Ciao ragazze!

Colori, profumi, musiche, texture… per me andare da Sephora non vuol dire semplicemente “fare shopping”, ma rappresenta prima di tutto un’esperienza sensoriale, capace di rilassarmi ed emozionarmi ogni volta come se fosse la prima. Vi sembro matta? Aspettate di leggere il resto! 🙂

1538674_10151968755466051_1008089939_n

Prima di iniziare la mia esperienza su Youtube, ero semplicemente una ragazza appassionata di trucchi, come tante altre; se a Belluno ho timidamente mosso i primi passi nel mondo della cosmesi, a Milano ho scoperto un ambiente vivace e dinamico, rappresentato dalla sezione beauty della Rinascente e dalle numerose profumerie sparse in giro per la città. Quando mi sono trasferita a New York e ho visitato per la prima volta una Sephora americana… bè ragazze, TUTTO È CAMBIATO! Sephora negli Stati Uniti è il mio punto di riferimento per l’acquisto di trucchi perché vende tutte le marche, anche le più diverse: dal lusso di Ysl ai colori di Urban Decay, dalla natura di Tarte alla professionalità di Make Up For Ever, ogni desiderio cosmetico può venir esaudito.

Sephora

Rispetto all’Italia trovo che ci sia un assortimento molto più vasto, ma soprattutto c’è un’atmosfera diversa: da voi i trucchi si guardano quasi con reverenza e timore, sotto gli occhi attenti delle commesse, che appena fate qualche swatch sulla mano si avvicinano chiedendo se vi serve aiuto. Qua Sephora adotta una policy completamente diversa: i trucchi vanno guardati, testati, amati, ma soprattutto PROVATI, infatti ci sono ovunque delle postazioni con scovolini da mascara, applicatori per gloss, spatoline e sfumini da ombretti usa e getta, messi lì per consentire alle clienti di sfruttare in modo igienico i tester. Ragazze, vi giuro che ogni volta vedo donne che entrano senza un filo di trucco ed escono con un make-up completo, perché vanno in negozio a truccarsi con i tester! L’effetto d’insieme è di un luogo divertente, rilassato, in cui le commesse hanno look stravaganti e ti lasciano “giocare” per ore senza disturbarti.

VDA12 0530 sephora  07.JPG

Per me una grande sofferenza è andare da Sephora quando ho poco tempo o sono con Claudio che mi aspetta; in quei casi entro, prendo ciò che mi serve, pago ed esco, ma non sono mai veramente soddisfatta. Se sono da sola e ho un paio d’ore a disposizione, allora mi scateno! Avete presente nel libro La Fabbrica di Cioccolato le descrizioni delle meravigliose stanze piene di dolci in cui vengono condotti i bambini? Vi ricordate l’entusiasmo di Charlie, l’ingordigia di Augustus e la follia di Willy Wonka nell’avvicinarsi al cioccolato? Bè, quando entro da Sephora provo le stesse emozioni: gli ombretti sono sirene che mi ammaliano con i loro canti, i rossetti mi supplicano di essere adottati, i fondotinta mi promettono amore eterno, i mascara flirtano senza pudore con le mie ciglia e i blush saltano da soli nel cestino degli acquisti, senza che io possa fermarli! Il tutto avviene tra le nuvole inebrianti dei profumi allineati ordinatamente alle pareti, mentre poco più in là vedo con la coda dell’occhio gli stand della skincare e gli espositori di prodotti per capelli, offesi perché sono sempre gli ultimi ad essere considerati.

Sephora+Fifth+Avenue+Celebrates+Fashion+Night+gwswpJYQUQZl

Il mio rituale è molto semplice: entro in negozio e passo in rassegna tutte le marche, una per una, ordinatamente, alla ricerca delle ultime novità. Se non trovo niente di nuovo non mi faccio prendere dallo sconforto e mi concentro sui prodotti delle linee permanenti che non ho mai provato o notato: spesso in questo modo trovo delle vere chicche di cui altrimenti non mi sarei mai accorta (sul web si parla sempre solo delle ultime uscite, ma a volte i migliori sono i grandi classici). Nei cambi di stagione, quando tutte le case cosmetiche lanciano le loro collezioni, il gioco si fa duro e io perdo la testa: commossa da tanta bellezza, volo da uno stand all’altro cercando di capire su quali prodotti investire. In ogni caso non mi limito mai a guardare, ma inizio subito a testare: nel giro di pochi secondi ho le mani completamente sporche, piene di segni di matite e ombretti di cui voglio capire la durata e la pigmentazione. Rossetti, fondotinta, correttori, blush e mascara finiscono direttamente sulla faccia, con l’aiuto dei famosi applicatori usa e getta di cui vi parlavo. Il cestino si riempie sempre di più, così ogni volta mi trovo a dover fare delle cernite non da poco, riportando a malincuore i trucchi nelle loro casette (non piangete bambini miei, tornerò a prendervi un’altra volta!) Le mie scelte possono essere guidate da diversi criteri: a volte compro in base alla qualità del prodotto, per esempio se sto cercando un semplice ombretto nero che sia pigmentato e sfumabile non do importanza alla marca, ma guardo unicamente la performanza. Altre, invece, mi lascio abbindolare dalla bellezza dei packaging, soprattutto per le edizioni limitate, che acquisto per collezionarle. Altre volte ancora compro semplicemente i prodotti di cui si sta parlando di più sul web, così posso provarli e recensirli; infine cerco di acquistare trucchi che siano reperibili anche in Italia, per potervi aiutare nella scelta.

Ehm, forse nel caso delle tinte 4 in 1 mi sono fatta prendere un po' la mano ;)
Ehm, forse nel caso delle tinte 4 in 1 mi sono fatta prendere un po’ la mano ;)

Insomma ragazze, per me andare da Sephora rappresenta un momento magico, di estasi, un rituale in cui isolarmi nella mia bolla e lasciarmi prendere dall’entusiasmo; al contrario dello shopping generico, che mi piace fare in compagnia, per il make-up ho bisogno di calma e preferisco essere da sola, o al massimo con persone che condividano la mia passione e non mi prendano per pazza!

Spero che questo post vi sia piaciuto e che vi abbia divertito, ma soprattutto spero che non siate rimaste sconvolte hehe! Voi avete qualche rituale di questo tipo? In che negozi passereste le ore? Quando comprate trucchi come vi comportate? Andate dritte al bersaglio o vi lasciate tentare e distrarre dal resto?