Ciao a tutte!

Alzi la mano chi ama applicare smalti e sfoggiare sempre unghie colorate! Purtroppo però lo smalto, a patto che non sia semi-permanete, ha vita breve. E quando inizia a rovinarsi, o semplicemente quando siamo stufe e vogliamo cambiare colore, ci troviamo di fronte al fatidico dilemma: come togliere lo smalto (al meglio)?

Potrebbe sembrare un problema banale, ma in realtà dovete stare molto attente perché se non togliete lo smalto correttamente, danneggiare le unghie è più facile di quel che crediate.

Inoltre, mentre in alcuni casi togliere lo smalto è semplice, altre volte si incontrano maggiori difficoltà. Dipende anche ovviamente dal tipo di smalto che si indossa: i colori chiari sono generalmente più facili e veloci da togliere, i colori scuri richiedono un po’ più di tempo e attenzione, mentre i glitter spesso mettono a dura prova la vostra pazienza… o no?

Le pagliuzze brillanti sembrano incollate alle unghie e a volte sembra davvero impossibile riuscire a toglierle tutte!!

È per questo che abbiamo pensato, dopo tanti post dedicati allo smalto, di parlarvi di come toglierlo nel modo migliore. Vi sorprenderà scoprire che esistono diversi metodi: da quelli più tradizionali, come il solvente classico, in barattolini o in penna, ai metodi più semplici e naturali. Se volete conoscerne alcuni, continuate a leggere il post!

ClioMakeUp-togliere-smalto-unghie-salviettine

1) SOLVENTI PER UNGHIE

I solventi per unghie sono i prodotti più diffusi per togliere lo smalto. Esistono sia quelli con acetone che quelli senza.

SOLVENTI CON ACETONE

Il solvente con acetone è quello più classico, ma noi ci sentiamo di sconsigliarlo. Infatti l’acetone è aggressivo e nocivo sulle unghie, le indebolisce e arrossa le cuticole e la pelle.

Con i solventi senza acetone impiegherete magari più tempo, ma le vostre unghie vi ringrazieranno. Non pensate sia meglio dedicarci qualche minuto in più, ma proteggerle dall’aggressività dell’acetone?

Inoltre, l’odore del solvente è parecchio pungente e fastidioso, oltre che tossico.

Il solvente con acetone è assolutamente da evitare in gravidanza, anche se in generale è da limitare l’uso di solventi (anche senza acetone) quando si è in dolce attesa.

ClioMakeUp-togliere-smalto-unghie-solvente

SOLVENTI ACETONE FREE

I solventi privi di acetone sono più delicati sulle unghie, ma non per questo sono meno efficaci.


Possono essere utilizzati senza problemi per togliere lo smalto sia su unghie naturali che artificiali.

Quando scegliete il solvente, non c’è bisogno di leggere tutti gli ingredienti: sulla boccetta viene infatti riportata la dicitura che indica l’assenza di acetone all’interno del solvente.

ClioMakeUp-togliere-smalto-unghie-collistarCollistar, Levasmalto hydro-nutriente. Prezzo: 5,49€ su amazon.it 

Spesso sono arricchiti da sostanze lenitive e idratanti che si prenderanno cura delle vostre unghie stressate, facendole apparire lisce e lucide – cosa che, con il classico acetone era quasi impossibile.

2) BARATTOLINI LEVA SMALTO

ClioMakeUp-togliere-smalto-unghie-barattolo-levasmalto

I barattoli leva smalto si vedono spesso nei centri estetici, ma sono facili da reperire anche in negozio. Si tratta di barattoli con le pareti rivestite di “spugna”: immergete l’unghia nel barattolino, che contiene del normale solvente, e dopo poco tiratela fuori… e voilà, come per magia lo smalto è sparito in pochi secondi!

In questo modo non è necessario il cotone e neanche strofinare sull’unghia per togliere lo smalto.

