Ciao ragazze!

Oggi apriamo il post con una citazione di Ugo Foscolo, ovvero Colui che speravate di non dover più sentire nominare dopo l’esame di maturità: “L’arte non consiste nel rappresentare cose nuove, bensì nel rappresentare con novità”. Vi starete chiedendo cosa potrà mai c’entrare il Foscolo con il mondo del make-up, ed effettivamente avete ragione ad essere dubbiose. Leggendo oltre e osservando queste immagini, però, probabilmente capirete dove voglio arrivare!

0f57ed06030522fa7c47563fb52f02cd

Dalla collaborazione tra la make-up artist Valeriya Kutsan e il fotografo Alexander Khokhlov, entrambi russi, sono nati diversi progetti davvero interessanti, ovvero “Weird Beauty” e “2D or not 2D”. Nel primo troviamo immagini unicamente in bianco e nero, dove i volti delle modelle ospitano simboli e disegni della quotidianità, dal logo di Chanel a Topolino, dal segno del Wi-fi alla pallina da biliardo. Ovviamente non sono simboli “nuovi”, ma, come direbbe Foscolo, sono rappresentati con novità, assolutamente inaspettati nonostante siano così comuni:

bef1843c167f50ab7df0b09082f2cc5f d62b48673543433e113deaed13336140 26f6599441009eb2f2f614b20422b516 68f887c0cec3d35c9f984931e5ccf7a1

bw-2 ad1b771d02271ab07fa273a3568ef9a8 f9ed66b165a13a58851708e227e2b812 bw-1 1ff4e2dee0145ac2244f7a2803e57edd 50e424603cb92ae0f35eda821a62f32a

Con due semplici prodotti, pittura bianca e nera, la Kutsan crea delle vere magie, soprattutto grazie a una precisione nei dettagli davvero spettacolare. La seconda serie, 2D or not 2D, gioca sull’idea di trasformare i volti delle modelle in opere d’arte bidimensionali, vere e proprie tele da artista.

232bd7d5ca2ac556732f56c433c1750c 182457fc68a742e92f06bbda509437c4 525af50b6ab02457f647a75c60e676fe 4dd54588f45924354577539687a38ddf

0e68807739f8cb2a2c243e10c9664568-1 Obamagirl 09270b13c68a0e88a6cee5eb0800236d Oilpainted MonaLisaPixelated Mask

Si nota di più un’impronta grafica, infatti ha collaborato anche un’artista digitale, e l’effetto è ancora più sorprendente: dalla modella “Obamizzata” alla Monna Lisa pixelata, non c’è un’immagine che non mi stupisca e faccia guardare con ammirazione a questo progetto. Anche in questo caso ci troviamo di fronte a una forma d’arte che è novità, in cui vengono cancellate le linee guida del viso che si seguono normalmente nel make-up, a favore di un’interpretazione alternativa della bellezza femminile. In fin dei conti era questa la novità che cercavo quando vi avevo chiesto un trucco a tema Halloween per il concorso di Ottobre: è naturale che tutti i make-up sono già stati visti, fatti e rifatti, ma c’è sempre spazio per un tocco creativo, per un punto di vista inaspettato rispetto alla normalità a cui siamo abituate!

Insomma ragazze, io sono davvero colpita e volevo condividere con voi queste immagini! Fatemi sapere cosa ne pensate e quali sono le vostre fotografie preferite! Un bacione!