Ciao ragazze!

Oggi non parleremo di fondotinta e rossetti, ma spero che apprezzerete comunque la bellissima storia di Mark Bustos: in un mondo in cui non guardiamo in faccia niente e nessuno esistono ancora persone che fanno della gentilezza e dell’altruismo la loro ragione di vita. Mark è una di queste: durante la settimana lavora come barbiere in un salone di bellezza molto trendy a New York, mentre la domenica, il suo unico giorno libero, regala tagli di capelli ai senzatetto.

Schermata 2014-11-22 alle 18.37.32

Non posso neanche immaginare cosa si deve provare a vivere per strada, senza una casa che ripari dalla pioggia, dal freddo e dal vento e senza un letto in cui sdraiarsi la sera; ancora peggio, però, devono essere gli sguardi di disprezzo della gente, le espressioni di disgusto per la sporcizia e gli odori, ma anche la sensazione di essere invisibili, trasparenti, indegni di una moneta, figuriamoci di un sorriso o di un saluto. Due anni fa il giovane barbiere Mark Bustos ha deciso di fare qualcosa per i senzatetto: ha iniziato a girare per New York ogni domenica, alla ricerca di persone bisognose di un bel taglio di capelli.

Schermata 2014-11-22 alle 18.36.11

Schermata 2014-11-22 alle 18.34.25

Schermata 2014-11-22 alle 18.35.12

Lo sappiamo, andare dal parrucchiere non è solo un modo per accorciare la chioma di qualche centimetro: ci fa sentire coccolate, belle e speciali, ci aiuta a trovare fiducia in noi stesse e ad affrontare il mondo a testa alta (sempre che il risultato non sia disastroso, allora lanciamo mentalmente ogni maledizione a chi ci ha trasformate in brutti barboncini). Pensate a come devono sentirsi un uomo o una donna abituati a dormire per strada in un sacco a pelo dopo aver ricevuto un taglio di capelli alla moda: non è solo questione di bellezza, entra in gioco un fattore ben più importante, cioè la dignità umana.

Schermata 2014-11-22 alle 18.39.10

 

Schermata 2014-11-22 alle 18.39.59

Schermata 2014-11-22 alle 18.39.36

Il progetto di Mark non nasce tra le trafficate vie di Manhattan, ma nelle Filippine, suo paese d’origine: durante una visita alla sua famiglia decise di affittare una sedia da un barbiere locale e di offrire tagli di capelli ai bambini bisognosi. L’esperienza lo colpì tantissimo, così penso a un modo per continuare a fare del bene anche tornato negli Stati Uniti; opera principalmente a New York, ma ha sistemato anche le teste dei senzatetto a Los Angeles, in Costa Rica e in Jamaica. Un’idea nata dal nulla e destinata a passare inosservata, finché non ha deciso di documentarla grazie all’amico fotografo Devin Masga, grazie al quale può aggiornare ogni settimana il suo profilo Instagram (trovate le informazioni alla fine del post). Alcuni esempi? Li trovate nella prossima pagina!

109 COMMENTI

  1. Fortuna che esistono ancora persone del genere.. Vale davvero la pena allora cercare di salvare il mondo!
    Non esistono solo arroganza, invidia, menefreghismo, violenza e chi più ne ha più ne metta.. Un punto in più al l’umanità che di questi tempi ne aveva persi parecchi.
    Bellissimo post Clio!
    Un piccolo gesto, un grande potere.
    Buona domenica!

  2. Trovo che l’iniziativa di questo ragazzo sia davvero grandiosa… Al mondo purtroppo credo ci siano davvero poche persone disposte a fare quello che sta facendo Mark, questo ci fa capire che allora c’è ancora un motivo per credere che non andremo a rotoli in questo mondo di gente invidiosa, arrogante e maleducata!

  3. Buondì a tutte! Devo dire che l’iniziativa di Mark sia molto bella perché, appunto, è un piccolo gesto che fa la differenza. Per fortuna ci sono ancora persone che credono nelle persone e nel l’umanità, hanno valori.