ClioMakeUp-togliere-smalto-unghie-sephoraSephora, bagno solvente express. Prezzo: 9€ su sephora.it. Credits: shoppingandreviews.it

ClioMakeUp-togliere-smalto-unghie-barattoloCredits: chickadvisor.com

3) PENNE LEVA SMALTO

Sono delle penne che rilasciano gradualmente il solvente. Grazie alla punta sottile, con la penna è possibile essere molto precise.

Più che per togliere completamente lo smalto, si tratta di penne correttive che servono quindi per fare dei ritocchi o per eliminare le sbavature sulle cuticole dopo aver applicato lo smalto o gli ultimi residui, dopo averlo tolto.

L’alternativa alla penna, in questi casi, sarebbe bagnare un cotton fioc con un po’ di solvente: il principio è lo stesso ma la penna è molto più comoda!

ClioMakeUp-togliere-smalto-unghie-penna-kikoKiko, nail corrector pen. Prezzo: 5,90€ su kikocosmetics.com

ClioMakeUp-togliere-smalto-unghie-pennaVia Pinterest

Ragazze, abbiamo visto alcuni dei metodi più comuni per togliere lo smalto. Ora, andate a pagina 2, dove troverete dei metodi originali e semplicissimi da provare immediatamente! In più, bonus: come togliere il famigerato smalto glitter?

59 COMMENTI

  1. Davvero l’olio di oliva funziona??? Ma una domanda, questi barattoli levasmalto (che mi incuriosiscono non poco), arrivati a un certo punto non macchiano il dito? Cioè, lo smalto che tolgo… Dove va a finire?

  2. Oddio la polish mountain è orrenda!!!

    Io amo i barattolini Sephora e ho preso anche quello delete qualcosa, che ci infili direttamente le 5 dita! Durano a lungo, tolgono bene lo smalto e rapidamente (c’è pure una versione glitter con un pezzo di spugna dura che gratta). Certo, se si usano solo smalto scuri sono da cambiare più spesso ma io li uso tranquillamente per qualche mese prima di doverli cambiare!

  3. Resta sciolto nell’acetone, per questo dopo tot è da cambiare il barattolo ma ti assicuro che lo usi un bel po di volte! E poi è rapidissimo, non rischi di versare ovunque acetone, non lo annusi..per me non c’è paragone è mille volte più comodo!

  4. A parte il trucchetto dell’olio, che non conoscevo, gli altri li addotto spesso. Io sinceramente con il barattolo levasmalto non mi trovo molto bene perché mi secca le dita… infatti lo uso solo in caso di necessità!

  5. Finisce che se togli uno smalto rosso la volta dopo ti ritrovi con le dita rosse, a me era successo cosi! In più dopo un po’ di usi la spugna interna è tutta sporca dei vari smalti che hai tolto in precedenza, na schifezza insomma… Meglio il vecchio solvente con i vecchi dischetti di cotone

  6. L’olio di oliva non può assolutamente togliere lo smalto classico! E inoltre, i solvemti senza acetone non sono per nulla più delicati, è solo una trovata marketing, semplicemente vengono aggiunti più oli che ammorbidiscono l’unghia, ma i solventi alternativi non hanno nulla di diverso dall’acetone.

  7. infatti, volendo stare a guardare le schede di sicurezza dei solventi, l’acetato di etile (usato nella maggior parte dei solventi senza acetone) parrebbe avere una dl50 nel ratto più o meno simile a quella dell’acetone, il che implica che anche l’acetato di etile è tossico come l’acetone… Secondo me, invece, il fatto che venga percepito come più d3licato è dovuto a quello che diceva il team, cioè che i solventi senza acetone vengono arricchiti di oli/sostanze emollienti etc.. sull’olio di oliva ho i miei grandi dubbi…:)

  8. OLIO DI OLIVA??????????????????????????????????????? Ma non lo sapevooooooooo! Non male come cosa… proverò anche se forse ci metterò una vita hehehehehhe

    Clio perchè non ci parli di smalti/acetoni non tossici? Ad esempio che si possono usare in gravidanza ma non solo…credo che potrebbero interessare anche a chi non ha intenzione di avere per il momento dei bimbi. Ho visto che hai fatto il post “Come prendersi cura della pelle dei bimbi? Tutto sulla baby skincare!” rimaniamo in tema 😉
    Li avevo cercati un pò di tempo fa e ricordo alcuni brand privi di sostanze tossiche come formaldeide, toluene ecc ecc tipo Scotch Naturals, Zoya, Butter London e Priti NYC che forse tu conoscerai benissimo essendo americano…
    Ci dici qualcosina in più?

