Ciao ragazze!

Oggi parliamo di matite per sopracciglia, indubbiamente tra i prodotti più importanti per la mia routine di trucco; non è un segreto, avete visto tutte le sopracciglia sottili e rade che ho la sfortuna di avere, quindi sapete quanto è importante per me affidarmi a dei buoni prodotti per dare loro forma e definizione. Se volete saperne di più, leggete oltre!

Schermata 2015-04-18 alle 15.53.55

Iniziamo dalle basi: le matite sono i prodotti ideali per chi ha poche sopracciglia e un gran bisogno di riempirle e dare loro una forma decente. Con l’ombretto, infatti, si ottiene una macchia di colore pieno troppo innaturale (e dura anche meno), mentre la matita permette di disegnare dei peletti sottili, più realistici. Io tendo a fare un mix: inizio dalla matita (o da un gel), per poi fissare il tutto con una polvere, proprio come facciamo quando sulle palpebre sovrapponiamo un ombretto in polvere a una base cremosa per un risultato a lunga tenuta.

10

Qui è stato usato l’ombretto: da lontano l’effetto è sicuramente valido, ma nella foto si nota che alcune zone sono troppo colorate e finte, soprattutto la parte iniziale squadrata. Credits: olgablik.com

Schermata 2015-04-18 alle 16.28.22

Le mie sopracciglia… prima e dopo!

In questo modo, tra l’altro, possiamo anche regolare il colore della matita, che magari non è esattamente della tonalità perfetta, e utilizzare un ombretto più chiaro o più scuro a seconda delle nostre esigenze. Rispetto a 6 anni fa, quando ho iniziato a studiare make-up, le mode sono cambiate tantissimo: a noi avevano insegnato che la matita dovrebbe essere di due toni più chiara rispetto alle sopracciglia, mentre adesso questa regola non viene più seguita, anzi, un trend attuale prevede i capelli biondi e le sopracciglia scure (Cara Delevingne docet). Io stessa ho iniziato con le matite per bionde, mentre ora uso tranquillamente quelle per castane. Sempre a proposito di colori, ricordate che lo schiarente per baffetti è un ottimo alleato se le volete più chiare: per non rischiare di ritrovarvele arancioni come è successo a me, ricordate che per le bionde basta un minuto, mentre le castane dovrebbero tenere il prodotto per due minuti. Controllate comunque ogni 10-20 secondi, mi raccomando!

Cara-Delevingne-Elle-Style-Awards-2014-04-720x1057

Una volta le matite per sopracciglia erano quelle classiche temperabili in legno, mentre adesso, sulla scia della famosa Brow Wiz di Anastasia Beverly Hills, tantissime case cosmetiche stanno lanciando una versione automatica, alcune addirittura dalla formulazione waterproof. Il grandissimo vantaggio di questi prodotti è la mina sottile, che permette di tracciare delle linee decise e precise, perfette soprattutto per chi deve disegnare la parte finale, la “coda”, che deve essere a punta e non tonda, proprio come l’eyeliner.

s1056084-main-Lhero

La famosa Brow Wiz di Anastasia: io ne avrò usate almeno 20 in questi anni!

Lo svantaggio piuttosto notevole è il pessimo rapporto quantità-prezzo: mi sono sempre accorta della velocità con cui finivo le matite automatiche, tuttavia ho fatto caso solo di recente alla quantità effettiva di prodotto al loro interno… e sono rimasta sconvolta! Pensate che una matita normale temperabile tende ad avere 0.03 o 0.04 oz (once) di mina, quindi circa 0.85 o 1.13 grammi; quelle automatiche di nuova generazione, invece, hanno appena 0.002 o 0.003 once, l’equivalente di 0.05 o 0.08 grammi di prodotto! La differenza è abissale, il prezzo no, anzi, paghiamo forse di più quelle automatiche, che praticamente compriamo a peso d’oro.

A questo punto vi do un consiglio spassionato: affidatevi alle matite automatiche solo se, come me, avete davvero pochi peletti e quindi un’esigenza concreta di disegnare le sopracciglia dal nulla con un tratto più preciso e duraturo. In questi casi, infatti, le matite classiche non sono ideali, perché sono spesso morbide e scivolose, ma soprattutto andrebbero temperate ogni 5 secondi per ottenere delle linee veramente sottili; se invece avete già delle belle sopracciglia e volete semplicemente cambiarne il colore o riempire qualche buchetto, queste faranno egregiamente il loro dovere e il vostro portafoglio vi ringrazierà!

MG_1153a1

Finita la teoria, passiamo alla pratica: nella prossima pagina scoprirete le matite che non mi fanno impazzire e le mie preferite…