Ciao ragazze!

Come vi avevo anticipato qualche settimana fa oggi parliamo della fondamentale fase dello struccaggio, e nello specifico degli errori che si commettono quando ci si toglie il trucco!

Barbie-struccata-con-acqua-micellare

Struccarsi, anzi STRUCCARSI BENE, come vi ho ripetuto circa un miliardo di volte, rappresenta un’abitudine fondamentale per la bellezza e la salute della nostra pelle: solo liberandola dal makeup le permettiamo di respirare e possiamo risparmiarci molti indesiderati inconvenienti.. vi dicono niente brufoli, pori come crateri, occhi gonfi, rughette!? So che a molte di voi (me compresa ogni tanto!) sembra uno step noioso, ma in realtà tutto può cambiare se si guardano le cose da una diversa prospettiva! Mi spiego: perchè l’applicazione di una maschera per il viso viene considerata un me-time, un piacevole momento che si dedica a se’ stesse e alla propria bellezza, mentre struccarsi è ritenuta una rottura di “bollinas”?! Chi l’ha deciso? In fondo il momento in cui si toglie il makeup è a tutti gli effetti un momento della nostra quotidianità che regaliamo a noi stesse e alla cura della nostra pelle… quindi perchè non sfruttarlo al meglio e godercelo, come se fosse una coccola giornaliera?

54473b6ef9d711e2942122000aaa0535_7

Amore della mamma l’ho già tolto il blush! 

Per sfruttare al massimo i benefici che derivano da una pelle bella pulita occorre innanzitutto calibrare la routine sulle esigenze della nostra epidermide e sulla quantità di trucco che usiamo, non sottovalutare o liquidare in quattro e quattr’otto questa fase, nonchè stare bene attente a non commettere alcuna delle 10 leggerezze che sto per elencarvi! Pronte? Cominciamo!

1) ESAURIRE LA FASE CON UN SOLO PASSAGGIO

Si bellezze mie, struccarsi bene e il metodo “toccata e fuga” non vanno molto d’accordo! Per me è inconcepibile, a maggior ragione se si usa molto trucco, passare solo un bifasico, oppure solo un olio struccante seppure efficacissimi! Bisogna integrare per realizzare una pulizia completa, in modo da sfruttare a pieno le funzioni dei vari tipi di prodotti…

collage

Ad esempio, se usate un bifasico poi una sciacquatina al viso, eventualmente con un detergente, la dovete comunque dare! Lo stesso se usate un olio struccante, quelli specifici per struccarsi o quello di cocco che io adoro: poi dovete sciacquarvi, ripulire il tutto, passare un panno struccante, eventualmente un dischetto con l’acqua micellare oppure un detergente… Fa eccezione, almeno per me, l’acqua micellare Bioderma perchè non solo toglie il trucco ma mi offre anche la giusta idratazione, al punto che non sento il bisogno di risciacquarla! Ho letto però di tanta gente che ha problemi se non la sciacqua, che si ritrova con dei brufoletti la mattina… insomma ogni pelle è un mondo a se’ stante, basta trovare la combinazione che fa al caso vostro! 🙂 Ricordate i miei video sulla routine per avere una pelle perfetta mattina e sera? Per le smemorate li linko: qui il più vecchio, risalente al 2012, e qui quello più recente, girato un anno fa! Nel primo video vi mostro come uso dapprima il mio adorato Makeup-Breakup Cool Cleansing Oil della Boscia, uno dei prodotti che ho comprato di più negli ultimi anni, poi sciacquo, passo un dischetto imbevuto con l’acqua micellare, poi un detergente, il panno in microfibra… tanti passaggi, lo so, ma solo così riuscivo a sentirmi veramente pulita! Nel secondo video, invece, vedete all’opera meno prodotti ma comunque ci sono più fasi: olio di cocco, panno struccante, cotton fioc con acqua micellare per i residui di matita.

2) USARE SALVIETTINE STRUCCANTI

So che molte di voi non saranno d’accordo, ma per me le salviettine struccanti non sono l’invenzione del secolo!

makeup-remover

Per carità, sono comode, pratiche, veloci, a prova di ciompa... ma tutto ciò ha un prezzo in termini di pulizia della pelle! Può capitare a tutti di usarle una volta ogni tanto, in casi estremi, e non è mia intenzione demonizzare l’uso saltuario, a patto che la mattina dopo si dedichi un po’ più di tempo alla detersione del viso visto che non possono offrire una pulizia abbastanza profonda! Ciò che invece consiglio di evitare è che questa scorciatoia diventi un’abitudine perchè è la nostra pelle a subire le conseguenze di un uso smodato delle salviette, a risentire degli ingredienti aggressivi, tra cui i tensioattivi che sciolgono il trucco e lo sporco! L’aggressività degli ingredienti nonchè l’aggressività dello sfregamento continuo durante il loro utilizzo, possono rendere la pelle ipersensibile e arrossarla: a me personalmente qualunque tipo di salviettina crea irritazione…normali o bio che siano il risultato è lo stesso!