  9. ciao, io l’ho comprato da tanto..e quando noto che la spugna mi sporca le dita..la tolgo..la pulisco e la reinserisco..poi prendo un solvente..di solito quello di layla (è una confezione molto grande quindi è conveniente), e riempio nuovamente il barattolo di levasmalto e voilà..come nuovo ogni volta!

  10. Uso solventi senza acetone e voglio provare il barattolo con la spugna.
    Non sapevo del trucchetto smalto fresco che toglie anche il vecchio.
    Mi è capitato di portare in viaggio le bustine e sono molto comode!

  11. Concordo con le altre ragazze, l’olio di oliva non toglie assolutamente lo smalto neanche dopo un’ora ed è troppo grasso. Per idratare le unghie è meglio usare oli come l’argan o quello di mandorle dolci, sono più leggeri e lasciano le mani morbide morbide oltre a prevenire secchezza e sfaldamento. Parlo per esperienza 🙂 E comunque mai usare oli o creme prima di mettere lo smalto.
    Per quanto riguarda la rimozione, il mio intento è sì quello di rimuovere bene lo smalto, ma anche di tenere le unghie il meno possibile a contatto col solvente. Ora sto usando quello viola di Essence e mi sto trovando benissimo: rimozione veloce dopodiché una bella lavata di mani col sapone.

  12. è successa anche a me la stessa cosa, Nails Inc è quello che dura di più ma a 10 euro (8GBP) a botta preferisco comprare la bottiglia da un euro e ne ho per tutto l’anno e oltre. E comunque non si può usare per togliere lo smalto dalle dita dei piedi … quindi devi avere lo stesso il dischetto imbevuto di acetone.

  13. A sto punto inventiamoci anche la “polish hotdog ” o la “polish cheeseburger “….Dai, orrenda la polish Mountain!…. Sembrano dei paninetti

  14. guarda ma sai che hai ragione??? sono andata a controllare…è corretto! cacofonico ma corretto! ho sempre pensato fosse “imbere” (che invece non esiste!)
    pardon!

  15. è la seconda volta che compro quello di sephora, se usi smalti molto scuri te lo sconsiglio, bisogna strofinare per toglierli e dopo un po’ di utilizzi il liquido solvente si colora e ti sporca le dita .. se usi i rossi (che sono meno spessi) o smalti chiari invece è comodo perchè metti dentro giri e viene via tutto

  16. un appello perchè evitiate di mettere le immagini di quelle unghie con 5 kg di gel … sono orrende!! ogni volta che le vedo mi vengono i conati :-(((

  17. Olio di oliva davvero? Comunque per togliere smalto glitteroso c’è un solvente ad immersione dedicato di Sephora, molte recensioni lo danno per efficacissimo!

  18. Utilizzo da anni il solvente nel barattolino e mi trovo benissimo. Toglie lo smalto al volo senza sfregare e senza sporcare tutto il dito come mi succedeva usando dischetto+solvente. Utilizzo da tempo quello di Dolomia che compro in farmacia a circa 7 euro, dura tantissimo e la spugna all’interno inizia a sporcarsi di colore solo dopo tanti tanti utilizzi. Se la spugna all’interno è buona non sporca le dita con gli usi successivi. Da due mesi faccio il semipermanente e mi dura intatto 20 giorni senza problemi. spero di poter continuare senza che l’unghia ne risenta .

  19. Ciao , lo smalto tolto rimane nella spugna all’interno del barattolino che se di buona qualità non rilascia colore sulle dita se non dopo moltissime applicazioni. Considera che quello che utilizzo io ( marca Dolomia, in farmacia per circa 7 euro ) inizia ora a sporcare leggermente ( proprio un alone leggero) dopo un anno dall’apertura. Io non tornerei più indietro , dato che il barattolino è siper comodo e veloce!