  4. Che storia ragazze, meno male che ci sono ragazzi come questo che aiutano 🙂 vi auguro a tutte una buona domenica, pensatemi voi a letto…io inizio un tirocinio tra un’ora e andrà avanti tutto il giorno help! Besooo

  5. Comunque si vede che anche tu clio sei una bellissima persona visto che ci hai tenuto a parlarne 🙂 beso

  6. Questa storia dovrebbe essere un esempio per tutti noi. Possiamo tutti dare un aiuto, e anche se è un aiutino piccolissimo va bene ugualmente

  7. Ciao a tutte, io avevo già sentito parlare di questa persona che taglia i capelli ai senza tetto ogni domenica è già mi aveva commossa , cmq Clio grazie di farci riflettere sei anche tu una persona speciale! ♡

  8. Queste cose fanno crollare tutte le certezze e per quanto tutte noi siamo sensibili a questo argomento, pensare che queste persone sono per strada senza nulla e noi ci lamentiamo per igni cavolata mi fa veramente sentire una cretina

  9. Questa storia è davvero bella e commovente… Sarebbe bello se ci fossero più persone come Mark in questo mondo, ma soprattutto sarebbe ancor meglio se non ci fossero senzatetto… Un pasto, un letto, un luogo dove lavarsi, un tetto sulla testa non dovrebbero mancare mai a nessuno.
    Buona domenica

  10. Io lo seguo già da un po’ su Instagram e lo trovo davvero grandioso nella sua semplicità!
    Non conoscevo bene i particolari, come il fatto che la sua ragazza lo accompagni e che offrano il pranzo “su misura”…è una cosa davvero bella!
    Grazie per avergli dedicato questo post…

  11. Mi sento in colpa. Io vivo di Essence, prevalentemente, eppure mi sento in colpa ugualmente.
    Questa gente non ha niente.
    Voglio sperare che l’iniziativa di Mark, cioè di documentare i fatti, serva a dare una svolta a queste vite.
    Perché è questo che serve: l’AZIONE. Ma non solo in un unico frappuccino per quella giornata.
    Per questo dovremmo sbatterci e rompere le scatole a chi di dovere, invece ci diamo molto da fare ad accumulare per noi stessi, come se dovessimo vivere 1000 vite, cercando di mettere una distanza enorme tra la nostra vita e quella di queste persone.
    Non è una critica in particolare – lo dico in generale – perché questo è l’animo umano, e mi ci metto in prima persona.

  12. non c’è che dire…se non un bel post per una bella Domenica.
    E visto che sta arrivando, che sia questo il senso del Natale? Ricordiamocelo prima di trasformare tutto in un’inutile frenesia.

  13. Anche noi possiamo fare qualcosa..quante volte facciamo finta di non vederli questi senzatetto? eppure basta chiedergli semplicemente : ehi, che ti va di mangiare oggi? E magari offrirgli qualcosa in rosticceria .. Ma siamo sempre così di corsa, sempre così impauriti .. Io per prima

  14. E’ bellissimo questo pezzo Clio, mi ha commosso davvero tanto. Penso sempre a queste persone e ai loro animali, nelle sere fredde e nelle sere in cui la pioggia fa da padrone. Dove vivo io non ci sono molti casi, è una piccola città… Ma io credo che quello che avviene tutti i giorni con gli extracomunitari sia simile a ciò che racconti tu.. Io vivo ad Agrigento, la città di passaggio in cui ogni giorno arrivano onde di marocchini, senegalesi, albanesi, rumeni.. e nessuno ne parla. Se ne parla solo quando ne muoiono tanti, ma nessuno sa quanti pasti vengono preparati e dati a queste persone, quanti vestiti vengono donati, quanti autobus sono messi a disposizione gratuitamente perchè non c’è più posto nemmeno per noi.. Nessuno ne parla, nessuno sa se non chi ci vive.. E la cosa più brutta è che c’è gente che ancora usa la parola RAZZISTA..

  15. Ok non sono ancora truccata quindi la lacrimuccia non ha rovinato nulla! Buona domenica a tutte/tutti!

  16. bel post ma cè tanta gente che si dedica ai meno fortunati e non posta su instagram xmnon diventare un fenomeno da media …comunque volete sapere una cosa ieri il mio ragazzo è andato a fare la spesa al supermercato, uscendo ha trovato una vecchietta che chiedeva l’elemosina lui si è fermato e le ha offerto della pasta e della frutta e lei li ha rifiutati dicendo che a casa ne aveva giâ tanta…no words!!

