Ciao ragazze!

Sapete che mi piace raccontarvi le storie che si leggono ogni tanto online di persone che con il beauty riescono a fare cose davvero tenere e importanti. Su questa linea d’onda, vi racconto di Greg, il papà che, lasciato dalla moglie, si attrezza per riuscire ad acconciare i capelli alla sua bimba di tre anni, in modo che abbia le stesse cure di tutti i bambini con alle spalle anche una donna (normalmente in grado di pettinare i capelli di propria figlia). E lo fa nel modo più professionale possibile! Scopritelo nel post!

102305955-e45ae94a-ac7a-44c2-a4e4-c998789af61d

Vi è mai capitato che il vostro ragazzo/marito/fidanzato/figlio/amico di fronte a un “lavoro da donna” (stirare, pulire, cucinare, mettere in ordine, cambiare il pannolino ecc ecc) si rifiutasse di farlo perché “non lo sa fare”? Per quanto faccia arrabbiare normalmente è vero. Perché nonostante tutte le emancipazioni possibili, sono cose che, alla fine, facciamo sempre noi donne (magari non tutte: ma almeno una di queste…).

Man in sock garters ironing

Normalmente la risposta di noi cenerentole esasperate è …“beh, puoi sempre imparare!”. Greg, per necessità di cose, ma anche per una forza di volontà notevole e tanto amore per la sua piccola Izzie, ha proprio detto a se stesso: “se non lo so fare, imparerò!”.


greys_cliomakeup_papàNell’ultima serie di Grey’s Anatomy (non entro nei dettagli per evitare spoiler), Derek sta impazzendo nel tentativo di riuscire a fare una treccia alla figlioletta adottata dall’Africa: eheheh, almeno Izzie ha i capelli lisci 😉

Ma partiamo dall’inizio: Greg è un uomo del Colorado, sposato e con una bella bambina di due anni. Sappiamo che la vita ci riserva delle sorprese, non sempre belle, e a un certo punto si ritrova separato dalla moglie e con l’affidamento di Izzie. Evidentemente il papà lo sapeva già fare molto bene, ma una cosa proprio per lui era un grande mistero: il mondo (femminilissimo) del beauty.

Greg-Wickherst-Learns-to-Do-Hair-19-685x685Qui li vediamo ad Halloween vestiti entrambi a tema Star Wars: evidentemente Greg qui aveva ancora poca dimestichezza con i capelli…e ha trovato comunque un modo per aggirare il problema ehehehe !! 🙂

La piccola Izzie a dei lunghi capelli biondi lisci. Greg, invece, sono anni che si rade completamente la testa. All’Huffinton Post, quando è stato intervistato per raccontare la tua tenera storia, ha detto che i capelli erano proprio qualcosa che (letteralmente) non gli appartenevano. Ma tuttavia non poteva certo mandare a scuola la sua bambina tutta pulita e curata e poi con i nidi in testa per non averle mai pettinato i capelli, non vi pare?

Cosmo-Greg-1

Allora Greg decide di imparare e si iscrive in una beauty school. Esatto: proprio in una scuola professionale!!!

1 (1)

E a quel punto inizia a condividere su facebook i suoi progressi (un po’ come io ho fatto con il makeup su YouTube quando sono arrivata a New York, eheheh)(lacrimuccia 😉 ), prima la pettina, poi inizia con la coda di cavallo, magari fatta su in una bel nastro, poi le trecce, le mezze code, le acconciature olandesi… insomma diventa un vero esperto!!!

1

dad-does-daughter-ponytail-cosmetology-school-greg-wickherst-8

HT_greg_wickherst_izzy_5_jt_150203_4x3_992

Io e tantissimi sul web lo hanno trovato un gesto di grande tenerezza: in più penso meriti un grande applauso la sua determinazione di potercela (e volercela) fare da solo senza far mancare nulla alla sua bimba, compresa quella “frivolezza” che possono essere i capelli ben acconciati. Noi, infatti, sappiamo benissimo che anche (e soprattutto?) da piccoli può contare molto sentirsi come gli altri, quando ci si ritrova ad essere “diversi” (come essere “la bimba che vive solo con il papà”… ma basta molto meno).

I successi di Greg e la fine della storia nella prossima pagina!

514 COMMENTI

  1. L’aspirapolvere per fare la coda alla bambina???? L?ASPIRAPOLVERE???
    Ma comincia a scappà che te corco de mazzate!

  2. Comunque se mai avrò prole, mi sa che salto lo step trecce…passo direttamente ad insegnare lo smoky eyes! 🙂

  3. Che dolce Greg! Bravissimo…. 🙂 mi è scesa una lacrimuccia mentre leggevo e vedevo le foto delle acconciature.

  4. Trovo molto dolce il suo gesto,però stento a credere che fosse l’unico uomo iscritto alla beauty school e che possa aver provato vergogna…

  5. Greg vacci piano con trecce e treccine, mia mamma era una patita, non mi lasciava mai i capelli sciolti e ho passato anni ad avere mal di testa pazzeschi e giunta in età adulta mi è venuta l’allergia per qualsiasi raccolto a parte il mollettone da befana.
    Sui padri soli… Quando mia mamma è stata quei 3-4 giorni in ospedale quando è nata mia sorella, mio padre mi portava in bagno, usciva, tornava 15 minuti dopo e da fuori “Hai finito? ” altro che spazzole e fermagli XD

  6. Anche nelle piccole cose si vede la grandezza di una persona per il semplice fatto che non è il gesto in se ma per quello che rappresenta ovvero l’amore e la cura verso la figlia

  7. Il suo gesto è stato molto carino, anche se non so quanto possa importare a una bambina di 3 anni di avere mille acconciature elaborate in testa, che comunque giocando correndo e saltando si disferanno…. Comunque Clio non sono per niente d’accordo con l’inizio del post: mio moroso cucina, lava, stira, pulisce, cambia pannolini a sua nipote, sa far tutto anche meglio di me, ed è ora che la smettiamo di considerare queste cose “lavori da donna”, soprattutto noi donne per prime! Dovrebbe essere una cosa scontata e naturale che entrambi i membri di una coppia facciano gli stessi lavori di casa, è una concezione che dovrebbe essere ormai assodata, non capisco quelle donne che si sobbarcano loro tutto il lavoro domestico, magari lavorando le stesse ore degli uomini e in più stando dietro ai figli! Ora che le donne lavorano le stesse ore degli uomini, anche in casa si devono dividere i lavori, e chi, come donna, accetta il contrario, si dà la zappa sui piedi da sola!
    Scusate il poema…. 🙂

  8. Questo mi fa pensare con infinita tenerezza a quando ero piccola io e il mio papà tutte le mattine si occupava di me, dovendosi cimentare con i miei lunghi capelli… In effetti quello era l’unico momento critico di tutta la routine sveglia, colazione, lava/ vesti, prepara il pranzo da portare a scuola, soprattutto per districarli (quando era la volta dello shampoo non ne parliamo)! Ricordo le volte in cui andavo all’asilo come i codini tutti storti o con la coda talmente tirata da avere gli occhi come una cinesina!!! :-))

  9. Guarda anche il mio ragazzo fa tutto e meglio di me (tranne stirare, non stira mai) e pure mio padre è bravissimo a fare tutto; ma guardati in giro, la maggior parte degli uomini si sente a disagio a fare le cose di casa (soprattutto le generazioni più avanti con l’età). Io ho vissuto in 4 paesi diversi (tra cui l’Austria e la Germania- dove a detta di tutti le donne sono più emancipate) eppure ogni volta che c’era una cena a casa di qualcuno erano sempre le donne a girare intorno al tavolo, sparecchiare, lavare, ecc. Mentre il padrone di casa era già con il bicchiere in mano, o seduto a mangiare.

  10. Mio padre di me non sapeva proprio nulla. Quelle rare volte che mamma si ammalava e non poteva alzarsi per prepararmi la colazione era un incubo! Lui mi faceva il latte troppo bollente,non ricordava mai quanto zucchero ci mettevo e me lo zuccherava a morte. I capelli non me li pettinava proprio e mi faceva uscire con una scopa in testa. Io al mio ragazzo dico sempre che lui dovrà saper fare tutto ai nostri futuri figli!!

  11. Mi piace molto quando pubblichi di queste storie….è stato molto carino e questo papà è un grande! Dovrebbe essere d’esempio a molti

  12. Che tenerezza…ma poi è bravissimo!
    Quando ero piccola, mia mamma più che trecce e codini non sapeva farmi.. altro che queste acconciature elaborate!

  13. Questo si che e’ un vero gesto d’amore per la propria figlia!!!
    Fare qualcosa che ci costa fatica e che ci imbarazza perche’ lei non debba sentirsi diversa dagli altri bambini.
    Grandissimo papa’!!!

  14. Questo si che e’ un vero gesto d’amore per la propria figlia!!!
    Fare qualcosa che ci costa fatica e che ci imbarazza perche’ lei non debba sentirsi diversa dagli altri bambini.
    Grandissimo papa’!!!

  15. Che carino! Sono cose frivole, come hai detto tu, ma anche i particolari sono importanti. E’ un gesto molto dolce 🙂 La coda con l’aspirapolvere l’avevo già vista e avevo pensato: “cavolo perché non ci ha mai pensato una mamma?”.
    Penso che gli uomini in alcune cose, si facciano meno pare mentali e arrivino dritti al punto: quale mamma avrebbe mai pensato a fare la coda di cavallo alla figlia con l’aspirapolvere? Nessuna. Noi siamo per le cose complicate e ci facciamo in quattro. Gli uomini cercano di arrivare al risultato con la strada più corta: a volte sono geniali.

  16. Il mio ragazzo fa abbastanza cose in casa, il problema è che le fa male e con la faccia di uno che è ai lavori forzati. Mi viene sempre la tentazione di dirgli di lasciare perdere ma resisto.

    Questa storia, scusate il cinismo, mi sembra la solita americanata. Mi dispiace ma non credo che il problema di “vivere solo con il papà” sia andare a scuola con un nido in testa. E non credo ci sia bisogno di frequentare una scuola per imparare a pettinare i capelli e fare una coda (una qualsiasi donna nella vita di Greg avrebbe potuto insegnarglielo). Mi dispiace, mi para una stupidaggine.

  17. Il mio ragazzo fa abbastanza cose in casa, il problema è che le fa male e con la faccia di uno che è ai lavori forzati. Mi viene sempre la tentazione di dirgli di lasciare perdere ma resisto.

    Questa storia, scusate il cinismo, mi sembra la solita americanata. Mi dispiace ma non credo che il problema di “vivere solo con il papà” sia andare a scuola con un nido in testa. E non credo ci sia bisogno di frequentare una scuola per imparare a pettinare i capelli e fare una coda (una qualsiasi donna nella vita di Greg avrebbe potuto insegnarglielo). Mi dispiace, mi para una stupidaggine.

  18. Chettenerooooooooooooooooooo a me queste storie piacciono tantissimo,.,sempre a parlare delle cose brutte che succedono (giustamente eh),.,è bello lasciare un po’ di spazio anche alla tenerezza che c’è nel mondo.

  19. Chettenerooooooooooooooooooo a me queste storie piacciono tantissimo,.,sempre a parlare delle cose brutte che succedono (giustamente eh),.,è bello lasciare un po’ di spazio anche alla tenerezza che c’è nel mondo.

  20. Il fatto è che molte donne non osano nemmeno pensare a delegare anche se sanno benissimo che gli uomini ce la farebbero a fare i lavori di casa. Io stessa a volte faccio molta fatica a dire “ok fai tu” perché poi penso “cacchio non lo farà MAI come lo farei io”.

  21. io quando ero piccola portavo i miei lunghi capelli biondi sempre sciolti, massimo un paio di code ma per lo più sciolti con un fermaglio da un lato o il cerchietto.
    sono cresciuta senza traumi, forse perché TUTTE le bambine li portavano così.
    mah

  22. Ma un corso per imparare ad affrontare le tematiche “femminili” (di cui solitamente si occupano le madri) invece che quello sulle treccine, pareva brutto?

  23. ma infatti a parte che stento a credere che le altre bambine si pettinino in modo così eccentrico, ma cazzius, sono capelli, lasciali sciolti e metti qualche fermaglio carino, non succede niente eh.
    direi che ci sono cose un attimo più serie…

  24. Comunque è evidente che sembri solo a noi due un modo per farsi pubblicità! (anche perchè fosse stato un puro gesto di amore verso la figlia, il senso poi di pubblicare tutte le acconciature?)

  25. Questa storia mi fa pensare a mio papà ! Io non ho la mamma, eppure non mi ha mai fatto mancare niente .. Quando ero piccola mi pettinava i capelli , mi aveva comprato un cerchietto e andavo a scuola sempre così! Ma il sabato mattina (il sabato non lavora) mi svegliava prima per farmi la coda ahahah che dolcezza

  26. Io sempre con la solita treccia (classica), fatta discretamente. Sono cresciuta felicemente. Le mie amiche con la coda, i capelli sciolti, i capelli corti oppure la treccia sono cresciute felici quanto me.
    Che stranezze!

  27. mo te ne dico pure un’altra.
    i capelli dei bambini sono così belli, lucidi, sani che è un peccato vero tirarli e conciarli in quel modo.
    sciolti, devono restare sciolti e mostrarsi in tutta la loro pura beltade.
    a me queste acconciature non piacciono.

    [carico da 90 mode off]

  28. INTENERITO?????????????????????????????????????????????????? MA PIANGO COME UNA FONTANA! e’ una cosa di un amore immenso! che graziosità di papà! ricorda tanto il mio! anche lui fa tutto e sa fare tutto difatti non mi sono mai trovata con i morosini incapaci di fare qualsiasi cosa! il mio papi è un uomo in carriera che ha però sempre cucinato, lavato, apparecchiato, addirittura tirato la lucidatrice!!! ovviamente lo fa alla sua maniera che non è certo perfettina ma credo sia FANTASTICO! è un uomo attivo che non sta mai con le mani in mano e che non aspettava mia madre dal ritorno del turno ospedaliero per metterci a tavola! faceva lui! e io sono così e mi sono scelta un uomo così…
    credo che amore voglia dire soprattutto fare queste piccole cose…le carinerie, i gesti quotidiani, il far vedere che pensi all’altro/altra…questo è amore allo stato puro! SONO STRA STRA FORTUNATA e adoro papà Greg ! Grande uomo eroe della sua piccina e anche un pò nostro 😉

  29. e infatti siamo venute su acidissime, forse per via delle poche acconciature ahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahah
    oddio non ce la posso fare!

