Il caso di Holly Brockwell, una ragazza inglese di 30 anni, ha portato alla luce una tematica che in certi paesi del mondo, come l’Inghilterra ma anche (e soprattutto) gli Stati Uniti, si fa sentire più che mai, ossia la sterilizzazione femminile volontaria. Holly, che da quando aveva 26 anni desiderava sottoporsi alla procedura, è infatti sempre stata rifiutata e ostacolata da praticamente tutti i ginecologi a cui si è rivolta per via della sua giovane età e, solo dopo quattro anni di battaglie con il sistema pubblico sanitario inglese, è riuscita a realizzare il suo intento.

Holly non rimpiange affatto la sua scelta, poiché da sempre convinta di non volere figli, ma la sua situazione ha posto l’attenzione sui risvolti etici e psicologici di un sistema di contraccezione definitivo ed irreversibile come la sterilizzazione. Per saperne di più a riguardo e scoprirne le modalità e le conseguenze fisiche, psicologiche ed etiche, ragazze, non vi resta che continuare a leggere il post!

cliomakeup-sterilizzazione-femminile-volontaria-chiusura-tube-3Holly Brockwell. Credits: metro.co.uk

STERILIZZAZIONE FEMMINILE VOLONTARIA, LA PIÙ QUOTATA NEGLI USA

Statisticamente parlando, negli Stati Uniti il più comune metodo di contraccezione è la sterilizzazione, sia maschile che femminile. Inoltre si evince che, soprattutto negli ultimi anni, questo metodo (di frequente usato da chi di figli ne ha già) è sempre più richiesto da donne giovani e giovanissime che, ancora prima di aver avuto una gravidanza, sono convinte al 100% di non desiderare figli.

cliomakeup-sterilizzazione-femminile-volontaria-chiusura-tube-11

I medici quasi sempre non incoraggiano questa procedura

L’atteggiamento nei confronti di richieste di questo genere, da parte di dottori e ginecologi, come dimostra il caso di Holly generalmente non incoraggia questo tipo di procedura, più costosa rispetto al suo corrispettivo maschile e, a differenza di quest’ultimo, praticamente irreversibile.

cliomakeup-sterilizzazione-femminile-volontaria-chiusura-tube-5Holly che parla della sua lotta alla trasmissione televisiva This Morning

SCELTA AVVENTATA, O DIRITTO DI AUTOGESTIONE CORPOREA?

Si è sollevato dunque un dibattito molto acceso, che da un lato vede, da parte dell’atteggiamento più diffuso tra i medici, un modo per tutelare le giovani donne dal buttarsi in una scelta di cui, in futuro, potrebbero pentirsi, mentre dall’altro si mettono in gioco i diritti delle donne stesse.

cliomakeup-sterilizzazione-femminile-volontaria-chiusura-tube-13

Donne come Holly, infatti, sottolineano l’entità paradossale della loro presunta giovane età usata come scusa per non eseguire questa procedura, trovando assurdo che, legalmente, possano essere considerate maggiorenni e dunque in grado di votare, di guidare un auto, o addirittura possedere un’arma, ma non mature al punto di decidere che cosa fare o non fare della loro sfera riproduttiva.

cliomakeup-sterilizzazione-femminile-volontaria-chiusura-tube-12

PERCHÉ CERTE DONNE SCELGONO LA STERILIZZAZIONE?

La sterilizzazione è un metodo contraccettivo sempre più quotato anche da parte di quella fascia di donne che non si sente sicura ad usare altri metodi considerati più tradizionali, come il preservativo o la pillola anticoncezionale, di cui vogliono evitare i potenziali effetti collaterali a lungo termine.

cliomakeup-sterilizzazione-femminile-volontaria-chiusura-tube-4

Dietro le motivazioni che spingono a rivolgersi a questa procedura c’è inoltre un risvolto psicologico da non sottovalutare, ovvero il superamento di una costante paura di avere una gravidanza indesiderata, e che in determinati casi può minare profondamente la sfera affettiva, sessuale e personale.

cliomakeup-sterilizzazione-femminile-volontaria-chiusura-tube-18

LA STERILIZZAZIONE IN ITALIA È LEGALE?

Anche se non se ne parla, pure paesi come l’Italia hanno legalizzato la sterilizzazione, seppur con condizioni meno elastiche e permissive rispetto quelle vigenti nei già citati Stati Uniti e Inghilterra.

In Italia la sterilizzazione è legale, ma è il metodo contraccettivo meno usato

Nel nostro paese, tuttavia, è il metodo contraccettivo meno utilizzato, anche in vista del fatto che non esiste ancora una legge mirata a riguardo. È diventata però legale dal 1978, e si può eseguire a patto che venga fatta nel rispetto di un valido consenso, durante la maggiore età, e solo qualora possa dare un effettivo beneficio a livello psicologico a chi vi si sottopone.

cliomakeup-sterilizzazione-femminile-volontaria-chiusura-tube-16

Inoltre, è necessario che chi richiede la sterilizzazione sia nelle condizioni adatte sia psicologicamente che fisicamente per sottoporsi all’intervento. Anche nel nostro paese, inoltre, può non essere affatto semplice trovare un medico che accetti di eseguire questo tipo di operazione poiché, chi esercita questa professione, può sollevare obiezione di coscienza nei suoi confronti.

cliomakeup-sterilizzazione-femminile-volontaria-chiusura-tube-19

Ragazze, ma in America che cosa ne pensano i medici della sterilizzazione femminile volontaria? E come si esegue questa procedura, e che cosa fare in caso di pentimento? Scoprite questo e molto altro continuando a leggere a pagina 2!