua senza offendere

  12. Lo Avevo letto da qui. Io no ho Instagram ma ti fà leggere. Ti dico che magari hanno esagerato, però non era molto cortese il commento scritto dall’utente. Non ha usato offese vere e proprio però… parlava di segni di espressione che Clio non ha o che non si vedono. E diceva: tagliati i capelli corti e schiariscili non si è capito in base a che…
    Ti dico che in passato qui alcuni utenti hanno proprio esagerato. Avranno deciso per un pugno più duro.

  13. Capisco. E certo a prescindere non si dà ragione a nessuno. Però chiedo a chiunque di mettersi nei panni di Clio e Claudio. Ok, loro lavorano con i social e sono moooolto più esposti a critiche rispetto ad altre professioni. Fidati, a volte non gliela fai più. Sembra che tutti ne sappiano più di te, che per loro dovresti/ avresti dovuto fare questo e quello. Quest’utente sembrava, magari con ingenuità… non so, stesse dando della vecchia a Clio, vedendole rughe che non si vedono. Io leggendo ho inteso così. Si saranno fracassati i cosiddetti. E io non mi sento di condannarli troppo se hanno deciso di fare ripulisti.

  14. Si può stare qui a parlare finché si vuole, ma sempre e dico SEMPRE ci deve essere qualche mamma che deve spiegarmi per filo e per segno qualità, consistenza e colore della pupù del figlio quando sto mangiando, tant’e che all’ultima che ho risposto: “se non la smetti ti vomito addosso”. Eh dai!
    Senza contare il fatto che ora come ora vedo un sacco di neo mamme che si documentano su riviste tipo “io e il mio bambino” o peggio ancora su internet e non ascoltano consigli… nemmeno quelli del pediatra.

  15. Non bisogna mai scordare che alla base di tutto ci vuole educazione!! Prova a metterti tu nei panni di Clio che subisce queste cafonerie quasi ogni giorno!!! Poi il finto perbenismo è ancora più nauseante!!!

  16. Si, perché praticamente hai scritto il commento che avrei voluto scrivere io… condivido anche le virgole!
    Basta pensare che solo le neo mamme hanno una vita felice e sono occupate solo perché hanno un figlio!

  17. Credo di aver letto il commento a cui ti riferisci. Personalmente l’ho trovato subdolo, diceva qualcosa tipo “Dovresti tagliarti i capelli perché a una certa età bisogna iniziare a portarli più corti”. Secondo me non era una critica costruttiva, ma una frase fuori luogo. Chi la conosce questa? Dove sta scritto che bisogna tagliarsi i capelli? Il marito di Clio (illogic0) l’ha difesa e varie ragazze hanno concordato con lui. A me questo commento è sembrato sgradevole, magari tu non ci hai visto niente di male, ma ognuno ha la propria sensibilità.

  18. ..credo che ti abbia già risposto, niente per cui perdere il sonno.. penso non fosse un commento così negativo da dover essere cancellato. Ad ogni modo condivido il pensiero della ragazza: prima di insegnare il galateo sarebbe meglio conoscerlo. La ragazza su instagram è stata impicciona, ma ho trovato decisamente fuori luogo aizzare una tale discussione (con tanto di richiesta di colletta) soprattutto da chi conosce bene i meccanismi della rete e soprattutto da chi, qualche anno fa, aveva pubblicato un video su un canale seguito da centinaia di migliaia di persone in cui deridevano e davano della b******a ad una passante. Il video è stato rimosso con qualche misera riga di scusa, ma se il marito/compagno/fratello della passante avesse dovuto rispondere con la stessa veemenza sarebbero arrivati alle mani o ad una denuncia. Comunque, come ti dicevo, niente di importante.. solo una piccola delusione.

  19. Concordo pienamente! Anche in questo caso evitiamo. A casa dei miei suoceri io e mio marito non abbiamo figli mentre i miei cognati si. Ore a tavola a parlare di cacca: il detto “è di un bambino, è santa” è una balla.
    Non mi esprimo sui genitori internettiani che come dice una canzone che detesto “tutti tuttologi col web” ecco, ho detto tutto. Questi che mettono a repentaglio la vita di un bambino solo perché non ascoltano il pediatra mentre è più affidabile Google.. anche no.

  20. Beh c’è modo e modo di dire una cosa. Educazione e gentilezza questa persona le aveva lasciate a zonzo. Un suggerimento costruttivo è accettato, una cattiveria no. Se io ti dico “quel vestito ti sta da schifo e sembri grassa” sicuramente te la prendi mentre se ti dico “forse dovresti cambiare modello di abito perché non ti valorizza” è un altro modo più educato.

