Ciao ragazze!

Ma voi quando andate a fare shopping li mettete da parte gli scontrini? Perché io mi sono resa conto che con la scusa del “costa poco” finisco per comprare molto più del necessario, spendendo cifre inaspettate. Questo vale per l’abbigliamento, per il make-up, per gli accessori… insomma, come tante ragazze mi faccio abbindolare dalle offerte e dai prezzi stracciati, ma senza poi ottenere un vero risparmio!

Schermata 2013-12-18 alle 15.35.25

Mi è venuto in mente questo post perché ho letto da qualche parte che il celebre marchio di vestiti Abercrombie starebbe affrontando un periodo di crisi. Il motivo? Gli adolescenti di ieri avrebbero fatto di tutto per comprare una felpa da 100 euro di questo brand, mentre quelli di oggi preferiscono andare da H&M, Pimkie e Bershka e acquistare per la stessa cifra anche una decina di pezzi. Il motivo non è solo legato ai soldi, ma ancora di più al fatto che ormai le mode vanno e vengono alla velocità della luce, per cui chiunque voglia restare “al passo coi tempi” si trova costretto a rinnovare il proprio guardaroba ogni poche settimane. Ovviamente questo non vale solo per i più giovani, anzi, coi tempi che corrono è sempre più raro veder fare spese pazze nei negozi di lusso. Come accennavo all’inizio, però, aumenta il rischio di comprare oggetti superflui o di qualità peggiore, che verrano per forza cestinati dopo pochi mesi e utilizzi.

slideshow_594189_shoptalk.0621a

A questo nuovo “shopping usa-e-getta” si è arrivati abbastanza di recente: ai tempi delle nostre nonne nessuno possedeva armadi pieni zeppi di vestiti, ma era più comune avere pochi pezzi ma buoni, di qualità, confezionati dalla sarta, che sarebbero durati negli anni.


Le sorelle Fontana
Le sorelle Fontana
Coco Chanel all'opera
Coco Chanel all’opera

Con l’avvento delle catene di abbigliamento, ad esempio Benetton negli anni ’60, gli acquisti sono diventati più standardizzati, ma comunque non c’era ancora lo shopping compulsivo di adesso.

cost-cut-clothes.jpg.490x0_q85_crop-scale

Ormai, invece, siamo abituati a entrare in negozi con infinite possibilità di scelta a prezzi più o meno stracciati, che vengono riassortiti quasi ogni giorno, dove nella maggior parte dei casi la qualità lascia a desiderare (i grandi classici? La maglietta che si riempie di buchi a ogni lavaggio, le applicazioni di perline e paillettes che si staccano senza pietà e i maglioni che si sformano dopo averli messi due volte!)

Ragazze lo riconoscete? È proprio lui, il classico maglione triste e sformato!
Ragazze lo riconoscete? È proprio lui, il classico maglione triste e sformato!

Lo stesso sta succedendo con il make-up: le più grandicelle sapranno bene che brand economici come Kiko, Elf, Essence e Catrice non esistevano fino a poco tempo fa! Le donne avevano trousse di dimensioni “normali”, possedevano giusto lo stretto necessario, ma soprattutto usavano i loro prodotti, non li accumulavano per poi farli scadere! Oggi, invece, accade esattamente il contrario: non conosco ragazza che lasci lo stand della Essence senza almeno 6 o 7 cosine, di cui la metà solitamente inutili, o che si riveleranno deludenti dopo il primo utilizzo! Ormai è cambiata proprio la mentalità delle consumatrici: se ripenso alla Clio quindicenne, mi ricordo che guardavo ai grandi marchi come a qualcosa di irraggiungibile e magico; con il tempo ho capito che non sempre il lusso è sinonimo di qualità, ma per me continua ad essere più “affascinante” un ombretto di Chanel rispetto al suo cugino della Catrice (poi magari finisco per comprare quello della Catrice, non fraintendetemi, ma ragionando in termini di “quale dei due mi fa sognare” non ho dubbi sulla risposta).

catrice1 elf-make-up-2

Trovate le differenze ;)
Trovate le differenze 😉

Ricapitolando, la questione è: preferite possedere 20 ombretti di qualità media, lasciati marcire in un cassetto, o 5 fantastici, che sfrutterete fino alla fine? Meglio puntare sulla quantità o sulla qualità? E per l’abbigliamento come vi regolate? Comprate 5 maglioni da 20 euro o uno solo, ma bello caldo, da 100? Sono proprio curiosa di sentire le vostre risposte!

339 COMMENTI

  1. Cara clio i tuoi post sono fantastici!! Io ho lavorato in negozi di lusso ed e’ vero che il lusso non e’ sempre sinonimo di qualità! io vado per pochi ma buoni!

  2. Io preferisco di gran lunga la qualità, preferisco comprare magari due tre cose durante l’anno ma devono essere le migliori.

  3. Buongiorno a tutte!
    Io rientro nella categoria:tanta roba a poco prezzo;arrivar a casa con un solo prodotto e magari costoso non mi da soddisfazione;poi Clio tu ci insegni che se un prodotto non ci soddisfa o lo usiamo per un altro scopo o lo regaliamo alle amiche!

  4. Trucco……. Dipende da Cliuz!!!!! Eheheh!!!!! 😉 ma generalmente non spendo tanto perché non posso, ma sono della tua idea……. Inutile comprare 20 ombretti ad 1 euro se poi li uso giusto il tempo per esclamare NON SCRIVE!!! e finisce nel cestino!!! Diciamo che cerco il compromesso tra la qualità (ed i consigli/review) e quello che posso spendere! per i vestiti ho imparato un po’ da mamma a valutare la composizione e la qualità di un tessuto, poi se devo comprare un capo che sò mi dovrà durare (tipo cappotto) cerco meglio, se è una maglietta del colore attuale…. Se la pago 5€ e dopo pochi lavaggi è una ciofeca… Me ne faccio una ragione!!! Comunque è verissimo, questa cosa da una parte rende un guardaroba più ampio accessibile a tutti, dall’altra c’è l’inevitabile certezza che molti comprano per di più “perché costava solo 5€!”!!!!! Ho scritto un tema…… Sorry!!!!!! 😉

  5. Ciao Lara, sottoscrivo tutto (compresa l’insostituibile mamma che mi ha insegnato a valutare i tessuti)! Baci 🙂

  6. pochi, sognati, scelti, di ottima qualità a prescindere dal nome altisonante del produttore.
    Io sono per la qualità, piuttosto niente.

  7. Un esempio molto recente: ho messo i soldi da parte (per qualcuno saranno pochi spiccioli, ma per me non è così) per comprare un prodotto buono.. che voglio consumare fino all’osso.. ho preferito spendere 46 euro nella Naked piuttosto che sperperarli in giro per cose che in fin dei conti provo una sera e non uso più.. quindi si alla qualità.. per quanto riguarda l’abbigliamento, proprio perché la moda cambia preferisco di tanto in tanto QUALCOSA da 10 euro, 20 euro.. perché, come dici tu, la moda va e viene… so che fra sei mesi magari il prodotto che avrò acquistato non si userà più.. e allora a quel punto avrò preferito buttare 10 euro piuttosto che 100..

  8. nn sempre nell’abbigliamento spender tanti significa qualità… si parla tanto male dei cinesi.. vi assicuro che ho scarpe comprate da loro più comode e durevoli di scarpe di ultra marca! e poi non prendiamoci in giro… pure i grandi marchi importano dai paesi del terzo mondo… basta guardare le etichette.. solo che ti tocca pagare il marchio.. io lavoro nel tessile.. e ti roba importata e spacciata per italiana ne vedo fin troppa.. con questo non voglio dire che chi compra una borsa di LV fa male.. anzi.. ma di certo non ha guadagnato molto in qualità rispetto a chi ne ha spesi molti meno magari appunto al mercato o in un negozio di un brand medio (come benetton)..

  9. Buongiornooooo clioooo …
    Io sinceramente sono come te preferisco spendere un po’ di piu e avere la qualità, che l’incontrario…ovvio per le cose che valgonooo…:D poi dipende…baciooooo

  10. Mia mamma non è una che bada a spese…piuttosto compra poco ma di qualità e paga molto questo su tutto vestiti cibo cosmetica…e io condivido questa sua tendenza solo che spesso non dispongo di una cifra così alta nel portafoglio e poi mi dico ma se posso comprare la stessa cosa a prezzo più basso perchè no? Sì magari la qualità ne risente, ma so di averlo pagato poco…
    Poi se voglio qualcosa di più lussuoso vado a fare shopping con mia mamma che non comprerebbe mai dai cinesi ahah

  11. Buondì! Ma sai che la domanda è proprio spinosa? Perché scommetto che molte ragazze e ragazzi davanti a questa domanda si metterebbero a pensarci su.
    Io nel mio armadio ho abbastanza capi di prezzi medio bassi perché non posso permettermi l”giornata di shopping sfrenato con la carta di credito a fondo illimitato”, a mò di film. Però i capi che ho sono piuttosto buoni e alcuni li ho da anni perché sono “senza tempo”. Poi ovvio che anche a me capita di comprare la ciofeca, succede a qualsiasi umano, ma soprattutto da quando sono anche io una donna di casa, sto imparando a guardare la qualità e preferisco spendere 60€ in stivaletti di pelle che mi durano tanto tempo che 15€ e usarli solo una stagione, cosa successa due domeniche fa. Per il make io ho accumulato anche io, l o ammetto ma ho anche smaltito tutto: questo perché mi sono convertita all’eco bio e ora mi trovo con i giusti prodotti, almeno per me sono giusti, che occupano il giusto spazio. Poi ovvio che ogni tanto un capriccio bisogna assestarlo, ho puntato la tinta di YSL e per Natale, dopo tanto, ho un po’ risparmiato e me la compro, non sono categorica al 101%. Faccio del mio meglio, sono umana anche io..!
    Ciao Clio! I tuoi post mi piacciono sempre tantissimo! Hai avuto una bellissima idea ad aprire questo blog! Kiss

  12. Ciao Clio dipende da tanti fattori, sull’abbigliamento punto spesso sulla qualità, non in particolare al brand, ma ai tessuti, alla fattura, alle possibilità di lavaggio. Per il male up spazio dai prodotti di qualità e marca a quelli meno cari, ma in generale adoro alcuni brand e preferisco arrivare a casa con un prodotto chanel invece che tanti di essence, per quanto mi riguarda ho visto che finisco per spendere la stessa cifra, solo che il prodotto “lussuoso” lo uso fino all’ultima goccia, quelli economici vengono spesso inutilizzate e poi immancabilmente buttati. Forse mi manca un po’ la cultura del make-up low cost… Quando ero ragazzina io, praticamente quasi 30anni fa, questo tipo di make-up non c’era, per cui cercavo di risparmiare e rinunciare ad alcune cose, per comprare il tanto sognato blush Dior, la trusse chanel, il gloss YSL.. Ma penso che le ragazze giovani di adesso faciano bene ad utilizzare questi prodotti e a comprarne in maggiori quantità, visto che esiste la possibilità di farlo!

  13. Credo di stare nel giusto mezzo: pochi capi di qualita’ e costosi, da tenere nel tempo, e un po’di spese pazze a un prezzo abbordabile x nn annoiarsi! Nel make up solo prodotti di qualita’!!! La mia pelle se lo merita

  14. Buongiorno Clio e ragazze. Tema interessante, che mi ha fatto riflettere.
    Ho passato una vita in profumeria, sapeste gli acquisti inutili e totalmente sbagliati che ho fatto! Era più forte di me, se la scatolina mi attirava, prendevo l’ombretto più improbabile per non usarlo, se vedevo le due C incrociate a mo’ di sirene, gli smalti erano miei, per poi trovarmi le unghie sbeccate dopo un’ora. Mi piaceva entrare in questo piccolo mondo, comprare qualcosa di “lussuoso” ed esclusivo a prescindere dall’uso che ne avrei fatto.
    Poco tempo fa ho messo da parte i trucchi vecchi e scaduti e ho pensato “ma come ho fatto ad essere così tonta?”: alcuni erano intatti, mai usati e da buttare, tutti e dico tutti di marca, da Guerlain a Shiseido, da Biotherm (a proposito, ma perchè Biotherm non ha più la linea make up?) a Chanel. Adesso, visto e considerato il periodo che stiamo vivendo, sono attenta a ogni singolo centesimo.
    Ammetto che il fascino di Givenchy ipnotizza anche me, dunque se non posso penso a quei famosi trucchi che ho messo da parte per buttarli, li trasformo in soldini e penso a quanti soldini butterei se adesso come adesso facessi spese inutili o sbagliate o avventate. Che un conto è sbagliare con 5, un altro sbagliare con 50 euro.
    Tra parentesi: è vero che a volte il low cost mi prende la mano. Spesso e volentieri con la cifra spesa in prodottini avrei potuto comprare un prodotto di una marca prestigiosa.
    Che dire Clio: sto sperimentando, sbaglierò ancora probabilmente ma già il fatto di seguire questo blog mi sta aiutando a scegliere.
    E soprattutto a capire un po’ di più me stessa (sono l’incoerenza fatta persona).
    Mamma mia che ho scritto, vi siete addormentate vero?:-D
    Bacioni a tutte, bacioni Clio!

  15. Non avendo grandi disponibilità economiche devo per forza comprare sia vestiti che trucchi low cost. Anche perché non mi soddisfa proprio comprare una sola cosa perché poi penso: ma li vale davvero tutti quei soldi? Non credo proprio! E poi ogni stagione immancabilmente voglio cambiare qualcosa nell’armadio e almeno so quello che spendo quando non uso più un capo. Per i trucchi vale la stessa cosa: mi piace cambiare spesso…

  16. Nel make up resto nella fascia medio-bassa, facendomi guidare dalle review che vedo sui blog (soprattutto il tuo) e YouTube. Non ho nulla di marche davvero costose perché preferisco poter sperimentare, soprattutto con i colori. Ovviamente qualche fregatura capita, ma preferisco buttare un prodotto essence invece di uno di Chanel 😉

  17. Clio io ti seguo assiduamente da un solo anno ma…. Ho accumulato make up che mi consente di truccare me, la mia futura figlia e la mia futura nipotina per tutta la vita…. Peccato che scada….

  18. Buongiorno a tutte!
    Ho scritto ieri sera nel post del riciclo, io preferisco pochi prodotti ma buoni, non solo nel make up ma anche nell’abbigliamento.
    Ho capito questo, quando comperai la mia prima borsa costosa, per me le altre borse non esistono più! Da quel momento per me è preferibile comperare pochi pezzi, ma che mi piacciono veramente (non importa necessariamente che siano pezzi da boutique o firmati) che tanti a poco prezzo, o di cui non sono convintissima.
    Stessa cosa per i trucchi, preferisco comperarmi 1 rossetto mac che 5 rossetti di kiko o essence..
    Per me comunque specialmente nel make up vale sempre la regola di provare, eventualmente farsi fare dei tester, o farsi dare dei campioncini, in special modo di fondotinta, creme viso o profumi, per poter testare con tutta calma, e poter riflettere sull’acquisto!

  19. La penso come te… Poi purtroppo chi non ha possibilità di spendere 100€ per un maglione, può spendere 20€ e girando può trovare un qualità media, senza bisogno di accumulare “robaccia” solo perché costa.

  20. Dipende dal prodotto e dall’uso che intendo farne. Mi spiego meglio: se devo comprare una scarpa invernale che so che userò tutti i giorni o quasi, punto sulla qualità perché dovrà essere calda durevole comoda.. Se invece mi serve una scarpa ipercolorata e un po’ pazzarella che so che indosserò al massimo venti volte nella vita allora punto sull’economicità. Per il trucco vale lo stesso : per il mio fido mascara(cil architect 3d di l’oreal che ahimè non fanno più :'( ) spendere senza colpo ferire quei 15-20 € perché sapevo che mi ci trovavo benissimo e non lo avrei cambiato per nulla al mondo, per un rossetto arancione che non sono certa che mi doni ma voglio cmq provare 5€ in sconto da kiko sono anche troppi! Il mio unico problema? E che voglio provare troppa roba si di trucco che di abbigliamento che di accessori (orecchini e scarpe specialmente ) Eheheheheh 😉

  21. 5 ombretti fantastici da mettere fino alla fine 🙂 non ce ne facciamo niente dei trucchi scadenti abbandonati nel cassetto!! 🙂 per l’abbigliamento è un pò diverso invece perchè è bello cambiare, metter su sempre roba nuova anche se di qualità inferiore quindi meglio tanti maglioni nuovi da 20 euro che sempre lo stesso:)

  22. Ciao a tutte, anche io preferisco la qualità, a volte guardo anche la marca , ma ormai raramente. ..
    Preferisco prendere le cose che durano nel tempo e non mi piace avere addosso quello che trovi su tutte le ragazze, andare in giro o al matrimonio/battesimo e vedere quello che hai tu di avere anche un altra o altre… per me sarebbe un incubo, forse sono esagerata io… ma sono cosi non posso fare niente…
    La mia sorella e andata in Cina e tra i regali che ho ricevuto avevo un paio di occhiali da sole ray Ban

  23. Ciao a tutte,
    Io sono sempre stata a metà tra questi due tipi di personalità.. Sin da piccola non sono mai stata una grande fan del griffato e “della marca”, perciò non ho mai acquistato dei jeans a 200€ solo perché erano D&G e sono trendy.. Ma questo nn vuol dire che non voglia avere cose di qualità.. Non sono neanche una di quelle che compra una maglione a 10€ che dopo due utilizzi è già rovinato!.. Mi piace comprare cose che mi piacciono, che siano fatte bene, possibilmente un po’ originali e nn uguali a quelle di tutti gli altri.. Poi, come ha già detto qualcuna, ci sono cose per cui si spende di più tipo le scarpe o dei piumini o cappotti.. Credo sia indispensabile trovare il giusto equilibrio.. E applico lo stesso principio anche nel make up.. Ad esempio ho diversi prodotti Kiko, e dato che mi piace truccare gli occhi e variare non c’è un ombretto che non utilizzo.. Poi però punto sul fondo minerale di Sephora oppure sul They’re Real che ho desiderato fin da quando è uscito e ora l’ho anche finito.. 🙂 insomma!!.. Equilibrio!!
    Buona giornata!!

  24. Questo argomento mi sta a cuore perché faccio gli stessi tuoi ragionamenti. Per anni ho acquistato vestiti di pochi euro e dopo due lavaggi erano impresentabili, allora mi sono detta perché non comprare poche cose ma buone? Se ci pensi è un risparmio perché ti durano di più e ne compri poche senza farti abbindolare da ogni offerta. Ma poi mi ritrovo sempre al verde e a preferire roba super low cost anche se adesso sono più attenta alla qualità e guardo le etichette e il materiale dei vestiti così da prendere cmq un buon prodotto. Lo stesso per le scarpe anche se spendo un po’ di più onde evitare di indossare plasticotta. E per il make up cerco sempre recensioni in internet prima di ogni acquisto e guardo gli ingredienti con attenzione, sono per l’ecobio. Soprattutto seguo te e i tuoi consigli! Thanks! Kiss

  25. Scuza ma questo telefono e era scritto made in italy. .. quindi adesso fano la roba in Cina con scritta made in italy. .. e una cosa gravissima al mio punto di vista…
    Quindi attenzione vai a comprare spendi 120 € con scritta made in italy e alla fine. ..

  26. Da quando mi sono affacciata al mondo del makeup ho abbandonato quello dei vestiti XD non mi “importa” tanto avere 6000 cose nell’armadio (che tanto poi non indosso) quando posso spendere un po’ per dei trucchi che risvegliano la mia creatività. Lo trovo molto più stimolante 🙂 c’è anche da dire che gli abiti non mi mancano, ma per quelli mi rifornisco da Zara perché sono una persona che ama cambiare e trovo sarebbe uno spreco spendere tanto. Per quanto riguarda i trucchi mi concedo spese pazze (forse troppo di frequente XD) per prodotti di buona qualità. Avendo una pelle non proprio perfetta, meglio limitare i danni 🙂

  27. E’ lo spessore del portafoglio a decidere, quando lo apri capisci…
    Inutile fare mille ragionamenti, secondo me

  28. per quanto riguarda il make-up devo dire che fino a circa 20 anni io avevo davvero 2 cose in croce: un mascara (lo stesso da anni e anni ormai secco e incrostato perche tanto lo usavo molto poco avendo delle ciglia abbastanza belle-anzi devo dire che un po me le sono sicuramente rovinate purtroppo 5-6 anni fa erano molto piu folte e scure) una matita nera, un paio di ombretti ma proprio 2 un correttore e forse ma dico forse un blusa. Poi ho scoperto youtube e te Clio e forse anche perchè ero piu grandina ho iniziato a comprare make up in modo abbastanza compulsavo..per 2 anni compravo e compravo roba, nuove collezioni etc..anche di marche che non avrei mai sognato (prima compravo roba deborah, rimmel e maybelline al supermercato poi ho iniziato a comprare Chanel, Dior etc)..ho fatto cosi per circa 2 anni poi ho smesso di nuovo e soprattutto sono virata verso altri marchi anche perche cose molto costese mi hanno lasciata molto delusa sulla qualità (ricordo ancora una palette guerlain che dovrei ancora avere- bellissima da fuori ma assolutamente non scrivente, una cosa inutile pagata parecchi soldini)..ora compro solo quando finisco le cose e cerco di leggere bene le recensioni..se devo comprare qualcosa la cerco di qualità dato che ho solo quella e ormai mi butto su mufe, benefit, ud, mac..di altre marche non compro..giusto quando sono stata in america ho comprato un po di piu, facendo scorta dei prodotti che uso e consumo a causa dei prezzi molto competitivi!quindi direi che sono maturata!
    per quanto riguarda i vestiti i jeans, pantaloni, maglioni vestiti eleganti per non parlare di giacche scarpe e borse cerco di spendere un po di ma ho poche cose o cmq cose che mi rimangono negli anni perchè è vero che la moda cambia ma il jeans skinny ormai lo uso da 4-5 anni oppure la decolte è sempre più o meno quella magari le più vecchie sono leggermente a punta e senza plateux le piu nuove sono arrotondate e con plateaux ma poco cambia..mentre sulle magliete sui miniabiti da leggins o sugli abitini informali piu informali spendo meno e compro anche da h&m etc..ma cmq cerco sempre di limitarmi..
    Grazie clio per qusti post riflessivi, sono sempre utili!un bacione

  29. purtroppo (e forse sarò stata sfortunata io), mi è capitato spesso di dover buttare maglioni da 100 euro perchè al secondo lavaggio si erano riempiti di pallini e pelucchi. e invece ho delle maglie h&m che mi stanno durando un sacco. in più, ho la sfortuna di avere un fisico a fisarmonica, per cui un anno ho una taglia e quello dopo un’altra… per cui mi ritrovo a dover rinnovare spesso il guardaroba… insomma, morale della favola, per le buone occasioni, capi migliori… ma per l’abbigliamento di tutti i giorni cerco di risparmiare un po’…

  30. Per il trucco applico la regola “pochi ma buoni”..infatti tranne per alcuni ombretti ed un paio di blush di Sephora, per il resto mi affido a Dior e Clinique… perchè mi sono resa conto che nel make up vale decisamente la pena spendere un pò di più..anche in termini di ‘benessere’ della pelle. Per l’abbigliamento faccio l’esatto opposto 😀 molti capi di marchi low cost (tranne Zara..che ha una qualità pessima pessima pessima dei propri filati) ..quindi soprattutto H&M, Mango, Benetton e Promod. Ogni tanto acquisto cose un pò più costose e fatte meglio ! ciao Clioooooo!!

