Ciao ragazze!

Ho pensato a una nuova serie di post in cui presentarvi i più celebri make-up artist del momento. Trovo che quando si parla di figure così leggendarie non sia necessario essere esperti del settore per comprendere la genialità del loro lavoro, così come non serve essere grandi intenditori per rendersi conto della grandezza di un’opera d’arte famosa, di un buon libro o di una bella canzone. Si tratta di arte, e l’arte è a mio parere universalmente riconoscibile e apprezzabile. 

lcd.alle.bg-19ca592e-720-498-ups-ri-xhw1jwb70u 

Direi di iniziare col botto parlandovi di Pat McGrath, truccatrice britannica, considerata da Vogue la più influente al mondo, pur non avendo mai ricevuto una formazione ufficiale nel settore della cosmesi.

Pat-McGrath-Working-2010

3651501_v1000x1500 20skin600.1

Attribuisce la sua creatività alla madre, immigrata jamaicana appassionatissima di moda e make-up, che le trasmette fin da piccola il suo interesse per questo campo: spesso, di sera, guardavano insieme vecchi film classici e la mamma commentava i vestiti e i look delle attrici. Da lei ha imparato quello che sarebbe poi diventato il suo modo di lavorare: quando deve ideare il make-up per una sfilata lavora in modo organico con lo stilista e con la sua collezione, lasciandosi influenzare dai tessuti, dai colori, dalle fantasie degli abiti e dai volti delle modelle. “È sempre una sfida, ma è anche la chiave per creare ogni volta qualcosa di diverso“.

00200big_426x639_large

Dopo la scuola frequenta un corso di arte e vorrebbe studiare moda, ma i suoi piani vengono stravolti quando nei primi anni Novanta incontra la stylist Kim Bowen, che la invita ad assistere ai suoi servizi fotografici per la rivista britannica i-D. Entrerà in contatto con il fashion editor Edward Enninful, che le offrirà in seguito la prestigiosa posizione di beauty director per la rivista, incarico che mantiene ancora oggi.

Pat-McGrath-Ο-πιο-περιζήτητος-make-up-artist7

Pat McGrath è famosa per la sua immensa creatività, che la porta a sperimentare tecniche di applicazione del make-up sempre nuove e avventurose, solitamente preferendo usare le mani al posto dei pennelli. Quando nel 1999 sviluppa una linea di cosmetici per Giorgio Armani, questi rimane colpito dal suo modo di interpretare i colori e di intendere la bellezza e la femminilità; dice di lei che “non ha mai usato i cosmetici per cercare di mascherare una donna“.

christian_dior___backstage_902720391_683x

Oltre alle sfilate (ben quattro settimane della moda all’anno), ai servizi fotografici e alle campagne pubblicitarie (alcuni nomi? Louis Vuitton, Prada, Lanvin e Calvin Klein), è dal 2004 direttore creativo internazionale per Procter and Gamble, responsabile quindi dei marchi di make-up di Dolce & Gabbana, Max Factor e CoverGirl. Come se non bastasse gira voce che presto uscirà una sua linea di cosmetici!

Madonna-for-the-2009-Louis-Vuitton-Fall-Winter-Campaign-madonna-19171677-1081-700

Questa è la storia di Pat McGrath, ma sono sicura che più delle parole sapranno comunicare le immagini dei suoi lavori. Come noterete, si occupa spesso di look haute couture, soprattutto per Galliano… quindi importabili nella vita reale, ma molto scenografici e teatrali!

pat-mcgarth1

arty-eyes-prada-large

7003592797_0c61bcc875_b

tumblr_lx9fsbfhaL1qm86p7o1_500

tumblr_m2aio97cRH1qm86p7o1_500

Comunque anche i look apparentemente più semplici hanno sempre qualche dettaglio interessante e fuori dagli schemi.

dior-couture-2-1549098329-1

 

Prada

 

7989_fs.9874-8569_christiandior.2.00210h

HOLA-LOOK-FASHION-MAKE_UP-OJOS-AHUMADOS tumblr_lzi6eykawS1qicobao1_1280

backstage_456043514_north_683x1024

DSC_0036 make2