  30. Vabbè, sì è carina come storia, mi ha fatto sorridere..
    Detto questo non mi sembra il caso di farne un eroe. Ci sono mamme single con 3 figli, due lavori e tutto sotto controllo, casa pulita, cena preparata e figli perfettamente in ordine – queste sì che sono delle eroine. Ma non le vediamo perché il tempo di fare dei corsi o postare foto su Instagram non ce l’hanno.
    Quando io avevo 1,5 mesi mia madre è stata ricoverata in ospedale per un mese intero e mio padre (aveva 23 anni) oltre a prendersi cura di me, preparava il pranzo e la cena da portare a mia madre, che odiava il cibo dell’ospedale. A me sembra naturale che un uomo quando decide di avere una moglie e un figlio si prenda tutte le responsabilità che da questa decisione possano derivare.

  31. Vuoi la mia? Adesso saranno prese in giro tutte quelle in classe con questa bambina che se presentano a scuola con una semplice cosa o i capelli sciolti. “Se non sai fare la treccia olandese sei out”.

    Via al linciaggio!

  32. mio padre non ha mai fatto niente di niente di niente di niente.
    punto, non c’è molto altro da dire.
    ah sì, che lo adoro.

  33. Certo, ha ragione chi dice che sono piccolezze e che ci sono cose più serie a cui pensare, ma secondo me è tenero proprio perché essendoci problemi più grandi che sicuramente la bambina deve affrontare (anche solo la mancanza della mamma) questo papà ha pensato di fare una cosa che la distraesse e perché no, la tirasse su. Non c’è mica da farne un eroe, giusto un papà che si è inventato un modo per far sorridere la bambina (e comunque ci saranno sempre cose più serie, di cui probabilmente si occuperà, non vuol mica dire che bisogna pensare SOLO a quelle

  34. Beh, io sono donna ma so fare al massimo una coda (ed anche fatta male). Il fatto di legare i capelli è solo data dal fatto che quando mia figlia fa ginnastica si ritrova in capelli davanti agli occhi. Gli altri giorni cerchietti a non finire, lei è contenta ed io ancora di più !

  35. Il mio compagno è uno di quelli che “queste sono cose da mamma”, però poi a casa fa tutto, anzi, è lui che, per tempistiche, fa la spesa, fa la lavastoviglie e altre cosucce! Visto che io sono vegetariana, a lui non dispiace affatto cucinare carne o pesce (anzi ci si diverte proprio!) per lui e il figlio. A stirare, ha sempre stirato tutto da solo. Noi abbiamo un maschietto e qualche volta (ma con grande terrore) gli ha tagliato i capelli. Se avessimo avuto una femmina, però, dubito si sarebbe cimentato in acconciature o semplici code!!!
    Non c’entra molto, ma proprio questa mattina pensavo che da un annetto a questa parte non è strano che noi Clio seguaci ci mettiamo ad analizzare il trucco delle star, ma è buffo il fatto che (e sono sicura che non sia solo il mio) ci siano degli ometti distanti anni luce dal make up, che ogni tanto se ne escono con un “c’hanno dato giù pesante col contouring qui, eh?”
    MAUAHAHAHAHAHAHAHAH!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  36. tra l’altro lui, che Dio lo benedica, si è potuto permettere il corso.
    ci sono padri che tante cose non possono permettersele, nemmeno giocattoli.
    sono cattivi padri?
    ci sono mille modi di dimostrare il proprio amore, senza sbandierarlo ai 4 venti.

  37. Molto tenero… Ma mi sembra che ci sia un po’ un eccesso di zelo!
    Penso che il 90% delle mamme non sappia fare delle acconciature così complicate…
    Quando ero bambina avevo sempre coda o codini, treccia o trecce di quelle classiche e stop. Le altre bambine mi guardavano ammirate quando mia madre, in occiasioni particolari, mi faceva la treccia a spina di pesce.
    Mio padre non credo mi abbia mai messo nemmeno un paio di scarpe. Non è mai stato necessario perché mia mamma aveva più tempo libero e si è presa cura di me. Ma ciò non toglie che mio padre mi vuole un bene infinito, dimostrandomelo in mille modi.

  38. Certo che non è scontato, ma diciamo che visto che nella vita sono veramente poche le cose che noi scegliamo – il partner essendo per fortuna una di queste – ecco vediamo di fare una scelta ponderata. Io piuttosto che stare con uno con zero senso di responsabilità, preferisco rimanere da sola.

  39. sono distanti anni luce dal makeup ma non da noi….ci ascoltano e trattengono più di quanto non sembri. fantastici 🙂

  40. Io sinceramente lo trovo molto tenero!! Al suo posto mi immagino il mio ragazzo, che secondo me non sarebbe assolutamente in grado di fare nemmeno la più semplice delle code di cavallo! Anzi, la prossima volta gli chiedo di farmi la coda, vediamo che cosa viene fuori… ;D

  41. Tu e tua madre siete state fortunate trovare un uomo che vi ha sempre amato e che per amore si sia dato da fare con tutti i suoi pregi e limiti, la maggior parte degli uomini non ci pensa nemmeno… credimi io sono stata ricoverata mia figlia maggiore era piccola e suo padre non si è preso cura nè di me nè di lei infatti ci siamo separati ed alla seconda moglie non va certo meglio tutto il peso lo sbarca lei. Ho riprovato mi sono ricostruita una famiglia ed è andata uguale al minimo bisogno sono robe da donna arrangiati e di nuovo separata con un’altra figlia e così non solo a me a tante altre. Greg come tuo padre sono esempi positivi che tante donne si sognano di avere al proprio fianco di come ci si comporta quando si ama una persona e di quanto amore e responsabilità si ha con la famiglia. Tienti stretto tuo padre non è un eroe ma vi ama intensamente perciò per te il gesto di Greg è naturale…..ma per tante è un sogno.

  42. Ai bambini non gliene frega proprio niente.
    Io mi ricordo che quand’ero piccola al massimo mi fissavo con quello che avevano le altre, dai fermagli con il fiocco alle merendine (che mia mamma centellinava).
    Se a mia madre girava, mi accontentava, sennò mi attaccavo al tram.
    Stop. Senza tante storie.

  43. A me sinceramente mi si rizzano i capelli dal terrore al solo pensiero di far fare al mio ragazzo cose come stirare o spolverare!! Certo, per alcune cose come cucinare e lavare i piatti se la cava ed è anche bravo, purtroppo per lui è uno sbadato cronico, continua ad andare a sbattere contro le cose, farle cadere, romperle, si fa male lui stesso… Insomma, è come un bimbo di 80 chili, devo costantemente tenerlo d’occhio sennò fa disastri!!! 😀

  44. Ma anche una coda… non è che sia necessaria un’aspirapolvere….
    Poteva anche farsi mostrare dalla ex moglie come si fa…

  45. ah io sicuro! ahahahahah
    da piccolissima avevo i capelli lunghi e urlavo come un’indemoniata quando me li pettinavano. un giorno mia madre esasperata me li fece tagliare col maledetto caschetto alla nicholas bradford dicendomi che da lì non mi sarei più mossa finchè non fossi stata in grado di spazzolarmeli da sola! via i capelli, via i capricci, e coi fiocchetti in testa ero uno splendido uovo di pasqua 🙂

  46. Già… non mi pare che ci voglia la sapienza di un parrucchiere professionista…
    Sarebbe come se una donna dovesse fare un corso da elettricista perché ha la necessità di cambiare una lampadina.

  47. Ciao! 🙂 allora, non so bene cosa scrivere. Comincerei col dire, che questa cosa mi sembra un po’ una delle solite cose che succedono e che vengono prese un po’ troppo sul serio e pubblicizzate per niente! Insomma, a me personalmente queste foto del padre con la figlia mi hanno fatto intenerire, (e anche sbalordire, non sarei mai in grado di fare queste acconciature :P). Però, non mi hanno stupito. Non credo che sia stato davvero necessario, insomma, solo io andavo a scuola con i capelli pettinati e basta perché mia mamma non sapeva farmi niente altro (eppure l’ho sempre considerata la miglior mamma del mondo)?????!!! Capisco, poi la difficoltà perbla piccola di vivere la situazione di due genitori separati e credo che sia per niente facile. Pero quello che voglio dire io è che ci sono tantissimi altri genitori che crescono i figli da soli, non in coppia, e tantissimi altri che hanno fatto cose molto piu notevoli di questo simpatico papà, eppure, nonostante la loro fatica, non vengono ‘riconosciuti’ o ‘ricompensati’! Infine, concludo dicendo che, non mi sembra giusto che tutte le foto della figlia con le acconciature, vengano pubblicate al mondo. Credo di essere entrata nel club delle acide di questo blog. 😛 hahahah.. comunque, ho scritto solo quello che penso! :-*** un bacio!

  48. ahahah tutte a scuola di calcio che al primo figlio maschio non sapremo come dare una botta col piede al pallone del bimbo!

  49. Senti ma… Che corso dovrò fare quando dovrò insegnare a mio figlio a fare pipì da solo? Specializzarmi in urologia??? 😀

  50. Mio marito non la saprebbe fare. Ora.
    Ma come ha imparato a cambiare un pannolino (che ti assicuro, è molto più difficile se il bimbo è un’anguilla come il mio), imparerebbe tranquillamente anche la treccia.

  51. sarà che fin da quando ero piccola ho sempre detestato le acconciature troppo complicate, tutti quei codini, quelle trecce interne.
    ma fateli respirà sti capelli, e namo su.

  52. È una cosa dolcissima. Mi fa pensare un po’ al mio papone: quando ero piccola, se mia mamma non era a casa, mi lavavo i capelli e dopo me li asciugava lui… riusciva a farmeli sempre benissimo e io non capivo come facesse. Dopo almeno 14 anni posso svelarvi il segreto: li metteva in piega usando una spazzola piatta ahahah io ero affascinatissima!
    Per quanto riguarda il mio ragazzo, probabilmente perché i miei capelli sono lunghi lunghi e lisci e si prestano parecchio, è fissato con l’idea di volermeli intrecciare. Ci ha voluto provare due volte, stendiamo un velo pietoso sul risultato. Peraltro, anche il mio ex ragazzo aveva questa fissazione di farmi le trecce… coincidenze particolari…

  53. eheheh vabbè senti, io non so allacciarmi le scarpe, nel senso che il fiocchetto lo so anche fare ma non puoi capire come.

  54. Io alle elementari andavo sempre e solo con cerchietto e normale coda bassa. So che sembra strano, ma li avevo entrambi.
    Nessuna delle mie compagne aveva acconciature particolari.
    Neanche alle medie. Eravamo troppo prese dallo studio per pensare a qualcosa di più di legarci i capelli in una coda bassa XD

  55. ahahahah forse una laurea da infermiera specializzata basterà…. tutto sommato avrebbe più senso delle trecce…non è osceno farsi spiegare da una donna come si fan le trecce, ma chiedere ad un uomo nei dettagli quale sia la prassi più efficace per fare pipì, beh, ehm…. 🙂

  56. Anche io portavo coda e cerchietto! Forse per le ciocchette più corte che non entravano nella coda e si sparpagliavano in giro…

  57. non lo so, può anche darsi che il motivo siano le merendine che mia mamma non mi comprava 😀
    fatto sta che sta storia non m’ha smosso un plissè.

  58. Resisti alla tentazione di dirgli “Faccio io!”
    Al massimo suggeriscigli “io di solito faccio nel tale modo che mi viene più comodo e mi sbrigo più in fretta”.
    E non rifare MAI le cose dopo che le ha fatte lui….!!!!!
    (ad esempio il letto). Altrimenti è la fine.

  59. e soprattutto i capelli spezzati alle tempie da mamme scellerate che tiravano troppo trecce e code!
    c’era una mia amichetta di cortile che pareva una cinese…porella 🙂

  60. Oh che bello, sono contenta di non essere stata la sola!
    A mia madre piacevano i cerchietti e me ne aveva comprati di carini, con colori diversi. Credo fosse per quello che me li metteva, per dare un colore, un tocco in più.
    Non so se avessi anche ciocche sfuggenti, magari qualcosina sì!

  61. Ciao Clio… Una storia bellissima! Mi ha commossa e mi ha fatto pensare che quando ero piccola era mio papà a farci i capelli a me e mia sorella, li asciugava, ci faceva le trecce perché mia mamma non era e non è capace!penso che é bellissimo che un papà faccia anche queste cose perché fa sentire ulteriormente amati 🙂

  62. Uhh.. grazie Felix!! 🙂 guarda, ti giuro, che leggendo i commenti di questo post, mi sono imbattuta in “aww, che tenero!” … “che dolce!!” E credevo di essere l’unica a pensarla diversamente! Finché non mi sono imbattuta nei tuoi commenti e quelli dell’altra Eva e ho pensato ‘grazie al cielo!’ Questa non è un offesa per le altre ragazze eh, anzi mi sebra bello e giusto confrontarsi! 😉

  63. Hai ragione, Lara, forse nella mia fortuna ho una visione un po’ distorta della realtà. Ti ringrazio per il tuo messaggio.
    L’unica cosa che mi sento di aggiungere è che anche se noi donne non possiamo cambiare i maschi adulti che ci circondano, possiamo e dobbiamo cambiare i piccoli. Io non ho figli, ma le cose potrebbero veramente cambiare in meglio se le donne iniziassero ad educare i propri figli maschi in modo più indipendente e responsabile.

