Così come il make-up ci permette di giocare con il nostro aspetto in base all’umore o alle occasioni che ci troviamo a vivere, anche lo smalto ci offre tante possibilità per dare carattere al nostro look con un dettaglio colorato, estroso o chic! Le affinità tra trucco e manicure non finiscono qui perché, così come sul mercato si trovano tantissimi prodotti mirati a valorizzare il nostro viso, ce ne sono altrettanti per dare una svolta all’aspetto delle nostre mani! Non solo, infatti, gli smalti ormai stanno diventando sempre più accessibili, ma c’è un’offerta sempre più grande di prodotti che, fino a pochi anni fa, erano prerogativa dei professionisti, come gli smalti semipermanenti.

Nel post di oggi, allora, vi vogliamo dare qualche dritta su come gestire nel migliore dei modi lo smalto semipermanente fai da te senza fare pasticci, sperando di essere utili sia a chi è alle prime armi con questo cosmetico, sia a chi è già esperta e si sbizzarrisce spesso con lampade UV e colori di ogni tipo! Siete curiose, ragazze, di scoprire di che cosa si tratta? Allora non vi resta che continuare a leggere l’articolo per scoprire tutto!

cliomakeup-smalto-semipermanente-fai-da-te-unghieVia Giphy

PER CHI È INDICATO LO SMALTO SEMIPERMANENTE?

Lo smalto semipermanente è indicato specialmente a chi ha problemi di onicofagia (dunque, in parole povere, a chi si mangia le unghie) e, soprattutto, a chi desidera un compromesso tra la ricostruzione unghie, da molte considerata un po’ invasiva, e una manicure classica.

cliomakeup-smalto-semipermanente-fai-da-te-unghie-2

Lo smalto semipermanente, infatti, è decisamente più resistente rispetto a quello normale, ma al contempo non richiede procedure come una limatura profonda delle unghie come la ricostruzione, e non necessita l’uso di attrezzature potenzialmente aggressive come la fresa per la sua rimozione.


cliomakeup-smalto-semipermanente-fai-da-te-unghie-6

“Questo è molto interessante!”

Tuttavia, questo smalto comporta sicuramente l’uso di agenti e prodotti chimici più intensi se confrontati con quelli della manicure classica. Perciò, se si hanno le unghie in partenza deboli e sottili, forse optare per il fai da te non è la soluzione migliore.

cliomakeup-smalto-semipermanente-fai-da-te-unghie-5

KIT SMALTO SEMIPERMANENTE FAI DA TE: COSA DEVE CONTENERE?

In commercio si possono trovare tantissimi kit per realizzare a casa una manicure fai da te con lo smalto semipermanente e, di norma, contengono tutti gli stessi componenti. Questi ultimi sono il buffer per sgrassare le unghie, un primer, un base coat, un top coat, uno smalto colorato, un prodotto per sgrassare le unghie e un remover mirato a rimuovere lo smalto, solitamente a base di acetone.

cliomakeup-smalto-semipermanente-fai-da-te-unghie-7

Mesauda, Kit per smalto semipermanente con lampada UV. Prezzo: 56€  su Amazon.it

Meglio non mescolare smalti normali con quelli semipermanenti

Sebbene, inoltre, in rete si dica che è possibile usare gli smalti normali sostituendoli a quello colorato e utilizzare solo base e top coat semipermanenti, soprattutto se siete alle prime armi vi consigliamo di usare solo i prodotti del kit, in modo da non avere brutte sorprese!

COME METTERE LO SMALTO SEMIPERMANENTE A CASA

Per applicare lo smalto semipermanente a casa si dovranno seguire pochi semplici step, da eseguire, tuttavia, con molta attenzione, per non compromettere la riuscita della manicure!

cliomakeup-smalto-semipermanente-fai-da-te-unghie-7

Prima di cominciare si devono pulire con cura le unghie dalle cuticole e poi passarvi sopra una lima buffer. A differenza di quanto si fa nel caso della ricostruzione, questa operazione va fatta in modo delicato, senza limare l’unghia ma solo rimuovendone lo strato di grasso che si trova sulla superficie.