  31. ciao clio!!! bel post interessante!!!! io per quanto riguarda l’abbigliamento preferisco avere meno capi ma buoni…fare un investimento su pantaloni sartoriali,un bel golfino di cashmere e un bel cappotto…poi compro anche cose da poco per ogni giorno,cose come un golfino nero e dei leggins…ma in assoluto tendo a comprare poche cose ma belle…ho passato due annetti a cercare di spendere uguale ma con cose piu low cost ma purtroppo dopo pochi mesi erano distrutte o non tornavano bene oppure nn mi piacevano piu…ora investo su capi particolari ma belli di cui si vede la qualita..cercando pero di restare su colori che sono comunque intercambiabili…per il make up e successo uguale…per un periodo saccheggiavo la essence anche se avevo altri trucchi ma poi quei prodotti finivano x essere dimenticati vuoi xke nn erano buoni vuoi xke facevano allergia..quindi adesso compre solo cose di fascia medio alta xke vedo che mi durano,li uso, non mi danno insoddisfazioni…quindi preferisco avere qualcosa di meno ma di buona qualità…secondo me la qualità ripaga sempre la cifra spesa,….

  32. al tempo delle Fontana poteva anche essere vero il binomio lusso=qualità.
    oggi è tutto un raggiro, e io non ci sto a farmi spennare quando nessuno mi garantisce al 100% che un prodotto è valido.
    dovremmo essere un pò più morigerate, ma purtroppo è la cosa più complicata perché siamo troppo bombardate dalla pubblicità e dall’idea che “PIU’ COMPRO E MEGLIO MI SENTIRò”

  33. Ciao Clio!:-) Diciamo che per il make up preferisco prendere un prodotto che sia migliore rispetto a 5 di bassa qualità, anche perché poi io mi faccio attrarre dai colori ma alla fine i look che sfoggio sono sempre gli stessi, sono quelli che mi fanno sentire più bella e sicura di me. Diciamo che compro spesso marche low cost ma per motivi economici 🙂 di certo se un giorno posso permettermi un ombretto della Chanel o della Guerlain li acquisto a occhi chiusi, anche perché hanno un fascino che non è paragonabile a nessun ombretto low cost. Ho fatto l’esempio dell’ombretto ma così come gli altri prodotti. Per quanto riguarda i vestiti invece la penso diversamente, preferisco comprare da H&M, Zara, Pull and Bear per nominarne alcuni. Diciamo che questa mia scelta è dovuta al fatto che mi piace cambiare spesso e inoltre ho notato che i prodotti di abbigliamento, anche se low cost, non mi deludono; a parte alcuni casi, non ho trovato che si sformino, si rovinino, ecc…ed al contrario ho speso molti soldi per alcuni capi che poi si sono rovinati in pochi mesi. Quindi diciamo che ho due visioni diverse di abbigliamento e make up, per il make up pochi trucchi ma di alta qualità (portafoglio permettendo), guardando sempre agli ingredienti però, mentre per l’abbigliamento ben venga il low cost!;-)

  34. Io sono una studentessa con un budget limitato perciò vado sul “tanti pezzi a poco prezzo” però so che probabilmente non risparmio in questo modo…anzi! il fatto è che è molto più soddisfacente tornare a casa con tante cosine piuttosto che con una sola (anche se di marca o comunque di qualità)! Devo però dire che quando si tratta di abiti se devo comprare cappotti per esempio o abiti da cerimonia non vado da H&M ma ci pensa la mamma a comprarli…con il make up invece cerco molto review online su prodotti essence per comprarne sì tanti, ma che qualcuno abbia già provato e approvato! ultimamente vorrei iniziare a comprare meno trucchi essence e magari una bella palettina, ma se devo spendere in una volta tanto quanto spendo solitamente in due mesi ci voglio pensare bene perchè come dici tu, non sempre marca è sinonimo di qualità! Ciao Clio 🙂 bel post!!

  35. Un solo maglione, ma bello caldo!!! E devo dire che si fa così fatica a trovarli di lana vera (senza viscose) e un po’ graziosi che mi sono ridotta a comprare i gomitoli, e domani inizio a farmelo io!! Viva lo sferruzzo!!!!

  36. post interessantissimo! vengo da una famiglia in cui il motto è “chi più spende meno spende” … ma alla fine non è sempre vero, purtroppo!
    Cerco di valutare caso per caso: ho magliette basic di H&M da due anni e non hanno un buco, ho comprato maglioni di Manila Grace che al primo lavaggio si sono scoloriti a chiazze, ho comprato maglie al mercato di stock che non hanno niente da invidiare a quelle di boutique!
    Tendenzialmente comunque tendo a comprare meno cose ma buone senza però stare attenta al marchio… e se possibile made in Italy.
    Per il make up sto cercando di fare la stessa cosa … sul fondotinta non transigo: da 4 anni rigorosamente MAKEUPFOREVER … per matite e mascara dipende un po’ … purtroppo però il fascino di KIKO rimane … e quando passo dal negozio qualcosa compro sempre anche solo per provare … ma poi naturalmente essendo un po’ ciompa rifinisco al mio trucco standard ovvero fondotinta, matita e mascara … se va bene cipria e blush!

  37. Ciao Clio!!
    Tanti acquisti a poco/medio prezzo…Mi da più soddisfazione!
    Cerco sempre di valutare e trovare un buon compromesso prezzo qualità.Purtroppo non posso spendere molto ( la crisi c’è, si sente e con i figli si devono fare delle rinunce :)!) Con il web poi si possono ottenere tante informazioni, quindi se decido di fare un acquisto “importante” mi informo prima su costi e qualità..
    Per i vestiti e scarpe cerco di acquistare a saldo, ma sono molto diffusi anche mercatini che vendono prodotti a stock(magari trovi un banco di scarpe con pochi numeri ma prodotti di qualità)! ciao a tutte!

  38. Concordo con te Lara,io non ho molti cosmetici ma li ho buoni (e li sfrutto al massimo 😉 ).Per l’abbigliamento anche io punto alla qualità per quanto riguarda i giacconi,cappotti,tailleur +camice eleganti (purtroppo i tailleur mi sono indispensabili)maglioni… ah le scarpe !non sono bellissime,ma devono essere comode e durare molto!
    Tra i capi economici ho svariate Tshirt,camicette,canottiere,accessori,abbigliamento sportivo (e infatti mi durano se va bene una o massimo due stagioni -_-)

  39. Ciao clio e ragazze…shopping?????mmmmh….di sicuro sto attenta all ettichetta e prendo il made in italy…ultimamente mi sono innamorata della botteghetta della teezenis…qnd entro è finita..vado in tilt!!!!!..invece x i trucchi uso molto maybelline rimmel e pupa..e l unico negozio invece dove faccio proprio scorta è KIKO..già è distante quindi c vado poco ma qnd c vado esco cn un sacco di cose!!!ciaooooo

  40. Buongiorno! Allora, diciamo che fino a poco tempo fa (dai 14 ai 17 anni) compravo poco e non di marca, perchè purtroppo non lavorando dovevo chiedere i soldi ai miei genitori e non mi andava di fargli spendere troppo. Però ho sempre avuto buon gusto nel vestire, quindi nessuno si accorgeva che magari certi capi erano stati acquistati al mercato. Da circa 2 anni ho iniziato a lavorare part time per pagarmi gli studi e devo dire che avendo una mia autonomia, mi lascio spesso prendere la mano. Ora non compro praticamente più vestiti al mercato ma non compro neanche capi di alta moda. Per esempio a me piace molto il marchio Zara e credo non sia nemmeno così caro. In generale però preferisco prendere più cose piuttosto che una sola, perchè mi piace cambiare e soprattutto non mi soddisferebbe andare a fare shopping per poi tornare a casa con solo un maglione. Per quanto riguarda i trucchi ultimamente stò impazzendo. Da quando ho incominciato a seguire i tuoi consigli, ogni volta che vedo qualcosa di cui tu hai parlato la compro ahahah. Infatti dovrei darmi una controllata ma è più forte di me! Però anche in questo caso non compro mai prodotti di marche costose, ma stò attenta a comprare prodotti buoni che non costino tanto. Mi piacciono molto Essence, Kiko, Catrice, Pupa, Sephora. Un bacio Clioooo

  41. io preferisco comprare poco ma di qualità per quanto riguarda il make up e alla lunga credo di risparmiare. Un mascara o un fondotinta di buona qualità durano di più e non stancano, perché di solito danno buoni risultati. Con i prodotti più economici o sono certa di andare sul sicuro perché l’hai recensito tu o ho avuto modo di testarlo, oppure rischio di buttare i soldi. In genere seguo questa filosofia anche nell’abbigliamento, ma ultimamente ho dovuto necessariamente abbassare le pretese… comunque di solito parto da casa con l’idea precisa di ciò che mi serve (ad esempio un paio di jeans blu) e torno a casa solo con quello, senza farmi abbindolare dalle offerte speciali.Purtroppo non posso permettermi di comprare tante cose, per cui preferisco comprare poco ma di buona qualità.(Ad esempio alcuni dei miei maglioni firmati li ho da anni e sono perfetti, altri pagati la metà ho potuto usarli solo per una stagione perché poi erano importabili…)

  42. Io ho un amore viscerale per Catrice, a partire dal nome eheh. Trovo che i prodotti siano davvero validi e le confezioni accattivanti mi attirano sempre moltissimo.
    Ciao!

  43. Buongiorno Clioo!! Per il make-up preferisco la qualità alla quantità. Piuttosto che spendere 10 € per 5 ombretti che magari non scrivono preferisco spenderne 30 per uno che vale e che dura a lungo…Per l’abbigliamento diciamo che durante la mia adolescenza volevo comprare sempre cose firmate; magari spendevo 150€ per un pantalone anche solo per il gusto di mostrare agli altri che indossavo un pantalone firmato…povera sciocca!!! xD Ora preferisco comprare 3 pantaloni a 30 € o 4 magliette a 40€… solo qualche volta mi concedo qualcosa di più costoso perchè, comunque, non c’è niente da fare…un capo d’abbigliamento che costa di più si nota sia anche solo guardandolo, sia indossandolo…Ad esempio.. comprando sempre mutande da Tezenis mi sono accorta che c’è molta differenza con quelle di intimissimi che non mi si sono mai bucate e sono veramente ma veramente comode!!! 😀 :*****

  44. Io sono per i pochi ma buoni, un paio di scarpe comode, o un bel giubbetto, un maglione di lana vera capi più classici ma che posso usare e sfruttare anche le stagioni successive..sarà perché sono fuori dalle taglie standard essendo molto alta e i marchi a poco sono per me sempre corti (di manica, di gamba, lunghezza gonna) quindi piuttosto risparmio e aspetto i saldi!! Per i trucchi per fortuna seguendo le tue indicazioni, cara Clio, possiamo scegliere tra varie fasce di prezzo cosa può fare per noi, ma anche qui dopo l’adolescenza fatta con cassetti pieni di trucchi inutilizzati, pochi prodotti ma perfetti per me. Cmq con un programma Excel ogni mese introduco tutte le spese fatte divise in categorie (cibo, mutuo, manutenzione casa, tasse, abbigliamento, viaggi ecc) e guadagni.. E’ allucinante vedere in un anno dove vengono “buttati” più soldi e soprattutto quanti, non cambia il mio modo di fare certe spese, ma permette di capire dove in caso di bisogno si potrebbe risparmiare o cercare di farlo. Grazie dei tuoi post sempre interessanti anche se non sono tra le assidue commentatrici!

  45. Ciao ragazze…nei miei acquisti ho sempre puntato sul colpo di fulmine nel senso che compro quasi sempre ciò che mi piace davvero, magari un pezzo solo e di qualità però che mi conquista al 100% specie nel make up o nelle scarpe….moLto shoes-addicted!
    Lo shopping low cost è un po’ più dedicato alla mia bambina perché cresce alla velocità della luce e l’abbigliamento da bambini è estremamente costoso!!!!

  46. Io andando all’ università non dispongo di finanze mie, a parte qualche soldino messo da parte durante l’ estate, con qualche lavoretto, oppure quelli che mi regalano al compleanno. Comunque quando vado a fare compere di ogni genere, sia trucco che abbigliamento, cerco di valutare la qualità e il prezzo, lo confesso spendo molto più per il trucco, ma preferisco comprare marchi non troppo costosi, ormai prima di comprare qualcosa guardo le tue review, cerco tra tutte quelle che hai fatto se c’è il prodotto che vorrei acquistare,se non c’è corro il rischio XD ogni tanto xò mi concedo anche qualcosa di alta profumeria, tipo a Natale ihihihihihihih forse è una fortuna per le finanze della mia povera mammina che da me non ci siano sephora e mac XD

  47. Compro solo cose buone che poi durino o no, nn lo trovo importante.. nulla credo sia più come prima! Anche con i trucchi faccio lo stesso ma se passo vicino uno stand e vedo la essence devo assolutamente comprare tutte le cose che mi piacciono anche se so che poi non li userò mai..

  48. Io posso dirti che, per una gestione di budget familiare, tengo gli scontrini, o comunque segno le spese, di tutto.
    Solitamente per il vestiario in genere, preferisco spendere un po’ di più sapendo che al secondo lavaggio il maglione non sarà sformato o potrò fare 10 inverni con uno stesso piumino…ma se Essence lancia un nuovo mascara, per esempio, a 3€ e tu ne parli benissimo…beh, lo prendo e lo provo, dicendomi “solo solo 3 €!”.
    Ovviamente, e lo saprai benissimo anche tu, non provo tutti i prodotti di cui ci parli bene…ma di certo quando ho dovuto cambiare mascara, ho visto le tue review e poi ho scelto! Quindi diciamo che ti guardo sempre e “ti ascolto” quando ne ho bisogno, per non comprare una ciofeca! 🙂

    bacioni

  49. mia mamma ha venduto vestiti da donna per dieci anni….riconosce i tessuti attraverso la vetrina e mi ha insegnato tutto! 🙂

  50. Dunque, da mamma tris posso dire che in assoluto e’ meglio la qualità. Sempre.
    Ovviamente non sempre vale il detto chi più spende meno spende, perché come hanno detto altre, poi alla fine sono sempre o quasi fabbricati nei paesi in via di sviluppo con tutto quello che ne consegue.
    In genere per i miei figli compro più cose economiche ( per nido, asilo e scuola) e poche ma buone cose di qualità: in primis cappotti o piumini.
    Per me è il maritozzo puntiamo più a poche cosa ma buone alla faccia dei trend e della moda.
    Per il trucco idem, ho una pelle mooooolto delicata e sensibile anche se ultimamente con Clio mi sto facendo tentare da altre marche.

  51. Ahimè al momento devo optare su maglione da 20€ perchè i 100€ proprio non ce li ho! 🙂 Ma non mi lamento sono contenta così, so che appena finisco il Master lavorerò e potrò permettermi di più. Io solitamente compro meno, perchè alla fine quando qualcosa mi piace uso spesso solo quello 🙂 Quindi prendo 4 cose da 20€ e basta! 😀 Per il trucco invece compro marchi medio-economici e solitamente solo ciò che mi serve 🙂

  52. non so depend dalle volte, nei cosmetici spendo molto per i fondotinta o le creme, ma non per rossetti e ombretti perché ritengo non valga la pena e per vestirmi magari spendo per un cappotto o una giacca a vento che mi deve durare o un jeans ma no per maglioncini o gonnelline sfiziose che magari uso una stagione…

  53. Io sono per il “poco ma buono”!!! non sono una che segue sempre l’ultima moda.. preferisco prendere cose che so che non mi stancano.. anche per i trucchi.. non ne ho una enorme varietà ma quando li prendo vado sempre sulle marche di lusso (Dior, Chanel, YSL…)

  54. Scusami se intervengo ma in questo caso non sono molto d’accordo nel dire: meglio una palette della naked che mi dura anni ma che pago 46 euro… perché io ho comprato la versione low cost della Mua che ha esattamente gli stessi colori e quando li applico al mattino la sera li ritrovo uguali.. spesa? 10 euro compresa la spedizione dal Regno Unito. Questo è solo un esempio, vogljamo parlare del nuovo fonfotinta liquido della L’ Oreal recensito anche da Clio uguale ad Armani Maestro? Io cerco di non cadere più nella trappola ” se lo pago tanto vuol dire che è buono” perché non sempre è cosi. Baci

  55. Ciao sono Alessandra, ho ventuno anni e se potessi farei shopping tutti i giorni!!! ahaha sembra una riunione degli shoppingsti anonimi!!! ok, bando alle ciance devo dire che da appassionata di moda e make up ho sempre sognato di poter avere un armadio come quello di Carrie in sex and the city o di Blair in gossip girl o di poter avere a casa mia una mini sephora. Il problema è che una volta le cose di marca erano davvero confezionate bene e in italia(patria delle straordinarie sorelle fontana) ora invece non è più così. 2 anni fa la mia madrina di cresima mi ha regalato un beuty case di prada(non oso immaginare quanto l’abbia pagato), apro e trovo il cartellino con il certificato di autenticità e poi trovo scritto”MADE IN CHINA”. questa è una presa per i fondelli. scusate un marchio cos’ prestigioso e COSTOSO come prada confeziona le cose in cina? perchè allora devo spendere tanto per un prodotto neanche fatto in italia? e con il make up è un po’ simile il discorso…perchè comprare un fondotinta di armani che contiene petrolati, siliconi e schifezze simili e costa 50 euro?

  56. Hai pienamente ragione…io punto alla qualità e cmq i grandi marchi (chanel,armani,vuitton…) affascinano…sinceramente davanti alla vetrina di Louis Vuitton mi vengono gli occhi a stelline davanti quella di h&m cerco di individuare il capo “meno peggio” … meno cose ma di qualità maggiore anche x non rischiare in salute!!

  57. Io compro poche cose a a poco prezzo, le mie tasche non mi permettono altro! Le uniche cose in cui sono disposta a spendere un pochino di più, sono i giubbotti (che devono durare) ed eventualmente le scarpe (che devono essere comode), per il resto faccio lo stesso ragionamento del tuo post: che senso ha spendere una follia per una maglietta che l’anno dopo non è più di moda? Tanto vale comprarla da pochi soldi, dura fin che dura e quando si rompe la butta e ne compro un’altra! Senza contare, tra parentesi, che a me alcune magliette di H&M a cui mi sono molto affezionata mi durano da anni!

  58. Io purtroppo faccio acquisti compulsivi… sogno dietro le vetrine delle grandi marche ma poi appena vedo un prodottino in offerta mi fiondo! Ovvio rispettando i tuoi consigli, quindi almeno ci sei tu che mi stai facendo risparmiare. Ieri ad esempio non ho sfruttato uno sconto del 20% da Sephora per risparmiare ma all’interno di un centro commerciale ho visto che vendevano la palettina della MUA a 4.90 euro e l’ho comprata …. sapendo che tu ne hai sempre parlato bene. Ho fatto bene o ho fatto male??? Baci Clio e a tutte le ragazze

  59. Per il make up, oramai prima di comprare un prodotto, soprattutto se costicchia, vado a leggere on line le varie recensioni per farmi un’idea e capire se ne vale la pena. Per me Kiko è abbastanza una sicurezza, almeno per la maggior parte dei prodotti, ma difficilmente compro prodotti o colori che già so che non userei, vado sul sicuro anche con i brand low- cost. Per l’abbigliamento è diverso, tendo ad utilizzare i vestiti fino a logorarli nel vero senso della parola, quindi probabilmente punto sulla quantità, recandomi soprattutto nei mercatini.. e fatevi dire una cosa.. molto spesso, più di quanto pensaqte, ciò che vedete nei mercatini è la stessa merce che viene venduta nei negozi (ovviamente non parlo di D&G, Guess o Calvin Klein), solo triplicata di prezzo. Lo so perchè il mio ragazzo lavorava su un banco perciò ho visto quanto in realtà costano le cose, e che comunque sono la maggior parte prese dai cinesi.. a questo punto preferisco spenderci di meno e se si logora amen, non c’avrò speso 30/40 euro 🙂

  60. mi è piaciuto quest’articolo clio…fino a 4 anni fa nella mia trousse c’earno solo 1 mascara 1 ombretto color cacao(ho gli occhi scuri quindi la mia teoria era abbinare il colore dell’ombretto a quello degli occhi ahaha) 1 fard 1 terra 1 lucidalabbra 1 matita nera e mi duravano finche non terminavano e vivevo felice e contenta e adesso? ho una marea di trucchi e mi sento sempre insoddisfatta cercando sempre qualche prodotto da provare…non uso cosmetici di lusso ma quelli economici ma proprio per questo senza accorgermene prendo questo,poi quello,poi quell’altro..insomma devo disintossicarmi!!!!!!!!!!

  61. Secondo me dipende dal singolo prodotto… ho cardigan cinesi perfetti vicino a quelli costosi di benetton sformati e coi pallini dopo 3 lavaggi. Ho anelli “patacche” dei cinesi da 5 euro ancora stupendi accanto a fedine di Brosway da 35 euro che hanno perso tutte le pietrine… allora cosa è di qualità e cosa no?

  62. Io seguo la filosofia “chi più spende meno spende”, quindi preferisco avere pochi prodotti ma buoni!!! Inoltre mi sento più soddisfatta dopo aver acquistato una sola cosa ma di “lusso” che “10 da poco”.

  63. Io punto alla qualità: nei vestiti da sempre pochi ma buoni perchè secondo me cadono in maniera diversa e i tessuti sono più confortevoli e poi se mi piacciono continuano a piacermi negli anni; per i trucchi anche punto sulla qualità ma con un distinguo. Innanzi tutto in questo settore ho imparato che alto prezzo non è sinonimo di qualità, quindi prendo cose che reputo qualitativamente valide, a volte sono molto care a volte economiche!

  64. Io ho imparato che se devo spendere qualcosa e bene, sopratutto per gli ombretti , preferisco 5 ombretti fantastici e sono sicura che li uso !
    giusyslife.wordpress.com

  65. Un po’ e un po’…mi tengo due-tre prodotti di qualità per le occasioni e mi riservo i 1000 capi di Zara e il fondotinta scrauso per la vita di ogni giorno!!!;-) in ogni caso mai ciofeche…anche le cose SCRAUSE devono funzionare e aver stile…

  66. Giusto l’altro giorno ho affrontato questo discorso con mia nonna, lei mi ha detto che faccio male a comprare tanti vestiti a poco prezzo, perché poi finisco per metterla una decina di volte e poi buttarla in quanto rovinata!! La mentalità è cambiata, però è anche soggettiva, ad esempio io sono una che si annoia velocemente dei vestiti di conseguenza non spenderei mai 100 euro per un maglione 🙂 Per i trucchi però, adesso che ci ho preso un po’ la mano ( grazie a te!!) ,mi sono resa conto che la marca fa la differenza!!! Anche per quanto riguarda eventuali allergie, ad esempio con alcuni prodotti della Kiko ho avuto dei problemi, iniziavo a lacrimare tantissimo!! Quindi per i trucchi condivido la formula di mia nonna…MEGLIO POCHI MA BUONI 🙂 ciaooo

  67. c’è chi deve buttarsi sull’economico per forza! (sigh) e allora entri in gioco tu Clio che non ci fai acquistare cose deludenti, eheh (Grazie!!)
    per i vestiti dipende, capita di trovare capi ottimi al mercato e vere durare pochissimo capi di marca..!
    io personalmente sto attenta al prezzo e per ora va bene, non ti stanchi e cambi spesso (le uniche follie -molto rare- le faccio per qualcosina di Desigual) *_*

  68. Dipende: di solito cerco di spendere il meno possibile, però devo ragionare molto ugualmente sugli acquisti che faccio perché non navigo esattamente nell’oro… Gli acquisti d’impulso mi capitano (purtroppo), ma devono per forza di cose essere contenuti.
    Se mi serve un maglione il primo posto dove passo è H&M (o negozi di fascia simile), che a volte ha cose buone, ma se i materiali mi sembrano scadenti lascio perdere e passo a una fascia leggermente più alta. Una rivelazione per me sono state le scarpe di H&M: tutte quelle che ho le trovo comode e non si sono rovinate, e sì che non ci avrei dato speranza all’inizio! Ma forse è questione di fortuna.
    Poi è da un anno che non compro makeup se non un mascara e un paio di burrocacao colorati. Adesso mi è finito il blush e credo che prenderò quello della Catrice che hai recensito positivamente… proprio per questo motivo, perché mi fido del tuo giudizio, anche se chi non ha problemi pecuniari può anche “rischiare” di buttar via 2/3 euro 🙂

  69. io, prima di comprare qualcosa di makeup, mi informo su youtube, blog, forum,… così le probabilità di rimanere delusa da un prodotto low cost sono minori!