  64. Brava la penso come te… Sono puntigliosa e non amo delegare! Però so anche che un giorno quando vivremo insieme ci dobbiamo dividere i lavori! Magari non gli faccio fare la lavatrice perché non mi fido, ma lui sa cucinare, lavare i piatti, spazzare a terra! Quando si lavora entrambi i lavori in casa si devono dividere:)

  65. Guarda lui è sicuramente una bravissima persona, il fatto è che la parola “discrezione” è una parola chiave per la mia filosofia di vita.
    Tutto ciò che è ostentazione, anche dei sentimenti (per quanto sinceri) mi respinge, non mi piace, è lontano da me.

  66. Anche mia madre non mi ha mai fatto nessuna acconciatura particolare quando ero bambina. Andavo alle elementari con coda bassa e cerchietto. Nessuna mia compagna aveva acconciature, che io ricordi.

  67. Ma finché non iniziamo a fargli fare le cose, non impareranno mai!! Bisogna insegnargliele fin da piccoli, allo stesso modo ai maschietti e alle femminucce!

  68. L’unica cosa che mi viene in mente è mio padre, che con le parole sa bene come ferire. Da una vita dice che sono un peso, che non voleva figlie.. Sarà per questo che faccio fatica a trovare un uomo, io sono dolce di natura ed affettuosa. Scusate lo sfogo, stamattina non va bene.

  69. Io ho opinioni contrastanti… Non mi piace il fatto che abbia messo le foto della figlia sul web e di certo non penso che fosse l’unico uomo in quel corso. Non si sarà vergognato di certo (se fosse stato così non avrebbe messo le foto). Detto ciò,trovo carino che tenga anche alle piccole cose,forse il corso può sembrare un’esagerazione però alla fine sono fatti suoi. Diciamo che ogni volta che vedo un papà che fa anche solo una sciocchezzuola penso che sarebbe piaciuto anche a me ricevere delle attenzioni così…

  70. Secondo me la bambina non ne aveva un così grande bisogno. Bastava una coda bassa o un cerchietto.
    Io avevo solo coda bassa e cerchietto alle elementari e non ricordo compagne con acconciature particolari.
    Dubito che la bambina si sarebbe sentita “diversa” in mezzo agli altri bambini. In USA tutti i bambini escono di casa con i capelli acconciati in questi modi? Non credo.

    Credo piuttosto che il papà volesse distrarsi lui, facendo questo corso e farsi anche un pochino di pubblicità su internet. Infatti ci è riuscito, è diventato “famoso”.

  71. Anche questo è vero, basterebbe un bel cerchietto o un cerchietto elastico che non dà fastidio e sono a posto.
    Penso sia più un piacere del genitore acconciare i capelli del figlio.

  72. So che non sono nessuno, ma mi dispiace tanto per te che mi sembri una persona così carina e vivace 🙁 un abbraccio.

  73. Anche io non mi sono mai sentita “diversa” perché avevo solo la coda bassa e il cerchietto (anzi, in realtà ero l’unica con sia coda sia cerchietto XD). Le mie compagne avevano o i capelli sciolti, o un cerchietto o la coda. Nient’altro.

  74. Io sono fortunata due volte : nella mia famiglia i compiti di casa si sono sempre equamente divisi, pure i miei nonni si dividevano le faccende domestiche (le nonne lavoravano entrambe).
    Infatti ho trovato un moroso che fosse stato educato bene e che non pensasse “sono cose da donna”

  75. Che poi per alcune persone essere sensibili è una grave colpa…. Colpa no: non è un gesto, ma una caratteristica dell’essere una persona. Grave poi? Preferisco avere un cuore e dimostrare di averlo, a chi se lo merita e no.

  76. Che tenera Fra.. :* Di solito affronto le cose con più leggerezza ma oggi non ce la faccio.. Chiedo scusa a tutte di nuovo. >.<

  77. Non te ne fare!! E digli pure bravo!! 😀
    Soprattutto se è una cosa che fa malvolentieri…
    Altrimenti se gli dici che ha sbagliato, si sente frustrato e la reazione più frequente è “se non ne combino una buona, le cose fattele da sola”.

  78. Hai ragione, fare le foto alla figlia e pubblicarle mi sembra un po’ esagerato. Mi sembra più un modo per farsi conoscere sul web. Cosa che è appunto successa.

  79. uh è vero la coda bassa, l’ho portata tantissimo!
    io sempre semplice e basica, forse perché mia madre è negata con tutto, ancora non capisco a cosa le servano le mani: non sa attaccare un bottone, non sa disegnare, non sa decorare, non sa acconciare.
    mamma ti voglio bene eh 😀

  80. Grazie davvero.. <3 Te lo scrivo con le lacrime agli occhi, perché ci sono persone che mi fanno dubitare seriamente di me stessa. Altre no invece..

  81. Io moltissime ciocche sfuggenti… ed essendo riccia se ne andavano in giro in modo indecente…
    Però il cerchietto… che mal di testa… 😀

  82. Non ti devi scusare..L’ho già detto e lo ribadisco, i genitori non sono detentori di verità assoluta, sbagliano anche loro, sono umani con difetti a volte giganteschi!

  83. Guarda, anch’io sicuramente non metto in dubbio che questo papà non sia una bravissima persona eh… ma per me, questo, è una cosa che sento ‘lontana’ , ‘distante’… E poi, vale lo stesso per me, sono altre le cose che mi fanno commuovere! Insomma, poi, io non la vedo una cosa da lodare, non vedo nulla di strabiliante in tutto ciò! Secondo me, sono ben altre le cose da far conoscere e da ‘rendere pubbliche’!( Sto cercando di farmi capire, di esprimermi al meglio!) :-**

  84. Mio marito da quando ti seguo non fa che ripetermi che se volesse saprebbe truccarmi meglio di come mi trucco io stessa… che dite, me la rischio? ;D

  85. Io mio padre non lo vedevo mai. Usciva per andare al lavoro prima che io mi svegliassi per andare a scuola. Tornava dal lavoro dopo che ero andata a dormire.
    Lavorava anche il sabato e la domenica. Non perché il suo lavoro lo obbligasse a fare quegli orari, semplicemente perché lui adorava stare in ospedale (è medico) e preferiva lavorare che stare in casa.
    Non sapeva neanche che classe frequentassi, mai venuto a vedermi nelle feste scolastiche, mai venuto agli incontri con i professori. Forse non sapeva nemmeno che scuola frequentassi.
    I miei poi hanno divorziato.
    Per il mio compleanno mi manda un sms con gli auguri (ogni tanto giorno giusto, ogni tanto no).
    Non lo vedo da due anni almeno e l’ultima volta in cui l’ho visto è stato per due minuti.
    Si è risposato anni fa e io e il mio compagno stiamo ancora aspettando che ci invitino un giorno nella loro casa. Aspetta e spera.

  86. Secondo me padri che si comportano così rovinano proprio la psiche dei figli. Almeno, io penso così, non so se tu sia d’accordo con me.
    Ti mando un abbraccio, perché immagino che sia proprio dura crescere con un padre che ti dice quelle cose.

  87. Ahahahah guarda con mio marito caschiamo male, è l’anti sociale network per eccellenza XD gli ho fatto vedere un tag simpaticissimo in cui le moglie truccavano i mariti infilando le loro mani nelle maglie dei mariti, praticamente come fossero quelle dei mariti stessi non so se mi spiego…sono morta dal ridere XD solo io però XD

  88. Ahahah, a quei tempi non c’erano ancora i cerchietti elastici che ci sono adesso. Io poi crescendo sono cresciuta pure di cranio XD Ho il cranio un po’ grande e i miei amati cerchietti non li posso più mettere, mi fanno tutti male. Li tengo come ricordi d’infanzia.
    Però ho trovato un sacco di cerchietti elastici (quelli carini sopra e con dietro l’elastico) che non fanno male *_*
    Grande invenzione.

  89. Cara, purtroppo viviamo in un mondo imperfetto, con persone imperfette. I genitori e i parenti non possiamo sceglierli, dobbiamo tenerci quelli che abbiamo. E non esistono corsi o abilitazioni per fare il genitore, quindi si possono fare tanti errori, anche grossi.
    Il nostro compagno invece lo possiamo scegliere. Vedrai che saprai scegliere quello che ti apprezza davvero e che ti sa dare l’affetto e la dolcezza che meriti.
    Un abbraccio forte :*

  90. Ma di cosa chiedi scusa! Ma non ti preoccupare minimamente 🙂 penso che una persona non può nascondere sempre tutto quello che prova..anzi sei sempre così leggera ed allegra un momento no te lo puoi pure permettere 🙂 e poi se sei giù qui è pieno di persone che ti danno tanto affetto ed è una cosa bella 🙂

  91. Bhe’ è una cosa tenerissima! Un giorno se avessi una figlia dovrei fate anch’io una scuola del genere perché con i capelli son ciompissima!

  92. Sono d’accordo con te.. Nel bene o nel male, le cose che ti dicono i genitori ti formano come persona. Sono contenta di essere una ragazza dotata di sensibilità e dolcezza, ma ci sono momenti in cui diventa tutto molto faticoso..

  93. Quanta tenerezza mi fanno i papà con le figlie!
    Il mio papà ha sempre girato il mondo per lavoro, ma il poco tempo passato con lui è sempre stato di qualità (niente pettinature ne’ trecce però, aveva il terrore di pettinarmi, povero <3)
    Ammiro molto quest'uomo, ha fatto un piccolo gesto che dimostra tantissimo 🙂

  94. Lo immagino. Mia madre avrebbe voluto una figlia identica a lei, invece le è andata male. In tutto e per tutto, non fa che ricordare a me e a mia sorella che non è d’accordo con noi e che non siamo come avrebbe voluto. Io me ne sono sempre fregata, per mia sorella è più complicato, non riesce a essere immune dal giudizio materno.

  95. Hai ragione. Anche io ho pensato “che tenero”, ma anche che non sia certo un eroe. Si dedica alla sua bimba (in un modo anche che eccede le cure necessarie), ma lo fanno anche milioni di genitori che non sanno fare le treccine olandesi.

  96. Purtroppo la sensibilità è un’arma a doppio taglio. Anche io sono molto sensibile e ci rimango male per un sacco di cose. Vorrei essere più forte e non rattristarmi ogni volta, ma non ci riesco, è nella mia natura.

  97. Senza parole…. Alcune persone dovrebbero ricordarsi che non è obbligatorio diventare genitori se non se la sentono. Mi spiace molto per te Eli.. Forse è meglio così per te.. Ti mando un grande abbraccio

  98. Ahahah io non li ho più usati… troppi traumi!!
    Erano di plastica, pure piuttosto rigida, e con i denti che “pettinavano”…
    Oppure di metallo ricoperti di stoffa… che puntualmente dopo un po’ si lacerava… dolore… 😀

  99. Cavolo, non siamo soldatini di piombo, ma siamo esseri umani dotati di coscienza propria e di sentimenti che ci rendono unici..

  100. Vale la sa lunga…..dicesi rinforzo positivo, si usa con ottimo successo anche coi cani….mi vien da ridere ma è così 🙂

  101. Delizioso questo papà single….
    Anche le mamme single per anni hanno fatto anche da papà, a volte smontando anche i motori :-)…

  102. Ma soprattutto, non possono modellarci a loro piacimento. Tra l’altro, nessuno li obbliga a essere genitori. Non vuoi un figlio, non farlo!

  103. Hai usato le parole giuste, è un’arma a doppio taglio. Si resta molto più facilmente ferite.. Se oggi non lo fossi probabilmente non hai scritto tutto questo. Voglio comunque continuare a credere che sia meglio essere così che con un cuore di pietra. Per me, per te, per tutti quanti.. Abbiamo una marcia in più.

  104. E’ vero che non è un eroe 🙂
    Però caspita, oltre a fare tutto il resto, ha voluto aggiungere una cosa così frivola, ma magari importante per la piccola.
    Come esistono anche le mamme single che fanno lo stesso, ma non penso ci sia bisogno di ribadirlo 🙂

  105. Ho letto della tua sensibilità, guarda io sono diventata una roccia negli anni, non mi scalfisce più nulla, però così si perde molto.

  106. A me piace moltissimo questa poesia. Proprio come hai detto, Eva:

    I vostri figli non sono figli vostri… sono i figli e le figlie della forza stessa della Vita.
    Nascono per mezzo di voi, ma non da voi.
    Dimorano con voi, tuttavia non vi appartengono.
    Potete dar loro il vostro amore, ma non le vostre idee.
    Potete dare una casa al loro corpo, ma non alla loro anima, perchè la loro anima abita la casa dell’avvenire che voi non potete visitare nemmeno nei vostri sogni.
    Potete sforzarvi di tenere il loro passo, ma non pretendere di renderli simili a voi, perchè la vita non torna indietro, né può fermarsi a ieri.
    Voi siete l’arco dal quale, come frecce vive, i vostri figli sono lanciati in avanti.
    L’Arciere mira al bersaglio sul sentiero dell’infinito e vi tiene tesi con tutto il suoi vigore affinché le sue frecce possano andare veloci e lontane.
    Lasciatevi tendere con gioia nelle mani dell’Arciere, poiché egli ama in egual misura e le frecce che volano e l’arco che rimane saldo.

    (Khalil Gibran)

    da PensieriParole

  107. mi aspettavo mi dicessi “ma Felix tu non sei acida!”.
    invece oh, non l’ha detto nessuno, facci caso! ahahahahahahahahahahahahahahahahahah!

  108. io sono giunta alla conclusione che siamo quello che siamo, nel bene e nel male.
    e va benissimo così.
    vai benissimo così :*

  109. Non scusarti, anche io oggi sono lacrima-facile (sarà la luna), per questo(per me) il blog è d’aiuto. Ti abbraccio tanto, ma così tanto da farti recuperare tutti gli abbracci che non ti ha dato tuo padre. Ciao bella!