  17. Che storia meravigliosa, Clio…scalda proprio il cuore! È bello vedere quanto amore per il prossimo ci sia in alcune persone, anche per quelle che a prima vista possono sembrare ripugnanti solo perché dall’aspetto trasandato o maleodorante. E chissà che storia triste si cela dietro ognuno!
    Grazie per questo post.
    Buona domenica a tutte
    :-******

  18. wow, questo ragazzo ha davvero un cuore d’oro!! grazie clio per avercelo fatto conoscere 🙂 è un esempio per tutti.. forse quello che ci vuole dire è che ognuno di noi può fare un piccolo gesto e rendere migliore la vita di queste persone.. basta poco! 😉

  19. Bellissima storia…anzi bellissime storie! Dovremmo tutti prenderne esempio, me compresa. Nel nostro piccolo basterebbe solo un sorriso in più e un po di sacrosanta gentilezza…io lavoro a contatto con il pubblico e troppe volte ad un sorriso fa seguito il nulla….
    Questo ragazzo è un grande Uomo!!

  20. che storia meravigliosa! ci fa capire che c’è ancora speranza nel futuro. Grande Mark! continua così <3

  21. Che ti devo dire Clio è favoloso!! Qst sn le cose che ti aprono il cuore e ti regalano un sorriso. È una storia bella e dolce…e qst ragazzo beh…un grande così cm la sua fidanzata! Nella vita…c vuole cuore… io lo dico sempre…bisogna metterne un pezzetto in ogni cosa che si fa e che si vive… altrimenti non siamo niente!:)

  22. Molto carina questa iniziativa 😀

    Avevo visto un video molto bello un po’ di tempo fa che mi aveva fatto scendere una lacrimuccia eheh

    https://www.youtube.com/watch?v=4Lki_IeM6bQ&list=UUCsj3Uk-cuVQejdoX-Pc_Lg

    Per chi non capisce l’inglese: Rahat, un mago di strada, vede spesso questo senzatetto e allora si interessa. Decide di aiutarlo e si mette d’accordo con il proprietario di una tabaccheria. Compra un biglietto della lotteria e lo dà al senzatetto dicendo che è un biglietto vincente (anche se non lo è). Quando vanno in tabaccheria il complice dice che hanno vinto 1000$ e il senzatetto vuole dividerli ma Rahat gli dice che sono tutti suoi 😀 la reazione è davvero bellissima e genuina.

    C’è anche una continuazione…

    https://www.youtube.com/watch?v=lK1vPu6U2B0&list=UUCsj3Uk-cuVQejdoX-Pc_Lg

    Tantissimi hanno chiesto come potevano donare dei soldi a Eric (il senzatetto) e allora Rahat ha aperto un fondo online… In 17 giorni hanno raccolto 44000$. Gli affittano una casa per un anno, gli comprano mobili, vestiti, cibo e versano 21400$ nel suo conto in banca.
    Vanno a trovare Eric che gli dice che ha trovato un lavoro e allora Rahat gli chiede se vuole andare a cena per festeggiare. Sulla strada si fermano alla casa di Rahat che deve prendere il portafoglio, ma in realtà quella è la futura casa di Eric 😀 Anche qui inizialmente la reazione è fantastica, davvero fantastica.

    Chiudo con una piccola critica: questo video è fantastico, ma non sono gli utenti di Youtube a dover aiutare un senzatetto, ma dovrebbe essere lo Stato…

  23. Dovrebbero esserci più persone come quel ragazzo. Lui non è sicuramente uno di quelli che pensa “ma chi me la fa fare? nemmeno mi pagano!”. Quest’iniziativa mi sembra fantastica anche per fare esperienza per diventare bravi barbieri, no? 😀

  24. Grazie Clio per aver condiviso con noi tutto questo…
    Basterebbe davvero poco per migliorare la giornata di un senzatetto, ma siamo sempre cosi presi dalle nostre vite di corsa che spesso non li vediamo neanche…
    Mark e la sua fidanzata sono dei grandi!

