Il tempo passa, ma la moda delle maschere nere non accenna a cedere il passo, anzi, l’ossessione per i prodotti black sta contagiando anche altre categorie – come i dentifrici al carbone, di cui vi abbiamo parlato ieri.

Ultimamente abbiamo avuto diverse nuove uscite: brand blasonati per le loro maschere, come Boscia e Origins, sono sbarcati in Italia. Garnier ha proposto alcune nuove maschere tra cui una nera. Inoltre, negli ultimi tempo è stata chiacchieratissima anche qui sul blog la maschera nera di Oxy: super economica e reperibile ovunque, è reputata tra le più performanti.

Abbiamo quindi fatto il punto della situazione e testato per voi alcune delle maschere nere del momento, + un prodotto black di skincare, anch’esso super economico, e che ci ha incuriosito moltissimo: vi dice qualcosa il brand Biorè 😉 ? Per scoprire tutto, andate avanti a leggere!

cliomakeup-maschere-nere-2018-1-punti-neriCredits: http://primpingatleisure.blogspot.ch

CEDDY: PEELING NERO DI BIORE

il prodotto black che ho provato è il peeling nero Biorè al carbone, che ho trovato un prodotto molto interessante poiché a cavallo tra uno scrub, un peeling ed un detergente purificante per la pelle. Il prodotto ha un profumo molto delicato e floreale, e che permane sulla pelle in modo discreto anche dopo che il peeling è stato risciacquato. Per prelevare il prodotto c’è un’apposita “pompetta”: basta schiacciarla una volta per avere la quantità necessaria da applicare sul viso.

cliomakeup-maschere-nere-2018-3-biore

Biorè peeling con carbone attivo. Prezzo: 15,78€ su Amazon.it


Il peeling appare come un gel scuro di colore nerastro con, all’interno, delle microperle grigie: va massaggiato sul viso inumidito precedentemente con acqua tiepida. Frizionandolo, diventa simile ad una schiumetta chiara, di colore bianco-grigio.

cliomakeup-maschere-nere-2018-5-bioreÈ molto delicato, e le microperle esfoliano la pelle senza, però, graffiarla o risultare aggressive. Una volta finito di massaggiare bene il viso, è sufficiente risciacquare il prodotto con abbondante acqua, facendo ovviamente attenzione a non farlo finire negli occhi. Sono molto soddisfatta: la pelle, quando lo uso, appare veramente più luminosa, compatta e uniforme, e molto più liscia per merito delle perle esfolianti.

cliomakeup-maschere-nere-2018-4-bioreUtilizzo il peeling 2-3 volte a settimana, come suggerito sulla confezione, ed è un prodotto che consiglio, soprattutto per chi ha pelli secche o provate dal freddo come recentemente è stata la mia!

Ecco l’INCI: WATER, ALUMINA, SODIUM LAURETH SULFATE, COCAMIDOPROPYL BETAINE, SORBITOL, GLYCERIN, LAURETH-4 CARBOXYLIC ACID, ETHYLHEXYLGLYCERIN, ACRYLATES/C10-30 ALKYL ACRYLATE CROSSPOLYMER, XANTHAN GUM, METHYLPARABEN, FRAGRANCE, SODIUM HYDROXIDE, POLYQUATERNIUM- 39, ETHYLPARABEN, DISODIUM EDTA, CHARCOAL POWDER, BENZOPHENONE-4, METHYLISOTHIAZOLINONE

SILVIA: MASCHERA NERA DI BOSCIA

Il prodotto che ho provato è la Black Mask Peel Off di Boscia, disponibile da Sephora. A detta del brand questa maschera promette di illuminare l’incarnato e ridurre l’aspetto dei pori eliminando le impurità e le cellule morte, assorbendo l’eccesso di sebo.

cliomakeup-maschere-nere-2018-7-boscia

BOSCIA Luminizing Black Mask. Prezzo: 30,90€ su Sephora.it

Come consigliato ho deterso bene il viso prima dell’applicazione ed ho messo un’abbondante strato su pelle asciutta e pulita, lasciando il tutto in posa per 40 minuti. Ovviamente la rimozione è stata la parte più dolorosa in quanto, essendo un prodotto peel off, tira molto la pelle. Si tratta di un fattore che non va molto d’accordo con la mia tipologia di pelle, molto reattiva, in quanto mi è rimasta la pelle rossa abbastanza a lungo.