  70. Ciao clio!! Sicuramente preferisco avere poche cose ma di marca…poi certo compro anche al mercato se proprio qualcosa mi colpisce!! Ma sicuramente meglio avere 2 maglioni, fatti bene e che durano nel tempo piuttosto che 10 maglioni che dopo il primo lavaggio si devastano! A me capita sempre con o reggiseni….li.compro da tezenis, ma puntualmente dopo 4 lavaggi, il ferretto si toglie, la fascetta da allacciarr dietro si allarga e li devo buttare! Quindi preferisco prendere un reggiseno da intimissimi he so che dura negli anni!!
    E’ vero che di molte cose paghi solo la marca, pero’ di altre effettivamente paghi la marca e la qualita’!! Per il make up invece vado sull economico, piu che altro tanto non mi trucco mai, quindi non mi interessa piu di tanto! Un bacio

  71. Io preferisco di sicuro la qualità, sia per i cosmetici che per i vestiti…soprattutto per le scarpe!
    Ovviamente ho prodotti di un po’ tutte le marche, perché (soprattutto per gli ombretti) quando trovo ne trovo uno con cui mi trovo bene e che non mi provoca allergie tendo a fossilizzarmi. So che è un difetto, ma ho una pelle molto delicata e le reazioni cutanee non dipendono né dalla marca né dal prezzo, ma proprio dal prodotto singolo. Per esempio: mi trovo benissimo con gli ombretti di Kiko, ma la loro BB cream e il loro correttore non riesco a sopportarli; la terra di chanel (les Beiges) mi piace da impazzire, mentre la crema+siero per il viso, di cui ho i campioncini, mi arrossa tutta la pelle e fa uscire un sacco di bolle.
    In generale non sono una che compra tanto, preferisco poche cose ma buone 🙂

  72. Per il vestire vale assolutamente il poco ma buono!!! Sto attenta al tessuto, alla cucitura, alle finiture, un capo deve durare. Per il trucco un compromesso: non uso mai due giorni le stesse cose, provo in continuazione, e ho trovato nella neve cosmetics l’ideale rapporto qualità prezzo. Poi vabbe anch’io sbavo davanti allo stand Dior, chanel, este lauder e compagnia XD

  73. Mmm, dipende.. Per quanto riguarda i trucchi non sono una che compra mille cose tutte in una volta, preferisco sapere già prima cosa cerco e comprare solo quello, almeno sono sicura di non aver sorprese..
    Per i vestiti invece è l’opposto.. Generalmente non so mai cosa comprare, e mi faccio un’idea direttamente in negozio.. Però non riesco mai a spendere cifre esorbitanti per una maglia o un paio di pantaloni, preferisco tanta roba che mal che vada dopo pochi cambi finisce nel bidone ma che almeno non ho pagato un occhio della testa.. Poi ovvio, una volta anche io una volta nella vita ho speso quasi 300€ per un cappotto, però lo metto solo nelle occasioni speciali e lo tratto come un figlio 😀

  74. Io sono da sempre per il motto che mi ha insegnato mamma “meglio una cosa sola ma di ottima qualità”. Filosofia che applico un po’ a tutto, dal makeup alla moda passando per accessori, oggetti tech ecc. Qualità che ricerco con cura non fidandomi ciecamente del brand ma informandomi attentamente. Per quello che riguarda la moda poi, ho 25 anni e un po’ , quindi ho trovato il mio stile e difficilmente faccio acquisti compulsivi che restano in un cassetto

  75. Dimenticavo….make up economico, ma solo recensito da te!! Non mi fido senno, neanche di altri make up artist!

  76. Per quanto riguarda i vestiti, cerco di comprare cose che costano poco ma che hanno un tessuto decente in modo che, se “cambia la moda” o più semplicemente ho sfruttato un maglioncino per tutto l’inverno e l’anno successivo non mi piace più, ci metto nulla a farlo volare dalla finestra 😀
    Riguardo ai trucchi invece….prima di acquistare qualcosa tra le marche low cost vado, per non sbagliare, alla ricerca dei commenti (soprattutto i tuoi, Clio :-D).

  77. Io, dopo aver infeltrito qualche maglia, ho il terrore del “pura lana vergine”: ci sono rimasta troppo male! Pensa che ho ancora dei maglioncini, ma non li metto più per il terrore di rovinarli col lavaggio…

  78. Beh clio per i trucchi dipende… Se penso al fondotinta o alla creme.. Non guardo il prezzo ma quanto più la qualità!! Se devo comprare degli ombretti medi lo faccio anche, ma non mi faccio mancare nemmeno quelli di chanel o le naked che sono le migliori a mio parere! Poi è normale comprare vari prodotti low cost.. Magari su 10..5 sono buoni! Come dici sempre tu bisogna provare… E per i tempi che corrono meglio buttare un ombretto di 3 euro piuttosto uno di 30…
    Per i vestiti si compro in modo compulsino in negozi come Zara,h&m… Ma nei giubbotti, scarpe e borse cerco la qualità! E non c è nulla da fare una louis vuitton, fendi o gucci dura una vita anche se ci fai la guerra!

  79. Crescendo ho imparato che e’ meglio puntare sulla qualita’ che sulla quantita’. Non sempre pero’ “chi piu’ spende meglio spende”. Per il make up e la cosmesi ho imparato a leggere l’INCI per evitare troppe schifezze soprattutto quando si parla di prodotti da usare tutti i giorni mentre per l’abbigliamento guardo la composizione e la provenienza, se e’ made in Italy meglio! Poi il discorso si potrebbe estendere a design e alimentari..

  80. per il make up punto sulla qualità invece per i vestiti mi piace cambiare spesso look e ovviamente con abiti costosi non è fattibile…
    invece trovo fondamentale avere calzature esclusivamente in pelle e sono disposta a pagare di più!

  81. Dipende!! Diciamo che per gli acquisti fondamentali preferisco spendere un po’ di più ma avere qualcosa che dura. Se si tratta invece di uno sfizio (una maglietta particolare, un ombretto supercolorato che so che non userò spesso) meglio puntare sul low cost.

  82. ciao a tutte
    Oggi l’abbigliamento femminile è talmente vasto da non crearmi particolari problemi nella ricerca di capi buoni a poco prezzo, non mi importa il maglione da 100 euro preferisco cambiarmi spesso ma con “gusto” per quanto riguarda il make-up è un po’ più difficile lì bisogna saper ricercare il prodotto valido in quanto tutto dipende…. ho provato cosmetici costosi con i quali mi son trovata malissimo o che addirittura mi provocavano sfoghi sul viso, altri sempre costosi ma che son diventati “oracoli” per me, altri economici sorprendenti! o sempre economici ma che non valgono una lira! In conclusione per il make-up comunque preferisco pochi ma buoni. baci

  83. Un prodotto a poco prezzo attira un attenzione maggiore rispetto a quello che costa di più, soprattutto in questi tempi, ma io prima di fare “rifornimento” preferisco sempre provarlo e valutare anche la qualità! Sono molto attenta su ciò che acquisto però è anche vero che a volte ho comprato un prodotto solo perché costava poco che magari ad un prezzo maggiore non avrei mai comprato, solo perché nella mia testa mi sono detta: “tanto costa poco!!”

  84. Si questo è vero, certe volte dei prodotti costosissimi sono delle fregature o non valgono tanto quanto li paghi. Però altre volte invece il prodotto di marca ha una qualità superiore, magari più per quanto riguarda i vestiti che il make up. Le volte in cui ho comprato da Zara poi mi sono pentita, perchè quasi tutto si è rovinato dopo poco.

  85. Diciamo che per i vestiti siccome mi piace cambiare ogni giorno preferisco le cose low cost mentre per i trucchi dipende da quello che consigli tu

  86. Io non ne ho le possibilità e quindi aquisto abiti low cost nei grandi distributori ma qualora avessi le possibilità non spenderei i miei soldi per i grandi marchi come Gucci , Armani ecc.. Mi affiderei alla buona manifattura..capi dai tessuti buoni come 100% cotone per l’estate e 100% cachemire per l’inverno…guarderei le cuciture,i reverse delle giacche e dei tailleur ,insomma, qualità e non marchio….
    Lo stesso vale per il make-up ecco perchè seguo Clio mi dà tutte le dritte di cui ho bisogno…baciiii

  87. Ciao Clio! Personalmente ho nella trousse, cosi’ come nell’armadio, cose di varie fascie di prezzo. Mi posso follemente innamorare di un rossetto Dior come di uno Kiko. Quindi alla domanda “preferite possedere 20 ombretti di qualità media o 5 fantastici, che sfrutterete fino alla fine?” direi che tra i miei 20 ce ne sono anche di costosi che pur essendo migliori in qualità magari rimangono a marcire in un cassetto perché non mi piace più il colore o perché ne ho comprati altri, anche meno cari, che finisco per utilizzare di più.

  88. Ciao Clio!! riguardo questo tuo post io ho pensieri diversi per quanto riguarda il trucco e l’abbigliamento.. nel senso che per il trucco preferisco magari comprare meno cose, ma buone e quindi punto molto più sulla qualità che sulla quantità..anche perchè comprare prodotti da trucco che vengono poco e che magari non sono molto buoni può portare ad allergie o altro.. Mentre invece per l’abbigliamento punto su più cose a poco prezzo, semplicemente perchè forse riesco a trovare cose abbastanza buone a poco prezzo.. poi naturalmente spendendo più per i trucchi mi limito sull’abbigliamento..ahah! Questo è tutto.. bacioni!!!

  89. Per quanto riguarda il trucco ha sempre funzionato il “passaparola” tra amiche: “ma tu come ti trovi con quella crema? e con quell’ombretto?!” e, si sa, finisci sempre per prendere quei prodotti che paghi tanto e magari non sono proprio il massimo…poi è arrivata l’era di Clio ed è stato come ricevere un salvagente!
    Per quanto riguarda i vestiti, avendo iniziato con le collezioni di Barbie, negozio finto incluso, è stato molto difficile gestire da grande il confine tra necessità / utilità/ qualità / prezzo. E non dimentichiamo lo spazio nell’armadio! SPESSO compriamo vestiti per MODA e perché siamo condizionate dalla pubblicità, io credo che sia giusto un mix. Ad esempio: è fondamentale indossare scarpe di buona qualità e non eccedere coi tacchi alti! Di recente ho trovato un negozio economico che ha maglioncini a 8/10 euro e leggendo l’etichetta del materiale ho scoperto che sono composti da almeno il 50%di lana misto a cotone a differenza degli altri “economici” pimkie/bershka ecc mediamente prezzati tra i 25/40 € e SINTETICI. E gli accessori? ho un un borsellino della guess vita MENO di un anno e si è SPELLATO…mentre da stradivarius borsa eco color cammello a 20 euro ed è identica a quelle di 200 che si vedevano un paio di mesi fa su cosmo. E poi io ho un detto “La moda passa, lo stile resta”: sentiamoci libere di scegliere ciò che ci valorizza e ci piace davvero perché un abito “cheap” indossato a una bella personalità NON HA PREZZO! ;D

  90. Molto interessante questo post! Era molto meglio un tempo, quando si possedevano pochi capi d’abbigliamento ma di qualità! Oggi se metti lo stesso abito di due anni fa ti prendono per una fuori moda! Perché ora le ragazze preferiscono sfoggiare un abito diverso al giorno, che magari tra qualche mese non metteranno più! Oggi quello che conta è solo apparire, spendere, mostrarsi, come se l’apparenza fosse più importante di ciò che si è realmente! La stessa cosa vale anche per il trucco! La gente ormai ti giudica per come ti vesti, per come ti trucchi, per gli oggetti che hai, non per quello che sei! Ed è molto triste che non importi più a nessuno! A volte ho l’impressione di essere nata nell’epoca sbagliata, forse perché mia nonna e mia madre mi hanno abituata in un certo modo!

  91. Per il trucco e come per i vestiti preferisco generalmente più cose di qualità media, poi dipende dalle circostanze.. A me piace molto cambiare modo di vestire e modo di truccarmi quindi se dovessi comprare cose buone e care dovrei spendere mooltii soldi, invece comprando più cose a prezzi minori con una qualità media posso cambiare spesso.. Se avessi un solo magione di ottima qualità andrebbe a finire che mi stancherei di usare sempre quello quindi per me è meglio avere due maglioni di qualità media in modo di poterli cambiare spesso e così facendo se uno dei due non lo uso più o lo trascuro non mi sento molto in colpa perchè non l’ho pagato 80 euro ma 25-30 euro.. Detto questo, Clio ti mando un bacione 🙂 🙂

  92. Agli inizi, quando ti ho conosciuta, mi è venuto lo shopping cosmetico compulsivo! Compravo tutti i marchi low cost che iniziavo a conoscere beccando davvero infinite fregature eheheh!
    Adesso faccio acquisti mirati, semi-economici e comunque di qualità! Non mi faccio più abbindolare dal prezzo, insomma acquisti intelligenti!
    Per l’abbigliamento & co invece cerco sempre di risparmiare, magari comprando durante i saldi quei pezzi che mi piacciono e che a prezzo pieno non posso permettermi, ma in linea di massima H&M, Berska e Zara FOREVER! 😀

  93. ciao Clio! io faccio parte della categoria comprare tanto ma spendendo poco diciamo! Ho molte più cose e più soddisfazioni! idem per i trucchi, non ho mai speso follie ma quando compro cerco di prendere qualcosa che sia di una media qualità insomma con cui mi trovo bene =) comunque capita a tutti di fare l’eccezzione ogni tanto, spendere qualche soldo in più per qualcosa che si desidera,magari qualcosa che si desidera da un po’ di tempo è uno strappo alla regola permesso=)))))

    comunque in tempi come questi si cerca sempre di prendere lo stretto necessario di certo!!! (purtroppo ='() un bacio clio

  94. Ciao Clio. Io credo che sia meglio spedere una cosina in più però la qualità è migliore. È vero anche che nn è sempre così ma il più delle volte si.

  95. Per me vale sempre la regola “quality over quantity”, soprattutto nel trucco e in pezzi basici dell’armadio!

  96. Pe ri vestiti, dopo che i primi anni dell’università per rinnovare un po’ il guardaroba mi sono fatta prendere dalla mania di zara, adesso ritorno sui miei passi pochi ma buoni, anche perché la qualità di HM e zara si è abbassata. però se mi capita di trovare un bel paio di pantaloni a basso prezzo o prendo, anche perchè girando per i treni e con zaini, non voglio rovinare le cose a cui tengo. per le scarpe preferisco poche, ma buone, anche perché solo quelle che hanno una certa qualità fanno la loro figura (anche le scarpe sportive). per i trucchi, mi faccio un po’ prendere dagli sconti sephora del 20%, ma cerco di non fammi prendere dal consumismo. Io proprio no capisco chi ha 5 profumi!!!! (che costano 70 euro!!!)Per dire adesso mi sento in colpa di avere accumulati diversi smalti.

  97. Io penso e dico con estrema franchezza, che il fenomeno delle beauty blogger sta un po’ rendendo quasi normale l’acquisto di cose superflue che in realtà non ci servono. va bene è per divertirsi, ma avere 5 profumi, 7 blush, 20 rossetti, 10 borse, 5 paia di occhiali da sole io credo che sia consumismo. perché i cosmetici, se uno non è professionista non e usa i quantità industriale. Quindi meglio acquistare poche cose, acquisti mirati, anche se costano poco.

  98. Io penso e dico con estrema franchezza che il fenomeno delle beauty blogger fomenta anche inconsapevolmente l’acquisto di cose superflue. (mi fa ridere quando del ragazze su youtube dicono, sta cosa non mi è piaciuta però la devo finire, quando comprano ogni giorno una crema o un ombretto nuovo!) Io penso che avere 5 profumi, 10 blush, 20 rossetti, 5 paia di occhiali da sole, anche se costano poco sia uno spreco. va bene che è per divertimento “passione”, ma se uno non è professionista, tutte quel cose non le usa. io credo che è meglio far degli acquisti mirati, e non prendere tante cose solo perché costano poco.

  99. Ciao donne! questo argomento è assai goloso, son curiosa di leggere tutti i commenti…
    Mi ritengo una persona abbastanza responsabile in fatto di spese e nell’abbigliamento cerco dei capi a prezzi abbordabili, senza perciò cadere nel prezzo stracciato perchè mi son fatta un pò di esperienza in fatto di tessuti e so che il prezzo stracciato è sinonimo di tessuto scadentino.
    Ci sono poi dall’altra parte tonnellate di marchi con prezzi improponibili per dei capi che in fatto di qualità sono abbastanza orrendini e che anche senza averne la certezza, fanno comunque pensare alla Cina, quindi diciamo che il giusto compromesso sta nel mezzo, per il momento.
    L’unica cosa che mi fa sospirare di certi capi firmati sono i colori. Non so se è una mia impressione, ma i colori dell’abbigliamento più economico sono davvero peggiori, tendono al grigiastro i toni spenti e all’avariato quelli più accesi. Certi brand invece hanno dei colori puliti, pieni e vibranti. Per quello che riguarda la cosmesi invece, sono un pò più in difficoltà, sono onesta. Il paradiso dei boccetti è una tentazione forte.
    Dai prodotti per capelli alle creme corpo, è stata una guerra in passato.
    I trucchi sono stati un abuso in adolescenza, abbandonati quasi nella fase post e scoperti come per la prima volta dopo l’avvento di Clio 🙂
    Li ho compresi e imparati a valutare solo di recente, quindi sono diventata molto più rigida negli acquisti. A meno che non costino uno sproposito, tendo a rimanere concentrata sulla resa finale, e quindi la qualità, perchè spesso vedo ragazze con trucchi pieni di personalità e quindi penso che è possibile ma bisogna impegnarsi.
    Per esempio che l’ombretto possa essere polveroso, a 16 anni, non lo sapevo.
    Un trucco che ho imparato sulla pelle è che devo limitare le spese in contanti, perchè con l’uso di bancomat e carte dove tutte le spese sono tracciate, i corpi del reato sono davanti ai tuoi occhi e non li puoi ignorare, specialmente dopo che conosci la sezione di analisi entrate ed uscite del conto corrente..
    Grazie a questo metodo ho imparato a concentrarmi bene nel momento dell’acquisto e soprattutto a farlo quando son serena e rilassata, ma non su di giri(occhio!!) e ho scoperto che comprare le cose giuste non ti spinge poi a buttare soldi.

  100. Comunque complimenti clio, per questo post, scritto proprio bene ed un interessante spunto di riflessione. Anche io i maglioncini sformati e con tessuti trasparenti proprio non li capisco!!!

  101. Proprio oggi sono uscita dal negozio dopo aver comprato 6 cosine Essence!! però una la regalo a un’amica ciompa con l’eyeliner che si divertirà un sacco con quello stick!
    a me piace cambiare, abbinare il trucco all’abbigliamento, al mio stato d’animo, posso fare mesi con lo stesso colore, ma mi piace sperimentare anche colori nuovi per una serata pazza. Per cui preferisco 30 ombretti di qualità media a 2/3 di alta qualità che nel mio caso finirebbero ugualmente inutilizzati per lungo tempo.

  102. concordo! io ho trovato lo stesso cardigan (uguale in tutto, anche nelle varianti di colore) sia sulla bancarella dei cinesi al mercato che nel negozio al centro commerciale!

  103. io, essendo giovane, non vedo manco col binocolo marchi tipo chanel dior ecc ecc anche perchè la mia famiglia ha altro a cui pensare in tempi ti crisi, ma mi affido a marchi come essence o kiko. devo dire però che spesso non prendo niente perchè voglio prima accertarmi se: 1 il prodotto è buono 2 lo userei? se sì una volta all’anno o più spesso? 3 vale i soldi che dovrei spendere?
    sono tutte cose che mi ha insegnato mia mamma e che sono utili anche se a volte mi dispiace non prendere un bel’ombretto viola elettrico, ma saprei cono non lo userei quasi mai

  104. questo argomento è veramente interessante! E condivido molti commenti delle ragazze. Negli anni sto diventando molto più consapevole nei miei acquisti, avendo un lavoro stagionale risparmio il più possibile, ma questo non significa perdere di qualità, attuo solo delle scelte in base a cosa porto, cosa mi piace di più. Esempio, non uso spesso il blush, non è un prodotto che posso sfruttare al massimo, per questo ne possiedo uno di essence e uno di neve. Ne bastano due colorazioni. Quando si tratta di un cappotto o di un maglione mi permetto di spendere una cifra più consistente, metto da parte i soldi per l’acquisto-investimento. Se devo cambiarmi spesso la maglietta in estate, allora è un altro discorso, un buon rapporto qualità prezzo e ne prendo qualcuna in più. E tengo gli scontrini! Ho un quaderno in cui annoto tutte le spese, dall’abbigliamento ai libri, mi aiuta moltissimo.

  105. Concordo quando dici che non sempre la quantità fa la qualità….io preferisco avere nella trousse e nell’armadio il mio indispensabile 😀 (in realtà per me è già cosi) 😀

  106. Cavoli dipende.. In linea di massima da un po’ di tempo a questa parte preferisco spendere un po’ di più nei trucchi quindi facendo l’occhiolino ai marchi più costosetti, quindi meno acquisti ma ben studiati! Mentre nel caso dell’abbigliamento preferisco cambiare spesso e quindi comprare cosine che costano meno!!

  107. Io uso un buon numero di cosmetici, ma li uso tutti perché pondero bene l’acquisto. Su scarpe e soprabiti, la qualità viene prima di tutto. Su i vestitini eccedo un po’. Li ho di Zara, mango, se si valuta bene il tessuto possono anche durare.

  108. mah ormai qualcosa di costoso non è sempre sinonimo di qualità..non bisogna troppo generalizzare però mi basta pensare a una borsa della calvin klein e una della gabs e a come si sono scucite, per dire che borse comprate al mercato le uso da anni e sono intatte!! e anche io vedo spessissimo vestiti dai cinesi rivenduti in altri negozi a 20 euro in più..o ricordo una maglia vista a imperial che costava 50 euro e il suo clone a pinkie a 15.. personalmente mi piace lo shopping low cost che ti permette di cambiare spesso abbigliamento, poi se c’è qualcosa che proprio ossessiona la testa notte e giorno e costa tanto..si può pure cedere ogni tanto! per il make up però non sono a favore dei prodotti che costano un euro e dopo il rossetto non scrive, o il fondotinta ti lascia le macchie.. preferisco i prodotti di fascia intermedia perchè quelli super costosi non mi attirano proprio.. anzi mi sembra un’assurdità pagare per tutti quei soldi solo perchè è di quel determinato brand. può essere il mascara più “effetto coglia finte” che vuoi ma non batterà mai le ciglia finte, possono dire che un rossetto dura tutto il giorno ma poi non ce n’è uno che dopo qualche ora ha bisogno di ritocchi.