  25. Ciao Ragazze, ciao Clio!
    Leggere questo post mi ha suscitato due emozioni contrastanti. Da un lato mi ha fatto sentire in colpa, dall’altro mi ha dato una bella iniezione di ottimismo!
    In colpa perchè chissà quante volte ci è capitato di incrociare gli sguardi di persone bisognose, persone che non hanno NIENTE, persone che hanno perso TUTTO, che patiscono la fame e il freddo,e che oltre ad una piatto caldo e a un tetto sopra la testa avrebbero bisogno di un gesto d’AFFETTO, un SORRISO, uno SGUARDO che non sia di pietà, ma di COMPASSIONE e RISPETTO. E, invece, presi dai nostri problemi, dalla nostra quotidianità e , diciamo, da noi stessi, non li vediamo, o se li vediamo, siamo troppo indaffarati per fermarci. Ecco cosa mi ha insegnato Mark! Nessuno è mai troppo indaffarato per aiutare gli altri. Basterebbe che ciascuno di noi facesse anche solo una piccola, buona azione al giorno, che presa una per una ,singolarmente, è come una goccia nell’oceano, ma quelle azioni, tutte insieme fanno la differenza! E’ qui che subentra la sensazione di ottimismo. Sapere che ci sono persone come Mark in questo mondo, scalda il cuore! Persone generose, che danno senza avere nulla in cambio, sono una rarità. Ma ci sono! Mark esiste! E’ una persona reale, vera, uguale a noi,uguale a me o forse no! Sicuramente è diversa da me, perchè probabilmente, mentre io sono qui a scrivere il mio commento al calduccio , lui è in giro per New York, al feddo, a dare una mano.

  26. Che storia stupenda…
    Dovremmo tutti quanti prendere esempio, e fare anche solo dei piccoli gesti verso le persone meno fortunate di noi…

  27. Che tenerezza inaudita *-* il mio viso ora è in versione Alice Cooper ma è bello piangere per delle cose così belle.

  28. Un’iniziativa lodevole!!! Ha fatto una cosa bellissima!!! Magari molti di loro vorrebbero trovare lavoro, fare colloqui ma come puoi presentarti così? Tagliare i capelli, sistemarsi credo che sia una cosa meravigliosa, sentirsi belli, a posto, magari pronti x affrontare un colloquio, un’operazione o anche solo poter stare a testa alta tra la gente… Ridá dignità e speranza in un mondo migliore! Bravo Mark!!!

  29. Grazie Clio per questa storia bellissima!
    Senza di te non ne saremmo venute a conoscenza! Chissà che prima o poi non passi anche sui nostri telegiornali come una delle rare notizie di cronaca bianca!!
    🙂

  30. Che meraviglia questa storia e queste foto! Meno male che ci sono ancora persone così al mondo 🙂 io penso di aver visto il ragazzo con il pitbull: una volta, in giro per New York, mi ricordo che pioveva. Vedo questo ragazzo, seduto su un cartone, che riparava il suo cane sotto l’ombrello e lui invece si prendeva l’acqua. Mi si è stretto il cuore e gli ho allungato qualche soldo, un sorriso a lui e una carezza al cane. Che tristezza però saperlo ancora in giro per strada dopo anni 🙁

  31. Sono cose che mi fanno pensare molto. Perché nessuno merita di stare così. E capisco in queste storie quanto io sia fortunata nel mio piccolo.

  32. È davvero emozionante vedere come dei gesti che per noi sono piccoli, possano significare tanto per gli altri e riescano a tirar fuori dei sorrisi meravigliosi da gente che vive nella tristezza e nella solitudine; dovremmo imparare tutti ad applicare di più questo senso di umanità anche solo con un sorriso che sembra poco, ma spesso può cambiare la giornata di una persona che lo riceve… Io nel mio piccolo, intorno al periodo natalizio quando i senzatetto già soli si sentono ancora PIÙ soli, cerco di regalargli qualcosa, una scatola di biscotti, una cioccolata calda , una pasta e dei semplici “Auguri di buon natale” ed è davvero emozionante vedere i loro volti illuminrsi dalla sopresa e dalla gioia..

  33. Una storia bella, che rafforza la mia idea che a volte sono i piccoli gesti quotidiani che fanno la differenza nella vita delle persone, e che non bisogna mai smettere di credere e di impegnarsi perché non c’è bisogno di aiutare tutti ma aiutare sempre quando possiamo. A volte una gentilezza, un gesto, un sorriso, sono piccoli gesti che non costano nulla ma ridanno speranza e possono cambiare in meglio una giornata ( non solo la nostra).