cliomakeup-maschere-nere-2018-9-bosciacliomakeup-maschere-nere-2018-8-bosciaDevo ammettere che non ho notato un effetto particolarmente illuminante. Per quanto riguarda le impurità ammetto che non ne avevo molte e, per quanto riguarda questa caratteristica, non posso dare un’opinione precisa ma, alla “prima prova” non ho notato una riduzione dell’aspetto dei pori.

cliomakeup-maschere-nere-2018-11-boscia

Prima

cliomakeup-maschere-nere-2018-10-boscia

Dopo

Ho deciso quindi di ritentare l’applicazione utilizzando la maschera solo ed esclusivamente sulla zona del naso aggiungendo uno step in più: ho aperto per bene i pori facendo i classici suffumigi e solo in seguito ho steso la maschera. Qui, dopo la rimozione, ho notato che la pelle era molto più levigata con una riduzione dei pori più evidente.

DOPO I SUFFUMIGI, LA PELLE APPARE EFFETTIVAMENTE LEVIGATA, L’ASPETTO DEI PORI RIDOTTO

Di positivo c’è che si applica molto facilmente, si rimuove “in un gesto” (nel senso che il prodotto si stacca tutto in una volta), lascia la pelle morbida e, se utilizzata nel modo giusto, aiuta a minimizzare i pori.

Consiglio, per chi ha una pelle molto reattiva come la mia, di utilizzarla solo nelle zone necessarie.

cliomakeup-maschere-nere-2018-6-boscia

L’INCI è: Water (Acqua), Polyvinyl Alcohol, Hamamelis Virginiana (Witch Hazel) Water, Glycereth-26, Butylene Glycol, GLycerin, Pentylene GLycol, Acrylates/Palmeth-25 Acrylate Copolymer, Iron Oxides (CI 77499), Montmorillonite, Acrylates Copolymer, Sodium Laureth SUlfate, Polysorbate 20, Lonicera Caprifolium (Honeysuckle) Flower Extract, Lonicera Jabonica (Honeysuckle) Flower Extract, Xanthan Gum, Ascrobyl Glucoside, Simmondsia Chinensis (jojoba) Seed Extract, Epilobium Angustifolium Flower/Leaf/Steam Extract, Diglycerin, Pinus Pinaster Bark Extract, Eucalyptus Globulus Leaf Oil, Rosmarinus Officinalis (Rosemary) Leaf Oil, Benzoic Acid, Charcoal Powder

Ragazze, siamo appena all’inizio! Nella prossima pagina vi sveliamo come è andata con la chiacchieratissima maschera nera Oxy Black Mask, con la nuova arrivata di casa Garnier e con quella di Origins. Correte a pagina 2!

25 COMMENTI

  1. Non mi ispirano molto ste maschere al carbone. l’unica maschera nera che ho e che mi piace e quella l’oreal. Una cosa nera, ma Cher non ricordo se contiene carbone e vi assicuro che spacca, e il detergente pulizia profonda di natura siberica è veramente ottimo!

  2. Pure io ho quella di Origins e mi piace molto: pulisce davvero a fondo. Avendo la pelle secca, la tengo al massimo per 5 minuti, e la faccio solo nella fase premestruale.

  3. Anche io ne ho un formato prova che è bello grosso e mi sta durando parecchio, anche perchè anch’io la uso una volta/due al mese perchè ho la pelle sensibile…se no ne ho provata una dall’estetista che è una bomba ma sfortunatamente non ho visto la marca

  4. Se ho capito bene sono maschere “normali”, il fatto che siano nere non le rende automaticamente migliori o peggiori, sono da valutare caso per caso. Origins regala sempre grandi soddisfazioni, ho regalato un loro siero a mia mamma per natale e ne è entusiasta!

  5. Assolutamente sì, e’ possibile che sia peggiorata. Le formule dei prodotti di The Ordinary sono molto semplici e di base, quindi non contengono elementi in piu’ che vanno a lenire potenziali irritazioni dell’ ingrediente principale. Non tutte le pelli tollerano bene l’acido lattico per esempio poi. Poi dipende… peggiorata come? Se usi retinolo e ti spelli dovrebbe essere passeggero, mentre se ti vengono degli sfoghi simili all’acne direi che e’ meglio smettere di usare quel particolare prodotto. Io uso i prodotti di The Ordinary quotidianamente…non ho ancora provato il loro retinolo. Ho notato che con il siero Niacinamide la mia pelle tende a fare qualche sfogo quindi lo uso piu’ di rado.

