Ormai le borse Michael Kors sono più che conosciute e gettonatissime ma, nonostante abbiano costi più abbordabili rispetto a brand di lusso quali Louis Vuitton, Chanel, Gucci e simili, non si può dire comunque che abbiano dei prezzi modici! Per questa ragione, molte persone cercano di acquistare queste bellissime borse online, magari usate o di seconda mano, anziché direttamente in negozio.

È una prassi sempre più comune, in parte perché moltissime ragazze e donne comprano e rivendono ciclicamente le loro borse, per poter avere sempre con sé gli ultimi modelli senza sprecare eccessivo denaro. Dall’altra perché internet permette di rivendere ogni tipo di oggetti, e magari, anche nel caso di una borsa, ci si può stufare o può essere un regalo non gradito, la cui vendita consente di poter acquistare successivamente un modello che più piace.

Le motivazioni sono tante, per questo non sempre un acquisto online è sinonimo di borsa fake o semidistrutta, anzi! Ma come fare un acquisto consapevole e non farsi fregare pagando come un modello nuovo ed originale un tarocco fatto e finito, e su quali modelli di questo brand vale più la pena investire? Per scoprirlo, non vi resta che continuare a leggere il post!

cliomakeup-borse-michael-kors-11

LE ATTENZIONI DA AVERE PRIMA DELL’ACQUISTO DI UNA BORSA MICHAEL KORS…

Leggere i feedback dei venditori è importantissimo prima di un acquisto

Innanzitutto, la prima cosa da fare prima di cimentarsi nell’acquisto di una borsa Michael Kors in rete è cercare dei venditori affidabili. Se le piattaforme di e-commerce a cui vi state rivolgendo sono eBay o Amazon, leggete dunque accuratamente i feedback che sono stati dati al venditore da altri acquirenti, ed evitate di comprare da quelli che non ne hanno.

cliomakeup-borse-michael-kors“Ho bisogno di feedbaaack!”

Controllate anche se permettono di fare o meno dei resi: se le borse sono vere, non avranno alcun problema a concederli! Leggete poi con attenzione le descrizioni. Qualora trovaste definizione come “designer inspired” o “replica”, non si tratta di un modello originale.

cliomakeup-borse-michael-kors-2

Inoltre, non fatevi ingolosire da prezzi tanto, troppo convenienti: le borse Michael Kors possono comunque arrivare a costare centinaia di euro anche quando sono second hand, dunque trovarne una a 30 euro non fa presagire nulla di buono!

cliomakeup-borse-michael-kors-1“Troppo bello per essere vero!”

Poi, prima di cimentarvi nel vostro acquisto, fate delle ricerche. Esplorate il sito ufficiale del brand o andate direttamente in un suo negozio, e studiate accuratamente tutte le caratteristiche della borsa che desiderate comprare.

cliomakeup-borse-michael-kors-17Via YouTube @DesignedbyAdaeze

Paragonatela a quella che avete visto su internet, e valutatene tutte le caratteristiche: se tutto è al suo posto e ha l’aspetto che dovrebbe avere…ok, ci si può fidare!

cliomakeup-borse-michael-kors-13In questo caso, la borsa fake si riconosce poiché ha una cerniera diversa rispetto all’originale! Credits: mygreatchallenge.com

…E QUELLE DA PRESTARE DOPO!

Quando avrete tra le mani la vostra Michael Kors, esaminatela accuratamente, a partire dal celebre logo pendente che caratterizza le borse di questo brand. Le iniziali del marchio, MK, devono essere molto vicine tra loro, e l’incisione del nome deve essere nitida e regolare.

cliomakeup-borse-michael-kors-15Credits: snapguide.com

Controllate successivamente l’interno della borsa, su cui dovreste trovare il logo: fate attenzione alle dimensioni con cui è stato realizzato, al fatto che sia preciso, e badate che il font sia quello originale e che sia posizionato in modo lineare.

cliomakeup-borse-michael-kors-12Credits: queenbeebecca.com

Ogni borsa, poi, dentro presenta un’etichetta con scritto “Made in…”, che segnala il luogo in cui è stata fatta. A questo proposito, però, va segnalato che le borse più “vecchie” del brand potrebbero non avere questo cartellino, e che potrebbero dichiarare diversi paesi di origine. Tenetene conto in relazione dell’“età” della borsa che avete acquistato!

cliomakeup-borse-michael-kors-14Credits: snapguide.com

Cuciture e materiali buoni sono indice di qualità

Anche le cuciture sono un ottimo segnale di autenticità: devono essere pulite e precise, e sono presenti anche sulle zip interne che alcuni modelli di borse Michael Kors hanno (se vedete che sono incollate, la borsa è sicuramente fake).

cliomakeup-borse-michael-kors-16Credits: mygreatchallenge.com

Infine, prestate attenzione ai materiali: le repliche delle borse Michael Kors spesso sono fatte con plastica o metalli scadenti, mentre le borse originali del brand sono fatte con componenti ottime, che si riconoscono sia alla vista che al tatto!

Ragazze, non abbiamo ancora terminato, anzi, il bello deve ancora arrivare! Nella pagina successiva parleremo delle borse Michael Kors più iconiche e amate di sempre e su cui, quindi, vale la pena investire! Non perdetevele a pagina 2!