  109. io dipende dai soldini! se posso compro quelli + costosi, ma in genere faccio un pò e un pò adesso ho preso la palette della too faced joi to the girl o simile!

  110. Bel post Cliuzza! 🙂 Io preferisco senza dubbio avere poche cose, ma buone! molto spesso finisco col comprare cose costose…perchè il makeup per me è un piccolo lusso! Amo il trucco piuttosto naturale ma non ci rinuncerei mai perché trovo che sia un sinonimo di femminilità. Ecco perchè ho un prodotto per tipo, al massimo due (ad esempio, ho due blush: uno un po’ più estivo, uno più invernale!) con l’unica eccezione per gli ombretti: ho la naked, una palettina chanel che ho preso un paio di anni fa e un paio di illusion d’ombre…E sinceramente, non mi manca nulla 🙂 riesco a realizzare tutti i trucchi che mi vengono in mente! Finora non mi è mai capitato di non finire un prodotto (e ho 23 anni! :P).
    Per la moda, sinceramente preferirei comprare pochi pezzi ma buoni, ma visto che sono una studentessa, finisco con “l’accontentarmi” di capi di qualità inferiore, magari più particolari e modaioli! Non ho dubbi che una volta affermata a livello lavorativo cercherò di avere un guardaroba duraturo nel tempo, magari con solo qualche pezzo di valore inferiore e più “intercambiabile”! Ricordo che quando ero piccola non c’erano le catene come H&M, Zara, etc etc (almeno, non nella mia piccola città!) e che i capi alla moda erano davvero “irraggiungibili”! Esistevano gli “spacci” in cui si potevano trovare capi a prezzo basso e le scarpe erano un lusso da comprare una volta all’anno…Adesso tutte le ragazze sembrano fashion blogger, io stessa possiedo qualcosa come 15 paia di scarpe (di cui la metà di bassissimo costo e che mi fanno male ai piedi!!:p) e dopo ogni cambio di stagione butto via un paio magliette o maglioni bucati (una volta li si dava ai bambini poveri, perché non erano messi così male, al massimo facevano i pallini o diventavano piccoli!)… Come cambiano i tempi!!! Un bacione Clio

  111. Poco ma buono. Sempre.
    Meglio un maglione di cachemire, morbido, caldo, del colore che mi piace, che porto volentieri, che 3 o 4 che pizzicano, si restringono, si bucano, fanno i pallini, ecc ecc…
    E per il makeup…preferisco prodotti più “curati” (e quindi, spesso, un po’ più cari) che non mi creino problemi alla pelle e mi facciano sentire a mio agio.
    La qualità si paga. Sempre.

  112. ….Io sono da sempre convinta,che in tutto,conta di più la qualità …e quindi anche in queste cose….baci baci ..

  113. fino a unn’anno fa ero per il tanto e scarso… ma adesso solo poche cose e di ottima qualità! sia per il trucco che per i vestiti (fatta eccezione per alcune cose, tipo mascara, calze, collant..)

  114. 5 buoni ombretti, insubbiamente. Per l’abbigliamento preferisco avere più possibilità di scelta, il “poco ma buono” è andato, così come le robe della domenica 😀

  115. Per me dipende… Devo ammettere di essermi abbastanza adeguata alla moda del momento “meglio quantità che qualità”. E’ che un sogno che ho sempre avuto, e che non credevo possibile da bambina, è avere l’armadio (o l’armadietto dei trucchi, o il cassetto degli smalti!) strapieni degli oggetti, degli stili e dei colori più svariati! Poter utilizzare ogni giorno abiti e accessori diversi… chi non lo vorrebbe? 😀
    Quindi sì, ultimamente mi capita di cercare cose a poco prezzo e di comprarne il più possibile. Questo però non toglie che ogni tanto si possa fare uno “strappo alla regola” e spendere un po’ di più per una cosa che fa sognare, come dici tu! Di solito sono disposta a spendere di più per trucchi (però il prodotto deve proprio colpirmi/servirmi!), giacche o scarpe. 🙂

  116. Dipende. Per giacche, piumini, cappotti spendo abbastanza perché sono sicura che li ammortizzerò usandoli più anni, perché mi piacciono i colori classici ed è difficile che qualcosa mi stufi dopo un anno..per le magliette soprattutto estive spendo poco perché mi piace cambiare e trovo cose carine anche nei mercati o da Zara idem per i jeans .
    Cosmetici..e qui si va nel difficile!! Fino a luglio che avevo un lavoro abbastanza sicuro compravo tanto, sia Low che high cost, soprattutto trucchi, ma adesso che faccio parte dei tanti in cerca di un’ occupazione faccio più attenzione ho un sacco di prodotti da finire e quindi compro poco.. Mi è arrivato da circa un mese un 10% di sconto da Sephora e non l’ho ancora usato, perché ho troppo di tutto e sto facendo un buon PSP..e poi mi tentano più le collezioni primaverili .

  117. Se dovessi fare il conto di tutti i soldi spesi negli anni in trucchi che non ho usato, probabilmente oggi andrei in giro con la Birkin 😉 (magari!!!!!)

  118. Per quanto riguarda l’abbigliamento preferisco di gran lunga il low cost. Primo perché si spende poco e si hanno dei poco davvero carini che talvolta si ispirano a quelli di grandi stilisti. A prescindere perché io ho voglia di vestirmi sempre con cose diverse, e non avere magari pochi pezzi che costano un occhio della testa, per poi sembrar vestita sempre uguale.
    per il make up, sostanzialmente anche, ma solo perché ci sono delle marche low cost che soddisfano esattamente il cliente, io ad esempio acquisto spesso WJcon,elf, nyc,debby. Ma non posso negare che ciò che appartiene alle case cosmetiche di prestigio siano nettamente migliori.

  119. Io sono del parere che è meglio comprare un qualcosa ,capo d’abbigliamento o makeup che sia, di qualità invece che comprarne tanti a un prezzo più basso xche se dopo un paio di mesi dobbiamo ricomprare, il risparmio nn c’è proprio stato. Cmq nn è detto che solo le cose costose debbano essere di qualità, a volte facciamo anche buoni acquisti ad un ottimo prezzo 🙂 quindi….meglio pochi ma buoni 😉

  120. Eh Clio è un tasto dolente per molte di noi immagino 😛
    Io cerco sempre un compromesso: buona qualità a buon prezzo!!! Non posso permettermi ad esempio le Naked, eppure cerco nei brand più economici qualcosa che possa assomigliarle e di modesta qualità. Inoltre penso che bastino pochi prodotti (magari un po’ più costosi e di alta qualità) per migliorare un make up un po’ sfigatello e molto economico. Non ho mai fatto spese folli per un solo prodotto di makeup!
    Per i vestiti è leggermente diverso, per quanto mi riguarda.. Io sono un’amante del look dark, ma non quello di H&M: i miei vestiti li compro solitamente in negozi appositi oppure online e devo dire che costano molto! Ho un paio di anfibi alti che ho pagato 200 euro (6 anni fa) e li indosso tutti i santissimi giorni dell’anno…devo dire che sono ancora intatti 🙂 la moda che piace a me costa parecchio, perché non si trova in giro! Ultimamente però ho notato, con l’avvento dello stile gotico sulle passerelle, che trovo molti più capi nei negozi più comuni ed economici dei centri commerciali…ottima cosa e ottimi prezzi!!! 😀 Spero passi più tardi possibile questa moda rock/gotica!!!! Un bacione Clioooooo!!!!!!!! <3

  121. una buona via di mezzo 🙂 qualche magliettina “usa e getta” ci può anche stare, ma certo non un cappotto per esempio, che dopo due volte che usi la borsa a tracolla ti si fa a pallini.. un orrore! poi soprattutto quando i soldi sono molto pochi come nel mio caso, meglio investire qualcosa di più nella qualità che buttarli comprando stracci per spolverare 😀

  122. Brava, sei la prima che parla di stile! Infatti quando sappiamo ciò che ci piace e ciò che ci sta bene ( soprattutto) evitiamo di comprare cretinate. A capire come comporre un guardaroba ci si arriva più o meno alla tua età: un certo numero di pezzi BASIC, la possibilità di abbinarli tra di loro. Spesso, capita che chi compra non pensa a ciò che ha nell’armadio, e si ritrova con un pezzo per il quale non ha i giusti accessori da abbinare. Uno sbaglio, soprattutto giovanile.

  123. mettiamola così da quando ho conosciuto clio non riesco mai a fare lo stesso makeup certe volte faccio un trucco per la mattina e se la sera devo uscire mi strucco e mi faccio un altro trucco, quindi preferisco il compromesso un certo numero di ombretti che hanno un costo contenuto per una qualità discreta, mi piace cambiare ogni giorno trucco e cambio spesso colori. l’Abbigliamento è tutto un altro discorso per i capi che non passano mai di moda sarei disposta a spendere un pò di piu ma per i modelli all’ultimo grido preferisco di gran lunga spendere poco.

  124. Decisamente qualità qualità e qualità! Anche se poi non è vero che la grande firma o il prezzo siano sinonimo di qualità! Io sono per gli acquisti intelligenti…preferisco comprare due vestiti per stagione o farmi un regalo ogni mese ma che sia utile e soprattutto che duri nel tempo. Nonostante ciò a volte la ciofeca capita e pazienza, che ce vogliamo fà! =)

  125. Un esempio lampante del mio pensiero l’ho avuto pochi giorni fa,quando sono andata da sephora per scegliere i regali da farmi fare dal mio ragazzo.. Ero lì con la possibilità di poter acquistare ciò che volevo,ma quando mi sono ritrovata avanti ad uno stand in cui un fondotinta (per carità,sarà ottimo) costava 45 € ,nonostante non fossi io a pagare mi sono chiesta se ne valeva la pena e la mia risposta è stata no! Sono uscita con una mega trousse con 130 colori tra ombretti,blush ed eyeliner a 39€ e ho speso l’altra parte di budget fra vestiti di bershka e stradivarius!

  126. Sono della vecchia scuola. Mia madre era sarta e io ho imparato un pò da lei a puntare sulla qualità piuttosto che la quantità, difatti ho nel guardaroba capi comprati anche quindici anni fa ancora in ottimo stato, ne ho anche alcuni suoni e qualcuno, ebbene sì, anche della nonna!

    In più sono una Refashionista, quando una cosa non mi convince più, grazie a qualche trucchetto della mamma e tanto Pinterest, reinvento i capi e li riabbino spesso e mi sembra di avere fatto shopping di nuovo. Poi la soddisfazione di dire ” l’ho fatto io ” è impagabile quasi quanto quella di non dover mai incontrare qualcun altro col tuo stesso vestito addosso.

    Grazie per questa bella riflessione Clio !

  127. Beh cara Clio io sinceramente cerco di trovare il giusto equilibrio. Trucco: fondotinta mascara e ombretti che io definisco “base” li scelgo di qualità perchè sono i prodotti che uso tutti i giorni con spesa prevista ogni 6 mesi circa..ovvio che se voglio provare un ombretto dal colore un pò particolare mi rivolgo alla Kiko…mentre per matite occhi, correttore/illuminante e cipria compro volentieri marche medie come l’Oréal,Deborah,Sephora ecc…(grazie anche alle tue reviews!). Abbigliamento: io vado agli outlet durante il periodo dei saldi..compro di qualità a prezzi che io reputo adeguati indipendentemente dalle marche…poche cose ma ottime, soprattutto scarpe e borse! Certo da Zara ho comprato qualche magliettina usata per due stagioni e poi?Riciclate!! come copricostume o per giornate casalinghe! 😉

  128. sempre e solo cose di qualità eccelente.ma ho notato che il prodotto di superlusso non sempre è eccellente.però è vero che oltre al valore del marchio un brand più costoso per far costare i loro prodotti di più di quelli economici farà sicuramente più studi e test.infine concludo dicendo che io sono affascinata solo da marchi costosi ma perché compro poche cose e di cui davvero né ho bisogno.questo è il metodo per qualsiasi acquisto non spendo soldi inutilmente,soprattutto con questa crisi.

  129. Ciao Clio e ciao ragazze, io fino a qualche anno fa ero una compratrice compulsiva proprio come Becky Bloomwood, la protagonista dei libri I love shopping, compravo qualsiasi cosa vedevo di qualsiasi tessuto, colore e prezzo per l’abbigliamento e idem per il make up svaligiando stand. Era una specie di malattia perché se entravo in un negozio e non compravo niente mi sentivo male, triste, come se mancasse qualcosa; ero arrivata ad un punto di non ritorno ero piena di tutto, di cui più della metà delle cose però non le mettevo. Poi appunto mi sono messa di buona volontà e con fatica a dire NO, è stata dura lo ammetto perché prima sfogavo negli acquisti una mancanza nella vita privata, ma ce l’ho fatta!! Ora sono fissatissima: guardo il rapporto qualità-prezzo, il tessuto, la provenienza (anche se tanto ci rigirano come vogliono mettendo etichette made in Italy e in realta é 100% China). Sono molto contenta di questa nuova me, che entra nei negozi e se non c’è niente che la attira esce senza problemi e senza borse!!! 😀 Per il make up stessa storia, con il risultato di ritrovarmi con 4 trilioni di cose a volte anche scadenti buttate a muffire nel cassetto.. ora invece ho sempre cmq abbastanza prodotti ma che uso tutti e di cui sono profondamente soddisfatta. C’è stata una bella pulizia svuota armadi e cassetti ma ne è valsa veramente la pena perché tutto ciò ha messo ordine anche nella mia vita!! 🙂

  130. Io ho più di cinque profumi, perché mi scoccerei ad usare sempre lo stesso. Il profumo, segue un po’ le nostre emozioni e anche le stagioni, nel senso che non userei lo stesso profumo sia per l’estate che per l’inverno. È ovvio che se non potessi, non lo farei, ma il discorso è sempre lo stesso. Qui parliamo di acquisti superflui: make up, il vestito in più, la collanina in più. C’è chi preferisce avere trenta ombretti e chi dieci profumi, o entrambi. Non stiamo parlando di spesa, o bollette. Poi, a mio avviso, Oscar Wilde aveva proprio ragione nel dire che niente è più necessario del superfluo.

  131. Meglio pochi ma buoni,oltre al prezzo c’è da tener conto anche della durata Dell ombretto,della scadenza e della qualità delle cose che mettiamo sul viso

  132. Poco, ma buono soprattutto nell’abbigliamento e negli accessori, per i trucchi dipende! E poi per far durare le cose più a lungo sì al lavaggio a mano e mai lavatrice per pantaloni, maglieria e biancheria.

  133. di tutto proprio..io faccio cosi: spesso se voglio solo provare su di me un colore nuovo,lo prendo economico o anzi economicissimo. quelle cose che invece so che mi servono buone (es mascara o fondotinta) non posso prenderle a prezzi troppo bassi e lo stesso prima di spenderci dei soldi ci penso bene e esamino il prodotto da tanti punti di vista. sicuramente pero non posso spendere cifre troppo alte per cosmetici,in particolare colorati (ombretti,smalti,blush,matite),che non so bene come mi staranno alla luce del giorno ecc…

  134. io sono tendenzialmente una consumatrice usa e getta ma di solito finisce che vado ad usare le cose che compra mia mamma che invece è più tradizionale..quindi si, forse sarebbe meglio spendere un pochino di più per delle cose che siamo sicure di usare, il problema è che a volte i prezzi bassi fanno troppa gola e ci fanno dire: ma sì dai, 10 euro per una maglietta così carina è un affare!un affare che probabilmente però porteremo si e no 3 volte!

  135. Tra 5 maglioni da 20€ o uno da 100€? Purtroppo di sti tempi ne compro solo 1 da 20€ e spero che resista! Ultimamente si compra lo stretto necessario e si cerca di spendere il meno possibile…i tempi sono tutt’altro che floridi ;-(

  136. uso solo trucchi low cost escludendo quelli che mi regalano (che si tratta poi di palette della pupa eh).. e ti giuro che se mai compro alla essence solo uno o due pezzi per volta.. idem per i vestiti, ho tipo 4 jeans di marche “buone” (benetton e robe di kappa per me son marche buone) ma c’è da dire che li tengo finchè mi entrano, in genere per 3-4 anni..e poi bhe avrò tipo 5 maglioncini (che si dividono tutti credo tra ovs e pimpkie XD) e un po’ di felpe vecchissime ma che continuano a piacermi 🙂 la cosa più cara nel mio armadio è il cappotto invernale (l’unico) che avevo pagato tipo 200 euro, ce l’ho da 2 anni e lo terrò ancora 🙂
    forse sono io che sono tirchia, però davvero mi sembra una cosa assurda dover spendere più di 20 euro per comprare qualcosa da mettersi addosso. spesso poi la roba costa cara ma è una vera schifezza, la cosa che ti fanno pagare è solo il marchio!!

  137. La virtù sta nel mezzo e proprio per questo è nata una nuova specie: la cacciatrice di affari! Io giro giro e giro finché non trovo la cosa giusta/di qualità a buon prezzo. E quando l’ho trovata mi chiedo sempre: “Ma mi serve veramente?” e solo se la risposta è “Sì” allora compro! Stesso per il make up: prima legge suprema è ascoltare i consigli di Clio, poi si cerca, in base alle necessità, il miglior rapporto qualità prezzo. E quando si fa un affare si pensa subito “Grazie Clio, menomale che ci sei tu” 😀
    Vero è però che rispetto a quando eravamo più giovani, anche la qualità che si paga è andata calando e spesso la maglietta con la scritta (ad esempio) Benetton

    che pago 50 euro è identica a quella della bancarella di fronte a 5 euro (solo che non c’è scritto Benetton). A questo punto preferisco di gran lunga le bancarelle!

  138. Con i trucchi mi butto sul lowcost, tanto non ho nè i pennelli giusti nè la ‘mano’ fatata :P.
    Invece con l’abbigliamento magari mi concedo qualcosa in più senza essere spendacciona.
    Ciao bellezza!

  139. Rischio di essere ripetitiva ma da quando anni fa ti ho “conosciuta” tramite libro e poi su youtube il mio modo di acquistare è cambiato moltissimo! Non compro le marche di lusso comunque perchè per me, casalinga, non è una spesa sostenibile (pazienza se avessi a che fare con il pubblico oppure potessi pagare di tasca mia, sudati con la mia fronte). Condivido in pieno il discorso che meglio pochi ma buoni!!! dai trucchi all’abbigliamento ma mi pongo sempre un limite. Grazie a te, Clio, ora compro sapendo che 99 su cento acquistero’ un buon prodotto che è stato testato da una persona che non è di parte ma imparziale. Grazie Clio

  140. Carissima Clio sei una continua fonte di ispirazione! 🙂
    Comunque, per risponderti, molto spesso mi verrebbe da comprare di tutto, ma non avendo chissà quanta banconota nel portafogli, devo lasciare gli stand senza niente in mano, o comunque con al massimo un pezzo, il pezzo che avevo in lista da settimane.
    Vado a cercare l’offerta sempre e comunque e tendenzialmente acquisto (sia per il make-up che per l’abbigliamento) un pezzo a stagione, proprio perché non riesco a permettermi di più.
    Cerco la qualità a basso prezzo nei trucchi, perché preferisco avere qualcosa di qualità da mettere sulla pelle considerato che mi trucco sporadicamente, mentre per quanto riguarda l’abbigliamento non molto… tendenzialmente mi affido a catene ipereconomiche (per esempio Terranova, soprattutto quando fa le svendite e prezza le T-shirt a 2,99€), anche se i pezzi al 2° lavaggio sono già irriconoscibili, proprio perché la moda cambia ad ogni settimana.
    Sono per il pochi ma buoni e, se potessi permettermi di più, so perfettamente che spenderei cifre esorbitanti per pezzi unici e di qualità, meglio se su misura per l’abbigliamento. Baci splendore 🙂

  141. esatto!! io avrei fatto sempre cosi, anche fossi piena di soldi col cavolo che 100 euro per una maglia li spendo!! ed è inutile comprarne 5 se ne hai bisogno solo di uno :3

  142. Sono decisamente compratice compulsiva! E questo riguarda tutto, abiti, accessori, makeup, intimo, persino pentole piatti e attrezzi per la cucina!! ma on mi rimprovero nulla, riesco ad utilizzare tutto , sia merce di buona qualità che media (non compro ne prodotti scadenti nè di lusso) diciamo che mi fermo nel mezzo!

  143. Sinceramente penso che, per quanto riguarda l’abbigliamento, siamo presi da tanti stili non ben definiti per cui al momento dei saldi facciamo incetta di tutto e se è a basso costo ancora meglio. Io preferisco prendere qualcosa che mi rispecchia davvero piuttosto che 50 magliettine tutte uguali di cui cambia solo il colore (e Pinko in questo è il tentatore numero uno). È meglio una giusta via di mezzo: qualcosa di qualità non troppo scadente, che non per forza hanno tutti e che sia a un prezzo accessibile. E comunque non prenderei né un maglione da 100€ né 10 maglie a 10€.
    Per quanto riguarda il trucco invece mi affido ciecamente a te, ma per i brand più bassi. Ad esempio piuttosto che un rossetto di Chanel (che mi piacerebbe tanto da sfoggiare, non fraintendetemi) preferisco un rossetto un po’ meno costoso che però mi dia anche un buon effetto. Così se trovo qualcos’altro di buona a qualità, a prezzi modici e che soprattutto MI SERVE, lo posso comprare.

  144. Fra…secondo me anche se lavorassi fuori casa sarebbe la stessa cosa.
    Alla fine, un ombretto viola è viola. E pure se ne comprassi uno caro, ci sarebbero almeno altri mille viola diversi che ti mancano 😉

  145. Onestamente per quello che riguarda i vestiti, prendendo l’esempio dei maglioni, ne preferisco 2 da 30…. faccio un discorso simile anche per i jeans o comunque sia tutti quegli indumenti che uso davvero spesso e tendono a rovinarsi prima (jeans, maglie, maglioni ecc) mentre per i cappottigiubbotti, uno da massimo 100 bello caldo e che mi duri almeno 2 anni! Per i trucchi cerco di prendere il minimo indispensabile quando serve (eccezion fatta per rossetti e smalti) ad un prezzo medio basso…. kiko, catrice, essence e pupa….. anche se ultimamente, dati i pessimi risultati sulla mia pelle (comedoni, secchezza e altri sgradevoli effetti) mi sto avvicinando molto di più al naturale…. un bacione bellezza!!!!

  146. Ciao Clio! Innanzitutto vorrei ringraziarti per aver preso questo argomento, che mi sta abbastanza a cuore (sono una stilista/artigiana) e che forse, in quanto italiani dovrebbe stare a cuore a tutti noi (made in italy = preferenza per la qualità piuttosto che per la quantità)…
    Vorrei poter dire di non essere cascata nella rete del fast fashion, ma non è così. Purtroppo il capetto che sembra figo e che costa una miseria attira chiunque, a maggior ragione le appassionate di moda come me. Ma successivamente, per fortuna, la ragione ha prevalso, anche per motivi di forza maggiore, ovvero che i soldi scarseggiano e preferisco spendere 7 euro per prendere qualcosa con un’amica piuttosto che acquistare una magliettina in saldo che si scioglierà in acqua al primo lavaggio.
    Adesso la mia filosofia è:
    1- quando posso, faccio da me, ovvero mi cucio io vestiti ed accessori, utilizzando materiale di qualità.
    2- Compro “usa e getta” solo quando mi serve che il capo sia usa e getta ad esempio il caso dell’abbigliamento da palestra, o quando il costo di realizzazione (se dovessi fare quel dato capo da sola) è maggiore rispetto a ciò che spenderei comprandolo fatto in negozio.
    3- Quando si tratta di capi evergreen, o cmq cose mooolto particolari o mooolto basic, io preferisco spendere qualcosina in più, ma essere certa della resa e soprattutto della durata. Cioè un cappottino nero, dal taglio semplice che puoi mettere su tutto, preferisco acquistarlo da max&co con i saldi piuttosto che da h&m e poterlo usare solo un anno!

