Il mondo della nail art, ormai, sta diventando sempre più ampio e variegato, quasi quanto quello del make-up! Inoltre, è sempre in evoluzione e alla ricerca di novità, in vista della scoperta di nuove chicche interessanti in fatto di manicure e nail care! Dopo aver parlato dei vari tipi di forme che si possono dare alle unghie, a come far durare più a lungo gli smalti semi permanenti, e a tutti i metodi per ricostruire e dare un look nuovo alle proprie mani, il post di oggi, dunque, si concentrerà su una tecnica che viene da un paese che, dal punto di vista beauty, non avevamo ancora menzionato: la Russia!

Vi abbiamo, infatti, parlato della manicure che si fa in Giappone, ma ora è arrivato il momento di staccarci dall’Oriente ed è il turno di questa tecnica che è, per l’appunto, nota come manicure russa, ma conosciuta dalle specialiste e dalle nail-care addicted anche con tanti altri nomi! Siete curiose, ragazze, di scoprire di che cosa si tratta e che cosa comporta questa manicure? Allora non vi resta che continuare a leggere per saperne di più!

cliomakeup-manicure-russa-19

MANICURE RUSSA? SÌ, MA ANCHE KOMBI E DRY MANICURE!

La manicure russa è nota soprattutto anche come dry manicure

La manicure russa, nota con questo nome poiché ideata dalle onicotecniche russe, è chiamata anche in altri modi, tra cui kombi manicure ma anche -e soprattutto- dry manicure! Questa definizione, traducibile letteralmente come “manicure a secco”, fa riferimento al fatto che, a differenza della manicure classica, non prevede che le mani, prima della sua realizzazione, vengano immerse nell’acqua!

cliomakeup-manicure-russa-11

Normalmente, infatti, cuticole e unghie, prima della manicure vera e propria, sono messe a mollo in acqua tiepida per poter poi essere lavorate nel modo migliore possibile, e facilitare la rimozione delle pellicine.

cliomakeup-manicure-russa-12

Ebbene, la manicure russa non prevede affatto questo passaggio, in vista di una migliore applicazione di gel e di smalti di ogni tipo!

cliomakeup-manicure-russa-17

CHE COSA RENDE QUESTO METODO DIVERSO DAGLI ALTRI?

Con l’aiuto non solo di strumenti classici per la manicure tra cui gli intramontabili spingicuticole, le lime o le forbicine, la manicure russa ha, come asso nella manica, le punte per fresa!

cliomakeup-manicure-russa

Usate per liberare la lamina ungueale dalle cuticole, in questo modo permettono all’unghia di guadagnare qualche millimetro, dando alla sua parte situata attorno alle cuticole un aspetto regolare e pulito.

cliomakeup-manicure-russa-3Via YouTube @ZlochestiNokti

Le punte per fresa preferite per la realizzazione della dry manicure sono quelle diamantate, molto robuste ma con una grana delicata e che non risulta troppo abrasiva.

cliomakeup-manicure-russa-1

Le punte diamantate sono protagoniste della manicure russa

Ovviamente, proprio per via dell’utilizzo di strumenti che, per quanto non eccessivamente aggressivi, sono comunque appuntiti e potenzialmente taglienti, per farsi fare questa manicure è bene rivolgersi solo ed esclusivamente ad esperti del settore.

cliomakeup-manicure-russa-15Credits: framepool.com

Non solo per evitare spiacevoli sorprese estetiche, ma anche e soprattutto in vista di una rigorosa osservazione e rispetto delle norme di igiene e di sicurezza che, con la manicure russa come non mai, sono importantissime!

cliomakeup-manicure-russa-4Credits: nailpro.it

Ragazze, non è mica finita qui! Nella pagina successiva non solo vi parleremo dei vantaggi che apporta la manicure russa rispetto a quella tradizionale, ma anche quali sono le procedure per farla, i suoi costi e la durata! Andate a pagina 2 per scoprire tutto!