  20. Che solvente consigliate per gli smalti di colore scuro? Quando li uso non vengono mai via bene con il solvente della Debby che uso ed è ottimo per gli smalti di colore chiaro

  21. Io ho provato quello della mybelline, ma era piuttosto scomodo e quello della pupa – che continuo a ricomprare! Io metto smalti scuri (rosso, nero, rouge noir) e sinceramente non mi sono mai trovata le dita sporche… dopo un po’ va cambiato (per me un paio di mesi), quando senti che le spugne sono un pochino asciutte e vedi che lo smalto si toglie a fatica, ma residui sulle dita comunque nisba!

  22. Caspita io è da tanto che vorrei provarla ma non l’ho ancora trovata nei negozi, tu quale usi? Dove si trova?

  23. Uso la base “strip me off” di NYC, io trovo lo stand da acqua e sapone. Si presenta bianco, è una sorta di vinalvil ma più diluito e una volta che si asciuga diventa trasparente e al tatto leggermente scivoloso.
    Sicuramente non è la miglior base peel off sulla faccia della terra, ma è il più reperibile e per me che entro massimo una settimana mi stufo del colore dello smalto va più che bene. In seguito però vorrei comprare la base peel off della Ünt. Non esiste in Italia, ma pare che sia veramente valida ed il sito fa spedizioni internazionali!

  24. Io uso il barattolo rimuovi smalto kiko e la penna essence e mi trovo benissimo !!!! Spero che inventino qualche soluzione comoda anche x i piedi

  25. Io ne ho comprato uno mesi fa da Shaka e ti assicuro che ancora lo sto usando, e sono una che mette lo smalto spesso e dopo massimo una settimana lo toglie! E soprattutto, uso anche smalti scuri! È ovvio che dopo vari utilizzi sia da buttare, te ne accorgi quando lo smalto che hai se ne va ma le unghie o le dita si macchiano di altri colori (praticamente la somma di tutti i colori messi precedentemente)…a quel punto lo cambi, ma lo avrai usato per molto! Io te lo consiglio, è comodissimo

  26. Concordo!! Io ne ho uno che uso da mesi ormai ed è ancora funzionante! L’ho preso da Shaka, da quando l’ho scoperto uso quello tradizionale solo per i piedi!

  27. Con l’olio d’oliva non si leva un bel niente a meno che non sia di bassissima qualità…gli smalti sono tutti ma proprio tutti poco resistenti se si fanno attività quotidiane normali perciò ragazze vi consiglio smalti da poco prezzo non spendeteci soldi perché tutti fanno promesse di durata che nessuno mantiene bisognerebbe scrivere all’Antitrust per pubblicità ingannevole

  28. anche perchè barattolo viola di essence, è il migliore anche con gli smalti scuri e glitterosi e costa pochissimo. Dopo averlo usato mi lavo le mani e poi applico sulle unghie e cuticole una goccia di olio di ricino e via 🙂

  29. Ma il barattolo funziona veramente? Cioè si immergono le unghie smaltate e puf viene via tutto?
    Sono un pochino scettica per quanto riguarda l’olio di oliva…cmq tentar non nuoce!
    Confermo però che lo smalto su smalto funziona!

  30. funziona molto molto bene, io ho comprato quello di sephora, costicchia…euri 9.00 ma li vale tutti. ciaooo

  31. Concordo ! Una volta ho comprato uno smalto piu’ costoso ed e’ venuto via prima di quelli da 1 euro, facendo in casa le attivita’ quotidiane. Pensavo che fosse una mia sola personale, ma vedo che ci sono altre che hanno constatato ‘sta cosa -credevo di immaginarmi le cose ! Il bello e’ che, mentre quelli da 1 euro dopo tanto che li abbandoni non induriscono facilmente, quello costoso si e’ indurito dopo un mese.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here