    Alla fine tutto sta nell’allenare la fantasia (x fare vari accostamenti con ciò che si ha) e riuscire a resistere alle tentazioni (ottima palestra in quest’epoca di apparenza e superficialità), è comprovato che anche con un guardaroba di pochi pezzi si possono fare tante combinazioni! Gli accessori sono tutto! Ti mando un bacio Cliuzza bella e perdonami se mi sono dilungata ^^ ciaoooo a tutte!

  147. Cara Clio, dipende… Nei vestiti mi piace cambiare ma visto che cambio spesso casa e ho la tendenza ad accumulare, mi trattengo il più possibile e prendo una cosa di stagione ma solo se mi piace davvero. anche perché poi -staò invecchiando- non mi piace comprare una cosa che nel giro di due mesi è quasi inutilizzabile. In ogni caso ho riscoperto i mercatini: meglio una maglia di cashmere vintage che una nuova di acrilico! Sui trucchi, invece, solo qualità: recentemente ho voluto provare il rimmel di Maybelline Rocket Volume e mi ha super deluso (il dentini del pettini erano addirittura smangiati!!!!!), così pure anche alcuni prodotti di Kiko. Quindi, poche cose ma moooolto buone e usate il giusto. Un bacione

  148. io veramente compro poche cose che utilizzo sempre fino alla fine, ma che costano poco. ad es ho una giacca in finta pelle che sono 2 anni che si è tutta spellata sulla spalla dove tengo la borsa ma nn ne ho comprata un’altra e copro il danno con la mia sciarpa…. per i trucchi vale lo stesso nel senso che nn uso molti prodotti e quei pochi che mi servono li prendo di marca economica e in offerta e li uso finché finiscono…. i miei mi hanno insegnato fin da piccola a nn sprecare niente che è un peccato!

  149. Purtroppo devo confermare che i grandi marchi hanno perso in qualità dei tessuti e non sempre il prezzo è sinonimo di qualità. ..io sono più per pochi pezzi ma buoni…x abbigliamento ma soprattutto x la cosmetica…quanti cosmetici kiko nutili nel cassetto? Meglio un paio di neve ma utilizzati fino a sfinirli…eheheh

  150. sui vestiti non ho dubbi, meglio pochi ma buoni anche perchè lavorando ho poco tempo per fare il cambio d’abito 🙂 ma per il trucco è diverso.. i prodotti cosmetici in giro un po’ ovunque catturano l’attenzione e poi ho più opportunità per poterli usare… ti trucchi per fare la spesa, per andare a prendere un caffè, per una serata con gli amici, per andare a lavoro… è bello avere i cassettoni pieni

  151. Ogni anno mi ripeto: quando arrivo ai saldi, compro pochi pezzi ma di ottima qualità. Poi arrivano i saldi e l’impulso di infilarmi dentro zara è incontrastabile. La qualità non è delle migliori (e anche qui, dipende in realtà, su certe cose i capi non sono affatto male!), e ho avuto anche io lo sfortunato episodio di un top con perline che si sfilano solo a guardarle, non ti dico che rabbia. Ma devo dire che negli ultimi anni, forse perchè sono diventata un po’ più grande, ho cercato di trovare un po’ di equilibrio tra i capi economici e capi di qualità. Se devo effettuare acquisti importanti (quindi piumini o cappotti, per intenderci), mi butto sulla qualità .. e ovviamente mi faccio forza per aspettare i saldi o cogliere l’occasione per andare in qualche outlet. Se devo prendere un capo la cui durata può essere molto breve (molto alla moda o molto particolare) inizio a girare per settimane, anche mesi, finchè non lo trovo ad un prezzo che reputo adatto (100 euro per un abito che rischio di mettere per una stagione, francamente, non li spendo). Benchè dia molta più soddisfazione tornare a casa con millemila sacchetti pieni, ultimamente sono molto molto soddisfatta anche quando torno con un solo capo ma bello.
    E dato che parlavi di abiti sartoriali, di recente ho appena scoperto quanto può essere comodo avere una sarta: nei mercati si trovano bellissimi tessuti a prezzi più che ragionevoli (ex: 18 euro per 3 metri di seta a fantasia – non il top di gamma, ma migliore di quella di molti negozi economici), da cui puoi ricavare uno o più capi. La manodopera non è delle più basse, è vero, ma la sensazione di avere un abito o un pantalone che ti calza a pennello (ho i fianchi 42 e gambe 38, ho davvero molti problemi se esco dallo skinny), e soprattutto UNICO, è ancora più soddisfacente di un affare nei saldi.

    Per il mondo make up, la situazione è diversa. ho moltissimi ombretti e rossetti, ma molti li condivido con mia madre – e alcuni sono così vecchi che non li proviamo neppure, solo non abbiamo voglia di metterci lì a cercarli e buttarli -, e ultimamente non li compriamo più, per dare la precedenza a quelli che a breve scadranno. Ma non ho mai sentito la necessità di comprare ombretti di marca, perchè ne ho alcuni di marchi pseudo sconosciuti e pagati poco che funzionano benissimo. Diversa storia per fondotinta cipria e blush: ho la pelle grassa e ho qualche brufolo sottopelle, quindi la devo curare. Non potrei mai rinunciare al fondotinta della clinique! Ma è più una necessità per non trovarmi lucida dopo mezz’ora – e ne ho provati mille di fondotinta prima di farmi fidelizzare da questo. Ho qualche altro pezzo di marca, ma sono molto pochi e sono i cosiddetti ‘classicissimi’, quelli che so che sfrutterò (perchè per il prezzo che hanno, non oserei mai non usarli dopo).

  152. Che fortuna! fate dei video o un blog anche su queste cose! mai mamma è mancata quand’ero piccola e non ho mai incontrato nessuno che ne sapesse davvero di questi argomenti!

  153. Per quanto riguarda il make up fino a un annetto fa preferivo marchi low cost (e tendevo ad accumulare!!) mentre ora preferisco mettere i soldi da parte, avere un solo fondotinta per volta, un solo correttore, pochi ombretti ma sfruttarli fino alla fine. Il motivo è sia perché ora a 24 anni so ormai quali sono i colori adatti a me (quindi non devo più comprare ottomila prodotti per capirlo) sia perché trovo dia più soddisfazione avere pochi prodotti e utilizzarli fino in fondo. Per i vestiti dipende, se devo comprare un cappotto, delle scarpe e abiti per lo sport, un vestito per un evento particolare allora compro qualcosa di qualità, mentre per gli abiti di tutti i giorni (magliette, jeans, leggins ecc) preferisco cose a poco!

  154. Anche io ho la tua età e anche io penso di aver trovato il mio stile, adesso acquisto in modo più critico e consapevole. Innanzitutto poche cose ma buone. Se si tratta di qualcosa di low cost, da strapazzare, comunque cerco qualcosa in linea con le cose poche cose che possiedo.

  155. Io cerco sempre di risparmiare e di solito, nell’abbigliamento soprattutto, preferisco comprarmi tre cose piuttosto che una sola. Se da adolescente guardavo abbastanza la marca per sentirmi alla moda e ammirata dalle amiche, adesso guardo molto che una cosa mi piaccia e basta, può essere anche di una bancarella di un mercato. Su certe cose però preferisco spendere un po’ di più ed andare sul sicuro, come ad esempio i jeans che preferisco tenerli più anni e che siano di una buona qualità (santi i saldi che ci aiutano a non spendere cifre pazzesche! E non me ne frega niente se sono cose della collezione precedente!) .
    Sul trucco effettivamente mi brillano gli occhi quando vedo i prezzi bassi della essence ad esempio, ma sapendo che tante cose non sono poi così valide cerco di trattenermi, e cerco una buona via di mezzo con ditte tipo Neve che so che ha ingredienti buoni ed un prezzo accessibile. O un ombretto di maybelline che magari costa 10 euro e non 3, ma mi dura tutto il giorno… Non arriverei però mai a spendere 40 euro per un fondotinta, che magari ha una formulazione simile di uno che costa 3 volte di meno: troppe volte paghi il marchio e non la qualità! Così a volte nell’abbigliamento e accessori… e a maggior ragione che la moda cambia in fretta, perchè spendere molto quando magari dopo un anno qualcosa mi ha già stufata? Per il makeup comunque le nostre amate youtubers ci danno una bella mano sulla validità dei prodotti, quindi, di nuovo, grazie!

  156. Io sono per i pochi ma buoni, lo so spesso non ha molto senso…ma è più forte di me quelle vetrine magiche mi attirano inesorabilmente. se entro nel reparto profumeria della Rinascente poi…impazzisco letteralmente!! Magari compro 2 ombretti all’anno però li compro di grandi marchi. Idem con i vestiti. Se posso, i capi principali preferisco averli di una certa qualità… magari alternando qualche maglioncino e magliettina o canotta low cost (visti i tempi). Spesso è vero anche dai cinesi si trovano cose carine che vestono bene, ma non dimentichiamo i tessuti e i colori (spesso tossici) che vengono usati. Una cosa è un made in cina che però ha subito controlli sugli standard di qualità europei, una cosa sono gli incontrallabili e incontrollati prodotti cinesi. La virtù sta nel mezzo come sempre 🙂 però io quando compro mi devo innamorare…

  157. Io sono per il poco ma buono. Così per le creme e gli struccanti, però per i cosmetici vado sui medi, i marchi del lusso costano troppo per me che comunque non userei

  158. Hai ragione, infatti non bisogna fidarsi del “marchio” (tipo: è D&G allora è di qualità) ma solo ed esclusivamente del prodotto in se. Quando compriamo, leggiamo l’etichetta della composizione del tessuto, guardiamo le rifiniture, controlliamo le cuciture..!! insomma si capisce se un capo è uno straccetto o è buono. Non bisogna essere schiavi ne dei marchi ne delle mode e allora si che riusciremo ad essere consumatori consapevoli e anche i grandi brand si dovranno adeguare di conseguenza. 🙂 Non si deve sottovalutare il potere del consumatore, se c’è così tanta spazzatura in giro, è perchè c’è tanta gente che l’acquista.

  159. Poi la cosa importante non è solo guardare il prezzo ma soprattutto con che cosa è fatta una cosa (dal make up all’abbigliamento al cibo ecc)!

  160. Ciao Clio, sono una vera shopaholic 🙁 🙂 AIUTOOO!!! compro molto di più di quello che avrei bisogno, preferisco quelli di qualità e firmati. quando mi sono sposata 3 anni fa, mio marito mi aveva promesso che mi comprava un paio di scarpe ogni mese 😀 immagina quante scarpe ho accumulato solo negli ultimi 3 anni.forse non ogni mese, ma una volta in ogni due mesi mi prendo un bel paio di scarpe…. in generale non mi dispiace spendere per gli accessori (scarpe, borse, occhiali…) e per il make up. spendo di meno per gli abiti, visto che la moda di vestiti come dici tu, cambia molto velocemente.

  161. Ragazze, Clio buonasera =D x me vale la regola del low cost ( il che non significa che vado a comprare abiti o trucco made in china ) ma compro cose accessibili es. make up dell’essence, della kiko oppure abiti da bershka stradivarius…Sono una studentessa universitaria non lavoro xkè l’università mi porta via tanto tempo, finanzia la mammina e quindi vestiti di gucci o make up di Chanel me li sogno….

  162. il problema è che con qs crisi altri 2 giorni e dovremo comprare 1 solo ombretto da 2 euro e finire quello…..

  163. Ciao Clio ! Per i vestiti punto sulla quantità , mi piace cambiare ogni giorno : come dici tu le mode vanno e vengono e i miei gusti cambiano in fretta . Io dico sempre meglio avere 5 magliette da 10€ piuttosto che una da 50€ , che poi mi tocca metterla sempre perché non ho potuto acquistare altro . Certamente da molta soddisfazione avere capi di marca , ma con i brand low cost mi posso sbizzarrire e comprare anche cose particolari non per tutti i giorni ( non mi sembra il caso di spendere una fortuna per un capo che non metto mai!) 🙂 per i trucchi invece sto attenta alla qualità : ho una pelle molto sensibile e preferisco spendere di più per prodotti di cui mi fido 🙂 e poi diciamolo, un vestito del marcato indossato con stile e con i giusti accessori fa la sua figura, un ombretto che non sfuma e una matita che scompare o sbava no ! 🙂 un bacione!!

  164. Ah, per scarpe e borse altro discorso : solo quelle di marca mi piacciono , allora punto su qualcosa di classico , spendo un po’ di più , ma so che dureranno tanto e andranno bene con diversi Look 🙂 e poi la maggior parte delle volte me le faccio regalare dal mio ragazzo per natale e compleanno 😉

  165. Ciao Clio! Per quanto riguarda i trucchi compro quelli che tu e le ragazze del blog consigliate. Per i vestiti invece ho imparato a farmeli da sola x’ ero stufa del fatto che nei negozzi c’erano solo i vestiti che sono di moda e qualsiasi capo di abbigliamento aveva le borchie (che io detesto). Oggi mi faccio tutto da sola, dalla maglietta al cappotto e sono felicissima anche x’ so che i miei sono capi unici che nessun’altra ha!

  166. Qualche anno fa acquistavo in maniera compulsiva, ora cerco di acquistare pochi prodotti ma buoni, sopratutto per quanto riguarda il make up, anche se a volte davanti allo stand della Essence/Catrice ci casco ancora….
    Per quanto riguarda l’abbigliamento dipende da cosa acquisto, per un cappotto o per le scarpe cerco di acquistare prodotti di qualità che durino nel tempo.

  167. Ciao Clio!!!!! Io sono del parere di poco ma buono in tto, poi x le cose di “poca importanza” concordo che nn serve spendere tanto. Concordo anche che nn sempre “il lusso” é sinonimo di qualità magari lo si spera.

  168. Mediocritas optima est, insomma, la giusta via di mezzo.
    Vestiti che sono sicura userò, che sembrano essere di qualità a un prezzo giusto e lo stesso con i trucchi, non mi importa del marchio, ma non mi accontento della ‘fuffazza’ ecco.. Meglio 10 mascara abbastanza buoni che 20 di scarsa qualità, ma sempre meglio 10 di 2 dove magari paghi solo il marchio
    (mi auguro di essermi spiegata)

  169. Ciao Clio! Allora per quanto riguarda il make up sono d’accordissimo con te; preferisco pochi prodotti ma che sfrutto fino all’ultimo. Ad esempio, prima utilizzavo ombretti economici di marche pure sconosciute e non avevano una grande scrivenza. Dovevo stare lì a metterne kili per far sì che si vedesse qualcosa. Al mio compleanno mi è stata regalata la Naked 2 e mi si è aperto un mondo XD Come primo (ed ultimo) prodotto essence avevo comprato il primer occhi, scoprendo poi che mi faceva venire male agli occhi e che per la mia carnagione era troppo aranciato. L’ho regalato (mi dispiaceva nonostante tutto buttarlo) ad una mia amica e lei ci si trova benissimo.
    Per quanto riguarda i vestiti, preferisco averne tanti e spendere poco. Non ho mai comprato capi cari, a parte cappotti vari e qualche paio di scarpe. Preferisco così anche se a lungo andare lavandoli si rovinano, ma tanto quando arrivano a rovinarsi magari sono cose che non si portano neanche più 🙂

  170. …uno sbaglio anche questo che conosco molto bene. Mi piaceva una cosa (fosse una giacca o una sciarpa o una camicia ma anche un paio di scarpe) la prendevo senza minimamente pensare a cosa l’avrei abbinata. E anche in quei casi, mamma che mi diceva “Ma cosa ci fai? Con cosa lo metti?” ed io imperterrita che andavo dritta per la mia strada, per poi trovarmi a sentirmi dire “Ecco, non te lo volevo dire…ma che ti avevo detto?”.
    Ah le mamme, le mamme!
    Ciao:-)

  171. io mi attengo ai consigli della nonna, e preferisco la qualità alla quantità…certo non disdegno il low cost, di questi tempi se costa poco va bene…almeno sui vestiti però preferisco spendere un pò di più e avere cose che durano!!! per il makeup preferisco le marche con prezzi medi, e ogni tanto mi concedo qualcosa di un pò più costoso (che poi sfrutto fino alla fine, come magari non faccio con quelli più economici).

  172. Io preferisco sicuramente avere poche cose ma di qualità e di buona marca. Vale soprattutto per i vestiti e scarpe questo mentre per i trucchi preferisco cose che hanno un prezzo basso o medio (tipo Essence, Pupa, Deborah ecc. raramente e finora non mi sono mai concessa qualche trucco di marca tipo Dior,Lancome, Chanel ecc. dato che io preferisco spendere 30 euro per comprare 3 rossetti della L’oreal ad esempio invece di spendere 30 euro per un solo rossetto di Dior. Poi vabbè quando inizierò a guadagnare i soldi andando a lavorare mi concederò qualche lusso:D

  173. Io guardo le review per andare sul sicuro ed una volta nel negozio provo il make up sul dorso della mano per vedere la tenuta ed il vero colore su di me. Preferisco il make up che costa poco, tanto tutti i prodotti sono pieni zeppi di siliconi e schifezze varie. Sarei disposta a pagare di più i cosmetici con un buon INCI ed averne giusto il necessarie per non doverli buttare perché scaduti

  174. io compro solo prodotti di make up consigliati da te x evitare schifezze mentre x i vestiti metto solo leggins e tuta nn importa la marcha basta che siano caldiiiiii!!!!!!!!!!!!!!!

  175. Trucchi: pochi ma buoni! Ovviamente ciò non significa che saranno necessariamente quelli firmati chanel! E i vestiti? Dipende: se è un capo che so che userò spesso e che voglio sia sempre “in ottima forma” spenderò quel che devo, ma se si tratta di una maglietta così presa per sfizio preferisco spender poco! La via di mezzo é sempre la migliore!

  176. Ciao Clio, io non ho mai dato troppa importanza ai brand…Se una cosa mi piace la compro però, preferisco stare nel mezzo nel senso di non spendere un capitale per un unico rossetto ma nemmeno 2 lire per avere un prodotto che poi non mi soddisfa.
    Idem per i vestiti:Non ho mai lasciato un vestito nell’armadio con il cartellino attaccato o messo solo una volta perché pentita dell’acquisto. Bacioni e a presto.

  177. Ahahhaahah mi prendo sia 20 ombretti scadenti e sia 5 buoni!! Magariiiiii :'(
    Nono io ascolto te e dei miei acquisti “scadenti” nn ho mai e dico MAI avuto fregature!!! Quando vado alla essence penso e ripenso a quello che devo prendere e sto rilassata… Quando invece vado alla Mac o passo davanti allo scaffale di Dior, ho l’ansia proprio perché i costi sono troppo elevati per un prodotto che prima o poi scadrà!!! Quindi anche se tizio mi desse 100 euro e mi chiedesse “Tieni e prendi ciò che vuoi” di certo nn andrei mai in uno stand di lusso, a meno che nn sia il prodotto dell’anno e recensito benissimo per cui vada la pena prenderlo!!!

  178. Mi piace che il post sia iniziato con una riflessione sull’abbigliamento. Forse per il lavoro che faccio (modellista specializzata in alta moda e costume storico), tendo a bocciare gli abiti della grande distribuzione. Così come per i trucchi e tutto ciò che gira intorno al mondo della cosmetica. Si, la trousse della MUA l’ho comprata e non mi vergogno certo, ma preferisco un solo mascara, ma che sia Dior , all’averne 10 e pochi che veramente mi soddisfino.

  179. purtroppo viste le finanze… mi accontento delle marche low cost… in effetti ragionando potrei evitare di comprarmi 10 cose low cost e comprarmene una di un marchio più buono!! ma dovrei aspettare…. e aspettare e resistereeeeeeee!!!!!!!! uffiiiii

  180. Io preferisco la quantità! Cambiare ogni giorno trucco e abbigliamento per me è fondamentale e, quindi, con i brand di lusso non sarebbe possibile.

  181. sul trucco non ho dubbi, compro solo ed esclusivamente roba buona, non voglio mettere schifezze sul viso! con l’abbigliamento invece preferisco comprare 5 abiti da 20 euro che solo uno da 100! baciii

  182. Si ho cominciato esattamente un anno fa e ho fatto il corso base di confezione e poi il corso di perfezionamento. Quest’anno a ottobre ho cominciato con il corso di modellismo che proseguirà fino a giugno. Mi sono fatta un sacco di vestiti bellissimi e la cosa più bella è che sei tu che scegli quanto vuoi spendere x i tessuti che comunque sono tutti made in Italy e di ottima qualità!

  183. Dipende da cosa ho bisogno!! Ho dei prodotti davvero molto buoni che uso (non lascio scadere) non spesso ma nemmeno raramente! Soprattutto cerco di focalizzare la scelta di prodotti di qualità e più cari tra quelli che so di poter usare maggiormente, come fondotinta gloss mascara terra rossetto nude o neutro e eyeliner! Certo è che ombretti matite ciglia finte blush rossetti accesi e kit per sopracciglia mi durano molto a lungo e non li consumo mai -.-‘ vorrei poterli finire così da prenderne altri magari simili e testare le diverse marche! Non posso certo permettermi di acquistare come te Clio più prodotti anche simili o “identici” di diverse marche per poterli testare perchè, giustamente è il tuo lavoro ed è una tua necessità trovare i più validi e comunque riesci a finirli utilizzandoli spessissimo! Io invece magari un ombretto lo uso un paiodi volte massimo 3 al mese!!! E di spazio il bagno ne ha in quantità limitata ora XD
    Quindi la mia risposta è: dipende dalle esigenze che si hanno, da ciò che si vorrebbe e da ciò che si può fare!

    Baci baci

  184. Io in tutto scelgo uno ma di qualita, altrimenti niente… O dovuto aspettare 6 mesi per comprarmi il fondotinta, ma lo preso di marca…così anche con il abigliamento… A me piace stile classico, quindi è per tutti i tempi…non devo cambiare ogni mese la guardaroba… Baci

  185. hehehe Clio io ho la tua stessa età e mi ricordo bene com’era ai miei tempi, la penso come te .. adesso preferisco l’opzione dell’acquisto di maglioni da 20 euro che uno da centro…

  186. Ah… frase della nonna che secondo me è perfetta: “Chi più spende meno spende”
    Questo l’ho riscontrato sempre, anche se so che qualcuna avrà qualcosa da ridire… se la scelta è oculata e si sta comprando un capo o qualsiasi cosa di ottima fattura (con un prezzo ovviamente alto) questo durerà molto più a lungo proprio per le sue qualità!! Insomma, spendi di più per avere di più!
    Per quanto riguarda i vestiti e in generale i beni di consumo credo che si, sia inutile acquistare cose ad un prezzo basso che durano il tempo di una settimana per poi doverne comprare altre… insomma! Anche qui dipende, dalle proprie necessità e disponibilità economiche!
    Io mi trovo bene ad acquistare da h&m zara, promod e oviesse, soprattutto per l’abbigliamento quotidiano, ma non ti nego che ho anche capi più belli come pinko guess ecc..ma anche qui dipende!

  187. Io negli ultimi mesi sto “tentando” di formare una trousse decente con prodotti buoni ma non troppo costosi, diciamo nella media! Poi certo….qualcosa di Essence o Kiko ci scappa sempre!!!

