Ciao ragazze!

Finalmente è arrivato il momento di parlare del rossetto rosso, fedele compagno delle donne da tantissimi secoli, indiscusso strumento di fascino e seduzione.

emma-watson-50-shades-of-grey-0aa46f92-sz850x637-animate

Addirittura già ai tempi degli antichi egizi Cleopatra usava triturare coleotteri e formiche per creare la sfumatura perfetta di rosso; per ottenere un finish frost, perlato, si aggiungevano le squame iridescenti dei pesci. Alcuni ingredienti utilizzati, però, erano altamente tossici e portavano anche alla morte; per questo motivo al rossetto rosso si associa fin dalle origini un senso di pericolo e provocazione.

xl_800x1200_cleo-lgn

Nel ‘500 furono inventate tecniche più sicure, che prevedevano un miscuglio di piante e cera d’api; il rossetto rosso era considerato magico e si pensava che tenesse lontana la morte. Decisamente diversa era la situazione appena due secoli dopo: in Gran Bretagna solo le prostitute osavano sfoggiare le labbra rosse e addirittura per legge si potevano annullare i matrimoni se la donna utilizzava il rossetto prima di sposarsi.

Bisogna aspettare i primi del ‘900 per far tornare in voga la bocca scarlatta; nel 1915 viene inventato il primo rossetto nel tubetto metallico e nel giro di pochi anni le prime aziende di cosmetici (Max Factor, Chanel, Helena Rubenstein, Elizabeth Arden) iniziano a lanciare i propri prodotti.

elle-beauty-history-of-red-lipstick-1940s-working-woman-xln-lgn

Alla fine degli anni ’40, ben il 90% delle donne americane utilizzava il rossetto rosso; si arriva al 98% negli anni ’50, grazie all’esempio di figure come Marilyn Monroe, Elizabeth Taylor e Rita Hayworth.

Schermata 2013-07-12 a 19.50.46

rita2

Negli anni ’60 la cultura Mod preferisce i rossetti nude, ma dagli anni ’80 il rosso torna di gran moda: Mac lancia i suoi primi prodotti e Madonna rende celebre il suo Russian Red, utilizzando nel tour mondiale di Like A Virgin.

Madonna80s

E oggi? Bè, oggi il rosso resta il colore della passione e della seduzione, ma ormai è stato sdoganato anche dalle più giovani, che, scoperto il suo potere, lo sfoggiano con spensieratezza. Un esempio? La cantante pop-country Taylor Swift, che una volta usava solo i nude, finché non si innamora del rosso dopo che le viene messo per un servizio fotografico, e ormai la si vede solo con le labbra scarlatte, diventate il suo segno distintivo.

Taylor+Swift+Alexander+McQueen+Savage+Beauty+1lRDZlXvIyIx

C’è da dire che ai giorni nostri esistono tutte le sfumature possibili che si possano immaginare: rosa, arancione, beige, viola, bordeaux, marrone, nero, ma anche verde, azzurro e giallo! Insomma, non c’è limite… ma avete notato che ogni volta che una donna vuole veramente osare, sentirsi bella, potente e al centro dell’attenzione, resta fedele al caro, vecchio rossetto rosso? 😉

a1__201351410752263u43

Dita+Von+Teese+Makeup+Retro+Eyes+rz8mY0EAcDYx

Opening Night Of LA Shorts Fest '09 - Red Carpet

delevingne-burberry-december-1044801825

Ma quali sono i miei rossetti rossi preferiti? 

IMG_1132
Da Sinistra: Maybelline Super Stay 14 hour in 060 Continuous Cranberry, Mac Ruby Woo, Tom Ford in Cherry Lush, Illamasqua Box, Rimmel Kate Moss n. 10
Schermata 2013-07-12 a 20.16.14
Da Sinistra: Maybelline Super Stay 14 hour in 060 Continuous Cranberry, Mac Ruby Woo, Tom Ford in Cherry Lush, Illamasqua Box, Rimmel Kate Moss n. 10

1) Maybelline Super Stay 14 hour in 060 Continuous Cranberry

maybelline super stay 14 060 continuous cranberry

2) Mac Ruby Woo

mac ruby woo

3) Tom Ford in Cherry Lush

tom ford cherry lush

4) Illamasqua in Box

illamasqua Box

5) Rimmel Kate Moss n. 10

revlon kate moss 10

E voi utilizzate il rossetto rosso? In che occasioni? Solo di sera o anche di giorno? Qual è il vostro preferito in assoluto, quello che proprio vi fa sentire stupende e affascinanti? Come vi sentite quando lo indossate? Se non avete mai avuto il coraggio di provarlo: vi prego, correte da Kiko a comprarne uno per pochi euro e mettetelo anche solo per stare in casa quando vi sentite giù di morale o poco attraenti. La vostra autostima salirà alle stelle, ve lo assicuro, e chissà, magari facendoci l’occhio arriverete a usarlo anche per uscire 🙂