  110. Hai ragione Clio non è l’eroe degli eroi ma si è aggiudicato tutta la mia stima! Imparare qualcosa di puramente femminile per riuscire a far contenta la propria bimba… non credo ci siano molte persone disposte a impiegare il proprio tempo per imparare qualcosa che non sanno fare solo per rendere i propri figli “uguali” agli altri! Lo ammiro veramente! Complimenti!!!! ps. voglio anche io l’aspirapolvere magico dell’ultimo video!!!!!

  111. Si, i genitori non possono essere scelti e per sempre li terremo come sono.. Sta a noi cercare di accettare la loro umanità con grande intelligenza e serenità. Cercare un compagno è ancora molto difficile per me, perché il mio caratterino, dolce, sensibile ed un po’ impaziente, non mi aiuta. Pare che sia più apprezzata l’insensibilità, e questa cosa ferisce davvero nel profondo..

  112. Tranquilla! Non sei l’unica! I miei genitori, seppur inconsciamente (magari presi dalla rabbia o dallo stress) mi hanno sempre detto cose del tipo “ma chi vuoi che voglia una come te??” oppure “non vedi che grassa che sei??” e a lungo andare queste cose, insieme ad altre, mi hanno fatto cadere in depressione… A soli 15 anni… E ho dovuto uscirne da sola… E nonostante tutto, sebbene ci provi, io con mio padre un buon rapporto non riesco ad averlo… Ogni volta che penso a lui mi sale un’ondata di rabbia che nemmeno immagini…

  113. Ti ringrazio per l’abbraccio, ricambio.
    Abbiamo avuto esperienze diverse, ma entrambe siamo state ferite dal comportamento paterno.
    Spero almeno che tu con tua madre sia stata bene e che abbiate un buon rapporto.

    Io sono cresciuta senza sapere cosa fosse l’amore o l’affetto.
    Non ricordo di essere mai stata abbracciata da mia madre, né di essermi sentita dire “brava” neanche una volta.
    Quando ero alle elementari la maestra mi molestava psicologicamente e nessuno mi ha mai difesa. Forse per questo la maestra infieriva, tanto sapeva che non avevo protezione da alcun genitore.
    Per me ogni mattina svegliarmi per andare a scuola era un’inferno. Andavo a scuola con il terrore e la paura.
    Ero pure cagionevole di salute.
    Al liceo ho dovuto assumere un antidepressivo.
    Non ho avuto un’infanzia piacevole. Ero sola.

  114. Come hai detto anche tu, non possiamo scegliere i genitori .. Però possiamo scegliere le persone che vogliamo diventare e tu devi essere orgogliosa di essere come sei! Di persone buone e dolci a questo mondo non ce ne sono mai troppe!!

  115. Sei molto saggia.
    Ma non ti scoraggiare. Non è vero che è apprezzata l’insensibilità, almeno non da tutti. Ti assicuro che milioni di ragazzi, anche dietro l’aria spavalda, vorrebbero una ragazza dolce e sensibile.
    Non è che tutti desiderano la panterona indipendente e cinica (anzi tanti ne sono un po’ intimoriti). C’è un’infinita varietà di persone e di gusti.

  116. Anch’io ho già sentito frasi del tipo “ma chi ti vuole così come sei?” da loro.. Etc etc.. Il fatto è che sfogano le loro frustrazioni con noi figlie. Questi genitori non sono persone appagate, e sono si rendono conto che tutto ciò non dipende dalla prole. Che non è il caso di dare mazzate morali gratuite alle figlie. Ho fatto e faccio ancora fatica a mandar giù tante cose, la colpa che mi do è di non reggere abbastanza in alcuni casi.. Ma non voglio e non devo farmi carico delle loro frustrazioni, e lo stesso vale per te Fede. E’ meglio non vivere nella rabbia, per il bene della nostra persona. :*

  117. Ne sei sicura, lo credi davvero? Io ogni tanto penso che sarebbe meglio essere meno sensibili, avere la capacità di fregarsene. Io invidio un po’ le persone che non rimangono ferite dalle parole, come se le parole cattive scivolassero via. Io invece ci penso e ci ripenso e continuo a pensarci anche i giorni dopo e ci rimango sempre male. T_T

  118. Aggiungo, forse non sai cosa vuoi da un uomo, ma tuo padre sicuramente ti ha reso ben chiaro cosa NON vuoi. E’ un punto di partenza..

  119. Gingerinaa :'( ♥♥ guarda, io posso solo dirti che ti sono vicina… ultimamente mi sono affezionata moltissino a te! È vero, non ti conosco, ma immagino sarai una persona meravigliosa. Guarda, tu sei perfetta così! Molte volte con i tuoi commenti mi hai rallegrato ed altre ti sei fatta sentire vicina a me. Ti rringrazio! Davvero. Sei di una tenerezza unica cara! Ti abbraccio forte! :-*******

  120. Io per fortuna sono sempre stata una ragazza “forte” (se non lo fossi stata, probabilmente, non sarei qua a sfogarmi! Chi ha orecchie per capire, intenda!) ma le cose che si dicono ad un bambino, formano il suo carattere, nel bene e nel male… Detto questo… Spero di imparare dai loro errori! Probabilmente un giorno non sarò la madre perfetta… Ma Spero di non comportarmi come loro hanno fatto con me!:)

  121. Si, lo credo davvero o non te l’avrei scritto Eli. Piacerebbe anche a me non essere ferita troppo a lungo, ma forse su questo si può lavorare. Per esperienza so che a volte le apparenze ingannano, e spesso chi non sembra minimamente scalfito dal mondo esterno si porta invece cicatrici non indifferenti dentro.. Essere sensibili può portarci ad avere gioie più grandi di altri.

  122. Benvenuta tra le acideh! …assolutamente d’accordo con te! Mia madre sapeva fare solo la treccia e i codini.. io potevo scegliere fra questi e i capelli sciolti..finché non son stata abbastanza grande da sistemarmeli da sola! Non mi sembra di essere cresciuta con delle mancanze…. dei miei genitori, quando ero bambina mi mancava altro, non le acconciature perfette! L’importante è che alla bambina non manchino altre cose e sia pulita… ecco da alcune foto i capelli non sembrano proprio di giornata, mi preoccuperei di questo!

  123. Io convivo è proprio alcune cose le devo fare io altrimenti “non verranno fuori come le voglio io”. È un mio limite.. Molte cose le fa lui, ma lavatrice, stiro e bagno sono affari miei. Non ce la faccio a delegare su questi aspetti.

  124. Già quando devo farmi la coda da sola ci metto un’ora perché avendo i capelli ricci non riesco a farli stare in ordine, figuriamoci cosa farebbe mio padre o il mio ragazzo che con un po di gel stanno apposto per tutto il giorno! Ovviamente non parlo della treccia perché in quel caso ho dei seri problemi di nodi e ricciolini che sfuggono imperterriti!
    E comunque proviamo a guardare la situazione al contrario: avete mai provato a fare la barba a un uomo? Io si, è per poco non lo sfiguravo a vita!

  125. La mamma è ancora un discorso a parte e non lo incomincio nemmeno.. Infanzia e soprattutto adolescenza sono dei periodi niente affatto facili, ma per moltissimi. E’ stato molto difficile per me ma ancora mi dico che sono ancora qua.. E’ vero quel che dicono, ciò che non ti uccide ti fortifica. Quel che è stato è stato, non lo cambi, ma il futuro te lo puoi creare. Non lasciamoci abbattere sempre dal negativo….

  126. Grazie per il fatto che pensi sia saggia.. Quel che mi fa sorridere in quel che mi hai scritto è che sono sensibile ma un po’ pantera (ecco il mio animo scemo che salta fuori). Non sono normale, sarà per questo che mi trovano tutti difetti.

  127. Perché io vedo sempre del marcio e penso che queste cose siano fatte per attirare l’attenzione? …C’è stato un periodo in cui vedevo mia madre soltanto al mattino, prima di andare a scuola.. lei mi sistemava i capelli nei soliti modi…sciolti, coda, treccia o codini! Ho imparato molto presto a prepararmi da sola, mio padre non ci era proprio portato! Mia madre ci preparava il sugo con cui condire la pasta quando tornavo da scuola, c’eravamo solo io e mio padre e la sua pasta era sempre troppo cotta, e quando non c’era il sugo i piatti che riusciva a fare erano la pasta al pesto, quella al tonno e l’uovo fritto…. Beh vi assicuro che non ho avuto delle “mancanze” per questo, mio padre non era un cuoco, non ha fatto un corso di cucina, ma la sua pasta troppo cotta era la più buona del mondo! …dico questo perché i modi per amare un figlio sono infiniti e non c’è bisogno della perfezione, anche le cose fatte male possono essere apprezzate da bambini! 🙂

  128. Chi è che ti trova tutti sti difetti? E anche se fosse, gli altri sono perfetti?
    Non sei normale? Beh, nemmeno io. Nessuno lo è!
    Siamo tutti diversi. Grazie a Dio. E tutti complicatissimi.

  129. Io sì, mezz’ora di trattamento al viso con salvietta calda, scrub e poi pelo e contropelo. Alla fine pelle liscia come il culetto di un neonato!

  130. Beh, diciamo che proprio insensibile tu non mi sembri. Sei anche molto intelligente.. Non penso che tu abbia bisogno di altro, da quel che deduco leggendoti qua sul blog.

  131. e bravo il papà! ok magari sarà stato esagerato frequentare una scuola di bellezza, che comunque ha dato i suoi frutti, ma non credo ci sia nulla di esagerato per dimostrare l’ esagerato amore che un genitore prova verso i propri figli! io spesso aiuto la mia compagna con il trucco visto che una mano ferma è abbastanza utile per stendere un eyeliner in maniera decente.. non che lei sia una frana, anzi ha molta fantasia, ma se si tratta di tirare una linea dritta… “amore stai facendo qualcosa??”

  132. No ma sono sensibile a quello che succede agli altri però sono abbastanza insensibile a quello che succede a me, che nel male ci sta anche, nel bene un po’ meno.

  133. ragazze mi fatte piangere…..io per sfortuna (fortuna) non ho avuto un padre, il mio è morto quando ero piccolissima, per cui mia mamma faceva da padre è da madre, ma sono cresciuta bene lo stesso, forte. Forse allora meglio non averlo che averlo a queste condizioni?!

  134. Ciao ragazze:) Ho letto molto volentieri questa storia e ho provato tanta tanta tenerezza per questo papà. Tenerezza perchè il primo pensiero è andato a tutti quei papà che si trovano per vari motivi soli a crescere uno o più figli e fanno di tutto per non far sentire la mancanza della mamma. Ma il mio pensiero è andato anche a tutti quei bimbi che , pur avendo entrambi i genitori, il loro papà spesso non solo non li conosce ma nemmeno ci prova.
    Ecco, secondo me Greg è un esempio come papà. Non perchè sa fare la treccia alla francese o lo chignon all’olandese, ma perchè ha deciso di fare qualcosa per la sua bambina e mostrarle a modo suo quanto la ama.
    Questa storia mi fa riflettere anche su un’altra cosa, ossia sul fatto che se al posto di un papà solo ci fosse stata una mamma sola, non ci sarebbe stato tutto questo scalpore. Perchè volente o dolente, ancora pensiamo che pettinare la propria figlia sia una “cosa da donna”.

    Il mio desiderio in futuro è che storie del genere non facciano più notizia, non perchè non accadono, ma semplicemente perchè corrispondono alla normalità. Un papà che pettina la propria figlia dovrebbe stupirci tanto quanto una mamma che pettina la propria figlia.

    Ossia zero.
    Quando sento un uomo dire “quello è un lavoro da donna” mi viene l’orticaria!!! Impara! Cambiare il pannolino al proprio figlio non fa perdere la virilità!

    E chiudo dicendo che in tutto questo, una grossa responsabilità ce l’hanno le mamme di oggi. So che molte ragazze qui sul blog sono mamme di un maschio e so che al riguardo la pensano come me. Insegnare ai propri figli che non esistono lavori da donna e lavori da uomo potrebbe evitare in futuro di sentire frasi di cui sopra.

  135. ahahahah da parte mia so cucinare un sacco di cose poi m’areno sui sofficini, su una pizza surgelata, su un risotto in busta. o seguo pedissequamente le istruzioni o intervengo sul prodotto a gamba tesa e senza criterio di sorta: e regolarmente brucio da un lato i bastoncini e li lascio mollicci e unti dall’altra, non so mai se devo scongelare prima e cuocere poi o se van cotti ancora surgelati….guarda che n’è mica facile eh!! 🙂
    (nel dubbio arriverò a sgranocchiarli crudi e ancora duri come sassi e fanculo)

  136. Ma no dai non piangere.. Però si, in alcuni casi, soprattutto quelli più gravi (e penso di non rientrare in questo), meglio non averlo.

  137. Io trovo questo papà di una dolcezza e di una tenerezza unica!! È un modo come un altro di non far pesare l assenza della mamma oltre ad essere un modo per dimostrare l amore di un padre verso la figlia! ! Bravo bravo!!

  138. io insensibile proprio no.
    però le cose della vita mi hanno portata a non credere a niente, zero.
    pane e cinismo.
    è pure una difesa.
    ma certe scene non le voglio più rivivere, preferisco essere stronza.

  139. Non è una cosa essenziale per la felicità di una bambina l’avere i capelli intrecciati in mille modi particolari….però comunque mi sembra un’iniziativa carina da parte del padre anche se per nulla necessaria.
    A me è sempre piaciuto quando qualcuno mi pettina i capelli o me li acconcia, la sensazione è quella di qualcuno che si prende cura di te ed è molto piacevole. Tra le mille iniziative che eccedono il normale prendersi cura di un bambino il padre ha scelto questa e mi sembra una cosa molto carina (anche se non era necessario lo sfoggio su internet).
    Dopotutto di padri che non si occupano dei figli o addirittura li trattano male ce ne sono fin troppi, un esempio positivo, anche in una cosa frivola, non può fare che bene.

  140. Ti dico, mi smuove di più un insulto a un’altra persona piuttosto che un insulto a me. E’ come se fossi diventata indenne a tutto quello che mi riguarda.