  34. Mi ha colpito molto questa testimonianza di amore e civiltà. Grazie per aver condiviso con noi l’esperienza di questo ragazzo dal cuore d’oro. credo che sia di grande esempio, grande Mark!

  35. che meraviglia, se ognuno di noi tutti giorni fosse capace di gesti così generosi il mondo sarebbe un posto molto diverso.

  36. Mamma mia sono profondamente colpita dalla storia che ci hai raccontato Clio…grazie mille per aver condiviso questa storia….

  37. Davvero emozionante, anzi, commovente. Sappiamo che la dignità delle persone viene spesso valutata dall’aspetto. Chissà per quale motivo. In ogni caso, tutti ci sentiamo meglio quando siamo curati 🙂 Grazie dell’esperienza!

    Allontanamento piccioni

  38. avevo già letto questa storia, ma mi colpisce sempre, perchè mi fa capire quanto poco ci vorrebbe a fare del bene, e mi fa sentire ancora più inadeguata (ma va bene, chissà che il senso di colpa non riesca a scalfire la montagna di egoismo dietro cui mi nascondo!)

  39. Io avevo sentito parlare di lui al tg e anche di dei ragazzi che con un furgoncino vanno in giro per New York e hanno una vera e propria lavanderia all interno e lavano gli abiti dei senzatetto.
    Le uniche parole che si possono dire in questo momento è che di persone come loro ce ne sono poche, troppo poche! Ammiro quello che fanno e non posso far altro che sentirmi inutile difronte a tali gesti.

  40. Mi sono commossa nel leggere l’articolo.. questa coppietta di giovani è fantastica!
    Ciò che ti lascia il volontariato o un gesto verso una persona senza pretesa è qualcosa di prezioso e nessun valore economico potrebbe eguagliarlo..
    Sono contenta che tu abbia scritto questi post, grazie Clio!
    Buona domenica

  41. È bello quello che fanno,ed è a cose come queste quando penso al detto “La bellezza salverà il mondo”,con cui mi trovo d’accordo. Non si parla di bellezza esteriore,ma di gesti belli,anime belle,storie belle,persone belle dentro! Più cose belle a questo livello salveranno il mondo? Non lo so,ma dovremmo provare, ogni giorno,ogni volta che è possibile.

  42. è una bellissima iniziativa, bisognerebbe fare di più per aiutare queste persone che per qualche disastro economico o familiare si sono ritrovate in mezzo ad una strada, soprattutto in america servirebbero forse più fondi per centri di accoglienza e mense per i poveri, dato il quantitativo spropositato di senzatetto che ci sono.
    anche se è poco, l’iniziativa di questo ragazzo è un piccolo passo avanti per dare a queste persone un po’ di dignità e serenità almeno per un giorno.

  43. questo sì che un post degno di te, Clio! Mi sono commossa veramente. Mi apre il cuore sapere che ancor oggi esiste gente come Mark

  44. Hai ragione Tiziana! Sei molto saggia.
    Secondo me hai espresso al meglio ciò che tutte noi abbiamo pensato leggendo questo post.
    Buona domenica, cara! :-***

  45. È vero…che tristezza pensare anche che c’è qualcuno che si ritrova in mezzo ad una strada quasi di colpo, magari dopo aver vissuto una vita normale come tutti.
    Sfortuna, un investimento sbagliato…
    Buona domenica a te, cara :-******