cliomakeup-smalto-semipermanente-fai-da-te-unghie-5

Poi è il momento di applicare il primer, normalmente molto liquido e trasparente, che si asciugherà in una trentina di secondi e non va messo sotto la lampada UV.

cliomakeup-smalto-semipermanente-fai-da-te-unghie-8Seguirà poi il base coat, che andrà messo sotto la luce della lampada UV per circa una ventina di secondi. Una volta fatta questa operazione è il turno del colore, che va passato sulle unghie e, successivamente, fatto polimerizzare e catalizzare sotto la lampada.

cliomakeup-smalto-semipermanente-fai-da-te-unghie-2Credits: smaltosemipermanente.net

Fatto ciò, si può passare all’applicazione del top coat, che ha gli stessi tempi di asciugatura della base e dello smalto colorato. La ciliegina sulla torta è lo sgrassatore: basterà metterne qualche goccia su una garza, e passarlo sulle unghie, che saranno così lucide e prive dello strato dispersivo, ossia quella patina appiccicosa che vi rimane sopra dopo averle messe nella lampada.

cliomakeup-smalto-semipermanente-fai-da-te-unghie-9

Et voilà, unghie stellari!

OGNI BRAND HA TEMPISTICHE DIVERSE

Per quanto riguarda le tempistiche segnalate su quanto tenere la mano sotto la lampada segnaliamo, però, che i 20 secondi che abbiamo suggerito sono approssimativi. Ci sono infatti molte variazioni a seconda del tipo di lampada che si è scelto di utilizzare.

cliomakeup-smalto-semipermanente-fai-da-te-unghie-8

Credits: communiplace@fr

Le tempistiche variano da brand a brand

Se si ha una lampada UV, infatti, solitamente ci vorrà più tempo, mentre le lampade a LED sono più veloci.

Inoltre, molto dipende anche dal brand del kit che si è acquistato, dunque… è sempre bene attenersi alle istruzioni!

cliomakeup-smalto-semipermanente-fai-da-te-unghie-1

Plastimea Pro+, Lampada UV per smalto permanente e semipermanente. Prezzo: 24,90€ su Amazon.it

Specialmente quando si tratta di fai da te, inoltre, fate attenzione a non fare la manicure con il semipermanente subito dopo aver fatto la doccia: l’acqua, soprattutto se calda, ammorbidisce le unghie, e fa in modo che lo smalto non aderisca perfettamente!

Ragazze, non abbiamo ancora terminato! Nella pagina successiva vi parleremo di come rimuovere lo smalto semipermanente fai da te e di eventuali controindicazioni che potrebbero insorgere! Scoprite tutto continuando a leggere a pagina 2!

28 COMMENTI

  1. Io non li posso usare..ho provato la ricostruzione vera e propria 2/3 volte e le unghie mi sono dovute ricrescere completamente per averle di nuovo decenti oltre al fatto che mi si scollava in 2 settimane. Ho provato il semipermanente sia in saloni che a casa, ma le mie unghie o lo rigettano e si scolla, oppure risultano super super rovinate. Quindi niente me le tengo al naturale o con i classici smalti che dopo pochi giorni si sbeccano e amen (e ho provato credo qualsiasi marca in commercio. L’unico che mi dura è un glitter di selly hansen)

  2. Non ho mai usato il semipermanente, ma chiunque io conosca che l’abbia usato si è ritrovata con le unghie rovinate. Preferisco averle sane e curate, così anche se lo smalto colorato non durerà tantissimo almeno sono perfette anche con uno trasparente.

  3. Io sono per lo smalto tradizionale.. già quello dà noia alle unghie figuriamoci il semi-permanente…
    Le mie amiche hanno fornelletto ecc ecc ma vedo che non c’è poi molta differenza.
    Sono molto belle quelle in gel, sempre lucidissime, perfette… se non facessero male le avrei fatta già da una vita! Le vidi la prima volta in America su una signora bellissima ed ero rimasta incantata… da noi sono arrivate mooooooooooooolto dopo…l’Italia era indietro anni luce su tante cose ai tempi! Purtroppo però il gel fa male quindi non l’ho mai usato anche se sono stata tentata tantissime volte perchè sono davvero stupende!
    Peccato… quando queste cose non faranno più male ci penserò seriamente hehehehhehehehe

