Ciao ragazze!

Come promesso ecco la seconda parte dedicata ai messaggi subliminali nel marketing; oggi parliamo di make-up!

Schermata 2013-08-04 a 13.08.57

Iniziamo con una premessa: bisogna distinguere tra le case cosmetiche che puntano esplicitamente su malizia ed ironia per presentare i loro prodotti, e quelle che invece fanno dei riferimenti più sottili, che passano inosservati ai nostri occhi abituati a vedere ben di peggio! 

Per quanto riguarda questa seconda categoria, bè, esistono molti brand che realizzano pubblicità più o meno lascive e sensuali; di solito di fronte a queste non c’è molto da scandalizzarsi, anzi, è abbastanza normale che per reclamizzare un rossetto, oggetto quasi “peccaminoso” per molte di noi, venga scelta una bellissima donna, magari anche un po’ provocante:

257700_1867251163585_1310232068_31852360_528806_o tomford-lips1 Kejt-Mos-Rimel-lakovi-za-nokte

Bilboa_1
Avete notato che per pubblicizzare creme e prodotti solari ci fanno sempre vedere il seno delle modelle?? Solo in Italia è così, ve l’assicuro! ;)

korean-etude-advertisement-song-hye-gyo-ec84b1ed989ceab590-lips-cherry

La questione è ben diversa quando pensiamo alle marche che giocano in modo decisamente più evidente sulla sensualità e l’erotismo. Vediamole insieme:

Physicians Formula: Questo marchio americano, sconosciuto in Italia, ha presentato una linea chiamata Sexy Booster (“amplificatore di sensualità”). Niente di scandaloso, per carità, solo packaging divertenti con corsetti e scarpe col tacco, con un leggero profumo sexy di vaniglia. La descrizione sul sito del bronzer illuminante è “lingerie per il viso” 🙂

07864 07861

Nars: Alzi la mano chi non ha mai sentito parlare del famosissimo blush “Orgasm“, divenuto best seller assoluto probabilmente solo grazie al nome! Non si tratta di un caso isolato: nella linea permanente troviamo anche i blush “Deep throath” (gola profonda), “Seduction” (seduzione), “Desire” (desiderio), “Sex Appeal”, “Sin” (peccato) e addirittura “Super Orgasm”, i rossetti “Sexual healing” (guarigione dal sesso) e “Heat Wave” (ondata di calore), i gloss “Pillow talk” (chiacchiere tra le lenzuola), “Stolen Kisses” (baci rubati), “Striptease” (spogliarello)… insomma, questi prodotti dal packaging essenziale ed elegante nascondono un’anima di fuoco 😉

Orgasm
Orgasm
Strip Tease
Strip Tease
Sexual Healing
Sexual Healing

Urban Decay: Qualche anno fa aveva lanciato dei lip gloss dal packaging assolutamente geniale, i “Pocket Rockets”: sul tappo si trovava un piccolo ologramma che presentava un uomo vestito…se muovevate il lucidalabbra l’omino appariva improvvisamente in mutande! Ovviamente ogni gloss aveva un nome maschile: David, James, Timothy…

urban_decay_pocket_rocket_gloss Urban-Decay-Pocket-Rocket-Lip-Gloss

-Too Faced: Eccoci arrivati al marchio che ha ispirato questi due post dedicati al “sesso che vende”. Tra i prodotti in commercio troviamo i balsami labbra dalla forma fallica che mi avevano scandalizzato, i Lip Injection Color Bomb! Moisture Plumping Lip Tint:

Too-faced-Lip-Injection-Color-Bomb-Moisture-Plumping-Lip-Tint-fall-2013-1 48119_10151638875176051_1594113295_n

I mascara “Better Than Sex” (meglio del sesso) e “LashGASM” (che sarebbe tipo ciglia da orgasmo):

Schermata 2013-08-04 a 13.27.05

Schermata 2013-08-04 a 13.28.54

La palette di ombretti “Boudoir Eyes”, “occhi da camera da letto”:

41011_1_

-Sicuramente solo in poche si ricorderanno della Dessert Treats, la linea di cosmetici lanciata dalla cantante Jessica Simpson, dove i prodotti potevano essere leccati e mangiati! Il più spaventoso? La crema per il corpo sotto forma di panna montata, con tanto di zuccherini colorati all’interno del tappo, per rendere il tutto ancora più “goloso”!

2004-with-celebrity-franchsing-at-its-peak-simpson-launched-a-line-of-edible-fragrances-and-cosmetics-called-dessert-by-jessica-simpson dessert_treats_0 desserttreatswhipcream

Anche Urban Decay e Victoria’s Secrets hanno fatto le ciprie saporite da leccare; io avevo provato quella di Victoria’s Secret: confezione molto frou-frou, sa di zucchero ed è più che altro un illuminante!

img-thing V292897_enl

-E per concludere in bellezza, come dimenticare la favolosa pompetta per labbra?

Verdetto finale: il sesso vende? Secondo me sì, anche solo perché fa parlare e grazie al passaparola fa diventare alcuni prodotti strafamosi! E voi ragazze cosa ne pensate? La trovate un’idea divertente o vi infastidisce? Vi sentite effettivamente attratte da questi cosmetici? Fatemi sapere! Un bacioneee