  46. Non sei l’unica, Cippa! A volte anch’io, x la fretta o x paura, soprattutto quando passeggio coi miei bambini…

  47. proprio stamattina sono passata davanti al municipio e c’era il solito “ragazzo” che ormai vive li davanti sotto il portico..aveva anche l’articolo di giornale che parla di lui e che sottolinea come siano 4 anni che vive li davanti..ed è vero ricordo la prima volta che l’ho notato..però poi molte altre volte non lo vedo..secondo me quello il problema molto spesso passiamo davanti a queste persone tutti i giorni e nemmeno ce ne accorgiamo..
    ma alcuni li riconosco: c’e il ragazzo che si veste da panda anche in piena estate e ad Agosto dello scorso anno gli ho offerto una bottiglia d’acqua perché era li seduto cercando l’ombra con addosso il suo costume di pelliccia e 40 gradi all’ombra..da allora mi saluta sempre e cerco sempre di lasciargli qualcosina..poi c’e l’uomo che si veste da Charlot e quello tutto colorato d’oro..loro 3 credo che stazionino nel centro della mia città da 5-6 anni, tutti i giorni con tutti i climi..a volte li vedo chiacchierare seduti insieme..
    poi c’e il suonatore di oboe..lui mi fa tenerezza perché poverino non è nemmeno tanto bravo..
    da poco più di un anno staziona vicino a casa mia un ragazzo di colore che suona la chitarra e canta continuamente no woman no cry..
    mentre non è tanto tempo che una sera tornando a casa mi sono accorta che in un portico non lontano da casa mia dorme un senzatetto..la mattina se ne va via presto per cui l’ho sempre solo visto di notte quando stava già dormendo
    mi rendo conto però che molto spesso davvero nemmeno li notiamo magari non per cattiveria ma perché presi dai nostri problemi..a me piacerebbe poter fare di più quando ci penso, ma poi ammetto che me ne dimentico..sicuramente Mark è uno di quelle persone che invece di chiacchierare tanto fa qualcosa, magari poco ma qualcosa lo fa..e per fortuna, davvero per fortuna, che esistono persone come lui

  48. Mi sono commossa.
    Mi dispiace così tanto per queste persone… e stimo tanto tanto Mark e la sua ragazza. Il mondo dovrebbe essere pieno di persone così,almeno smetterebbe di andare a rotoli!
    Io nel mio piccolo cerco di fare sempre qualcosa… lascio qualche spicciolo di solito.
    E quando lo faccio mi sento più a posto con me stessa!
    Penso che quando me la passerò meglio anche io,quando avrò magari un lavoro stabile,magari passerò a qualche euro piuttosto che qualche spiccio.
    Non servirà a cambiare le cose,però,come si dice? Si inizia dalle piccole cose no?
    E se ognuno di noi fa quelle piccole cose,pian piano…

  49. Bellissimo post, come hai detto tu Clio è la dimostrazione che non serve avere grandi disponibilità o fare cose palteali per fare del bene! Questo post addirittura non mette neanche in ballo i soldi, infatti questa persona ha offerto semplicemente ciò che sa fare, tagliare i capelli, e ha reso comunque migliore la giornata di molte persone sfortunate.
    Ogni giorno sui social vedo tante persone che letteralmente mi fanno perdere fiducia nell’umanità, vedo tanto razzismo, omofobia, egoismo e odio in generale verso il prossimo; storie come questa invece mi fanno tornare l’ottimismo nel genere umano 🙂

  50. mark ha un grande coraggio ed un grande cuore..perché al giorno d oggi ci vuole coraggio anche a far del bene!!

  51. queste cose ti fanno capire quanto il mondo sia ingiusto; c’è gente che dorme fuori da un negozio perchè deve essere il primo a comprare l’iphone 6 e c’è gente costretta a dormire tutte le sere fuori perchè non ha un tetto sotto cui stare.

  52. Ammirazione e rispetto per questo ragazzo che aiuta e dona dignità a chi è convinto di non averne o di non meritarsela…un Eroe moderno :’)

  53. In Svizzera stanno attivando un servizio tramite il quale offrono alle donne disoccupate una giornata con make up artist e personal shopper, per prepararle al colloquio di lavoro e sfruttando l’occasione per lavorare insieme all’assistente sociale sulla stima delle persone disoccupate da tempo. Io col trucco e lo shopping son negata, ma magari qualcuna di voi si potrebbe sentire ispirata… =)

  54. una gran bella cosa.. il volontariato in ogni sua forma è una bella cosa per se stessi e per gli altri.. ti rendi disponibile come puoi e a volte basta davvero poco!

  55. È un grande!!!!se ognuno di noi mettesse a disposizione il suo lavoro sacrificando il giorno libero molte cose potrebbero andare meglio!