  188. Post molto interessante. Qualche anno fa risparmiavo i soldini per accaparrarmi le edizioni limitate di Dior e Chanel (le trousse natalizie, il dado con strass,etc), adesso la mia postazione trucco è piena zeppa di prodotti “palliativo” : li chiamo così perchè calmano per un attimo la “sete di make up shopping” a seguito della quale ritorna il senso di vuoto. Pura compulsività, appunto. Poi quando mi rendo conto di voler usare prodotti di buona qualità e voglio comprarmi il fondotinta Maestro allora mi rendo conto di non avere soldi. Se non avessi preso tutti quei gloss inutili e ombretti con i glitter soltanto su 1 micron superficiale della cialda, piango lacrime di coccodrillo. E allora prendo il fondotinta Elf, ma poi pranzo per due settimane al Mc Donald e mi compro anche il Maestro. Insomma, un circolo vizioso infernale!

    Morale della favola: il periodo che stiamo vivendo ci causa vuoti di certezze e mancanza di potere economico: lo shopping compulsivo di prodotti “anticrisi” è la “malattia” che ne deriva per noi e l’ascesa dei marchi dalla qualità discutibile (esistono poi sempre le eccezioni, ma pure io ho troppi maglioni tristi nell’armadio!)
    BACI! 😀

  189. Sulla quantità di vestiti nooooo… Ma nemmeno la qualità… Insomma dei vestiti poco mi importa uscirei tranquilla in tuta ma truccata bene… E qui è un disastro ogni tanto prendo qualche prodotto davvero Figo ma pochini non posso spendere troppo se no il mio moroso chi lo sente!?!! Ma di quelli a basso costo ne ho davvero una valanga.., e sarò stata fortunata o avrò seguito bene i tuoi consigli ma ho avuto pure poche delusioni!!!!

  190. Ciao Clio!
    Io cerco di non acquistare d’impulso, ci ragiono su e prendo solo quello che realmente mi serve e sono certa userò. Faccio questo discorso sia coi trucchi che coi vestiti.
    Quindi… sì, sono disposta a spendere qualcosa in più per avere le cose giuste (senza raggiungere cifre eccessive ovviamente).
    Anche perché con la qualità non si scherza, ci va di mezzo la salute!
    Ultimamente cerco di evitare i negozietti in cui tutto costa poco (come quelli dei cinesi per intenderci) perché non si sa mai cosa utilizzino per fare i loro vestiti, e mettere la mia pelle a contatto con qualcosa di dannoso non è proprio nei miei obiettivi.
    Dobbiamo stare tutte più attente :

  191. Ciao Clio!
    Io sono affascinata dai trucchi yves saint laurent e chanel perciò ogni tanto cedo….touche d eclat…rossetto…ma confesso di aver comprato anche kiko ed essence ma poco…preferisco aspettare se al momento non posso spendere.
    Per l abbigliamento preferisco decisamente la qualità ed ultimamente sono affascinata dal mondo del vintage…ci sono tessuti di qualità intramontabile ed ormai introvabile…anche qui preferisco aspettare se non posso spendere subito…anche perché alla fine mi trovo a spendere la stessa cifra per tanti pezzi di scarsa qualità e che mi dureranno poco e a volte non mi soddisfano neppure per come mi stanno!
    A presto un bacione

  192. Ciao Clio!!!! Prima di tutto vorrei ringraziarti per questo post davvero interessante!! È stata una gioia leggerlo:):) io personalmente compro sempre cose che mi piacciono e che rientrano nel mio stile. È inutile comprare un paio di stivali con le borchie (anche se vanno di moda) se tanto so che non li indosserò mai! Beh certamente mi è già capitato di comprare qualcosa per poi averlo messo una volta o due e poi sia finito in fondo all’armadio (penso che a chiunque sulla faccia della terra sia già capitato eheh) però in generale prima di aprire il portafoglio mi chiedo “lo metterei davvero?” e se la risposta è si, beh è facile immaginare il seguito ahah 🙂 un bacioneeeeee :-)))

  193. essendo allergica a molti prodotti sono costretta a comprare MAC e pochi altri marchi, il che mi fa usare i prodotti fino in fondo e a scegliere con oculatezza quale mi occorre.
    sull’abbigliamento dipende da cosa devo comprare, per uno sfizio (tipo un blazer argento) spendo moooolto poco, per cose più classiche esenza tempo invece spendo.
    Insomma pochi ma buoni, anche perchè non rovinandosi con gli anni si accumulano!!!!

  194. Hai ragione spendere tanto o la marca non è sinonimo di qualità. ..io lavoravo in una stiro maglieria e allo stesso capo mettevano diverse etichette per cui lo trovavi al negozio firmato a caro prezzo e lo stesso senza firma al mercato e costava pochissimo. La stessa cosa poi quando ho lavorato dove si costruiscono i forni e piani cottura e cambiavamo anche li solo la serigrafia del marchio ma i materiali, fornitori e manodopera erano le stesse…quindi si rende necessario imparare a distinguere la qualità senza fidarsi troppo solo dei marchi o dei prezzi

  195. Io ho tanti prodotti nn costosi, pochi costosi! Xo c’ è da dire che é piu semplice fare un acquisto’ da provare’ che sia meno costoso e invece and sul sicuro se si tratta di sspendere30 euro o piu! Io in generale tendo ad acquistare piu prodotti economici ma già testati e buoni e magari anche qualche prodotto costoso che sia veramente ottimo, insomma se devo spendere tanti soldi nn devo rimanere delusa!

  196. Beh devo dire che ank’io a volte tendo a comprare più cose perché affascinata dai prezzi bassi e dalle offerte ma questo mi accade di più quando conosco già il prodotto e la casa che lo produce…nel make-up invece cerco di avere poche cose ma buone…la mia trousse é composta sia da prodotti medio economici sia da qualcosa di più costoso ma non ho mai 10 ombretti di uguale qualità al massimo ne ho 4 oppure preferisco avere una bella palette!!! Bacioniiiii

  197. Bellissimo post Clio!

    Io adesso che guadagno per conto mio mi tolgo molti più sfizi nel campo del makeup, anche se non ho nemmeno un prodotto veramente costoso, spendo al massimo 15 euro. Però mi piacerebbe tanto avere almeno una cosa di lusso!
    Per l’abbigliamento invece punto alla qualità, anche perché essendo una taglia forte non è che abbia una vastissima scelta, e le cose mi devono calzare a pennello.

    Baciooooooooo!

  198. Grazie alle tue varie recensioni, e hai tuoi innumerevoli consigli ora cerco di acquistare molto meno. Mi sono rivista nel cassetto pieno di ombretti che stanno x scadere. Ora punto su qualcosa di qualità !!! Grazie Clio, tu nn usi la tua influenza per acquisti inutili anzi il contrario!!!!

  199. Compro lo stretto necessario, non navigando nell’oro ci si deve adattare, ma a volte sono anche io vittima dell’acquisto compulsivo e finisco per prendere qualcosa spinta dall’ hype piuttosto che dall’esigenza. Il mio motto soprattutto per quanto riguarda l’abbigliamento e gli accessori è: 1 alla volta! XD

  200. Io sono x pochi ma buoni..specie x l’abbigliamento. Solo che il portafoglio piange e spesso devo comprare poco e nn buono. Ma dopo pochi mesi le cose sn rovinate. X i trucchi…dipende. ombretti anche qlc d scarso se voglio provare. Ma sogno i grandi marchi..il mio fondotinta è Dior e poi ne ho uno minerale sephora che mi piace molto. Pennelli kiko rossetti shiseido e lancome mascara pupa e ombretti kiko…d cui sn poco soddisfatta. Phard sephora ma nn mi piace e matite pupa e kiko ok

  201. per quanto riguarda il make up, io sono dell’idea che i rossetti vanno comprati di marca buona, perché ho paura delle reazioni chimiche di quelli scadenti o economici sulle labbra…le matite occhi le prendo essence, e costano 1 euro perché alla fine non sono solita metterle, le uso per fare trucchi veloci. al contrario, se si tratta di terra/illuminanti e fondotinta, voglio spendere abbastanza per non danneggiare troppo la pelle (infatti per contouring uso il duo neve cosmetics circa 17.90, mentre come fondotinta uso dior skin nude che costa circa 40 euro, se non ho tempo uso la cc cream di clinique, 33 euro circa). per l’abbigliamento invece mi piace comprare quello che mi capita non badando alle marche, quindi terranova, zuiki, Oviesse, alcott,ecc. 🙂 ah dimenticavo il correttore che uso è stick e bio perché ho bisogno di idratare la zona occhiaie 🙂

  202. si hai ragione _Clio, oggi giorno si opta spesso per prodotti low cost tralasciando la qualità e preferendo la quantità…. Un po’ per aver più scelta(cambiare look ogno giorno) un po’ per la crisi! C’è da dire k oggi si punta a migliorare il proprio aspetto, non ci accontentiamo più e cerchiamo sempre di “perfezionarci” esteticamente; e per questo compriamo sempre più prodotti con la speranza di trovare quello più giusto/adatto che ci renda più belle.. MIGLIORI

  203. Un po’ e un po’! Ho maglioni di qualità bassa che metto tutti i giorni senza paura di rovinarli e altri più belli che metto quando sono sicura che non succederà loro niente, scarpe pagate poco che metto magari d’estate alla classica serata all’aperto dove c’è il rischio di rovinarle e decolletè classiche nere pagate abbastanza che metto solo quando ho bisogno di essere davvero elegante. per i trucchi invece mi concedo qualcosa di costoso solo se si tratta di qualcosa di particolare, come l’eyeliner oro della urban decay: purtroppo non ne ho trovato uno che rendesse così bene nelle marche più economiche

  204. La verità è che dipende da chi fa l’acquisto: una ragazza dai 15 ai 23 anni difficilmente avrà tanti soldi da parte (giusto se i genitori danno la paghetta o se fa qualche piccolo lavoretto tipo ripetizioni), perciò se anche volesse prendere capi di qualità maggiore che durino nel tempo, in verità poi finirà per comprare due magliette a 15 euro in tutto! Per cui secondo me spesso non si tratta di scelta, ma di “obbligo”, nel senso che pur di fare un po’ di shopping con le amiche o di avere qualcosa di carino da mettere, alla fine si punta su capi che costano pochissimo. Lo dico perché anche io ero (e sono :P) così 😀

  205. Lavoro nel settore abbigliamento da 13 anni, in un’azienda che probabilmente presto chiuderà battenti proprio per aver deciso di privilegiare la qualità del prodotto senza investire in marketing e pubblicità.
    Clio, il punto non sta nello scegliere di spendere 5 euro per una maglia da mercatino o 100 euro per una maglia firmata (lo stesso vale per i cosmetici, le scarpe, etc), perchè alla fine, la differenza qualitativa tra le 2 è inesistente, solo che della seconda paghi il marchio (cioè i soldi che il consiglio di amministrazione sceglie di spendere in lancio del prodotto).
    Il problema vero è la disinformazione perchè nessuno sa leggere un’etichetta del capo che per legge deve riportare dove è stato prodotto (di solito Cina, Taiwan, ultimamente Romania e Bulgaria)e con quali materiali (in genere sintetici e di scarsissima qualità).
    L’azienda in cui lavoro produce maglie di altissima qualità di materiali e di manodopera (tutta italiana) ma non regge la concorrenza perchè il marchio non è conosciuto se non da una nicchia di intenditori, per lo più esteri.
    Scusate se mi sono dilungata ma come ho commentato qualche giorno fa in un altro post, dovremmo essere più consapevoli di quello che acquistiamo ed imparare a scegliere senza farci condizionare troppo.

  206. ciao Clio =) di solito nei vestiti preferisco i negozi dove con una cifra compri più pezzi, tipo HeM e se mi piace qualcosa che costa un po’ di più aspetto gli sconti, ed evito di guardare le vetrine dei negozi a prezzi cari, così non c’è pericolo che mi piaccia qualcosa =) però credo che a Natale un bel regalo a noi stessi lo dobbiamo fare dai 🙂

  207. E se si prendessero 5 ombretti di qualità media,che si utilizzano fino alla fine? 😛 per quanto mi riguarda i trucchi di qualità e prezzo medio sono proprio quelli che utilizzo quotidianamente!Poi ci sono i trucchi “belli” che vengono usati meno spesso,quasi come non li volessi “sprecare”..un po’ come quando si era piccoli e la domenica si metteva il “vestito buono e di qualità” e per andare a scuola cose molto meno preziose ahahahahahah

  208. Clio e se un giorno facessi tu una collezione di make up per esempio in partnership con essence o kiko? sarebbe tutto di qualità o ti adetteresti alle richieste economiche dell’azienda?
    Sono curiosa di sapere la tua risposta.

    Eleonora

  209. Per quanto riguarda ivestiti probabilmernte preferisco comprarene più di uno a poco prezzo per poi cambiare spesso,tanto anche se compri roba di qualità, ci sono tanti imprevisti che potrebbero rovinare la tua camicia da 80€ tanto amata ed adorata solo perché la signora del piano superiore non sta attenta con la candeggina, ma non faccio lo steso discorso con le scarpe, perché. Meglio un paio che non ti distrugga i piedi che 100 che ti fanno vedere le stelle.
    Per i trucchi se devo fare qualche prova, come imparare ad utilizzare l’ eyeliner, utilizzo cose a poco prezzo,poi se decido di ricomprarlo punto su qualcosa di meglio

  210. In genere, per quanto riguarda i trucchi come ombretti, rossetti e matite, cerco di comprarli di buona qualità, leggendo l’INCI, ma non ci spendo una fortuna perchè tanto so che non li finirò mai…mi stanco molto facilmente delle solite cose e lasciarle a fare la muffa nel cassetto non mi va 🙂 per quanto riguarda l’abbigliamento idem, certo, mi piacerebbe sempre comprare qualcosa di più sfizioso, ma sinceramente non mi va di chiedere ai miei soldi per queste cose, quando non sono indispensabili! Sperando in un futuro prossimo di trovare un lavoro, allora sarà diverso…beh, speriamo!

  211. io dipende da cosa mi devo comprare… solitamente x le scarpe le preferisco buone, ma poke, trucchi dipende.. il mascara x esempi basta che non coli, ma fondotinta o altre cose che vvanno applicte sula pelle della faccia come terre blush e cipria le voglio buone, nel senso ke abbiano un buon inci, i rossetti invece bata hche siano a lunga tenuta.. e gli ombretti l’importante è avere tutti i colori, poi con il tempo ci si aggiorna comprando i colori che si usano di più come buoni.!! 😀 vestiti invece preferisco mille volte uncapo buono da uno skifoso ke fa sudare, sopratutto gli estivi, gli inverlanli, lo stesso, solo chhe si riskia di sudare di meno, quindi ci si fa meno attenzione.

  212. ti do ragione pensando che H&M e i cinesi non sono così distanti di qualità o almeno in italia! in UK è molto meglio già… però hai sbagliando parlando di LV secondo me perché non ho mai avuto borse tanto resistenti.. ci sto se mi parli di una Gucci o una Fendi, che si consumano piuttosto velocemente a parer mio!

  213. Io di maglione ne prendo 1.. ma da 20 euro! E’ vero che capita anche a me di prendere molte cose della essence che alla fine non sono un granché, però le sfrutto lo stesso come sfrutto il mio maglione H&M! Io poi preferisco avere più cose che durino meno che poche che durino tanto: mi piace cambiare, sperimentare, e per fare ciò non potrei permettermelo con brand come dior e chanel!

  214. Sinceramente cerco una via di mezzo..Poi c’è Clio,che con i suoi preziosi consigli mi da una mano…faccio un mix tra Kiko,Sephora e Urban Decay… Con i vestiti ultimamente vado sul low cost,per esempio,mi stanno meglio gli jeans di Terranova e non quelli della Fornarina…nei negozi low cost ti puoi sfiziare di più…Ultimamente ho notato che alla fine paghi solo il nome. un bacione bella e simpatica Clio. TVB 😉

  215. Non vorrei contraddirti… Ma dopo aver provato la naked non puoi dire che quelli della mua sono uguali! Come il fondotinta… Oltre a pagare la marca tante volte la qualità c’è

  216. trucco, vestiti, bijoux per qualsiasi cosa, spesso compro quelli economici ma sogno di uscire un giorno e tornare a casa felice, soddisfatta ed esausta alla pretty woman dopo un giorno di spese folli 😀

  217. Per il makeup dico…POCHI MA BUONI!! Anzi non per forza buoni, ho solo un paio di prodotti di grandi marche, per il resto mi appoggio a Kiko and co. perchè sono tutto fuorchè una compratrice compulsiva. Ho un rossetto rosso? Non ne compro un altro prima di averlo finito!!! Ogni volta che faccio un acquisto (che sia makeup o abbigliamento) soppeso la cosa per svariato tempo, anche se si tratta di spendere solo 10 euro, non voglio avere cose che non mi servono, mi sentirei un’idiota che si è fatta abbindolare.
    Le spese folli non mi entusiasmano, compro ciò di cui ho “bisogno” e tutto il resto può pure marcire sugli stand per quanto mi riguarda.

  218. Zara è il male!! Ci comperai un maglioncino anni addietro che dopo il primo avaggio andò a farsi benedire… e, da ragazzina quale ero all’epoca, ci rimasi malissimo perchè ci avevo lasciato un pezzo di cuore (e, nonostante l’attesa dei saldi, l’ho pagato comunque 20 euro).
    Alla fine è tutto relativo. SI parla sempre e solo di preferenze, e di esigenze: anche la mia mamma mi porta spesso a fare compere (con i saldi) in negozi di comprovata qualità… tuttavia per la vita frenetica che faccio, su e giù dai mezzi, seduta nello sporco dell’università, ecc, alle volte è meglio prendere qualche capo da sacrificare come i jeans di benetton piuttosto che capi costosissimi.
    PS. Presi un paio di jeans, da ragazzina, al mercato da una bancarella italiana (ma prodotto visibilmente cinese), mi sono durati 8 anni di utiiizzo continuo ed imperterrito fino alla fisica lacerazione!!

  219. ti capisco, io ragiono più o meno allo stesso modo! ovviamente in generale preferisco sulla qualità (soprattutto scarpe e vestiti), ma per quanto riguarda il trucco, non sapendo se mi possa stare bene un determinato colore punto sull’economicità!

  220. l’abbigliamento ormai è scadente anche marche blasonate sono made in china, bangladesh ecc il make up dipende a volte si prendono cantonate essence, kiko.Comunque tempo fa leggevo su focus i collant all’inizio erano duratuti quindi hanno deciso di peggiorarli, così come gli elettrodomestici e cosi via.Lo scorso anno avevo preso dei maglioni classici pagati un po’(50 euro) lavati con tantissima cura risultato orrendi nemmeno due mesi..

  221. Io purtroppo non ho possibilitá di comprare cose costose…x il makeup aspetto le offerte.guardo un sacco di recenzioni x me un ombretto di 6.90 è gia caro…nn avendo un lavoro fisso…x l’abbigliamento mi affido hai marchi super low cost…in attesa di tempi migliori…io ho sempre sbavato x la naked ma nn l’ho mai potuta comprare..ma nella vita bisogna sapersi accontetare

  222. Ho speso circa 50 euro per un cappotto lungo circa 1 metro e 10 cm con cappuccio e foderato in pelliccietta finta! Se vuoi fare un cappotto corto semplice puoi spendere sui 20! In lana ovviamente!

  223. Ciao Clio! 🙂 Io sinceramente per i trucchi preferisco spendere un po’ di più e comprarne di meno,,preferisco la qualità. Per l’abbigliamento invece sono caduta nello “shopping usa-e-getta” perchè a volte mi è capitato di aver acquisato un capo in un negozio e di averlo ritrovato uguale al mercato dai cinesi che costava la metà. Personalmente vedo più diffrenza di qualità tra le case cosmetiche un po’ più costose e quelle più economiche. 🙂

  224. Ciao Clio! 🙂 Io sinceramente per i trucchi preferisco spendere un po’
    di più e comprarne di meno,,preferisco la qualità. Per l’abbigliamento
    invece sono caduta nello “shopping usa-e-getta” perchè a volte mi è
    capitato di aver acquisato un capo in un negozio e di averlo ritrovato
    uguale al mercato dai cinesi che costava la metà. Personalmente vedo più
    diffrenza di qualità tra le case cosmetiche un po’ più costose e quelle
    più economiche rispetto alle firme di abbigliamento. 🙂

  225. In famiglia siamo in 5, ho tre figlie sopra i 20 anni, non lavorano ancora ma gli piace cambiare, quindi per forza di cose benedico il cielo che non abbiano pretese di grandi marche e per essere alla moda si accontentino di H&M, Zara, Stradivarius, Berska e altri msrchi relativamente economici.
    Non è shopping compulsivo ma shopping abbastanza ragionato tenendo conto del budget a disposizione e della possibilità che hanno di scambiarsi le cose.
    Io non trovo che la qualità sia così scadente e anzi preferisco spendere 20 € e mettere un maglioncino una stagione, che spenderne 100 € e vedere il suddetto maglioncino marcire nel cassetto l’anno dopo.

  226. Per quanto riguarda il makeup se serve una matita nera e un mascara a testa è logico che non ne prendo 4 costosi ma ringrazio S.Clio e i suoi preziosi consigli che mi permettono di prendere quattro pezzi di qualità al prezzo di uno soltanto.

  227. La penso come te; nel mondo in cui viviamo oggi, quello che incide maggiormente sul prezzo finale di un articolo qualsiasi è la manodopera, non la materia prima, le aziende acquistano dalla Cina, dalla Romania, i prodotti finiti e poi li marchiano. Quando lavoravo nel settore dell’elettronica molti anni fa si faceva lo stesso con i videoregistratori, si importavano dalla Corea e si marchiavano come si voleva.
    Se fate caso alle finiture -parlo di abbigliamento- in molti capi non c’è qualità intrinseca; si deformano, si scuciono subito e questo non soltanto per la fascia di prezzo bassa ma anche per quella media.
    Semplificando ci sono due categorie di articoli che si assomigliano: quelli che valgono poco e vengono collocati nelle diverse fasce di prezzo e quelli di estremo lusso, per la cosmetica secondo me la fascia veramente “lussuosa” è sconosciuta ai più e non si trova nei negozi, e non vale sicuramente quanto viene fatta pagare, come per tutto il resto.
    Personalmente cerco soprattutto il rapporto qualità/prezzo, mi interessa poco il marchio e se pago poco sono consapevole che difficilmente mi verrà regalato qualcosa. Non mi lascio prendere da acquisti compulsivi.
    Da un anno a questa parte ho scoperto l’autoproduzione, di cosmetici e di alcuni tipi di alimenti, e mi sono riavvicinata ai prodotti naturali. Ora mi piace così, mi diverte e mi rende più consapevole del fatto che mi sto prendendo cura di me stessa. Saluti e baci a tutte, buone feste.