  4. Adoro gli smalti… Però è un periodo che ho le unghie più fragili e ho pensato di provare lo smalto semipermanente. L’esperienza non è stata totalmente positiva, xè nel Centro Nails dove mi sono recata, hanno fatto degli sbagli, tipo non mi hanno messo a posto le cuticole. Le avevo fatte io, ma ci voleva una cura in più, ma soprattutto lo smalto è stato applicato a distanza dalle cuticole. Una volta uscita, sembrava che avevo lo smalto da una settimana, invece che appena applicato e lo strato non era omogeneo. Nonostante tutti questi errori, il colore dello smalto, un nude rosato e la resistenza, mi sono piaciuti moltissimo… Spero di trovare un centro migliore, xè le unghie continuano ad essere più fragili e dopo la rimozione del semitrasparente (sempre nello stesso centro) ancora di più…

  5. Amo lo smalto tradizionale e mi piace cambiarlo ogni quattro/cinque giorni….quindi semi permanente…ciao!

  6. Io ho tutto il kit e di tanto in tanto lo faccio da sola a casa senza problemi alternandolo allo smalto rinforzante e a quelli tradizionali; per le occasioni e/o le vacanze mi concedo la coccola di andare dall’estetista e farlo da loro…in generale col semipermanente mi sono sempre trovata molto bene, come marche uso Layla o Estrosa o Mesauda

  7. Anche a me piace cambiare tutte le settimane e lo smalto semipermanente è troppo laborioso da togliere. Inoltre le mie unghie crescono molto in fretta e in 2 settimane lo smalto è già quasi a metà unghia, per non parlare del problema pellicine … le devo eliminare tutte le settimane. Comunque mi piace cambiare più per vezzo che necessità.

  8. hai provato a mettere un rinforzante? In che senso hai le unghie fragili? Si sfaldano o si sbeccano come se fossero di vetro? Nel primo caso ti consiglio il Nail Envy della OPI, segui le istruzioni e usalo per almeno 2 settimane (esiste anche in versione colorata rosa o nude), io lo metto come base sotto lo smalto per mantenere le unghie forti. Nel secondo usa un olio idratante per unghie e cuticole, in genere le unghie se si spezzano è perchè sono “secche”, è un pochino lo stesso principio del balsamo sui capelli.

  9. Io uso il semipermanete ormai da un paio di anni e non tornerei allo smalto classico per nessun motivo! Quello semipermanente resta moooolto più lucido a lungo e senza sbeccature rispetto a quello normale, senza considerare i tempi di asciugatura velocissimi rispetto a quello tradizionale. Io però uso degli smalti ‘one step’ ovvero si applica solo lo smalto, senza né base nè top coat. Per prevenire il problema delle unghi le fragili è sufficiente fare delle pause ogni tanto tra le una applicazione e l’altra, dando possibilità alle unghie di respirare .

  10. dipende molto dal solvente per la rimozione e dalla marca di smalto.sono una di quelle anti-limatura quindi non sgrasso ne limo le unghie prima dell’applicazione ne per la rimozione..con il remover layla mi si distruggono mentre con lorynails o altre marche lo smalto si toglie in modo semplice e le unghie rimangono davvero intatte e perfette. Trovando i prodotti giusti il risultato può essere ottimo 🙂

  11. Ciao! Ti consiglio lo smalto 7 in 1 di Sally Hansen (che anche Clio promuove). Quando l’ho preso ero scettica: avevo le unghie talmente indebolita che mi si scaldavano dopo 3 giorni di smaltimento “non aggressivi”.. l’ho provato e devo dire che le unghie ora sono belle forti e lisce. Inoltre, anche io una volta avevo fatto il gel da un’estetista e dopo la rimozione me le sono trovate rovinate: erano carta velina e mi faceva male toccare mi tuttavia ho cambiato estetista e ho provato il semipermanente: oltre alla durata eccezionale, al momento della rimozione erano perfettamente integre e non indebolite! Quindi secondo me quello che conta è la professionista che ti applicherà lo smalto e la qualità del prodotto!