  21. Si guarda… non c’è limite al peggio. Ma guai criticare costruttivamente o, semplicemente, far notare ad una donna incinta o neo mamma che sta facendo qualcosa di sbagliato: sarai sempre una povera ignorante frustrata ed insoddisfatta dalla vita che si *sarcastic mode on* scaglia brutalmente con odio ingiustificato *sarcastic mode off* contro le povere neo mamme. O donne incinte che siano. Che pretendono di sapere tutto loro anxhe di argomenti al di fuori della maternita o di avere pretese quando non ce ne sarebbe il motivo…tipo l’altro giorno: sono andata a fare gli esami del sangue e finalmente si era liberato un posto. Soffro di fibromialgia e avevo moltissimi dolori… non vedevo l’ora di sedermi.
    Non appena mi siedo entra una donna che, con fare molto incazzato e in stile *fate largo che passo io*, mi dice “no scusa, io sono appena entrata, sono incinta, quindi mi fai sedere!”.
    Le ho spiegato gentilmente il mio problema ma lei ha cominciato a sclerare dicendo che era tutta una scusa perchè non volevo farla sedere e che non aveva mai sentito parlare di questa “fibro-quel-cazzo-che-è”.
    Alla fine sono intervenute due infermiere che l’hanno fatta passare davanti a tutti per fare sti esami del sangue, quindi oltre al danno pure la beffa.
    Io ero allibita e le altre persone non erano da meno, anzi.
    Per la cronaca, questa era incinta di due mesi… quindi non penso che avesse chissà quale problemi ad aspettare.
    E quando è uscita mi ha fatto il sorrisetto sarcastico come per dire “te l’ho fatta”… e comunque io e le altre persone che eravamo lì ci siamo incazzati con le infermiere che ci hanno fatto velatamente capire che si cagano addosso a gestire queste situazioni e preferiscono risolvere dando ragione a chi a torto in questo modo.

  22. Però scusatemi quanto astio nei commenti … io non ho figli quindi mi astengo dal dare consigli su un argomento di cui non so assolutamente nulla, anzi come dice Colette sotto anche molte neomamme si dilungano in maniera noiosa e a volte non appropriata sull’argomento prole e Clio ci ha fatto un bel post anche su questo tema. Fatto questo preambolo non trovo nemmeno strano o fuori luogo commentare sulla propria esperienza di mamma con una amica nella stessa situazione con l’intenzione che la propria esperienza possa essere di aiuto alla neo mamma in questione, non è sempre solo per il piacere di intromettersi negli affari degli altri. Dire che tutti i commenti citati nel post sono sempre fuori luogo mi sembra un tantino eccessivo, dipende tanto dal modo in cui vengono fatti … cioè se io mi lamento con un amica, mamma anche lei, che il mio bebè non mi dà un attimo di tregua perchè piange e lei mi dice “potrebbe essere perchè… sai anche il mio era così” oppure mi dice, “mi dispiace non saprei il mio dormiva tutta la notte” non è che la prendo come un’offesa e penso che potrebbe farsi gli affari suoi. Se mi dicono sembri stanca, hai problemi? Posso anche pensare che l’amica è preoccupata in maniera sincera per il mio benessere, non che voglia farmi sentire una cacca…
    Poi se sono commenti gratuiti della vicina di casa nota tuttologa del palazzo che vuole solo farmi notare che le dà fastidio sentire il bebè che piange mi sta bene, la soluzione migliore è mandarla a quel paese così non ti parla più e risolvi il problema hahha!!!

  23. Le donne in gravidanza in questi casi passano davanti perché hanno le difese immunitarie molto basse e quindi nei posti affollati devono starci il meno possibile. Detto ciò questa qui è stata davvero scortese e odiosa perché a prescindere bisogna pensare che non esisti solo tu, è se c’è altra gente in ospedale, non è che sta lì per passare la mattina!
    Alla fine bisogna sempre darla vinta a quelle persone che credono di essere chissà chi e vogliono essere superiori quando sono piccole così. Mi dispiace che le infermiere (o altre persone professionali) devono agire così, dandola vinta a chi non ha ragione solo per non avere rogne.

  24. In ogni caso, parlando della vita in generale, ho capito che puntando i piedi e a fare la st****a si ottengono buoni risultati e meno problemi di salute (per quanto mi riguarda, parlo di malattie psicosomatiche… stress e ansia a go go). Grazie a Dio mi sono svegliata e ho imparato a farmi rispettare… anche se con quella tipa non ci ho nemmeno provato. Non volevo che il tutto degenerasse.

  25. Brava, e non è giusto però fare le cattive perché è contro a ciò che ci insegnano le buone maniere e i nostri genitori fin da quando siamo piccoli. Tutta questa cattiveria a me personalmente, mi sta avvelenando..

  26. Beh nemmeno io ho avuto figli e le nausee sono tipiche del primo trimestre. Detto ciò hai ragione sul fatto che le nostre madri, mia madre incinta negli anni 80 e 90 per me e poi mio fratello, non è mai passata davanti perché all’epoca tante cose non si sapevano o almeno non c’era questa premura o semplicemente le ricerche in campo medico erano meno.