  56. Questo post ci fa ancora di più riflettere…quanto siamo fortunati ad avere un tetto sopra la testa,cibo,una famiglia che ci vuole bene,ci insegna ad apprezzare le piccole cose che per gli altri sono delle grandi cose…mi ricordo un po di tempo fa quando ero andata a mangiare da un ristorante cinese accanto al mio tavolo c’era un gruppo di ragazzi giovani che avevano ordinato un po di più da mangiare e ad un certo punto uno di loro ha detto che non c’è l’ha fa più a mangiare e subito un’altro ha detto ma chi se ne frega(in realtà ha usato altre parole ma non posso scriverle qui) tanto costa poco…io provengo da una famiglia in cui ho avuto tante mancanze pero oggi sono contenta che e stato cosi perche quello che ho vissuto da bambina mi ha fatto crescere e diventare le persona che sono adesso,più forte ed ho imparato ad accavarmela nelle situazioni difficili…scusate ragazze se vi ho annoiate,era uno sfogo personale,purtroppo nella società in cui viviamo nessuno fa niente per niente però sono sicura che insieme possiamo cambiare il mondo in cui viviamo…

  57. Anche a me è capitato! Una bambina mi chiedeva dei soldi e le ho detto prenditi tutto il cibo che vuoi te lo pago io! Mi ha detto no… Sicuramente li doveva portare a qualcuno!

  58. Impariamo ad apprezzare sia la nostra condizione, sia l’evoluzione, le lotte e l’impegno che ci sono stati dietro le nostre conquiste!

  59. Una grande tristezza, tutte le volte che leggo di queste storie mi rimane un vuoto dentro, perché non si sa mai se si fa abbastanza per gli altri… D’altro canto però sono orgogliosa di essere una di quelle persone che si sa accontentare e apprezza ciò che ha, conosco davvero tante ragazze che hanno una fortuna che voi non immaginate, e li sentite lamentarsi dal mattino alla sera, ecco queste persone sì che mi fanno tristezza, perché sputano davvero in faccia alla gente che soffre veramente! Nel mio piccolo cerco sempre di lasciare qualcosa, sperando sempre di aver fatto del bene.

  60. Ciao Ale!:) Troppo carina! Saggia? Io? Noo, ho ancora tanto, tantissimo da imparare!!:)
    Però ti ringrazio per le belle parole!:)
    Ti auguro una buona serata! Un abbraccio!:******

  61. Ciao Clio, è molto bello che almeno ci sei tu a parlare di queste cose in mezzo ad una marea di notizie spesso molto inutili (anche a me piace truccarmi ed sentirmi bella e a posto, ma non è possibile spendere più di dieci minuti al giorno a pensare a cose del genere secondo me). Anche a Roma c’è un barbiere che offre questo aiuto ai senza tetto: lui lo fa tutti i giorni, l’ho visto questa estate, mette una sediolina alla fine della stazione Termini, su via Marsala, e vanno da lui tutti quelli che dormono su dei materassi proprio sul marciapiede di fronte.
    Leggendo cosa hanno detto questi senza tetto, sono perfettamente d’accordo sul fatto che noi, che viviamo in una casa e non abbiamo problemi di pulizia e di cibo quotidiano, non capiamo che grazia che abbiamo avuto, senza alcun nostro merito, e che forse, siamo in questa situazione, proprio per aiutare la gente che invece, per disgrazia e senza nessuna colpa, si trova a vivere in condizioni non tollerabili. Ed è vero che bastano poche cose, un poco ciascuno: spesso noto che se qualcuno dà l’elemosina ad un senza tetto, molti lo imitano. Di certo non basta dare qualche monetina, anche se può aiutare tantissimo per mangiare almeno qualcosa durante la giornata, perché immaginatevi che anche io e voi fossimo in mezzo ad una strada e dipendessimo esclusivamente dalla bontà e dalla preoccupazione di estranei. E orribile parlare e sentire che c’è gente che ha più pietà di una bestia, per cui vivere in mezzo ad una campagna o per strada non è un problema, gli animali sono fatti per vivere nel loro ambiente naturale, piuttosto che di un essere umano, un suo simile. Allora spero che con questo post, ciascuno di noi provi a fermarsi almeno una volta al giorno davanti ad una persona che vive per strada, fargli un sorriso, chiedergli se vuole qualcosa da mangiare, dargli quel che si può. E poi naturalmente aiutare anche tutti quelli che sono in reale necessità e ci sono sempre accanto.