  12. Ciao, guarda io faccio il gel da un annetto ormai dall’estetista e non fa assolutamente male, le sostanze che si usano sono le stesse resine che usa il dentista per cui non sono assolutamente tossiche e in più le mie unghie stanno crescendo molto più di prima e non sono fragili. Certo secondo me va fatto fare da una professionista di fiducia che usi dei buoni prodotti e che non brasi via l’unghia nei ritocchi o nel rimuoverlo sennò sì che fa male.

  13. Mi consigliate una buona marca di semipermanente? Hi provato layla one step ma è stata una delusione sia in termini di durata (smalto sbeccato dopo due giorni) che di rimozione, non c era verso di scioglierlo!! Voi che cosa usate?? E lo sciogliete oppure lo limate lasciando un sottilissimo strato?

  14. Si, hai ragione. Ci vuole la professionalità. Spero di trovare qualche brava estetista vicino casa. Grazie 1000, cercherò lo smalto di SH…

  15. Si sono secche. Uso da molti anni la base barriera Mavala, sempre sotto lo smaltoe spessissimo uso l’olio per cuticole. Ho le unghie molto dure e si craccano ai lati. In questo momento la punta si rompe, ed è strano. Se ne va un pezzo. Ho preso un prodotto della Pupa 120 in 1 (xd) che nn fa nulla. Volevo uno di Essie, ma la commessa mi ha convinto a prendere Pupa 🙁 … Tornerò al rinforzante Mavala che ho in casa, oltre la base barriera…Oppurw vwdo l’OPI o Sally Hansen. il problema è che devo prenderli on line. Trovo solo Essie e Mavala da me.

  16. Ciao! Come fai la rimozione degli onestep? Io li avevo comprati entusiasta, ma al momento di toglierli con solvente specifico, cotone e cartina di alluminio non venivano mai via del tutto e mi toccava limare l’unghia. Ho provato gli onestep di layla, mesauda e VIP. Al momento uso quelli normali, con la base easy off, ma mi piacerebbe tornare agli onestep! Hai qualche consiglio da darmi?

  17. Io compro tutto online … risparmio tantissimo soprattutto se sono prodotti che uso regolarmente, ci sono sempre offerte, comunque l’olio per cuticole è generalmente il trattamento migliore per le unghie dure che si spezzano. Anche le maschere per mani e unghie aiutano ce ne sono tante in circolazione. Mettere sempre i guanti di gomma aiuta tantissimo almeno nel mio caso, io mi metto la crema o l’olio e poi infilo i guanti per fare i lavori di casa è come fare un trattamento, vero è che i guanti si rovinano in fretta ma meglio i guanti delle unghie …

  18. Ciao Marti io uso cotone imbevuto di acetone ad azione rinforzata, poi sigillo con le cartine di alluminio e attendo una decina di minuti, dopo di che gratto L’unghia delicatamente con un bastoncino di legno di arancio. Se voglio fare più velocemente allora limo l’unghia preventivamente leggermente fino ad opacizzarla un po’.
    Io uso gli smalti Quick, e ne ho appena acquistato uno Layla. Ciao!

  19. io per più di un anno ho utilizzato i prodotti della layla ma attenzione non il onestep. io ho comprato il primenr( bottiglietta nera con scritta celeste) e la base&top (bottiglietta nera con scritta rosa) poi per il colore degli smalti di qualsiasi marca. io mi ci sono trovata bene solo che adesso ho cambiato e sto utilizzando mesauda perchè ho sentito che è leggermente migliore 🙂

  20. sono quasi due anni che mi faccio il semipermanente da sola,così da autodidatta ho visto in giro qualche video mi sono informata e bam!! ho fatto la pazzia… io mie primi prodotti sono stati della layla primer e base&top invece adesso sto utilizzando quelli della mesauda… sinceramente io mi trovo bene,me le faccio ogni due settimane e ho le unghie sempre apposto…

  21. Ciao scusa se non ti ho risposto prima di solito guardo su Amazon o ebay perchè trovo sempre OPI in offerta soprattutto il nail envy che costa una botta.

  22. Scusa per gli altri prodotti di bellezza di marca trovo molto validi Beauty Bay o lookfantastic credo che spediscano dappertutto.

  23. la sto usando da un paio di mesi,per ora bene anche se io non ho notato nessuna differenza con layla…per me sono validi entrambi

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here