  141. Gli altri parlano sempre… Ma solo perché dicono qualcosa non significa che sia vera!
    Mio padre dice sempre: “Ognuno dice la scemenza sua. Tanto è gratis”.

  142. Non ti dico di non ascoltare affatto quello che dicono gli altri. Non sarebbe un buon consiglio.
    Ma prendilo con senso critico. Diciamo fidati per due terzi della tua valutazione, e un terzo di quella degli altri. Delle persone a cui tieni e di cui ti fidi, intendo… non ti chiunque… quelli li puoi lasciar perdere anche subito…

  143. Ma certo, non è un cattivo padre di certo. Solo che non vorrei che passasse il messaggio che servono queste cose per essere un bravo padre. I miei sono stati separati da quando avevo 7 anni ai 14 e mio padre si è occupato di me, mia sorella e mio fratello, da solo, senza fronzoli e lo ricordo come un periodo felice. Intendevo questo, il corso per fare le acconciature l’ho trovato superfluo, o comunque non così straordinario da mettere questo papà su un piedistallo.
    Comunque sono d’accordo sulla necessità di esempi positivi 🙂

  144. beh molti han fatto del trovare i difetti altrui uno sport nazionale….poi magari dormono di nascosto con le scarpe (per dire eh!) diffido dei “normali” sono quelli che riservano le peggiori sorprese.
    guarda, dicevo a chicca proprio qualche giorno fa che sono molte di più le persone strane di quelle normali (io di normali non ne conosco ma vabbè 🙂
    quindi è normale esser strani ed è strano esser normali. solo analizzare la cosa a livello puramente logico è così insensato che se cerchi una soluzionie finisci che ti sanguinano le orecchie!
    amiamo le nostre stranezze e alla fine troveremo la stranezza altrui che si incastra con la nostra.
    smuà!

  145. io invece m’incazzo, meno di prima.
    ma non mi fido di niente e di nessuno, è difficile che veda il buono in una cosa.
    è brutto ma è così.

  146. Gingerina mia! :’-) Non sai quanto mi dispiaccia leggere ciò che hai scritto!! Non hai idea!
    Volevo solo mandarti un abbraccio e dirti che ci sono lo sai;-)
    Ma non mi sembrava abbastanza, devo e voglio dirti due parole.
    Non devi scusarti, perchè se ti scusi vuol dire che in un certo senso ti senti in colpa. Beh non hai colpe, non sei strana o particolare nel senso negativo in cui te lo dicono gli altri..hai dei difetti? Io ne ho tanti, anche chi ti critica ce li ha però ti svelo un segreto….per sentirsi grandi, hanno bisogno di far sentire piccoli gli altri. E’ così fidati…
    Tu ci stai male, ovvio! sei una ragazza sensibile e sono contenta che tu abbia capito che è un grande , grandissimo pregio. Certo, è un’arma a doppio taglio però ci permette di provare qualcosa che gli altri non sanno nemmeno così..si chiama empatia.
    Come ti hanno già detto, i genitori e in generale i parenti non si scelgono. Ma gli amici e il compagno sì!
    In fondo anche i genitori “meno bravi” ci insegnano qualcosa…..ci insegnano ad essere la persona che vorremmo essere ma soprattutto la persona che NON vorremmo essere.
    Alla fine ti ho scritto più di due parole:-P ma l’ho fatto con il cuore.
    Ti abbraccio forte forte:-****

  147. Onestamente non credo passi il messaggio per cui queste cose sono necessarie per essere buoni genitori (o almeno, io non l’ho affatto percepito così).
    Mi ha colpita piuttosto il fatto che questo padre nel voler fare un di più per la figlia si sia lanciato anima e corpo in qualcosa di inaspettato, per cui piuttosto ci vedo il messaggio che nel prenderti cura dei tuoi bambini l’importante, qualsiasi cosa tu faccia, è farlo con dedizione, anima e cuore, sia nelle cose di tutti i giorni che nelle attività più inaspettate ecco 🙂

  148. Ti trovano tutti i difetti perché la gente vede quello che VUOLE vedere.
    Ma noi non siamo quello che vede la gente, o se lo siamo, lo siamo solo in parte.
    Non scendere a compromessi mai con nessuno, sii fiera di come sei, sei tantissime cose e tutte diverse, sei ironica, simpatica, bella, intelligente, dolce, decisa, sei mille volte Ginger.
    e fanculo agli altri, si fottessero.

  149. Questa storia e’ di una dolcezza unica…
    Mi ha ricordato che quand’ero piccola una volta mio padre mi pettino’ i capelli nel verso sbagliato cosi’ mi ritrovai con i capelli davanti alla faccia 😀

  150. Ogni riferimento ad una certa italiana a NY che vuole tagliare i capelli ad un suo amico che è andata a trovarla,ma che poi si impanica,è puramente casuale? 😀
    Capisco in pieno: il mio amore spesso mi chiede di tagliarli i capelli,che già oltre i 2 cm gli sono fastidiosi.Io dico sì sì, ma poi fa da solo o ci pensa la mamma sua. Nel periodo che è stato disoccupato ha lasciato crescere i suoi bellissimi capelli castani,io invidia a manetta, e ad un certo punto gli ho fatto 7 treccine interne (quelle che tu chiami alla francese) perché non li sopportava più. Son durate poco,ma è stato divertente. E poi glieli ho pure tagliati,ed è stato terrorizzante una responsabilità del genere! XD (scusate il soggetto)

  151. Ahahah però sai io rivaluterei i nostri padri che non erano bravi casalinghi… magari non cambiavano pannolini ma lavoravano molto fuori! Mia mamma (e da quel che mi ricordo anche le mamme dei miei amici) era molto più tranquilla e serena rispetto alle giovani mamme di oggi.
    Poco giocherelloni ma gran lavoratori.

  152. Tizi, che bello leggere anche te.. Grazie per le tue parole, sei davvero un tesoro.. <3 Si, devo ammetterlo, io mi sento in colpa, perché so che ci sono situazioni certamente più gravi della mia. Mi vengono i brividi solo a pensarci.. A me alcune cose non sono andate così male, e mi sento in difetto per non reggere abbastanza in alcuni periodi. Continuo anche ad essere convinta che la sensibilità sia un dono, solo che ci sono momenti in cui persone fanno vacillare le mie certezze.. Oggi è una giornata di quelle. In ogni caso grazie per il sostegno, ne avevo davvero bisogno. <3

  153. Il mio papà fin da quando ero bimba e ancora adesso alla veneranda età di 22 anni mi fa la treccia ed è quasi più bravo di me!

  154. “è normale esser strani ed è strano esser normali”.. Come darti torto! Ci sono così tante stranezze a questo mondo che è quasi impossibile rimanere sani di mente, soprattutto se corressimo dietro alle parole di tutti. Che io non abbia ancora imparato ad amare le mie stranezze? Eppure sono così belle. :* :*

  155. Io invece avrei voluto essere come mia madre ma m’ha detto sfiga, sono il contrario esatto e ovviamente non posso cambiare.
    C’ho provato ma la mia vera natura esce sempre fuori.

  156. No no, hai davvero ragione. Ignorare gli altri non è saggio, ma anche prenderlo come oro colato non è buona cosa. 🙂

  157. non siamo una setta di ciniche, al contrario temo siamo sin troppo tenere e cuoriciose, apposta rimaniamo interdette e sospettose davanti a certi sfoggi 🙂
    mia mamma rimaneva instupidita dagli urli che facevo solo quando mi spazzolava via i nodi e alla fine me li ha tagliati, figurarsi le trecce! beh alla fine ricordo con tanto affetto sia il male dei nodi sia il terrificante caschetto che mi fece dopo <3

  158. Tuo padre è un grande, dico sempre anch’io quella frase.
    E visto che io sono una grande, è un grande anche lui!

  159. certo che le mamme /donne che fanno ste cose….mica fanno notizia…certo che quello che fa una madre non è solo scontato ma pure DOVUTO…..certo che sto papà poteva guardarsi qualche tutorial su you tube…non serve mica un corso di coiffeur…ma dai…scusate…! che palle!
    e aggiungo…mica bisogna poi pubblicarle ste cose? no?

  160. Beh questa storiella sicuramente dice quello che dici tu. Cercare di impegnarsi per il proprio figlio, facendo errori ma farsi apprezzare per le buone intenzioni

  161. sono belle sì! :*
    sono certi (non tutti) altri semmai che non le apprezzano ….beh sai una cosa? sono invidioseh, acideh, e fifoneh eheh
    p.s: occhio che se continuiamo a strapazzarti e ad abbracciarti così finisci tritata grossolanamente come le noci per una torta! 😉

  162. è la prima cosa che ho pensato quando ho letto sta notizia, poi mi sono detta “aspetto cele che lo dirà sicuramente meglio di me”.
    e l’hai fatto!!
    mica si è boss per caso!!!

  163. È una storia davvero carina e dolce, grazie ancora una volta Clio per condividere con noi certe notizie sicuramente superflue ma che ti aprono il cuore! E nella vita di tutti i giorni ce n’è davvero bisogno! Tornando all’argomento “quello che gli uomini non sanno fare” proprio di recente mi sono resa conto che certe cose che noi diamo per scontate non lo sono poi così tanto! Premessa…mio marito da anni si rasa i capelli a zero… In seguito ad un piccolo intervento ho avuto la necessità che mi lavasse i capelli e, poveretto, non aveva idea di come fare, quanto shampoo usare, come pettinarli e soprattutto come tenere il phon! Io mi ritengo fortunata perché ho sempre avuto l’esempio di un padre e ora di un marito che non si limitano a dire “non lo so fare” ma almeno ci provano!

  164. Ti capisco! E quando dice “ehhh vabbè” con quella nonchalance del “è tutto facile”? Vogliamo parlarne? Come se tutte le magagne si potessero mettere a posto. Forse sono io che sono troppo rigida per alcune cose..

  165. che dolce.. w tutti i papà! il mio non c’è più da quasi 5 anni.. ma resterà sempre l’uomo più importante della mia vita.. <3

  166. Mia madre ha ancora quella cosa terribile in un cassetto del suo armadio…la mia coda di cavallo (mi arrivavano fino al sedere) tagliata di netto… mi fa impressione ahahaha Il caschetto ottenuto dopo era la cosa più imbarazzante di questa terra! XD …ma sai che forse hai ragione? Proprio perché siamo persone cuoriciose, che non hanno problemi a tirare fuori la tenerezza quando ce n’è bisogno, non capiamo il perché di tanta importanza data ad un papà che fa treccine!

  167. Tanto scalpore per nulla.. Per carità non è facile crescere da soli un figlio, però è esagerato frequentare addirittura una scuola per fare due trecce!
    Io ho due genitori che lavorano, da bambina era il nonno materno a portarmi a scuola, mamma usciva di casa che ero ancora a letto, quindi i capelli sciolti erano d’obbligo, recite senza genitori, o altri eventi passati sempre da sola. Da piccola ne soffrivo tantissimo perchè poi vedere i compagni con la mamma e io invece da sola, rende molto tristi. Però poi cresci e impari prima del dovuto a fare i piatti (8 anni), mettere in ordine e pulire (8 anni), cucinare (12 anni), stirare (14 anni)… Ora ho 22 anni e praticamente so fare ogni cosa, e la faccio senza che mia madre mi dica nulla, in realtà non me l’ha mai imposto, però per dovere personale l’ho sempre fatto!
    In conclusione la vicenda non mi fa molta tenerezza perchè comunque io da sola, per forza di cose, dovevo essere responsabile!
    Ringrazio, adesso che son cresciuta, i miei genitori perchè son diventata quello che sono!

    Scusate ma ho scritto coi piedi… Ho fame!!!!

  168. Bellissima storia, ma il post è pieno di errori grammaticali, come: “La piccola Izzie a dei lunghi capelli biondi e lisci”. Non è per criticare, premetto che io seguo Clio, ma ultimamente negli articoli se ne trovano frequentemente. Forse un po’ di accuratezza in più non guasterebbe.

  169. Riri scusa, ma mi ha inquietato la storia della coda di cavallo ahahahah =)
    Mia madre tiene però i dentini da latte

  170. Sono d’accordo con te Riri! 🙂 mia mamma mi diceva di cercare una mollettina o un cerchietto e me lo metteva, al massimo la coda di cavallo, ma niente più! 😀 hahahh.. poi anch’io ho notato del fatto dei capelli un po’ lucidini… azzeccato il post di Clio di oggi! 😉 heheh… un bacio acidoh cara! :-***

  171. mi ha intenerita sì: è stato dolcissimo da parte sua fare uno sforzo simile per la sua bimba… *.*

  172. Io direi che è proprio impossibile essere normali, non strano 😉 ognuno hai i suoi pro e contro, ognuno hai i suoi su e giù 😉

  173. Oggi parla pure al maschile Appro. Sono partita dal papà perché ho rapporti conflittuali con moltissimi uomini. Sono sempre troppo (….). Maccheppalle.

  174. Stessa situazione! I miei genitori mi amano all’infinito, ma per il loro lavoro ho imparato a fare tutto da sola e subito!…ma boh, hanno già detto tutto quello che c’era da dire, non mi fa tenerezza ecco!