  228. Io sono per la qualitàààà, perché un capo scadente lo si vede da un miglio lontano così come il trucco ,le scarpe e tutto il resto…viva la qualitààà 😀 *

  229. Dipende e non dall’oggetto. Nel senso anche se si tratta di abbigliamento distinguo all’interno della stessa categoria. Ad esempio, sono propensa a spendere meno in magliette per averne qualcuna in più ma se si tratta di cappotti o scarpe no, in quel caso la qualità è determinante. Così lo stesso per il make up: gli ombretti devono scrivere altrimenti non servono, ma per gli smalti anche qualche passata in più va bene 😉

  230. ciao ragazze!! io sono per la giusta via di mezzo! sono convinta che si possono trovare ottimi prodotti anche a prezzi accessibili. La Naked ad esempio sognavo di averla da un sacco ma non osavo comprarla perchè sapevo di “poter vivere senza” lo stesso. Quei 46 euro me li tenevo in tasca e mi compravo un libro per l’università!! Poi il mio ragazzo me l’ha regalata per il mio compleanno e ovviamente non potevo non fare i salti di gioia!! *.* Ma purtroppo non tutti hanno la possibilità economica di spendere tanto..io mi accontento e faccio comunque un ottima figura! 🙂 questo è il mio pensiero! w il blush della catrice xD

  231. Ormai tutti i negozi nei centri commerciali vendono le stesse cose e la “qualità” é sempre la stessa.. anzi forse peggiora sempre più.( ma i prezzi aumentano) Lavoro in un centro commerciale e quindi tutti i giorni ho sotto il naso capi di abbigliamento e accessori.
    Che dire..compro meno ma sempre nel negozio dove lavoro per mia comodità: risparmio tempo, ho lo sconto ma soprattutto chi ha voglia di andare per negozi dopo 9 ore al giorno chiusi lì dentro??? Inoltre ho tanti vestiti nell armadio con etichetta nuovi mai indossati che mi guardano ogni mattina.
    Per il makeup dipende..generalmente il fondotinta lo prendo di lancome mentre il resto (naked a parte) economico

  232. Razionalmente dico che è meglio avere poche cose di qualità, ma poi compro sopratutto per i figli tante cosine….la virtù come sempre sta nel mezzo….comprare cose di qualità a prezzo accettabile e ogni tanto, una bella cipria Guerlain che -garantito perchè è successo a me- dura UN ANNO! Provare per credere la cipria in polvere libera Les Violettes minerale di Guerlain……

  233. Io sono dell’idea che se una cosa mi piace e mi sembra di buona qualità la prendo (ovviamente non a casaccio: se ne ho bisogno e se me la posso permettere), indipendentemente da che marca sia o da dove venga prodotta. L’anno scorso in questo periodo ho comprato a distanza di pochi giorni un maglioncino dai cinesi e un altro in un negozio di Made in Italy: quello dei cinesi è ancora qui che gira, l’altro si è sformato dopo un paio di lavaggi attenti e ha fatto gli antiestetici pallini. Quello dei cinesi l’avevo pagato circa la metà. Questo per dire che non sempre il costo o la provenienza rendono un prodotto migliore o peggiore!
    Comunque per quanto riguarda i trucchi preferisco comprare qualche prodotto mirato e cercare di usarlo il più possibile, mentre per l’abbigliamento vado un po’ più al risparmio e magari mi piace cambiare look un po’ più spesso. Però anche lì ogni tanto mi concedo un acquisto “importante” se so che è una cosa che durerà nel tempo e verrà quindi ammortizzata! Ho un piumino che ho usato per quasi 10 anni e a suo tempo mi costò sui 300€: una follia per le mie tasche… ma direi che è durato davvero tanto e sono contenta di aver speso quei soldi per qualcosa di ottima qualità!

  234. Mmmmm bel post, per quanto mi riguarda in famiglia mi hanno sempre insegnato a risparmiare perciò sia nel trucco che nel vestiario non spendo cifrone, certo magari ogni tanto qualcosa di qualità e un po costoso si, ma proprio raramente! 100-200 euro per un cappotto li spendo ma per i trucchi no! di solito per quanto riguarda il trucco prendo giusto il necessario ( ok forse uno o due prodotti inutili li prendo anch’io) e se voglio qualcosa di più costoso, metto da parte i soldi per prenderlo 🙂

  235. fino a poco tenpo fa adottavo anche io la politica dello spendo poco e compro tanto, specialmente con i vestiti e le scarpe. Mi piaceva spendere qualche soldino in meno e avere una maglietta in più e poi magari mi ritrovavo a sognare davanti a una maglia che invece di 10 costava 30 ripetendomi “eh ma con gli stessi soldi ne ho prese 3” ma rimanevo con l’amaro di non avere quella. Idem con il makeup. Ora invece ho proprio notato che non vale la pena di spendere meno e avere più cose se poi mi tocca buttarle dopo due volte che le ho usate o se magari si vede lontano km che è fatta male. Ora come ora sono molto più per la qualità che per la quantità anche perchè buttare via i soldi (che già sono pochi) per qualcosa di fatto male e che finisce poco dopo nella pattumiera iniziava proprio a scocciarmi ^^ Pochi ma buoni, vale un po’ per tutto 😉

  236. Qnd ero ragazzina rubavo i trucchi alla mia mamma, nn esistevano le marche lowcost, qnd nn potevo permettermi certi prodotti, ora invece benedico l’uscita di qst marche, x qnt riguarda i vestiti vale lo stesso discorso, nn pagherei mai 100 euro x un maglione!!!!

  237. il punto è che tante volte il prezzo non fa la qualità…anzi..magari l’abbiamo sognato tanto, pagato fior di quattrini e poi ci ritroviamo con in mano una ciofeca!!! io ultimamente sto puntando quasi esclusivamente sul bio perché non fa male alla pelle e in più devo anche dire che si risparmia rispetto a tante marche…tanto per fare un esempio…se una crema viso presa dall’estetista l’avevo pagata 30 euro e manco mi era piaciuta…con esattamente la metà dei soldi si prende la crema viso aloe e argan di La Saponaria che è fantastica!!! tengo molto alla qualità dei prodotti che vanno a diretto contatto con la pelle…poi però su ombretti e rossetti mi sbizzarrisco con le marche economiche…in questo modo ti puoi permettere di avere un sacco di colori senza spendere una fortuna…così cambi trucco ogni volta e non spendi tanto per avere magari colori di rossetto più insoliti che magari usi di meno…..ma su fondotinta, cipria, creme e maschere niente sconti e tutto rigorosamente bio!!! ps. stasera ho fatto danni comprando il latte struccante e tonico bifasico di biofficina toscana, un kit da spignattatore purificante, due tipi di maschere viso e capelli e una crema viso!!!! meglio farsi vedere raramente in questi negozi!!

  238. Dato che mia mamma ha un negozio di abbigliamento da 20 anni qualcosa ne capisco… Fidati le cose dei cinesi quasi sempre sono di pessima qualità, fatte usando sostanze tossiche (come la formaldeide) e non sono assolutamente come, ad esempio, quelle di una marca italiana che produce in cina. Perché anche se il capo viene fabbricato in cina, deve comunque rispondere a tutta una serie di norme. Se acquisti consapevolmente senza farti abbindolare dalla marca famosa ti accorgerai che spesso vale la pena spendere un po’ di più, senza arrivare per forza a cifre esagerate.

  239. Io preferisco spendere in borse e scarpe….qst ultime xke nn m piace indossare scarpe che valgono poco xke poi ne risente la mia salute e la mia schiena…quindi pelle pelle pelle e tt materiali idonei per le scarpe. ….ma ho anche scarpe da ginnastica….mentre per i trucchi m piacciono un sacco.. passo ore davanti agli espositori guardo, provo, leggo, ma poi alla fine nn compero…1 xke sono un po ciompa e sarebbero soldi buttati, 2 xke nn essendo brava preferisco prima finire i trucchi che ho prima di acquistarne di altri, , altrimenti finirebbero tt nel cestino…..mentre per i vestiti m piace stare alla moda, xo sono un po “formichina” e allora cerco di comprare ql capo alla moda ma economico e di mischiarlo con ql vecchi delle mode precedenti…..alla fine ognuno la moda se la crea…e nel periodo in cui viviamo adesso tutto è concesso!!!!

  240. Hai ragione a dire che le borse di Lv sono resistenti ma comunque non sono di vera pelle malgrado il prezzo, solo le rifiniture lo sono. E anche tante altre marche fanno una ecopelle molto bella che sembra quasi vera ma ahimè si consuma facilmente se si usa tutti i giorni. Te lo assicuro perché ho lavorato nel settore e perché ho borse di vera pelle che durano molto di piu e costano 1/4 di quelle griffate.Quindi a parer mio non ne vale la pena. Ciao!

  241. Io mi regolo così: le scarpe che uso sono tutte medio care e mi durano dai 3 ai 10 anni; i vestiti sono molto classici, a volte uso i pantaloni di 10 anni fa, poco importa se la gamba è un po’ più larga, in generale vanno ancora bene finchè non si consumano; per i trucchi che uso tutti i giorni uso solo prodotti di buona qualità, ma se devo comprare una matita verde o un ombretto arancione vado da Kiko o da Catrice.

  242. Ciao Clio!
    Per quanto riguarda i vestiti dipende.. di solito preferisco avere 5 felpe da 20 euro che una da 100 anche perchè mi piace cambiare. Però sui giubbini invernali non transigo!! Soffro molto il freddo e quindi ho dovuto prendere un giubbino caldo come si deve..e in quel caso ho speso molto però ne è valsa la pena!! 🙂
    Invece riguardo i trucchi vario molto, nel senso che spendo un pò per il fondotinta (uso quello minerale della Bare Minerals) però mi trovo veramente bene e mi dura tantissimo!! Ombretti, mascara e matite sono tutti della Kiko..non spenderei mai 30 euro x un mascara!! Stessa cosa vale x gli smalti.. ne ho parecchi sempre di Kiko e tre di Pupa. Mi trovo veramente bene!! Rapporto qualità-prezzo ottimo!!

  243. Io né l’uno né l’altro..faccio un misto..diciamo che tengo come base quei quattro cinque prodotti buoni, e poi aggiungo a questi prodotti a basso costo per sperimentare! Ciaooo

  244. per quanto riguarda i vestiti ho imparato a non comprare mai cose che superino i 50 euro perchè è vero che si rovinano in fretta ma altrettanto in fretta la moda cambia e le proprie cose stufano.. per i trucchi mi affido a te quindi se tu dici che posso comprare un fondo che costa anche 10 euro perchè buono ovvio che prendo quello piuttosto che quello da 50. per i regali comunque la gente che mi vuole bene sa quanto mi farebbe piacere cosmetici di lusso ;p

  245. Ciao Clio,
    Io sinceramente non ho mai comprato cosmetici che costano tanto, preferisco prendere quelli economici ovviamente dopo aver sentito la tua opinione. A meno che mia zia, che lavora in una profumeria mi regali qualcosa di un po costoso.
    Anche per quanto riguarda i vestiti, preferisco prendere più maglioni che costino poco invece di prenderne uno che costi tanto, preferisco stare sotto le 50 €.
    Un bacione ♥♥

  246. Bel Post! Io compro in modo “compulsivo” soltanto le creme.. Per il resto cerco di ottimizzare i soldi che ho. Cerco di comprare vestiti di qualità, aspettando i saldi o cercando tra le offerte. Ho comprato maglioni di qualità, che sono perfetti dopo anni, ma purtroppo sono diventati fuori moda!! Case come H&M in questo momento hanno fortuna perché la gente inorridisce a vedere un maglione che costa 100 euro o un paio di jeans da 150, quando si hanno 1000 euro a disposizione per tutti i membri della famiglia. Certo, oggi la qualità è bassa, ma la mediocrità a volte coinvolge anche i grandi marchi. Per quel che riguarda le scarpe, invece, non riesco a comprarle di bassa qualità. Non ne possiedo molte, ma tutte di marca perché in questo caso la comodità non ha prezzo.

  247. Da studente risponderei che di maglioni ne compro uno, e da 20 euro!! 🙂 ma quando si lavora le cose cambiano, e in quel caso secondo me bisogna valutare non solo il prezzo e la marca, ma la composizione..la marca non è sempre sinonimo di qualità, ma questo non vuol dire comprare qualunque schifezza perchè costa poco…con il trucco forse è più difficile, ma per quanto mi riguarda, anche di fronte ad uno stand della Essence provo i tester, e anche nel caso un ombretto mi sembri valido ne compro uno, e se mi piace ci torno. Per riassumere, cerco di non comprare alla cieca…e se poi il maglione si slarga comunque, mando un po’ di accidenti! 🙂

  248. Ciao Clio! Leggendo questo post mi sono resa conto di come sono cambiata nell’ultimo periodo… ad esempio per gli ombretti acquistavo solo a basso prezzo ma mi sono resa conto di avere il beauty strapieno e di usarne un quinto perché sono belli da vedere ma una volta indossati pura delusione (nello specifico esssence, elf e quelli base della kiko), così mi sono ripromessa di nn prenderne più e passare alla fascia intermedia ( sognando la naked3)
    Per quanto riguarda invece l’abbigliamento nell’ultimo cambio di stagione mi sono decisa di ripulire l’armadio perché pieno di capi che nn mettevo da anni e addirittura alcuni ancora con l’etichetta… quindi ho deciso pochi capi economici da sfruttare al massimo! (Per Jeans e giubotto però alzo la spesa)

  249. Io ho imparato col tempo a scegliere, a 42 anni so cosa mi sta bene e cosa mi piace. Nell’abbigliamento, spendo di più per i capi classici (i tailleur, i tubini, i capi spalla tipo cappotti ecc) che compro di rado ma di buona qualità, senza seguire tanto le mode. Se poi mi va di prendere la t-shirt di moda la prendo al mercato a 5 euro, perchè non mi va di spenderne 100 in qualcosa che dopo due mesi sarà inguardabile. Idem per le scarpe (che sono il mio debole, sigh): preferisco poche ma di qualità, che durino più di una stagione. Per il trucco, cerco di scegliere e di contenermi. Spendo abbastanza nei pennelli, perchè secondo me un buon pennello può salvare anche un ombretto così così. Poi vedo le recensioni (che sia benedetta la rete) e cercco di bilanciare. Per i mascara ho smesso con YSL e mi trovo benissimo con quelli di Essence, ombretti minerali, e un rossetto davvero buono ogni tanto, che può essere Mac o anche il Rimmel Kate che second me è eccellente. Si cerca di tenere la barca pari, insomma, gli stipendi (per chi ha la fortuna di averne uno) son quello che sono, ed essere un po’ sobri, ora come ora, è segno di intelligenza e perchè no, anche di eleganza.

  250. Io ho imparato a selezionare, anche grazie a tuoi consigli, le cose di qualità accettabile/buona all’interno del mucchio! Altrimenti comprando alla cieca ti ritrovi davvero con un sacco di spazzatura!! Tu sei molto utile in questo! Grazie!! 😉

  251. Bah dipende clio…sui vestiti spesso mi compro quelli di medio costo ma fatti bene e mi faccio regalare per natale/compleanno quelli belli…mentre per i trucchi da quando ti guardo ho cominciato a comprare in sacco di ombretti e rossetti economici rimanendo invece su prodotti di medio costo per il viso,dato che ho una pelle sensibile!!!

  252. Non spendo follie per i vestiti, sono solo vestiti, servono per coprirci e ripararci. Penso che la moda sia veramente per chi non ha fantasia, quindi mi metto quello che mi va, adeguandomi alle le mie tasche. Non sto più facendo shopping di vestiti, ormai sono quella che sono e di cose da consumare ne ho in abbondanza, come direbbe mia mamma. Anche per i cosmetici mi son fermata dal comprare, devo usare e finire quelli che ho, non c’è alternativa.
    Comunque tutto questo nuovo shopping compulsivo è il solito famigerato “consumismo”, ne siamo figli almeno da quando c’è la tv, che con le sue reclame ci ha spinto sempre più a comprare comprare comprare, a creare bisogni irreali, di cui dovremmo disfarci, per liberare la nostra vita, il nostro tempo, e il nostro spirito.

  253. Anche io la penso come te, lavoro in un maglificio che come la tua azienda produce tutto in italia e con materiale italiano, prevalentemente cashmere e materiali pregiati, purtroppo anche noi arranchiamo, mi rendo conto che in giro regna la disinformazione e tante persone non sanno leggere ne etichette, ne si rendono conto dei processi produttivi che incidono sul prezzo di un capo.
    Spesso si cerca solo la griffe, e non si bada alla qualità, svantaggiando così le aziende che puntano sulla qualità dei materiali e dei prodotti realizzati.

  254. Arianna per ciò che va a contatto col viso anche io applico la tua teoria.Sapresti dare dei consigli sui prodotti che hai elencato parlando di bio? Grazie 🙂 ma controlli l’inci,giusto?

  255. io compro poco e a poco prezzo! da quando qui in inghilterra ho scoperto primark, un negozio di vestiti con prezzi veramente stracciati che probabilmente c’è anche lì a ny,negozi come h&m e bershka sn diventati per me “costosetti”… sarà che non ho mai avuto un patrimonio da spendere, ma per vestiti e trucchi (…e per qualsiasi altra cosa,ehehe!) la mia scelta si direziona seeempre sul prodotto meno costoso! Poi sì, spesso e volentieri mi trovo con vestiti sformati al secondo lavaggio, ombretti con scrivenza zero, matite che sbavano dopo 1 minuto… non riesco a rinunciare al risparmio ma mi rendo conto che alle volte diventa solo uno spreco!

  256. La qualità prima di tutto, anche la mia mamma mi ha insegnato a valutare la composizione dei prodotti e il luogo di produzione. Questo vale sia per il make-up, che per l’abbigliamento. Quindi pochi ma buoni, tanto se ne usa sempre uno alla volta !

  257. Potrebbero averglielo già chiesto e magari messa”sotto ricatto” ha detto di no..purtroppo chi produce ha sempre la fissa del costo di produzione e tira al ribasso lesinando sulla qualità e in un caso così penserebbero che con il viso di Clio di mezzo la tentazione per le donne sarebbe tanta…e Clio penso abbia capito che la fiducia che le ragazze hanno riposto in lei,sia il 90% del suo successo perché sincera oltre che competente..se comincia a vendere aria fritta,non oso immaginare che onda d’urto a boomerang di delusione che le arriva..

  258. Io credo (per quanto mi riguarda)che tanto-troppo low cost non possa essere la scelta giusta,servirebbe solo a farmi accumulare prodotti che non riuscirei ad utilizzare e a spendere tanto..sì,perchè è facile raggiungere cifre importanti anche con ombrettini&smaltini..peròòòòòòòò so che non potrei essere appagata da un solo ombretto/matita/blush,per cui valuto attentamente il budget che sono disposta a spendere per un prodotto,per qualcosa spendo poco di più per altro meno (anche perchè molti low cost sono di qualità,per fortuna!)

  259. Ale, tu hai centrato il nesso: dopo il viola vorrei avere il rosa e il rosso e il verde e via dicendo, di marca! un bacio e buon natale

  260. Secondo me dipende dal momento tante volte!magari hai bisogno di cose particolari che poi difficilmente userai ogni giorno e allora si preferisce spendere poco! Oppure hai la giornata no e decidi di farti dei regalini!;-) Ma in genere se non si hanno grandi disponibilità di spesa meglio puntare sul compromesso tra qualità e quantità! Una via di mezzo per provare un pò di tutto!

  261. Saggia nonna,ma secondo me il detto sta lentamente andando verso il cosiddetto”posto migliore”per colpa di un sistema di costi marcio che hanno imposto..speriamo tornino quei tempi.Non so cosa darei per poter tornare ad avere la vera qualità al prezzo necessario ma comunque onesto se comparato con la stessa appunto…

  262. Non so voi ma io una volta sola sono entrata da h&km per cercare un vestitino da sera da sostituire col mio messo per tutte le cene e… Mi stavano tutti male…sembravo un sacco, senza taglio e nemmeno forma, eppure alle altre donne donano quando li vedo anzi non mi sembrano nemmeno abiti da poche decine di euro!!!! A voi succede ? Rimango quindi su pochi abiti ma un po’ carucci!!!

  263. io per quanto riguarda i vestiti ultimamente mi compro spesso più cose a prezzo minore, perchè come hai detto tu le mode cambiano ogni settimana ed essendo ancora ragazza mi piace stare al passo con essa, al momento dell’acquisto so già che quel capo che costa 20 euro in meno durerà forse forse una stagione ma visto che la prossima annata non lo rimetterei in ogni caso non mi faccio troppi problemi. Per quanto riguarda il trucco assolutamente no, dei colori classici, un eyeliner e un mascara nero non tramontano mai quindi decisamente meno cose ma molto più valide!

  264. Non ho mai avuto una gemella,forte :)! Quanto al paradiso, entrando in tutti i negozi che rivendono appunto cosmesi, sentivo letteralmente il coro d’angeli.C’é voluto tempo x smettere di entrare in trance ed avere 5 shampoo diversi,5 balsami,3 maschere ecc alla volta

  265. Ciao, sempre interessanti i tuoi interventi!
    Personalmente sono al vorrei ma non posso! Quindi cerco la giusta via di mezzo, che di solito trovo da kiko. Ho avuto tempi migliori e quelle due o tre cosine di marca (palette ombretti Dior o fondotinta shiseido compatto) sono tra le cose migliori mai avute.
    Credo che dovremmo tornare al ragionamento delle nonne (5ghei pu se ma rus!) e spendere per buono e non per tanto!

  266. Che si tratti di trucchi o di vestiti, io acquisto roba di marca la maggior parte delle volte. Ma aspetto sempre i saldi o gli sconti, promozioni.Notte Clio

  267. Si infatti, anche io mi sono trovata benissimo con alcuni prodotti presi al mercato!
    Per quanto riguarda i negozi low cost,sopratutto Zara, da quando ho cominciato a leggere le etichette e controllare le cuciture e i materiali ci compro poco, mi sembra sempre che non valgano.

  268. Per quanto riguarda i vestiti,la maglieria la compro di bassa/media qualità,i giubbini no,quelli devono durare! Per i trucchi spazio!da kiko a urban decay a chanel( ke poi vorrei dire,un duo chanel costato una cifra,di una scrivenza orribile,allora meglio accumulare qlc ombretto da 3€ e poi gettarlo,consapevole di qnt hai speso,ke non avere il coraggio di buttare via qst ombretto chanel ke mai indosserò!)

  269. Anche io uso le palette MUA invece della naked, soprattutto perché non vado matta per le palette di marroni e preferisco i colori accesi. La naked non l’ho mai provata e sicuramente avrà una qualità migliore ma non credo che ci possa essere una differenza tale da giustificare prezzi così distanti (5€ contro 45€ se non ricordo male) visto che hanno anche dei colori identici.
    Inoltre la stessa Clio nel suo canale di review ha dato a una palette di MUA lo stesso voto della naked3.

  270. per quanto riguarda il makeup,io sinceramente preferisco prendere una sola trousse con tantissimi colori,preferibilmete nelle quali prevalga il marrone come colore,ti spiego subito il perchè,avrò 5 trousse però non appena ne compro una nuova,metto subito da parte l’altra e uso nella mia routine la nuova,infatti l’altro giorno ho riaperto trousse di un paio di annetti fa e sono rimasta affascinata dai colori,ad esempio volevo un ombretto rosa ma non lo mai comprato e riaprendo una vecchia trousse di deborah,quelle a forma di stellemarine,non sose le hai presente,eccolo li,stupendo…quindi sempre meglio curiosare e utilizzare ciò ke si possiede,perchè magari una compra 800 ombretti e poi ne usa solo 5…la stessa cosa faccio con i mascara,ne compro uno,che sia pupa,deborah o altre marche e solo quando è finito ne compro un altro…l’unico prodotto di cui ho “accumulato” sono le matite occhi,non riuscivo a trovarne una che mi piacesse,specialmente perchè all’interno dell’occhi svanivano,ero stanca di spendere 10 o 15 euro per un prodotto ke avrei utilizzato solo una volta e ho cominciato a provarne una di 2,49 euro,devo dire ottima e adesso ne sto provando una di bottega verde 3 euro e devo dire che mi piace molto…per quanto riguarda l’abbigliamento invece,in questi ultimi anni sto puntanto a spendere poco peròavendo più cose,a volte la qualità non è stabilita dai prezzi esorbitanti,certo uno prima di comprare deve controllare se il tessuto sia buono,ho fattoacquisti di 10euro che si sono rivelati ottimi e duraturi,altri di 100 ke si sono rivelati poco soddisfacenti…sto scrivendo troppo eheh =)

  271. Come trucchi non credo sia necessario spendere una cifra per prodotti magari come Chanel o Dior,non fraintendetemi,adorerei avere cassetti zeppi di questi prodotti,ma da ventenne non posso permetterli… Non credo nei mille pezzi da un euro,ma ho un’ottima alternativa come i prodotti della rimmel,garnier,deborah,l’oreal ecc. sono ottimi prodotti a prezzi alla portata di tutte! In quanto Ai capi d’abbigliamento, è importante la qualità,ma se compro un maglioncino da 5 euro metto in conto anche che pochi mesi e andrà gettato!insomma,io credo nel saper spendere 🙂

  272. Posso stare al tuo discorso su pochissimi prodotti… Ma in molti casi la qualità si vede e si sente,basta pensare ad un giubbotto Blauer o Moncler,puoi attraversare le peggiori gelate,ti manterranno sempre al caldo,e non credo che un prodotto dei cinesi faccia lo stesso! Questo e solo un esempio… Per quanto riguarda al tuo esempio delle LV,prova ad indossarne o a toccarne una,posso assicurarti che è tutta un’altra storia!

