Ciao ragazze!

Torna l’appuntamento con la storia, i prodotti top, i medi e i flop dei vari brand. Il post di oggi sarà dedicato ad una casa cosmetica americana che è sulla cresta dell’onda da più di 80 anni: la Revlon!

revlon top flop storia

Ebbene si ragazze, la Revlon nacque nel lontano 1932, grazie all’intuizione dei fratelli Charles e Joseph Revson e del chimico Charles Lachman, a cui dobbiamo la L inserita nel nome. 

1951-revsons-lachman

I tre sono passati alla storia per aver lanciato sul mercato il primo smalto moderno, nato grazie ad un’idea assolutamente rivoluzionaria per l’epoca: al posto delle vernici pensarono bene di utilizzare, come basi per i colori, dei veri e propri pigmenti e riuscirono ad ampliare notevolmente la gamma cromatica offerta alle consumatrici, conquistando le dita delle donne di tutto il mondo.

history-of-cosmetics-revlon01

history-of-cosmetics-revlon71

 

Risale agli anni ’50 il lancio sul mercato dei rossetti, grazie alla nota e chiacchieratissima campagna pubblicitaria ‘Fire & Ice’, la quale fece molto scalpore perchè proponeva un ideale di donna americana affascinante e glamour ispirato alle dive straniere tanto in voga all’epoca.

Revlon_History_Desktop_v8-1950s

 

Negli anni ’60, invece, ci fu un cambio di rotta: le pubblicità della Revlon cominciarono a puntare su volti americani e a cercare di esportare il loro look tipico nel resto del mondo.

Revlon_History_Desktop_v8-1960s

Nei successivi anni ’70 la Revlon si fece portavoce dell’ondata di femminismo e dei progressi raggiunti dalle donne e si rinnovò essa stessa,  lanciando nuove linee di prodotti per il viso e per gli occhi, nonché quella che sarebbe diventata la fragranza più venduta nel mondo: Charlie.

Retina_Charlie

Risale agli anni ’80 il vero e proprio boom del brand. Grazie allo sbarco nei grandi magazzini e alla collaborazione con alcuni dei volti più famosi dell’epoca (in primis le super top model Christy Turlington, Claudia Schiffer e Cindy Crawford) la Revlon è riuscita a trasformarsi in uno dei marchi di bellezza più diffusi e conosciuti al mondo.

3582bdfc079964ab86ba948347aeb0ca revlon-80s-unforgetabble-women-ad-campaign06 tumblr_m4wo5qe8Ug1qgw04so1_1280

Negli anni ’90 c’è stato un ulteriore incremento della sua fama: il merito va alla scelta, come testimonial, di Halle Berry e al lancio sul mercato della nota linea ColorStay, che resta tuttora la più venduta del brand.

revlon-and-revlon-colorstay-makeup-combination-oily-skin-gallery

Halle-Berry-for-Revlon-BellaNaija-January-2015

L’arrivo del nuovo millennio ha portato delle belle novità in casa Revlon: Gucci Westman, makeup artist di fama mondiale, è diventata la Global Artist Director e da ormai 15 anni contribuisce al successo della casa cosmetica, insieme agli interessanti volti che la rappresentano attualmente nel mondo, Olivia Wilde ed Emma Stone.

gucci_westman_7304_north_1500x1500

olivia-wilde-revlon-ad-2014-_1 20130117-132502 emma-stone-revlon-2014-photoshoot_7 revlon-ultra-hd-lipstick-emma-stone

 

In generale, trovo che la Revlon sia un brand che si distingue da sempre per i prodotti in crema più che per quelli in polvere: ad esempio i loro ombretti non mi hanno mai colpito, perchè li trovo troppo poco pigmentati. Viceversa ho sempre associato questa casa cosmetica ai rossetti, che considero i loro prodotti di punta. In passato ho amato molto quelli della linea classica, ma non li nominerò nel post perchè non li uso da tantissimo tempo.

P_Lips_Lipstick_Matte

In America, tra l’altro, sono uscite tantissime versioni e linee particolari di ottima qualità, purtroppo sconosciute in Italia.

Revlon-Lipstick

revlon-printable-coupon

 

Pronte a scoprire i prodotti flop e quelli di media qualità? Li trovate nella prossima pagina!