16 COMMENTI

  1. Diciamo che ne ero attratta di più qualche anno fa… adesso boh, sarà che ho sentito dire che per la qualità che hanno sono troppo costose. Comunque mi piacerebbe molto la Jet Set Travel che è bella capiente ma senza un buon sconto non la prenderei mai a prezzo pieno proprio per il motivo che ho riferito prima. Buone borse ma prezzi un po’ esagerati. La Selma però trovo che sia la più bella, un po’ più particolare, visto comunque che sono borse abbastanza semplici. Quella di Clio è bellissima ma troppo piccola per portarla tutti i giorni xD
    Diciamo che sono più patita per le Love Moschino ne ho una ma mi è stata regalata perché non credo avrei mai speso 200 euro per prenderla xD però ho 3 Ynot, non sono proprio top per la qualità (non tanto i tessuti, ma di una ho dovuto cambiare la cerniera) però le ho prese appunto con degli super sconti proprio perché mi piacciono le fantasie e i modelli. Anche le borse di Guess sono molto belle, ne ho soltanto una però anche questa regalata non ho idea di quanto costasse xD

  2. Ne ho comprata una all’Outlet.. mi sono fatta tentare ed è stato un capriccio. Poco tempo dopo ho acquistato una borsa fatta a mano (in pelle morbidissima) da un artigiana… e la mitica Michael Kors per quanto bella sia non mi da la stessa soddisfazione. Boh!

  3. Io ho la Selma grande comprata appena uscita quando non c’è l’aveva nessuno, poi tutti hanno iniziato a comprarla e c’è l’avevano tutti. Per il prezzo che ha €350 non ne vale la pena perché come borsa è pesante e a fine giornata se la so tiene principalmente a tracolla fa male la spalla e avendo la cinghia in pelle dura e sottile può irritare la pelle. Poi cosa che odio di più che mi ha fatto pentire dell’acquisto è il fatto che dopo una settimana ha perso la forma.. sembra capiente ma non lo è perché sopra va a stringersi… una mia amica ha la versione piccola e la grande e ha detto che la piccola come qualità è la migliore mentre la grande non ne vale la pena. Mi trovo molto bene con la jet piccola a tracolla ci sta il necessario, usabile sia la sera sia la mattina

  4. Ah cla ecco che mi togli la tentazione dell’acquisto!! Lo volevo proprio per quando vado in giro con i bimbi ma se è scomodo no grazie!

  5. Le trovo super belle. Adoro la selma. Ma siccome costano un rene e in giro leggo pareri discordanti come per esempio che sono pesanti e che il materiale non è chissà cosa non ho ancora acquistato nulla. Ho preso cantonate con la guess, che fa bellissime borse ma alla fine sono in plastica, le cerniere e le spalline si rovinano subito e perdono la forma in poco tempo quindi sono lì nell’armadio a marcire. Vorrei evitare altri acquisti del genere!! Per ora comunque sto andando avanti a zainetti low cost ne ho uno bianco, uno nero con le borchiette luccicose e uno dorato e ne ho appena preso uno blu scuro con ricamati fiori rosa e Rossi. Con due bimbi piccoli credo sia l’opzione migliore

  6. Esteticamente mi piace proprio. Ed è comodo per andare in giro perché il peso è ben distribuito sulla schiena. Però quando devo cercare qualcosa per me è scomodissimo!!!

  7. Detesto i marchi troppo sput….ati.
    In Italia ci sono manifatture artigianali fantastiche. E se devo scegliere un brand lo preferisco comunque italiano. Poi, più una cosa si vede in giro più non la vorrei mai.

  8. Io ho la jet set travel, mi piace tantissimo! Ci entra tutto e rimane abbastanza rigida come voglio io (motivo per cui ho scelto questo modello). Ho molte borse in pelle e secondo me la qualità di questa è molto buona! Dopo un anno e mezzo non si è rovinata minimamente! L’unico difetto è che si, pesa anche da vuota! Al contrario sono rimasta delusa da una love moschino… Nel giro di pochi mesi le cuciture hanno iniziato a sfilacciarsi e la pelle si è rovinata parecchio…

  9. Come ho già scritto sotto un altro post di borse tempo fa, anch’io ho fatto la corte alla Selma per un bel po’ ma poi ho visto sul tubo una serie di video di clienti deluse ma soprattutto di addetti ai lavori che ne dimostravano passo dopo passo la cattiva qualità che nei modelli che si trovano negli outlet o nei siti con forti sconti fissi è volutamente ancora più bassa (fanno due produzioni diverse dello stesso modello, quella specifica per gli outlet è di un livello così basso che si perde tutto l’ipotetico risparmio)…a questo punto molto meglio un artigiano made in Italy che ti fa la borsa su misura, è un investimento per la vita!

  10. Per le guess conviene comprarle coi saldi quando costano un decimo… però devo dir che la mia ce l’ho già da un po’ ed è ancora perfetta.. Per gli zaini io ho sempre il terrore che lo aprano per fare la pesca di beneficienza per cui lucchetto o vado di tracolla se mi sevono le mani libere 🙂

  11. Io ho la selma e la uso tutti i santi giorni da 2 anni!é resistentissima,spaziosa ma non troppo grande,se si macchia la pulisci con una spugna inumidita e via…!io la adoro soprattutto con la tracolla!è vero che costa molto ma io sto ammortizzando la spesa alla grande visto che non la tolgo mai!

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here