Ciao ragazze!

Vi ricordate il post di qualche settimana fa sui makeover più spettacolari nel cinema? Visto che vi era piaciuto così tanto ho pensato di proporvene un altro con dei makeover altrettanto stupefacenti… ma stavolta al contrario! Avete presente infatti tutti quei film in cui bellissime attrici sono state  letteralmente trasformate… ma in peggio? Donne bellissime che per interpretare alcuni ruoli sono state imbruttite fino a diventare quasi irriconoscibili! Ma quali sono stati gli espedienti usati per renderle più brutte? Vediamoli insieme e cerchiamo, naturalmente, di non ripeterli nel nostro makeup! 😉

Schermata 2014-12-17 alle 13.25.10
ehehe, anche ‘la più bella del reame’ Grimilde, in Biancaneve, diventa una strega bruttissima! :D

Ho pensato di proporvi questo post, non solo per farvi vedere l’abissale differenza tra il prima e il dopo delle attrici nei diversi film e per vedere con voi quali ‘trucchi’ sono stati usati per farle apparire in questo modo, ma anche per vedere quali sono le caratteristiche e i passaggi da evitare nella nostra routine quotidiana quando ci trucchiamo o ci prendiamo cura del nostro viso o dei capelli.
Insomma, truccatori e parrucchieri hanno pensato che determinati trucchi e dettagli fossero adatti a personaggi di questo tipo e potessero rappresentarli ‘al meglio’ in tutta la loro ‘bruttezza’, ‘goffaggine’ o, in alcuni casi, ‘negatività’… quindi analizziamoli attentamente e cerchiamo di non ripeterli! 😉

Charlize Theron in Monster, nel ruolo della pluri-omicida Aileen Wuornos:

da così....
da così….
monster10
… a così!

monster

Schermata 2014-12-17 alle 11.47.03
Con questo ruolo Charlene vinse anche l’Oscar come miglior attrice nel 2004 e in effetti la sua interpretazione era stata straordinaria… anche dal punto di vista del makeup! Per interpretare questa donna condannata a morte per aver commesso ben 9 omicidi, Charlize ha cambiato radicalmente il suo viso rendendolo più brutto.
I capelli unti e spettinati, occhiaie accentuate, denti (finti) ingialliti e più sporgenti, sopracciglia inesistenti.

Ma non solo, anche molte discromie sulla pelle per lo più macchie e rossori che la rendono anche più invecchiata, più delle rughe. Le macchie della pelle sono infatti, se possibile, segni ancora più evidenti di un viso invecchiato.

eccola al trucco!
eccola al trucco! l truccatore del film aveva dichiarato di aver riprodotto capillari, macchie solari, lentiggini e in generale una pelle danneggiata, che rispecchiasse la vita squilibrata di Aileen, con pittura a mano e aerografo.

Per evitare di apparire più vecchie e di avere una pelle più brutta dobbiamo fare attenzione a prendercene cura (proteggendolo ad esempio nel modo giusto dal sole in estate), idratandolo correttamente e usando i prodotti giusti per uniformare l’incarnato e schiarire eventuali discromie. Stesso discorso per i denti, argomento forse più banale, ma neanche tanto!

Come Charlize Theron, anche un’altra attrice ha subito una trasformazione in negativo niente male… e qui i denti erano davvero una delle cose più evidenti!

Emma Thompson in Tata Matilda-Nanny McPhee, del 2005

da così...
da così…
18951637_fa1_vf
…a così!

Tata Matilda è una governante-strega (però buona!) che riuscirà nell’ardua impresa di governare una famiglia con sette bambini terribili.

mcphee-2
Schermata 2014-12-17 alle 12.21.12

Anche qui la pelle è invecchiata e arrossata, le sopracciglia sono trascurate e i denti sono storti, spezzati e ingialliti!
Prendersi cura dei propri denti è una cosa semplice a cui tutte noi dobbiamo fare attenzione per non avere problemi nel tempo. Andare regolarmente dal dentista, lavarli correttamente ed evitare tutte quelle sostanze e le cattive abitudini che possono ingiallirli (il fumo in primis) sono alcune delle cose da fare per preservare il nostro sorriso nel tempo. Anche correggere eventuali problemi di posizione può essere importante per evitare che la bocca cambi forma e espressione, modificando così tutto il nostro viso (in peggio!).

Ma non è finita qui! Guardate nella seconda pagina altri esempi di makeover al contrario… da non imitare! 😀