  175. Anche la miaa!! Per questo motivo da piccola ho scoperto che il topino dei denti non esiste.Una volta frugavo nel suo cassetto e loro erano lì!!! Li conserva in una scatolina di quelle dei gioielli…

  176. Ginger ti mando un abbraccio e mi accodo a tutto ciò che ti hanno detto le altre ragazze, siete tutte così carine, dolci e intelligenti!!! :* i genitori fanno tanti errori purtroppo, sono umani anche loro, ma bisogna avere pazienza e cercare di imparare dai loro errori per non ripeterli!! Però dev’essere davvero dura essere genitori… la cosa mi attira un sacco perchè avere una mia famiglia penso sia il mio primo desiderio, ma nello stesso tempo mi spaventa a morte! Bacioni cara

  177. Inquieta tantissimo anche me hahahaahhaah da brividi, film dell’horror, nightmare gli fa un baffo a quel coso di capelli! >.<

  178. Che tenerezza infinitaaaaaa!!! <3 <3 <3 Un modo come un altro per "esserci" nella vita della figlia che magari quando sarà più grande si farà insegnare dal papà a farlo da sola 🙂

  179. Sì diciamo che dopo l’altro post, mi è caduto l’occhio sul capello sporco! ahahh Un bacio a te tesoro! ;***

  180. Grazie mille Silvia.. :* Sicuramente quello del genitore è un mestiere molto difficile, e servono molta convinzione, intelligenza ed impegno per avere figli. Chi lo desidera e come te è anche un po’ spaventato, certamente lo sa e parte da ottime basi. Un abbraccio

  181. Sì ma penso che lo facciano quasi tutti i genitori, non vedo perché dare così tanta importanza a questo padre… 🙁

  182. ma sai che io ho sempre sognato di fare la barba ad un uomo…e nessuno s’è mai fidato a darmi in mano un rasoio! li capisco eh….oh se li capisco….

  183. Ciao Clio e ciao ragazze!!! Questa storia mi ha fatto provare una grande tenerezza, quest’uomo ispira dolcezza nel suo guardo e il fatto che la figlia sia affidata a lui mi fa pensare che era, è e sarà un “grande” papà che è riuscito ha fare un gesto d’amore per la figlia e allo stesso tempo le ha insegnato una grande cosa:” se desideri imparare qualcosa che ti sembra quasi impossibile e lo fai con tenacia, pazienza e con amore allora ti sei data/o la possibilità di poter imparare qualsiasi cosa”. E la sua Izzie è fortunata perché ha un buon esempio da seguire. Sono dolcissimi e comunque devo dire che i risultati sulla sua figlioletta sono molto carini….dolcissimi!!!!! Ciao Clio e ciao a tutte :*****

  184. Forse è meglio se continuiamo a usare aggeggi taglienti solo su noi stesse…sai com è, il rischio di omicidio colposo è dietro l angolo!

  185. eh lo so, e in un certo senso (paradossalmente) può anche tornare utile ascoltare diverse campane. il più è riuscire a distinguere quello che è un nostro difetto fuori da noi (non so tipo un vizio, una maleducazione ecc) da ciò che invece è proprio parte di noi e di come siamo fatti.
    nel primo caso la critica è utile, ci fa riflettere e ci aiuta a cresce e a migliorarci….nel sencondo caso a crederci si finisce solo per esser la brutta copia di un altro anzichè noi stessi. dire “non li ascoltare, non ci credere, non ci badare” è sacrosanto e verissimo, ma chi è veramente immune davanti a qualcuno che ci dice “sei fatta male”?
    ho imparato che cercando di esere quella che non sono mi sono ritrovata coi nervi a pezzi, esausta e infelice quindi ho smesso. ma la ricetta del digestivo per mandare giù certe affermazioni non ce l’ho, ci resto male sempre, ogni volta, come te.

  186. Ciao Tiziana, come hai detto tu io sono una delle mamme del blog che ha un figlio maschio, ma partiamo dal marito, il mio in casa sa fare tutto e mi ha sempre dato una mano, tranne nello stiro perché vorrei la biancheria integra e possibilmente mantenerla per cui il ferro non si tocca!!!! Quando è nato Ale gli ha sempre cambiato il pannolino e nei primi anni di vita quando necessitava di aiuto nella doccia e nell’igiene della sera ci ha sempre pensato mio marito, così come io me ne prendevo cura nel resto della giornata, insomma ci siamo sempre divisi responsabilità, gioie, preoccupazioni e momenti divertenti. Mio figlio pian piano sta imparando a cavarsela in casa per quel che lo riguarda, fare il letto, metter in ordine i suoi vestiti, aiutarmi in cucina ecc. Ne più ne meno di quello che mia mamma e mio papà hanno insegnato a me e alle mie sorelle e dopo quasi 12 anni è consapevole del fatto che in una famiglia ognuno fa la sua parte scambievolmente e dandosi una mano perché se impariamo a farlo in casa sarà normale dare una mano anche alle persone che incontreremo nella vita e che avranno bisogno, a volte, anche solo di un sorriso. Ciao cara e buona giornata :**

  187. Io, per natura, mi faccio sempre esami di coscienza. Voglio valutare se ho sbagliato qualcosa e se posso migliorarmi in qualche modo. Oh, il problema ultimamente è proprio che sono dolce e sensibile. Ma si può?

  188. Ciao Chiara, il primo anno di matrimonio chiesi a mio marito di provare a fargli la barba e con mia grande sorpresa mi disse di si e mentre gliela facevo mi spiegava come tenere il rasoio, come evitare di tagliarlo….insomma non sono una “barbiera”, ma me la sono cavata alla grande. Ciao e buona giornata 🙂

  189. Ti abbraccio fortissimo cara Ginger, ma forte e spero che tu lo possa sentire. Conserva la tua dolcezza e la tua affettuosità sono sicura che una persona come te è unica e irripetibile e se oggi è una giornata storta domani si raddrizzerà e magari farai l’incontro giusto con una persona che nei tuoi occhi troverà i suoi insieme a tutta la dolcezza e l’affetto di cui sei capace…….. e con questo avatar si accorgerà di quanto sei simpatica e ironica!!!!! :****************

  190. :-))) bellissimo!! io ho imparato a 29 a farmi la coda….non benissimo, ma per le situazioni di emergenza va benissimo! con le forcine sono ancora un disastro…

  191. beh se non ci fossero stati questi ruoli prestabiliti lui avrebbe imparato a pettinare la figlia quando stava ancora con la moglie! Basta meravigliarci perché un maschio riesce a fare una cosa “da donna”! Siamo tutti uguali e le donne per prime ancora non se ne sono rese conto visto che continuano a lavare le mutande al proprio uomo!

  192. Quello che mi piace di più di questa storia e’ soprattutto l’impegno che questo babbo (io lo chiamavo così il mio) ha messo per riuscire ad imparare un gesto che a molte di noi sembra semplice ed anche il tempo che ha dedicato a questa “missione”… Che sicuramente avrà rubato al suo pochissimo tempo libero…dato che si ritrova a crescere da solo una bimba così piccola! Sono felice, inoltre, di leggere che ci sono ancora donne che si inteneriscono! Io sono una di loro…la tenerezza sta scomparendo, purtroppo…e soprattutto la tenerezza femminile! Sara’ anche per questo che le cose non vanno come dovrebbero? Un saluto Clio

  193. mi permetto….se riferendoti al sacco di cinismo gratuito (e meno male che è gratis) ti riferisci anche al mio commento…ebbene,forse sì,forse no,e comunque i nostri commenti derivano dalle nostre esperienze,dal nostro vissuto,dal nostro background…comunque sia,non ho minimamente pensato a definire i commenti con contenuto simile al tuo mielosi e sdolcinati…ecco,questo è il punto. Ciascuno esprime le sue idee e non definisce quelle di significato opposto negativamente.

  194. Secondo me non è vero che siamo tutti uguali. Io non sono uguale a nessun uomo. Ho una forza e resistenza nettamente inferiore alla maggior parte di loro. Sono più sensibile e più affettuosa.
    Dai non importa come si è educati o cosa ci insegnano da piccoli, nella maggioranza dei casi alle femmine piaceranno fiocchetti, stelline, trucchi ecc, ai maschi invece no. E di conseguenza le donne saranno generalmente più brave ad abbinare i vestiti e fare i capelli.
    Per la cronaca io le mutande del mio uomo le lavo, ma anche lui lava le mie.

  195. Fantastica! Sono d’accordo al 100%, mi risparmio pure la fatica di scrivere il commento,perché scriverei la stessa cosa 😀

  196. una bella cosa, un ricordo che potranno portarsi entrambi nella vita. ogni famiglia ha i suoi e loro 2 hanno questo..forse andrò contro corrente ma lo trovo un gesto amorevole

  197. Cara Elisabetta ecco un’altra donna sensibile all’appello proprio come te e Ginger, eccomi, il consiglio che ti do da “zia”? Non soffocare mai la tua sensibilità a causa degli altri, sicuramente si soffre un po’ di più, ma questo aspetto del tuo carattere ti insegna a capire immediatamente chi hai davanti e a troncare certi discorsi o certi incontri prima di soffrire per l’ennesima volta perché distinguerai chi ti parla sinceramente e chi invece lo fa solo per ferirti. Non fare il loro gioco, non dargliela vinta, ma soprattutto quando ti affiora il pensiero che ti fa soffrire, distogli la mente concentrandoti su qualcosa di manuale o alzati e gira su te stessa qualche volta…..funziona!!!!

  198. Ginger…tesoro….lo so è doloroso..ti capisco. Io ho sempre avuto problemi con mia madre,e li ho tuttora…anche io ho pensato,e forse ancora penso,che molti dei miei errori siano imputabili al suo atteggiamento nei miei confronti. Ma con queste cose ,specialmente se le riconosciamo,dobbiamo conviverci e non avere questo alibi per giustificare le nostre incapacità e le nostre mancanze. Pensa che a 49 anni ancora non posso dire a mia madre cosa faccio e dove vado.Lei non sa che sono andata a Barcellona perchè è invidiosa,lei non sopporta che io faccia cose,veda persone…insomma lei non sopporta che io viva che io non abbia ancora rinunciato ad avere una vita,una vita mia…quindi,cara,vai avanti a testa bassa….ci sei solo tu….e basta…

  199. No, mi spiace se l’hai presa sul personale, ma io mi riferivo al cinismo che vedo intorno a me in generale e che ho visto leggendo qualche commento, il tuo nel particolare lo sono andata a leggere ora ed ovviamente, mi sembra chiaro, non mi trovo d’accordo, ma non per questo credo di averti insultata in alcuna maniera, nè te nè nessun’altra, anche perchè non avrei problemi a scriverti direttamente dicendo eventualmente ciò che penso. Se trovi che il mio sia un pensiero mieloso e sdolcinato sinceramente… mi ci faccio una risata, pazienza, anche perchè so di essere un po’ mielosa e sdolcinata soprattutto per questo tipo di argomenti, come dici tu, legati ad un proprio background che mi porta magari a vedere la figura paterna in un determinato modo.

  200. Faccio coming out: ho provato il metodo dell’aspirapolvere!!!
    Ovviamente non su dei minori! Stavo passando l’aspirapolvere e arriva il mio moroso tutto festante “Mary, guarda cosa fanno!”… e io “Proviamoci!”
    È stato un momento molto divertente!

  201. Stessa situazione vostra, cresciuta dai nonni e genitori costantemente a lavoro e aggiungerei per fortuna con questa crisi. So fare tutto a casa e ne sono felice, certe ragazze non sanno nemmeno accendere la lavatrice e provo un pò di imbarazzo per loro in tutta onestà. Bisogna essere indipendenti e saper fare tutto a mio avviso.

  202. non mi sento offesa,assolutamente no,nè ritengo i commenti come il tuo mielosi e sdolcinati,nè se li ritenessi tali l’avrei scritto,era solo per fare un parallelismo e puntualizzare. Tutto qui.

  203. A me scende la lacrimuccia perchè mio papà, che aiutava sempre mia nonna a farsi la treccia(portava i capelli mooolto lunghi) , mi faceva sempre la treccia quando ero più piccola <3 <3 <3
    Grande Greg!

  204. Ti racconto questa, un giorno ero a casa di una mia amica, mettiamo due pizze nel forno e si brucia un po’ la mozzarella, sporcando il forno… lei non voleva che la madre lo venisse a scoprire e non sapeva come fare… le ho chiesto dove avesse i detersivi la madre e se avesse lo sgrassatore…..NON LO SAPEVA!!! Non lo aveva mai usato in vita sua…20 anni!!!! No comment!

  205. Dipende comunque da noi, l’importante è se stai bene con te stessa, cinico o no, dalla nascita o meno… e ti parla una che lo è stata per anni e anni causa esperienza demmè… scusa il francesismo!

  206. Non ho parole. Vorrei darti un abbraccio per farti sentire meglio, ma purtroppo non posso. Ma sappi che purtroppo nella vita è così, non sempre siamo fortunati ad avere persone che ci vogliono bene intorno. Ma sono sicura che troverai l’uomo giusto che ti darà tutto l’affetto che purtroppo tuo padre non ti ha dato. Sono sicura che sarà così 🙂

  207. Si diventa eccome! Non lo si nasce… è la vita che ci porta ad essere come siamo! 😉 A differenza dalla cattiveria, che è diversa e determinate persone ce l’hanno nel sangue!

  208. Perché forse non si è nascosto come alcuni fanno dicendo poi “ma son robe da donne, io non lo farei mai”. Giusto per fare il macho.

  209. no che non si può! infilati gli indici nelle orecche e fai LALALALALA …non li ascoltare ‘sti pazzi!