  273. con l’abbigliamento mi succede di rado,ho gusti difficili e quindi compro tendenzialmente online il giusto ma anche in questo caso sono per il poco ma buono,scarpe idem perché preferisco investire in una cosa comoda. con il make up idem!!! se proprio voglio levarmi uno sfizio punto sul low cost (recentemente mi son presa la tinta rossa di essence perché volevo un rossetto rosso decente senza spendere cifroni) “sicuro” o se mi innamoro di alcuni prodotti mi prendo il doppione da custodire gelosamente nel cassetto 🙂 trovo inutile accumulare e non usare,non potendo avere tutto bisogna scegliere e quindi opto per questa soluzione 🙂

  274. d’accordissimo.. ma non vale per tutti i prodotti di alta gamma. Bisogna saper valutare il capo.. e non sempre ci si riesce… a volte si spende molto pensando che il prezzo sia una garanzia…

  275. ma infatti si paga il valore dell’icona.. non la qualità o i materiali.. ci sono borse che costano meno e durano molto

  276. Io sono più per uno shopping “mirato”. Compro quello che mi serve, che userei sicuramente e che mi sembra più valido scegliendo sempre tra cose economiche. Sono ancora una studentessa e non ho un lavoro, quindi cerco di contenere le spese per non gravare sui miei genitori!

  277. Io faccio entrambi i tipi di shopping in realtà 🙂 soprattutto nell’ambito make up e vestiti. Se trovo una cosa che mi piace e mi serve la compro a prescindere dal prezzo, ovvio a meno che non costi proprio un occhio della testa. Per quanto riguarda invece accessori e gioielli compro poco ma bene. Non uso bigiotteria “scadente” per così dire perché mi provocano allergie, soprattutto a livello di orecchini. Per cui ho poco ma buono XD anche perché sono un po’ pigra da quel punto di vista e non ho voglia di cambiare continuamente. Poi i gioielli come bracciali e collane li metto solo per uscire, e non intendo a fare la spesa 🙂 sono molto attenta anche con le borse. Mai comprata una borsa da 10 euro al mercato per intenderci. Preferisco averne 5-6 magari non troppo stravanganti ma di qualità ottima.

    Un bacione Clio

  278. per quanto riguarda i vestiti, cerco sempre di comprare qualcosa di carino durante i saldi. i capi a 5€ che si buttano via da soli non fanno per me, e quelli da 150€ non fanno per il mio portafoglio 😉 quindi a meno chè non si tratti del famoso vestito perfetto… SALDI! Nel make up rimango su marche medio basse tipo maybelline, rimmel, pupa (ecc.) che però certe volte mi danno una soddisfazione immensa! (es color tattoo maybelline, ombretti cremosi/mascara clorati pupa vamp) 🙂

  279. Nell’abbigliamento dipende..se devo comprare giacche,cappotti o cose che vorrei durassero e le voglio di qualità,allora spendo,.per i trucchi no..la mia collezione sta tutta in due beauty,non sono tanti davvero i miei trucchi e spesso sono regalati,ma mi avanzano..io una volta allo stand essence compravo sempre qualcosa,da questa primavera ho comprato pochissimo,tipo 6cosine,appena arrivo lì guardo poi valuto(mi seve?ne ho già uno simile?ne ho uno prima da finire?,ecc..)anche se costa poco,so che può sembrare ridicolo,ma a lungo andare ho capito che è inutile riempirsi di cavolate solo perché fanno gola..voi direte “che brava”,ma in realtà non è così..sembra che ho pochi trucchi ma fidatevi che sono troppi visto che…ho una passione sfrenata per il make-up,ma…mi trucco pochissimoooooooooooo!!!adesso sono 5 giorni che non tocco nemmeno il mascara!!il mio lavoro mi permette di non truccarmi visto che sto con i bambini,e non ho grandi esigenze..e tutti mi dicono che sto meglio senza trucco!!

  280. Nell’abbigliamento dipende, di recente anche gli acquisti più mirati e di qualità si sono trasformati in ciofeche dopo poco tempo. Ormai per comprare capi ottimi bisogna spendere uno sproposito e in questi momenti di crisi non è facile fare scelte azzeccate :/
    Per il make up cerco sempre di contenermi e di non farmi prendere dall’euforia! Prima di spendere mi chiedo sempre: “ne ho davvero bisogno?” Di solito preferisco spendere un pò di più per il fondotinta, primer e creme viso perchè vanno a contatto diretto con la pelle, per ombretti e matite ammetto che ne ho di vari colori perchè mi piace sperimentare 🙂

  281. Io punto alla qualità… vado poche volte a fare shopping ma le pochissime volte che vado significa che ho i soldi da parte sufficienti a comprare il prodotto che so che durerà molto e che sfrutterò al 100%
    per i vestiti dipende sempre da ciò che devo comprare 😉

  282. Ho notato che non sempre spendere molti soldi per qualcosa è sinonimo di qualità (ho comprato delle maglie spendendo parecchio e si sono subito infeltrite e rovinate al primo lavaggio superdelicato che ho fatto….grrrrr). Mentre x le scarpe è tutta un’altra cosa…..se spendi un pò di più hai un prodotto di qualità che dura nel tempo.
    Per quanto riguarda i cosmetici da quando seguo le recensioni di Clio almeno non ho più comprato delle fregature (eheheh). Inoltre più o meno ho capito le esigenze della mia pelle per cui x creme e cremine ho ormai le mie marche preferite ( e se spendo un pò di più non fa nulla almeno non mi tocca buttarle perchè mi creano problemi alla pelle che è delicata e sensibile). Anche se ogni tanto anche io mi faccio prendere dalle offerte a pochi euro per qualcosa che neanche mi serve e poi rimane li nel cassetto.

  283. eheheh i orecentemente ho scoperto primark…. una TRAGEDIA! vestiti con una qualita anche buona (bisogna cercare) e che costano poco… l’ultima volta ho fatto razzia!! io generalmente sono molto mirata negli aquisti, ho raramente il momento pazzo in cui torno a casa con millecinquecento pacchi… esco solo se ho un obiettivo e dopo aver controllato l’armadio. dopo di che cerco le alternative e anche se costano poco cerco di fare una cosa ragionata… con i trucchi invece sonon un po pazzerella, preferisco avere anche cose che costano meno am avere la scelta del colore. per dire avro almeno 10 blush diversi e anche piu… e ombretti della trucco minerale, taglie mini, sono buonissima qualita a mio parere e costano poco. Hanno centinaia di colori! anche li pero faccio uno o due grossi acquisti l’anno. E smalti? piu di 40 colori alcuni dei quali mai nemmeno usati. non ci posso resistere… ho di tutto per la nail art! decorazioni, brillantini, stampini, fimo…. e’ questa la mia vera ossessione!

  284. In generale sono una maniaca ossessiva compulsiva ahahahahah della serie che se una cosa mi attrae anche se magari non è di ottima qualità la prendo punto, quanto mi dura mi dura 😀 😀 Scherzi a parte, mi lascio guidare davvero dall’attrazione che ha un prodotto su di me e sulle finanze di quel momento..se posso permettermi un maglione di qualità lo prendo ma se non posso mi dirigo verso H&M o affini, dando per scontato che se pago un maglioncino 10 euro non mi aspetto che mi duri tutta la vita, ma non è mai nemmeno detto 🙂 parlando di trucchi diciamo che per il poco budget che ho a disposizione mensilmente non mi oriento quasi mai verso prodotti di alto costo e tendo più al basso e al medio..e cerco di orientare i miei amici e il mio compagno verso quelli più alti!! 🙂

  285. Mah, io ho la Naked 1 ma perché mi è stata regalata, altrimenti non l’avrei mai presa. Mi piace truccarmi ma non avendo un lavoro e non essendo ricchissima preferisco spendere i soldi in ciò che mi è davvero utile (e quindi libri per l’università, vestiti per andare in giro). Per il resto cerco sempre di guardare review (e per questo penso noi tutte ringraziamo chi, come te, ci permette di fare acquisti un minuto più oculati in fatto di make-up!) in modo da ammortizzare anche le piccole spese come quelle per essere bella (perché, lo ammetto, il 90% del mio beauty case è composto da cose di Essence e Catrice.. Oppure da campioncini :P). Sui vestiti ho un appunto da fare: è vero quello che dici, spesso (ma non sempre) prezzo basso significa scarsa qualità, ma per chi come me gira su treni e mezzi pubblici vari, magari è sempre di fretta o un po’ maldestra, spendere 100 e passa euro per un maglioncino che in due giorni si sporca, sgualcisce, strappa, insomma, si rovina per la routine che facciamo è uno spreco! Una volta ho speso 70 euro di jeans dalla Levi’s e me ne sono pentita amaramente perché la fine che hanno fatto è stata la stessa identica dei jeans dell’OVS o del mercatino! Strappati nel corso di un anno, divenuti inutilizzabili e quindi buttati. Il lusso va bene per chi non si strapazza troppo, per chi arriva in centro col taxi, almeno per quel che riguarda la quotidianità, poi ovvio che per la serata di gala ceto non metto la tuta! Non mi sto arrampicando sugli specchi, è una cosa che io (e non solo io) ho riscontrato col tempo.

  286. ciao cara…non sono una super esperta del bio..è una passione/fissazione che ho da poco tempo….ti posso dire che ho provato diversi prodotti e mi sono piaciuti tutti moltissimo…nella mia città c’è un negozio eco bio…scoperto grazie ad una mia amica e vado sempre lì a rifornirmi…in questo modo non hai bisogno di stare a guardare l’inci perché sei già sicura che siano prodotti di qualità e senza zozzerie varie….poi vado guardando anche in giro ad esempio nei grandi supermercati o da acqua e sapone…a volte ci sono marche bio anche lì ma in quel caso l’inculata è sempre dietro l’angolo perciò devi imparare a saper leggere l’inci…e in particolare devi sapere come riconoscere gli ingredienti non bio….su questo ti consiglio di andare a vedere un video di carlita dolce che parla di queste cose…elenca tutte le sostanze “cattive” tra cui siliconi, conservanti, sostanze cancerogene, paraffine e oli minerali….http://www.youtube.com/watch?v=58ZDey3-tQQ e http://www.youtube.com/watch?v=58ZDey3-tQQ…..

    Premetto che ho la pelle mista/grassa perciò sperimento cmq prodotti con consistenze leggere che vadano a contrastare la lucidità…ho provato il fondotinta minerale (preso dall’estetista, dell’ARTDECO)…non ha un inci perfetto, ha qualche traccia di parabeni ma l’ho comprato all’inizio di questa mia passione perciò ancora non sapevo bene riconoscere le cose dannose…sto usando una cipria della Chanel comprata tempo fa e quindi putroppo con siliconi….finchè non la finisco però non la posso buttar via visto quanto mi è costata….so che è buonissima la cipria di neve cosmetics….per la pelle grassa la matte e per la secca la dewy….(la neve per il make up è favolosa) ho comprato una crema della saponaria aloe e argan che mi sta piacendo molto….poi ho preso il gel d’aloe della Bioearth…buonissimo, e lo uso anche a posto della crema idratante perché è leggerissimo e idratante al punto giusto….ieri ho preso un latte e tonico bifasico di biofficina toscana che devo provare….poi tengo molto alle maschere e alla pulizia della pelle…tutti i sabati faccio scrub (fatto da me con un cucchiaino di sale, mezzo di zucchero, mezzo di miele e un tantino di aceto di mele giusto per dare una consistenza più fluida) e maschera (idratante o purificante a seconda di come ho la pelle…). la maschera idratante è quella argilla e aloe della equilibria mentre quella purificante è all’argilla bianca e verde, pantenolo e camomilla della Verdesativa….l’adoro…è morbidissima,non si secca e non è troppo aggressiva sulla pelle! ora devo provare un paio di nuove maschere ma ancora non ti so dire…spero di esserti stata d’aiuto….e considera cmq che questa è la mia routine in base alla pelle mista…..tu che tipo di pelle hai?

  287. Ciao Clio,per quel che mi riguarda in tema di abbigliamento cerco sempre di trovare il capo carino a prezzo medio/basso,se proprio mi fisso con qualcosa di costoso aspetto i saldi(anche se capita di frequente di non trovarlo più :() Per quanto riguarda il make up preferisco comprare prodotti di qualità media,anche se,recentemente,ho scoperto la Essence e devo dire che,per quanto riguarda certi prodotti,non mi trovo affatto male,anzi…Cmq sono anch’io dell’idea che meglio puntare alla qualità,soprattutto per quanto riguarda l’abbigliamento.Generalmente compro poco ma di qualità,anche se la qualità non sta solo nel capo costoso:bisogna saper scegliere.Un bacio.

  288. La maggior parte delle volte aquisto prodotti medi a basso costo, ma quando voglio coccolarmi un po’ scelgo la qualita’ .

  289. Certo che tra i due ultimi prodotti c’è differenza????Ma i prezzi??Vediamo le differenza anche tra quelli!!!Il problema, cara Clio, è che spesso con quanto alcune spendono per un prodotto molte altre acquistano i trucchi per un intero anno!E stai certa che tutte trovano più “affascinante” un trucco Chane di uno della
    Catrice, peccato che il primo non se lo possano permettere e non si tratti di compiere una scelta….

  290. io direi che bisogna trovare il giusto equilibrio tra qualità e prezzo.
    proprio poco tempo fa facevo questo discorso con mia sorella e pensandoci mi son detta “ma effettivamente se avessi le disponibilità economiche dov’è che comprerei?” e la risposta è stata ESATTAMENTE DOVE COMPRO ORA.
    le grandi marche non mi hanno mai attirato, almeno per quanto riguarda l’abbigliamento, sarà forse per la mia giovane età, ma faccio parte anche io dei frequentatori di H&M e company 🙂
    per quanto riguarda il make-up forse e la cosmesi in generale sto diventando più selettiva (grazie anche alle review); purtroppo la mia pelle è devastata dall’acne e quindi specialmente sui fondotinta sto più attenta alla composizione, anzi SE QUALCUNA DI VOI CONOSCESSE RIMEDI E PRODOTTI PER L’ACNE e volesse condividerli ne sarei felice. chiaramente ciò non esclude un salto allo stand della essence ogni tanto ehehehe 😉

  291. Questo sicuramente, il prezzo alto non è garanzia di qualità così come il prezzo basso non è garanzia di risparmio. Io comunque consiglio di diffidare dai prezzi esageratamente bassi perché c’è sempre un motivo, nessuno vi regala niente. E sconsiglio anche di acquistare dai cinesi perché spesso i loro prodotti non sono a norma, e ricordiamoci anche che stanno distruggendo la nostra economia… Anche se ormai è quasi tutto made in china almeno acquistate in negozi italiani, così favorite comunque il lavoro degli italiani.

  292. Il mio shopping usa e getta si riversa solo sull’abbigliamento,ma perche’ mi piace indossare cose diverse ogni giorno. Quindi viva i marchi low cost,consapevole del fatto che non c e per nulla un risparmio. Sul make up invece mi trattengo,x esigenze di pelle imperfetta devo usare fondotinta e correttore super coprenti che solo certi marchi importanti possono garantire. Quindi base costosa,ma buona!idem per le matite occhi….un must x me!

  293. cara Clio, giusto per darti un’idea di come la penso…..sabato scorso sono entrata da H&M per comprare un pigiama…….sono uscita con uno sconrino di 163€……!!!!!!!!

  294. Beh, sinceramente per quanto riguarda il make up adoro sperimentare con colori prodotti in crema, in polvere ecc.. dunque se comprassi qualcosa di molto costoso non avrei la possibilità di farlo.. e comunque anche se costan poco ci rifletto.. per dire ci ragiono se quel prodotto mi piace davvero oppure no non è che se costa poco lo prendo e basta.. anche perchè sennò aspetto e compro qualcosa di più valido a 6 € in più. Per i capi son dell’idea che meglio comprare una maglia dai 15 20€ e mi piaccia davvero.. vedi Zara.. fa delle maglie davvero semplici e poco carine a mio gusto e se le fa pagare 39/49€ e la qualità non sarà micca come una maglia di armani o chi per lui.. insomma anche lì valuto se e vale la pena.. mi lascio tentare da una maglia un po’ più costosa del solito però di solito sto sulla 15ina sempre perchè mi piace sperimentare e mi stanco spesso delle cose e magari tra 2 anni già quella maglietta non mi garba più! 🙂

  295. io sono dell’idea di comprare meno ma di qualità migliore, tutte queste cose a poco prezzo sono in realtà non sostenibili sia per l’ambiente, sia per chi le ha prodotte, per il posto dove vengono smaltite, per l’impatto che hanno sul posto dove si producono. E attenzione non solo che siano prodotti buoni (naturali ect), e magari non testati sugli animali ma anche che chi le ha prodotte sia stato pagato correttamente e se al consumatore finale costano pochi dollari/euri qualche dubbio ci può venire.

  296. Ciao Clio! Allora… Dipende XD Diciamo che per i vestiti usati per il lavoro, lavorando coi bimbi, spendo poco perché finiscono sempre dipinti e quindi devo puntare sulla quantità non tanto sulla qualità, non avrebbe senso xd poi ci sono certi capi per i quali posso spendere un po’ di più come ad esempio un giubbotto che comprerei sperando duri almeno qualche anno perché i soldini son pochi e le cose devono durare il più possibile!
    Per il make up spendo un po’ di più solo per il fondotinta cercando di prenderne uno solo e buono, con i mascara, ombretti, rossetti e soprattutto smalti invece ne prendo tanti ma più economici! Si lo so sarebbe meglio pochi ma buoni ma a vedere tutte quelle belle cosine in profumeria non so resistere *-* xd Però sarà uno dei miei propositi per l’anno nuovo comprare pochi prodotti ma soddisfacenti! Ce la farò XD

  297. Ciao Clioo! 🙂
    Per quanto riguarda il trucco io credo che sia meglio averne pochi ma buoni da usare sempre! Il problema è che, io per esempio, sto accumulando tanti prodotti nel tentativo di trovare uno di questi “pochi ma ottimi” ed è davvero difficile.
    Per quanto riguarda i vestiti propendo per una via di mezzo: qualche capo di buona qualità che resista negli anni, mentre altri economici che magari ne durano solo uno… anche perché sono una che si stufa e cambia gusti spesso e volentieri…
    Buone vacanze Cliooo! Un bacio! 😀

  298. Dall’infanzia all’adolescenza, mia madre mi comprava pochi capi ma di alta qualità, tant’è che ho ancora maglie di quando facevo le medie, che ormai uso solo in casa. Negli ultimi 20 anni c’è stato un calo qualitativo per molti brand di fascia medio-alta, almeno questo ho notato. Adesso non è più questione di quanto spendi ma di dove trovare cose che durino per più di una stagione.
    Anche spendendo 100 € ti ritrovi un made in Cambogia che per il 90% è sintetico e così la differenza sta solo nel brand. Le stesse cose vendute a prezzi diversi. Che amarezza!

  299. Ciao Clio! Su questo argomento posso portare l’esempio mio e di mia mamma, diametralmente opposte come mentalità. Io ho diciotto anni e tendelziamente (con ovviamente qualche eccezione) cerco di comprare roba a poco per poter comprare di più, sia per quanto riguarda l’abbigliamento che per quanto riguarda il make up… Il motivo é semplice: mi piace cambiare e avere tante possibilità di scelta, e non lavorando non posso far spendere ai miei un capitale per questo motivo! Mia madre invece è l’opposto: poche cose ma di qualità… Così finisce che magari io ho montagne di rossetti tutti diversi mentre lei ne ha solo uno o due di una marca prestigiosa… Secondo me c’entra anche tanto l’età: noi ragazze cerchiamo di sperimentare, provare sempre cose nuove per trovare il modo migliore per esprimere il nostro essere… Ma non possiamo farlo spennando i nostri genitori! Un bacio clio, i tuoi consigli sono utilissimi! 😉

  300. Ciao Arianna,avevo provato a rispondere ma non compariva quel che scrivevo 🙁 Provo a dare l’invio prima di fare un papiro a gratis!

  301. Ok ci siamo! Beh mi sembra che di informazioni tu ne abbia parecchie però,brava!Secondo me ho una pelle praticamente uguale alla tua da quel che hai scritto!Che fortuna che hai dei negozi bio a disposizione,io in zona non ne ho mai visto 1 🙁 .. Della Neve vorrei proprio provarlo il fondo perché leggo tantissimi commenti positivi però come te ho altri prodotti da ultimare prima e devo aspettare..Ho provato il Dermablend e solo dopo mi son resa conto che non mi serve una cosa così coprente e l’ho destinato a correttore e primer e poi sarà stata una coincidenza ma 3 giorni dopo mi son spuntati dei brufoletti strani e sparsi che quasi sembravano una reazione della pelle perché era troppo tappata…un nervoso!!!grazie anche per il consiglio sullo scrub,ma domanda,il sale fino giusto?

  302. Non sono stata mai una manica di shopping e adesso lo sono ancora meno, di solito faccio shoping 3 volte all’anno (shopping stagionale) dove lo sconto può arrivare fino al 70% e poi per il resto dell’anno non compro più nulla. :3 Quando compro mi posso permettere cose di buona qualità a prezzi ragionevoli, il maglioncino che veniva 100€ ne costa 50€ e quindi con la stessa qualità spendo cmq meno.
    Per i trucchi è diverso, metto da parte mensilmente dei soldi e poi vado verso le marche che mi piacciono e compro una cosa che mi è utile, infatti la mia trousse e piccolina e non si espande mai troppo, però ammetto che anche io ho qualche ombretto che non uso più perchè non mi piace o perchè fa male XD

  303. Per quanto riguarda il make up.. meglio pochi ma buoni anche perché uso sempre o quasi gli stessi colori e prodotti e quando trovo un prodotto che mi piace e che vale la pensa avere compro quello e raramente lo abbandono. (Soltanto i fondotinta cambio spesso perché ho la pelle mista e se ieri mi andava bene un fondotinta in polvere sta sicura che domani mi farà sembrare un cumulo di terriccio). Per i vestiti invece dipende: cambio idea molto velocemente quindi avere tanta roba anche di scarsa qualità non mi disturba perché anche se si rovina pazienza tanto di li a poco avrei cambiato gusto. Questa regola non vale però per quei capi che mi devono durare di più: giubbotti, cappotti, scarpe… in questo caso punto sulla qualità cercando qualcosa di bello e che duri!!

  304. Quant’è vero.. anche io mi rendo conto che comprando tante piccole cose alla fine spendo un pò 🙁 Cmq in generale cerco di stare nel giusto mezzo tra qualità e prezzo, cercando di risparmiare dov’è possibile.. Poi ovviamente se trovo qualcosa per cui vale davvero la pena spendere un tot, lo compro e cerco di risparmiare su qualcos’altro 🙂

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here