3) STRUCCARSI CON IL CLARISONIC

Restiamo in tema di scorciatoie e parliamo del Clarisonic...

5d143404df3811e284c322000a1fbca9_7

Sapete che c’è chi pensa di poterlo usare come un mezzo per struccare la pelle senza aver tolto prima il grosso del makeup? Per carità, è un dispositivo per la pulizia della pelle… ma questo non significa che prima non si debba togliere il trucco con qualcos’altro! Pensate a quelle povere setole! Non lo trovo molto igienico!

Immagineclaris

Secondo me il Clarisonic è perfetto per completare e perfezionare la routine dello struccaggio, perchè è in grado di togliere gli ultimi, sopravvissuti residui di fondotinta ad esempio, e di rendere veramente profonda la pulizia, consentendo ai prodotti di skincare di penetrare meglio… ma non è adatto a togliere tutti gli strati di trucco che si accumulano sulla nostra faccia! Qui trovate la mia recensione del Clarisonic…e a breve, se volete, avevo in mente di fare un aggiornamento su questo genere di dispositivi ormai tanto in voga! Che ne dite, vi può interessare? 🙂

4) USARE PRODOTTI NON ADATTI AL NOSTRO TIPO DI PELLE

Questo errore riguarda la scelta dei prodotti da usare: infatti le esigenze di una pelle secca sono diverse da quelle di una pelle mista o grassa anche quando ci si strucca, non solo quando si parla di creme! Ad esempio non tutte le pelli reagiscono bene ai prodotti oleosi perchè rischiano di avere un effetto comedogeno, di occludere i pori: ho letto spesso, nei commenti, che molte di voi con l’utilizzo dell’olio di cocco hanno visto aumentare esponenzialmente i bubboni! 🙁 In questo caso è bene optare per prodotti più leggeri per la pelle, come ad esempio un’acqua micellare.

collagecocco

Prodotti comedogeni a parte, chi ha la pelle grassa deve stare attenta anche con i prodotti troppo sgrassanti perchè potrebbero generare il cosiddetto “effetto rebound”, l’effetto rimbalzo: ossia la pelle potrebbe autodifendersi dall’aggressività del detergente aumentando ulteriormente la produzione di sebo! Purificare è bene, ma la delicatezza, quando parliamo di pelle, è altrettanto importante!

collage

Quanto alla pelle secca, da evitare assolutamente i detergenti purificanti o aggressivi, formulati per problemi nettamente diversi: meglio optare per prodotti idratanti e delicati, rispettosi dell’equilibrio fisiologico dell’epidermide. Il mio consiglio è di fare sempre molta attenzione quando scegliete e nel dubbio optare per prodotti neutri e delicati piuttosto che per quelli con formule particolari che rischiano solo di crearvi problemi che già non avete!

5) DETERGERE TROPPO SPESSO LA FACCIA

Lo so, può sembrare assurdo, ma detergere troppo spesso la pelle del nostro viso non è la cosa più salutare del mondo! 

vso

Un conto è lavare il viso mattina e sera, in modo da rimuovere trucco, sporco, eccesso di sebo dalla superficie cutanea, cellule morte… altra cosa è lavarlo più spesso, in quanto si rischia di irritare la pelle con i detergenti, di alterare il ph, di peggiorare l’acne se già ce l’avete, di seccare l’epidermide ancora di più (sempre per via del malefico effetto rebound!). Tra l’altro ci sono pelli che addirittura mal tollerano la doppia detersione mattina e sera!

collage2

Ancora più incredibile, alcuni recenti studi affermano che anche lavarsi il viso solo con l’acqua non farebbe troppo bene alla pelle…! Motivo? L’acqua, che fa tanto bene se bevuta, col contatto seccherebbe la pelle già sensibile e disidratata! Ciò da un lato suona assurdo, perchè i suoi benefici vengono decantati da sempre…ma dall’altro mi incuriosisce tantissimo! Non vi nascondo che mi sta venendo la bizzarra e folle idea di tentare l’impresa di tenere l’acqua lontana dal viso per almeno una settimana, “lavandomi” con prodotti delicati tipo la soluzione micellare, e allo stesso tempo impegnandomi a berne almeno 3 litri al giorno, e vedere cosa succede…vi attira come esperimento o lo trovate fin troppo assurdo? Chi si offre volontaria per provarci insieme a me?

I prossimi 5 errori li trovate nella seconda parte del post!