  210. Trovo Greg semplicemente un bravo papà che per di cose fa il mammo!anche il mio papà mi faceva le codine da piccola e le faceva anche meglio di mia madre e il mio compagno cucina ogni giorno e lava pulisce a casa come me!boh forse ad oggi mi sembra strano sentir parlare di “cose da donne e cose da uomini” perché nelle coppie che conosco io ognuno fa quel che sa fare e non esiste più che la casa sia carico della donna nè che l’automobile sia un problema dell’uomo!ognuno fa del suo meglio e se io non so cambiare uno pneumatico mica è una tragedia?allora perché si fanno questioni subuomibi che non sanno fare la lavatrice?e che un papà non sappia fare le trecce è una cosa che non mi sorprende soprattutto se di solito le faceva la mamma,così come non mi stupisce che un papà sappia farle anche!boh per me la tenerezza sta nel fatto che questo papà si sia impegnato tanto per superare un suo limite solo per amore dell sua bimba!bravo greg fossero tutti i genitori così attenti ai propri piccoli!penso solo open yours mind peolpe

  211. Tesoro non avevo letto! Non dirò niente di inopportuno, perché qualsiasi cosa dica in questo momento non sarebbe opportuno! …ti posso solo stringere forte forte forte forte forte … capisco come ti senti e non voglio che tu ci stia male! Un bacio ;**

  212. Fin da quando ero piccola era mio babbo a fare le trecce a me e mia sorella!!!! L’ha sempre e solo fatto lui!! Ed è un bel ricordo! ❤️

  213. Questa è una storia che purtroppo leggo con una nota di profonda tristezza nel cuore. Alcuni anni fa è venuta a mancare la mia adorata cugina che ha lasciato una bambina di 5 anni ed un marito con il cuore a pezzi. Hanno tutt’ora l’appartamento sopra casa dei miei genitori e, la mattina, era tappa fissa che la piccola scendesse da mia madre per farsi acconciare i lunghi capelli che, nonostante le difficoltà, porta tutt’ora lunghissimi fino ai reni

    Durante quegli anni mi sono accorta delle difficoltà che il nostro mondo, un po’ troppo binario, ha messo davanti a questo padre solo con la sua bambina.
    Gli sguardi esterrefatti delle donne, in piscina, quando lo vedevano scendere negli spogliatoi femminili per asciugare la sua bambina appena uscita dalla vasca. Certe dottoresse con il tatto da elefante che domandavano, durante le visite specialistiche ” ma questa bambina una madre non ce l’ha per portarla a fare certe visite? ” anche direttamente davanti alla piccola.

    Lui è diventato un uomo-idolo, davanti ai miei occhi. Ha insegnato alla figlia a cucinare molto meglio di tante donne che conosco. L’ultimo natale sono scesi con una Red Velvet da far invidia ad una pasticceria, fatta in casa da loro, insieme. Cucinano e fanno ” lavoretti manuali ” insieme, continuamente e lui le insegna tutte quelle cose che, a noi un po’ chiusi, piace continuare a dire che sono ” da donna “.

    Un argomento che apre una finestra sul tanto ostico tema delle adozioni per i single e gli omosessuali.
    Quando sento dire che ad un bambino, per crescere bene, servono esclusivamente una mamma ed un papà, vedo insultato l’impegno di tutti questi uomini che stanno facendo di tutto per crescere al meglio i loro figli , alla faccia degli stereotipi dentro cui siamo calati, nemmeno avessimo paura di perdere importanza, noi donne, davanti a questo evento dove abbiamo creduto – o ci hanno fatto credere – per anni, di essere le uniche portate: la maternità.

    Grazie come sempre, Clio, per aver toccato con semplicità e delicatezza un argomento in realtà molto importante.
    Ai bambini, per crescere bene, serve solo e semplicemente amore. Un’infinità di Amore!

  214. In certo modo mia storia è molto simile. Io ho un problema fisico e muovo pochissimo le mani e le braccia, quindi non riesco a pettinarmi da sola, ma sono molto vanitosa e non potrei mai uscire di casa spettinata. Da quando conosco il mio compagno (anche lui pelato!!!) lui si è dato da fare per farmi i capelli e oggi persino la mia parrucchiera gli fa i complimenti perché è diventato bravissimo, ehehe. Poi, mi dice sempre che è già tanto che mi fa i capelli e non potrebbe mai imparare a truccarmi, forse perché quello ci riesco da sola. L’amore ci fa fare delle cose che non abbiamo mai sognato di poter farle! 🙂

  215. un conto è quando è reciproca la cosa del lavarsi le mutande e un conto è quando è solo la donna a farlo perché è un lavoro da donna! io parlo ovviamente di un’uguaglianza formale, è ovvio che sostanzialmente siamo tutti diversi! io ad esempio non so fare nulla con i capelli, al massimo una treccia (che viene sempre e comunque storta) perciò sono al pari di un uomo (a pettinare i capelli non ci serve una laurea)… allora semmai avrò una figlia dovrò andare a fare un corso da parrucchiera per far sentire mia figlia uguale alle altre bambine? Se non so aggiustarle i capelli sono una cattiva madre o comunque peggiore di quelle che lo sanno fare? Ma di cosa stiamo parlando scusa?

  216. Hai proprio ragione, dovrei distrarmi, fare altro. Ti ringrazio del consiglio.
    Spesso purtroppo mi succede di ripensarci la sera, prima di andare a dormire e mi sento così triste.
    Però sono contenta di vedere altre persone sensibili e mi sento meglio a leggere i vostri commenti.

  217. Ma daaaai che carino! Bravo! Anche perché la dimostrazione di affetto più bella è donare ciò che si ha in quantità limitate, lui ha speso del suo tempo per rendere più curata la sua cucciola in un’attività in cui non era portato, non è questione di uomo o donna, apprezzerei ugualmente anche una mamma che fa altrettanto! 😀

  218. Ciao Clio e Ciao Ragazze ; ))
    questo post Clio mi ha commosso e
    ha “smosso” un enorme dispiacere in me :'( Non mi vergogno a spiegarvi perché.
    Io sono cresciuta senza padre, i miei si sono separati quando avevo solo 2anni e mio padre non si è mai più fatto vedere. Mai ricevuto una sua visita, mai ricevuto una sua telefonata, mai avuto un augurio di compleanno, mai avuto la sua presenza e il suo affetto. Mia madre ha fatto di tutto ma di tutto, per cercare di mettermi in contatto con lui per farmi costruire un rapporto padrefiglia con lui,
    ma lui ha mandato a dire, tramite avvocato, che ha un altra famiglia a cui pensare e che di me non ne voleva sapere. Io non ho nessun ricordo di lui, ho visto solo delle foto che mia madre conservava, e purtroppo se dovessi incontrarlo per strada probabilmente, non saprei nemmeno riconoscerlo.
    Io ammiro e mi ha fatto davvero commuovere, questo papà, un papà davvero con la P maiuscola, pieno di valori, di amore e di senso di responsabilità, che guarda la sua piccola con occhi pieni d’amore e per la sua meravigliosa bambina, farebbe qualunque cosa per lei e per il suo benessere.
    Io è vero non ho avuto un padre, ma credo che un padre debba essere proprio come lui! Io sono orgogliosa di dire a gran voce, che ho una mamma STRAORDINARIA che ha fatto qualunque cosa per me, non mi è mai mancato nulla, nonostante mille difficoltà e problemi.
    Grazie a lei, sono la persona che sono oggi.
    Un bacio Clio e a tutte voi Ragazze :-***

  219. Grande! Bellissimo commento e da mamma di un maschietto ti dico che per lui non esistono cose da donna o da uomo, anche perché la mia “causa” per fortuna è supportata da mio marito x cui esistono lavori di casa, non lavori da donna ecc….

  220. Cele mi spiace anche per te.. Non sono mai situazioni piacevoli e spero sempre che le persone cui tengo non le provino sulla loro pelle.. 🙁 Da sempre io ci convivo e spesso mi sento in un equilibrio precario, perché non sempre ho avuto fermezza nell’affrontare il tutto.. Di certo poi non voglio fare la lagnosa che si piange addosso, perché con questo atteggiamento non si può di certo pensare di avere una vita “normale”.. Ti ringrazio per le tue parole comunque.. :*

  221. Spero davvero che possa essere così.. E lo spero non solo per me, ma per tutte le persone che sono sensibili.. Grazie Cate. Bacione

  222. Ma che scrivi Riri, sei un tesoro tu.. Ed il fatto che tu abbia sentito l’impulso di scrivermi due righe mi fa davvero molto piacere.. <3

  223. Ti capisco al 100%..ho sempre pensato che il rapporto con mio padre sia la mia più grande fragilità.. Semplicemente perché in tutto ciò che faccio, cerco sempre di renderlo fiero di me, ma alla fine lui riesce sempre a sminuirmi e farmi sentire minuscola..ma detto ciò so che se c’è qualcuno che conosce il mio valore meglio di lui, beh quella sono io.

  224. Quello che volevo dire è che a mio parere gli uomini e le donne non sono uguali. Mi ci è voluto tanto per ammetterlo, anche perché mi sembrava che ammettendolo mi sarei dimostrata inferiore agli uomini e a me non piace essere inferiore a nessuno.
    Fare i capelli a una bambina è una cosa da donna, da mamma (sempre parlando della maggior parte dei casi) e il fatto che qui lo faccia un uomo mi fa provare un po’ di ammirazione. (poca, eh sempre di capelli e nastrini parliamo mica di salvare la vita a qualcuno).

  225. Si, solo noi possiamo riconoscere il nostro valore, non chi si è messo delle fette di salame sopra gli occhi (se le mangiassero invece di renderle inutili). Non dobbiamo nemmeno cercare di dimostrare qualcosa perché comunque non verrà mai notato.. Penso sia molto meglio utilizzare le nostre energie per noi stesse e per la nostra felicità.. Ti mando un abbraccio.

  226. Eh si, ne ho ancora tante di cose da imparare.. E tante le ho già vissute e, per quanto male abbiano fatto, sono sempre lezioni di vita..

  227. :****** sono arrivata da poco dal lavoro e ho letto! <3
    sei una delle ragazze del blog a cui tengo di più e mi è davvero dispiaciuto leggere quello che hai scritto!

  228. Un abbraccio bella, sei una persona bellissima, si sente dalle tue parole e questo vuol dire che nessuno che non sappia apprezzare questo, meriti i tuoi pensieri! Belli o brutti che siano… Un bacione! ;****

  229. Spero di non averti rattristata proprio adesso che sei tornata a casa tesoro.. >.< Anch'io tengo a te.. Ti mando un altro bacio.. :*

  230. Io so solo che dalle tue parole si vede quanto tu sia un persona fantastica..cerca di fregartene, so che non è per niente facile, ma provaci perché ne vale la pena! <3

  231. <3 sono solo un po' scombussolata perché è un tasto che se ci penso mi fa male, per questo mi concentro e penso solo a cio' di buono che ho, e voi tutte ne siete parte <3

  232. Ognuna di noi è cresciuta in un modo differente e ha vissuto esperienze diverse, tutte cose che formano una persona. Mi dispiace che tu abbia sofferto ma ringrazio la tua bravissima mamma per averti cresciuta in modo da farti diventare la ragazza meravigliosa e forte che sei oggi, perché volente o nolente tutte noi della community facciamo parte ognuna della vita dell’altra, almeno un po’! Grazie di aver condiviso la tua storia! Ti abbraccio <3

  233. Giuro, faccio fatica a trattenere le parolacce che avrei da dire, mi trattengo per rispetto nei tuoi confronti! Pensa solo che non merita di farti sentire così male, non dargli nessun merito, neanche quello di scombussolarti la vita!

  234. Sua madre è stata una donna ed una madre meravigliosa, ed ha saputo riflettere il tutto alla figlia, si capisce dalla dolcezza di Marta!

  235. Una storia dura la tua ma tua mamma ha fatto un lavoro strepitoso a quanto padre. Ricorda come si e’ comportato. . .potrebbe avere dei ripensamenti da vecchio. Un abbraccio

  236. Dargli questa “soddisfazione” MAI però è un tasto che fa male, non ne ho mai parlato proprio perché non ho mai voluto esser di peso a nessuno, soprattutto a mia mamma. Guardo avanti e son comunque felice ; )) Grazie Ri sei un tesoro :-***

  237. Ti dirò io di ripensamenti non ne ho su di lui, forse magari sbaglio ma perdonare non è una delle mie doti migliori…

  238. ti ringrazio di cuore AnelE <3 questa sono io, ho sempre trattenuto dentro di me ma oggi son implosa. Va bene cosi' guardiamo avanti, e ringrazio tutte voi x tutto l'affetto e x tutto il vostro appoggio <3
    per me significa davvero molto GRAZIE <3

  239. Lo so capisco, troppe volte ci imponiamo il silenzio su determinati argomenti, per paura di non ferire o altro però hai fatto bene a sfogarti, perché ogni tanto ci vuole, altrimenti esplodiamo! 🙂 Non dire grazie, non ce n’è bisogno…sorridi e basta! Ecco cosa devi fare! ;* Buona serata bella!

  240. Trovo sia fuori luogo in qualsiasi situazione ergersi a fare il professore della Crusca, lo trovo tanto più scorretto in un blog di make-up! Molte volte, scrivendo velocemente a computer, mi capita di tralasciare qualche ‘h’ o qualche consonante geminata ma ciò non significa che io non sappia se e dove vanno!!! Se non fosse così nel caso di Clio, bisogna rammentare che, ormai da anni, lei si è trasferita negli States e sicuramente le capiterà di parlare più spesso l’inglese (o meglio, l’americano) rispetto all’italiano! Inoltre mi sembra di ricordare che lei conosce italiano, tedesco e inglese quindi la confusione è dietro l’angolo…non voglio trasformarmi a mia volta in un avvocato di Clio: anche a me, da laureata in lettere moderne, risultano sgradevoli alla lettura gli errori ortografici ma perdoniamole queste quisquilie di forma e concentriamoci più sul contenuto!!!

  241. che bravo papà!!!! Fortunata la bimba,da grande sarà ancora più orgogliosa di vedere cosa ha fatto per lei il suo papà!!!!

  242. … e una volta che lo si è non si può che peggiorare.
    con l’età è difficile che si migliori.
    che visione allegra della vita.

  243. dolcissima Marta leggo ora la tua storia….evidentemente tua madre ha fatto grandi cose con te…..ma tu ci hai messo tanto del tuo per crescere come sei…un abbraccio grande!

  244. La mia intenzione non era quella. Prima di tutto non penso che Clio sia analfabeta e capisco perfettamente, avendo vissuto per due anni a Dublino, che si possa sbagliare per disattenzione o per altro. Visto che lei sta puntando fortemente su questi articoli scritti magari una seconda lettura o più attenzione farebbero apparire più curati questi posts. Sinceramente, a volte, penso che siano fatti di fretta. Tutto qui.