  6. Niacinamide + Zinc: tutte le mattine
    Alphalipoic Acid: 3 sere alla settimana
    Salicylic Acid: ogni mattina e sera
    *Peeling di cui non ricordo perfettamente il nome*: una sera alla settimana

  7. Niacinamide + Zinc: tutte le mattine
    Alphalipoic Acid: 3 sere alla settimana
    Salicylic Acid: ogni mattina e sera
    *Peeling di cui non ricordo perfettamente il nome*: una sera alla settimana
    Questi sono i prodotti che uso e come li uso, magari sto sbagliando qualcosa… Comunque sfoghi di brufoletti, macchie, rossori: sembra proprio acne

  8. Niacinamide + Zinc: tutte le mattine
    Alphalipoic Acid: 3 sere alla settimana
    Salicylic Acid: ogni mattina e sera
    *Peeling di cui non ricordo perfettamente il nome*: una sera alla settimana
    Questi sono i prodotti che uso e come li uso, magari sto sbagliando qualcosa… Comunque sfoghi di brufoletti, macchie, rossori: sembra proprio acne diciamo

  9. Io proverei a diminuire la frequenza del siero Niacinamide da tutti i giorni a uno si e uno no e vedere come va e se necessario a solo 2 o tre gg a settimana.

  10. Stai usando troppi acidi tutti insieme, ne va usato soltanto uno alla volta. A quanto ho capito è la prima volta che usi acidi: l'”AHA 30% + BHA 2% Peeling Solution” è una soluzione di acidi molto forte, va usato solo dopo aver aumentato la tolleranza della pelle con acidi a concentrazioni più basse per prolungati periodi di tempo. Per il momento sospendi tutto, fai un patch test sul braccio su zone diverse con i prodotti e vedi se c’è qualcuno che dà reazioni allergiche. Dopodiché reintroduci solo la niacinamide per le prime 2 settimane, poi lipoico 2 sere a settimana e salicilico solo su brufoli ed imperfezioni negli altri giorni, una sola volta nella giornata (gli acidi non vanno sovrapposti, se usi l’uno non devi usare l’altro). Il peeling lo userai più in là, non è adatto a pelli con basse tolleranze agli acidi essendo la concentrazione alta! Accompagna il tutto con una protezione solare alta, mi raccomando!

  11. Ciao secondo me esfoli troppissimo. In più ok che la niaminacide lenisce un pochino ma non apporti alla pelle quota idrica che anche una pelle grassa come la tua (deduco) necessità. Io smetterei peeling, salicilico solo la sera (ma finché non pass sfogo fermati) e poi integrerei almeno ialuronico è assolutamente spf. Ora fermati con tutti questi prodotti e prova a usare solo connettivina o cicalfate di avene per lenire l’infiammazione. Poi facci sapere mi raccomando

  12. Condivido. Non conoscevo quel peeling combinato perché io pelle sensibile fuggo da prodotti così forti ma pare interessante come prodotto

  13. Ah e poi ricorda che fra pochissimo vanno interrotti tutti gli acidi a meno sei in una situazione particolare, e direi che non è il tuo caso (parlo di prescrizioni dermatologo o simili) e che ti farai l’estate da vampiro con spf 50, cappello e fuga da ogni raggio di sole. Mi raccomando se no ti ustioni e ti riempi di macchie. Devo smettere minimo un mese prima di iniziare a prendere sole e io ti consiglio caldamente un spf alto quest’estate perché hai aggredoto molto la pelle

  14. Una settimana, più o meno. La niacinamide ha funzioni riparatrici della barriera cutanea (regola la produzione di ceramidi), quindi se nel patch test non ti dà reazioni allergiche puoi già ricominciare ad usarla. Dalla foto pare tu stia nella stessa situazione in cui mi son ritrovata!

  15. È ottimo, però lo consiglierei soltanto a veterani nell’utilizzo degli acidi. La concentrazione è veramente molto alta, il rischio di sovraesfoliazione è dietro l’angolo!

  16. Se usi vitamina C è preferibile usare la niacinamide in un altro momento della giornata (uno la mattina sotto al solare ed uno la sera, ad esempio)

  17. Esattamente quello che stavo per commentare anch’io, inoltre le microperle non sono l’ultima piaga ecologica? Davvero pessima su tutti i fronti.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here