  27. La gravidanza non dovrebbe escludere l’educazione, anzi, dovrebbe essere un motivo in più per diventare “la versione migliore di te stessa”, dato che per il bimbo che verrà la mamma è il primo e principale esempio…

  28. Infatti è per questo che i bimbi di oggi sono così maleducati, vedono il genitore in primis che fa il ….. davanti agli altri e credono che sia l’unico modo. è molto triste sapere che tu vorresti crescere tuo figlio tra le buone maniere ed educazione e rispetto, mentre per poter anche solo andare a comprare il pane, deve diventare cattivo e maleducato per non farsi fregare.

  29. Niente d’importante, fidati. Gente maleducata su Instagram. Preciso che non ho un profilo. Ho letto perché ho cliccato sulla foto dove Clio portava davvero un bel makeup, ma qualcuno ha pensato di dar consigli di bellezza più adatti alla sua età. … io ho solo un anno ca in meno di Clio, e francamente non mi sento da ospizio. Quindi capisco il risentimento.

  30. Non penso che dei suggerimenti dati con tatto e magari su richiesta siano stigmatizzati. Il punto è che a volte sono dati in modo arrogante e saccente, facendo sentire la neo-mamma una povera scema incapace. Io non ho figli, ma quando parentame & co. si è messo a rompere gli zebedei a mia sorella, perennemente in lacrime perché aveva poco latte, capisci bene che mi salisse il nervo, e che mi mettevo in modalità “guardia del corpo-on”. Diciamo che con me come tigre l’hanno finita subito XD !

  31. Un bellissimo farsi i c… propri certa gente non lo capirà mai. Se i mod del blog fanno pulizia non possono che avere ragione, la gente la deve piantare con le cafonate.

  32. Infatti ho posto l’accento della questione sul sentimento che fa partorire (hahah non ho resistito il double entendre) tali commenti, la questione cruciale è se il commento è sollecitato o gratuito, nel primo caso dovrebbe di solito essere bene accetto nel secondo è ben lecito dire “fatti gli affari tuoi”. Se a tua sorella hanno fatto venire un mezzo esaurimento perchè non produceva abbastanza latte da rifornire un produttore di formaggio, hai pienamente ragione anch’io avrei tirato fuori le unghie … però possono anche nascere da un sincero desiderio di aiutare, anch’io ho una famiglia impicciona e a volte danno sui nervi lo so, ma so che lo fanno perchè si preoccupano del mio benessere e mi vogliono bene, non hanno sempre il modo più delicato di dimostrarlo, ma mi sento di spezzare una lancia a favore.

  33. Ho 22 anni e non ho figli, ma da FIGLIA posso dire che le frasi:”tu e tua mamma non vi somigliate proprio”, oppure “somigli più a tuo padre”, mi hanno sempre dato fastidio. Anzi, quando dicono a me e a mia mamma cose simili io mi offendo sempre! A parte che non è vero che non ci somigliamo…forse perchè io ho i capelli scuri e sono più bassa la gente pensa questo…Comunque se fossi una mamma mi offenderei a sentire certe cose. Mi ritrovo in molte cose scritte qui e ho sentito queste frasi, anche perchè ho seguito le gravidanze di mia mamma e mia zia e le ho aiutate con mio fratello e i miei cuginetti. È proprio vero che una mamma pensa a TUTTO e deve essere tanto forte, e non deve troppo curarsi dei giudizi altrui…FORZA MAMME!!

  34. Io ad ogni tuo commento farei una standing ovation.
    Comunque i commenti sulla taglia sono veramente cattivi. C’è gente che i kg extra li perde subito, chi ci mette un po’, chi non riesce a perderli, ma sono sempre fatti a cui le persone non devono interessarsi.
    E tra l’altro: ad un paio di domande del post, altro che pazienza e respiro profondo… avrei tirato dietro le cose come la gif del “Mia madre crede che” XD

  35. Dipende. A mio avviso l’aiuto bisogna saperlo dare nel modo giusto e se richiesto. Anche le premure eccessive diventano fuori luogo. Bisogna sapersi porre con gli altri nel modo corretto, parenti compresi. Io NON SOPPORTO le persone appiccicose e le chiocce.

  36. Ciao! Mi è piaciuto tantissimo questo articolo! Volevo solo precisare che la doppia pesata (punto 9) non è l’unico parametro per valutare che un neonato allattato al seno cresca bene (anzi, trovate su Uppa un articolo dedicato che spiega come invece la doppia pesata sia inutile e dannosa). Si fa una pesata a settimana per valutare la crescita ponderale e quotidianamente si osservano i pannolini, la pelle e lo stato generale del bambino 😉
    Baci, Elisa

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here