  245. Grazie Cele, non volevo turbare nessuno, questo post oggi pome mi ha fatto fare boom. La vita è anche questo e penso sempre che nonostante tutto e in tutta la sfiga, mi devo ritenere fortunata perché mi rendo conto che c’e’ mooolto peggio.

  246. Ciao Marta:)
    Mi sono emozionata a leggere la tua storia…
    Immagino non sia stato facile aprirti così e raccontare un parte di te così privata e posso solo immaginare quanto realmente questo post ti abbia toccato.
    Ciò che mi sento dire è ciò che penso di te: sei una ragazza STRAORDINARIA! E non è un caso se uso lo stesso aggettivo che tu hai usato per descrivere la tua mamma….evidentemente ha fatto un attimo lavoro 😉
    Si vede da ciò che scrivi che sei una ragazza in gamba e chi si rifiuta di conoscerti non ti merita!!!:)
    Ti abbraccio forte Marta:)
    Baci:*********

  247. Grazie Ri :-*** sorridere quello sempre, prima o poi chi fa del male le paga tutte. Buona serata anche a te e ti ringrazio ancora davvero per le tue parole :-***

  248. Grazie mille Jennifer!:)) é proprio a mamme come te che mi riferivo nel mio commento!:)
    Complimenti a te e a tuo marito 😉

  249. Ciao Elena!:) Scusa il ritardo… hai fatto benissimo a scrivermi perchè nel mio commento, quando ho parlato di mamme sul blog, la prima che mi è venuta in mente sei stata proprio tu.
    Ne avevamo parlato anche tempo fa e sapevo esattamente qual era il tuo pensiero al riguardo.
    So che sei una donna intelligente e una mamma meravigliosa e non ho dubbi sul fatto che tuo figlio crescerà super educato! Ma questa volta faccio i complimenti anche a tuo marito! Ci dovrebbero essere molti più uomini così! Bravo bravo!:))
    Un abbraccio Ele! E’ sempre un piacere leggerti:)
    Buona serata, baci:*******

  250. Ti ringrazio per le parole. Cercherò di essere positiva e non vedere questa sensibilità come un’ostacolo.

  251. Ciao Tizi <3
    no no per niente facile, è come aver sganciato un peso scriverlo e mi è scoppiato lo sfogo perché leggendo questo post mi ha fatto ripensare a tutto e ripensare fa male, non nego che c'è anche tanta rabbia da parte mia verso di lui.
    Poi pero' mi calmo e torno in me perchè alla fine "mio padre" è mia madre, lei mi ha fatto sia da madre che da padre, ha fatto di tutto per non farmi sentire mai nessuna mancanza a livello affettivo.
    So che è brutto e forte da dire ma alla fine lui è come se fosse un estraneo per me. Non sono in grado di perdonare.
    Ti ringrazio Tizi <3 anche voi siete tutte delle ragazze in gamba, ognuna è stata temprata dalla vita in modi diversi e per me siete tutte speciali <3 ti abbraccio anch'io :-**

  252. Si.. Essere positivi dipende tutto da noi. Qua sul blog in ogni caso possiamo trovare tutta la leggerezza ed il conforto che vogliamo nei momenti no. Abbraccio virtuale. 🙂

  253. Tranquilla non hai una visione distorta della realtà, hai una visione di come dovrebbe essere la realtà perchè sei cresciuta in una famiglia equilibrata e sana dove aiutarsi, amarsi e confortarsi è naturale come nelle promesse matrimoniali… in salute e malattia, in richezza e povertà…i tuoi genitori le hanno fatte proprie e quando avrai figli saprai amarli ed educarli con amore ed equilibrio.

  254. Non è brutto da dire Marta! é semplicemente la verità…. i figli sono di chi li cresce non di chi li fa.
    Bellissima la frase “mio padre è mia madre”! 🙂
    Sarà senz’altro orgogliosa di te la tua mamma!! <3
    La cosa è reciproca e anche tu sei speciale!
    Ricordatelo!
    Ti abbraccio forte forte anch'io e ti mando tanti :***********

  255. E’ proprio vero Tizi peccato solo che non tutti recepiscono che i figli non si lasciano come gli gira il capriccio!
    io non so’ davvero come e in che altri modi, poterla ripagare.
    1bacione grande :-***

  256. speriamo davvero, a me sembra sempre troppo poco, avrei voluto che fosse andata in modo diverso o che almeno fosse riuscita a rifarsi una vita con una persona valida, speriamo e mi auguro che un giorno riesca a trovare un po’ di serenità e stabilità :-***

  257. Io devo dire che sono fortunatA… Ma mio marito si arrangia e se io non ci sono alla figlia non gli fa mancare nemmeno l’acconciatura certo all’inizio era dura non sapeva nemmeno dove mettere le mani specie per i capelli ricci poi mi ha osservata mentre lo facevo io ed ora va da solo…niente di che ma almeno lo fa!!

  258. La tua esperienza è stata tremenda. Ma purtroppo è anche vero che succedono cose anche peggiori, come padri che cercano le figlie per fare loro del male. Certe persone è davvero meglio perderle.
    Un abbraccio.

  259. Questa storia mi ha fatto commuovere..non so xkè forse xkè in qst periodo sono iper sensibile o perché i rapporti padre figlia mi fanno pensare al mio rapporto difficile con mio padre..cmq grazie clio xkè visto la fatica che faccio a trovare cose belle nella vita mi hai ricordato che ci sono piccole cose a volte molto più importanti di altre..un abbraccio

  260. Che tenerezza questa storia Clio!!! ♡♡♡ Per quel che riguarda la mia esperienza, il mio fidanzato sa fare di tutto (cucinare, lavare, stirare), ma non penso proprio che sia in grado di fare acconciature (considerando anche che porta i capelli rasati)! E lo stesso discorso vale per mio papà!!

  261. Io non la trovo una cosa da donna perché secondo me non esistono cose da donna né cose da uomo… ci sta il fatto che un uomo possa farlo con meno piacere ma non per questo che non possa farlo per niente perché è da donna! E comunque non penso nemmeno che le donne siano superiori agli uomini, solo che esistono persone valide e persone meno valide! E se spesso, non in tutti i casi, gli uomini di oggi sono meno capaci delle donne è (in linea generale ovviamente, esistono persone che non valgono niente a prescindere) colpa delle loro madri che li hanno serviti e riveriti da sempre solo perché erano i figli maschi!

  262. Bellissima e troppo tenera questa storia!!!!! Lui secondo me è il papà che tutte noi vorremmo avere!!!! Chissà che magari più in là col tempo farà anche una scuola di makeup artist … ahahah … cmq avevo già visto i trucchi con l’aspirapolvere e mi sono divertita tantissimo a guardarli… mio padre non sa spazzolare i capelli e non ha mai saputo farmi una coda di cavallo… pensate ragazze, che qualche anno fa, quando avevo il gesso e mia madre la mattina era al lavoro, chiedevo a lui di farmi una coda, semplicemente per sciacquarmi la faccia.. ma niente da fare.. ogni volta usciva fuori una treccia davvero originale e stortissima!!! ma va beh.. per fortuna ciò che mi ha trasmesso è ben altro, ma capisco che per un genitore single (e non è da tutti) non voglia far mancare nulla alla sua bella principessa… un bacio a tutte voi!

  263. Non vedo perché un uomo ne debba sapere di beauty e una donna non possa mettere un chiodo, aggiustare la caldaia, un rubinetto, o addirittura una comunissima piastra per capelli…
    Ti parlo per esperienza personale. Quando si rompe una di queste cose non ci penso due volte a chiamare mio padre…
    È difficile ammetterlo, ma ci sono dei ruoli prestabiliti. E io sono la prima ad arrabbiarmi quando mia nonna dà cose da fare a me e non a mio fratello

  264. sono sconvolta! sei laureata in lettere e ti “scappano” le H dei verbi?!
    Comunque, Clio scrive bene, ma qui non è nemmeno il suo stile.. Ha semplicemente delegato il compito a qualcuno meno capace di lei

  265. Il mio ragazzo vive a Roma e io in Sicilia… prova le trecce alla francese per imparare e quando torna me ne fa sempre una =)

  266. Leopina <3 arrivo ora dalla fisio. Scriverlo è stato come togliermi un peso da dosso e vi ringrazio ancora per tutto l'appoggio e il sostegno che mi date sempre, siete davvero uniche <3

  267. Mi è dispiaciuto molto però sono contenta che ti sia sentita a tuo agio tanto da dirci una cosa così personale e difficile! La tua mamma ha fatto un lavoro splendido con te,si merita tutti i complimenti del mondo! Tesoro purtroppo non tutti sono degni di essere padri..lui non è degno di una personcina meravigliosa come te e ci ha rimesso solo lui in questa storia credimi! Ti abbraccio forte forte!! Quando vuoi e ti va di parlare sai che io ci sono!!

  268. Grazie di cuore per tutto, ti abbraccio anch’io <3
    a costo di ripetermi, anch'io ci sono sempre, per qualunque cosa per tutte voi :-***

  269. Ciao Martaa, ti mando un fortissimo abbraccio!! Malgrado la latitanza di tuo padre sei una persona equilibrata e forte..un abbraccio anche alla tua mamma (da ammirare!!) buona serata!!

  270. Grazie anche da parte di mio marito, scusa il ritardo anche tu, ma oggi è stata una giornata veramente lunghissima non per lavoro, ma per altri motivi. Ti ringrazio per tutti i complimenti che mi fai ogni volta; mi sembra quasi di non meritarli perché quello che faccio è condividere ciò che sono anche grazie ai miei genitori e gli stessi valori che mi hanno regalato loro cerco di regalarli a mio figlio tutto qui!!!! :************

  271. Io personalmente lavo le mutande a mio marito perché sarebbe il minimo, dopo che lavora x 12 ore lo metto a fare questi lavori? Se la donna è casalinga, deve farle lei certe cose… Io la penso così.. Ovviamente sono per la collaborazione, cioè non è che solo perché lui lavora tutto il giorno e io no, deve sentirsi libero di entrare in casa e fare un casino o buttare le calze per aria.. Ci vuole collaborazione ovviamente.. Ma ripeto che essendo io casalinga, mi occuperò di quelle cose che un uomo che lavora tutto il giorno non può fare..

  272. sono d’accordo con te… non ho specificato ma comunque mi riferivo a coppie in cui lavorano entrambi e poi quando rientrano a casa la donna ha anche il secondo lavoro della casalinga mentre l’uomo guarda la tv!!

  273. secondo me una donna ha tutte le potenzialità per fare queste cose solo che non le interessa imparare a farle! ovviamente ci sono poi lavori che richiedono il fisico di un uomo, ma in linea di massima tutti possono fare tutto… dipende poi quanto a una persona piace essere indipendente

  274. Ah beh su questo sono d’accordo.. Se si lavora in 2, quando si torna a casa si collabora ..TUTTI insieme!

  275. Strafalcioni linguistici addirittura?! Ma sono piccoli errori magari per scrivere velocemente… E poi secondo te proprio Clio che ama così tanto il suo lavoro lascia in mano a qualcun altro il SUO blog? Dai non esageriamooo!!!

  276. Se hai letto bene ho detto che è facile che io le tralasci quando scrivo velocemente alla tastiera, come credo succeda un po’ a tutti e forse è successo anche a Clio (o un suo alter ego) in questa circostanza…comunque volevo dare solo il mio parere su questo argomento, non volevo sembrare presuntuosa o impertinente 🙂

  277. Me lo auguro! Sicuramente faccio degli errori, ma cerco di trasmettergli quello che per me è corretto…non ho intenzione di regalare al mondo un mammone stronzo come già ne è pieno…

  278. ma come un uomo ha tutte le potenzialità per farle, solo che non gli interessa 🙂
    Certo, sono d’accordo riguardo alla fisicità adatta (ma questo vale anche per le donne)

  279. nella vita ci sono doveri e piaceri e i doveri vanno adempiti al di là dei propri interessi .. poi ovviamente ognuno può sempre delegare, tutto dipende, ripeto, da quanto si voglia essere indipendenti

  280. Ragazze io sono fortunata ho un super papà, sono affezzionatissima a lui e anche gelosa :), fa tutto esattamente come mia mamma, anzia alcune ricette le fa lui perché è più bravo! Fa i sughi, l’arrosto il pesce ecc. con i capelli poi non ne parliamo mia mamma li ha corti e a parte le cose base non sa fare molto ma lui si! Quando ero piccola per le mie gare di dinastia artistica mi faceva sempre una o due trecce attaccate alla testa! Per me era una cosa preziosissima e mi sentivo orgogliosa di dire me le ha fatte papà e non mamma! Questa bambina e’ fortunata e ha un super papà 😉

  281. Bella storia, davvero un bravo papà! Io da piccola mi facevo spazzolare i capelli solo d mio padre, non volevo che nessuno li toccasse: infatti, avevo sempre i nodi, pur avendo bellissimi capelli (allora, adesso non più). Mio padre è anche diventato in tarda età un bravissimo cuoco, fa torte belle e buone e preparazioni molto complesse, così per puro hobby (e per la gioia dei miei fianchi, che lievitano mangiando tante cose buone). Evviva i papà!

  282. Quanto ti capisco..
    Mio padre non c’è mai stato, e non per farmi le trecce..mai un gioco insieme, mai un dialogo.
    Ed ora ho un bimbo di 3 anni e indovina dov’è suo padre? Sparito quando ero incinta.
    Un abbraccio e un in bocca al lupo per questo tuo periodo che ti rende triste..spero tu possa ritrovare presto il sorriso

  283. che tenero papa’.. mi ha fatto ricordare la mia mamma che per anni e anni mi ha fatto una lunghissima treccia per andare a scuola, e ancora adesso alla soglia dei trent’anni quando sono a casa con lei se mi trova seduta in un momento di relax senza pensarci si avvicina e me la fa <3

  284. Ciao Ambra..grazie mille..! mi dispiace tantissimo x la tua storia..sono sicura che anche da sola sarai essere tutto x il tuo piccolo..! in bocca al lupo a te x tutto..un abbraccio a tutti e due..! grazie ancora..bacione

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here