  62. Non ci sono parole per descrivere il gesto di questo ragazzo, tanto semplice eppure così importante…. Dovrebbero esserci molti più mark…. Ma mi rendo conto che non e’ sempre facile, anzi…

  63. Questo piccolo gesto mi ha fatto riflettere e mi ha commosso. E’ vero i barboni sono trattati come dei lebbrosi e anch’io purtroppo per la fretta o per il malumore a volte non li guardo neanche. Però ho deciso che, visto che una persona può fare così tanto con un gesto gentile eppure semplice, io posso sforzarmi e almeno dargli qualche monetina o almeno guardarli in faccia come si fa con le persone normali, infondo questo mi sembra la cosa che più desiderano. Dignità.

  64. È una gran bella persona ed è ammirevole tutto quello che fa per regalare un po’ di lule nella vita buia di queste persone! Grazie per avercene parlato Clio, è stato molto emozionante leggere questo post! :-*

  65. Qualcosa mi dice che sei d’accordo con quello che ho scritto……:-D
    Buon lunedì sorellina, ti abbraccio e ti mando TANTISSIMI
    :************************************************

  66. CLIO TROPPA PUBBLICITA’!!!!!!!!!!!!!!! Capisco che x te è un metodo di guadagno però a scapito di noi lettrici!! Il blog così perde freschezza ed è davvero fastidioso ogni volta che si accede vedere finestre che si aprono all’improvviso e video che partono senza il nostro consenso (tra l’altro di marchi che non c’entrano nulla con gli argomenti che tratti). Ti seguo dall’inizio e adoro il blog però questo “bombardamento” di ads fa davvero passare la voglia di aprirlo e credo di non essere l’unica a pensarla così. Spero tu possa accogliere la mia critica serenamente, un bacio grande! 😉

  67. Ammirevole anche solo il fatto che Mark abbia voluto non soffermarsi solo alle apparenze, gli ha ascoltati (facendoli sentire così importanti) ed aiutati fornendoli un bene primario, il cibo, che per molti sembra scontato. Basta una parola, un piccolo gesto, per rallegrare la giornata di queste persone. BASTA COSì POCO.

  68. Ciao Clio, ma ci hai parlato personalmente?
    Queste iniziative sono soltanto da lodare, al giorno d’oggi siamo così impegnati a farci gli affari nostri che non ci accorgiamo di come siano le cose attorno a noi.

    Anche in Italia siamo al collasso, questa crisi è arrivata davvero a un punto di non ritorno, e anche se ho 24 anni e dovrei avere fiducia nella vita e nel futuro, purtroppo non mi sento così, e più mi guardo intorno, più vedo persone, anche a me molto vicine, che da un giorno all’altro si ritrovano senza lavoro…avere una famiglia che ti supporta in questi casi è fondamentale, perchè altrimenti non c’è via d’uscita, conosco un uomo che, dopo aver perso il lavoro, la moglie l’ha lasciato, e da anni dorme per la strada…e non è l’ unico.

  69. complimenti e grazie clio , si parla sempre del negativo….che ci circonda …ma esiste anche chi come Mark sa’ donare …

  70. Una storia così fa tornare la fiducia nel genere umano, e soprattutto venire voglia di fare anche io la differenza per qualcuno… mi lamento tanto e agisco poco. Grazie Clio, in questa giornata un po’ grigia leggere questo post mi ha dato una scossa!

  71. e non vuole nulla in cambio? la domenica taglia capelli ai senzatetto quando potrebbe fare altro? mah.
    bisogna vedere se e’ vero o se sono finti senzatetto e lui ha bisogno di pubblicita’!

  72. Una storia davvero commovente!!! Mi ha fatto commuovere molto! Sono dei ragazzi molto straordinari!!! Che umiltà!!

  73. Ma non può semplicemente fare della beneficenza? Esistono i volontari e lui lo fa a modo suo e con i suoi mezzi!
    Se anche queste piccole scintille di gentilezza e umanità vengono distrutte da persone che come te vedono solo nero, non so dove andremo a finire!

  74. Persona stupenda, dal cuore d’oro! Mi sono commossa nel leggere questo post! Ci vorrebbero più persone così: complimenti a Mark, da prende come esempio! ❤️

LASCIA UNA RISPOSTA