Ciao ragazze!

Che piacere leggere ogni volta i vostri commenti entusiasti sotto i post con i trucchi delle varie epoche! 🙂 Credo che gli anni ’50 della scorsa settimana siano stati forse i più amati dall’inizio di questa serie, vero? E in effetti come darvi torto… Quei look, quegli abiti, quei volti… sono senza tempo! 🙂 Semplicemente favolosi!
Oggi però proseguiamo con il decennio successivo che, credetemi, non avrà nulla da invidiare al precedente! E stavolta sì, ci sono anche LORO… le NOSTRE DIVE….
Voltiamo allora pagina e vediamo cosa ci riservano gli anni ’60! 😉

un tributo alle nostre DIVE... tra le più affascinanti lei: MONICA VITTI!
in apertura un tributo alle nostre DIVE… tra le più affascinanti lei: MONICA VITTI!
capite perché vi dico che i '60 non avranno nulla da invidiare ai decenni precedenti? ^_^
e SOPHIA…. capite perché vi dico che i ’60 non avranno nulla da invidiare ai decenni precedenti? ^_^

Sono gli anni di John F.Kennedy e sua moglie Jacqueline alla Casa Bianca. La coppia, fino al tragico epilogo del ’63, era vista con estrema ammirazione e stima. Entrambi giovani, romantici, di classe. In particolare Jacqueline, una delle più giovani First Lady della storia! La sua bellezza e la sua eleganza ne fecero un’icona di bellezza, proponendo un nuovo stile di vita, raffinato, lussuoso, spesso anche molto criticato.

dida?

5dc630d0f4dd94c724e64df8b5822933Anche lui aveva un fascino indiscusso. Le testimonianze narrano di come tra lui e la diva Marilyn Monroe (che di lì a poco verrà trovata morta) ci fu anche una storia. Memorabile la sua versione cantata di ‘Happy Birthday per festeggiare il 45° compleanno del presidente degli Stati Uniti d’America. Era il 1962 e al Madison Square Garden erano presenti circa 15mila persone!

Dopo la morte del marito, Jacqueline rimase un’icona indiscussa di stile e eleganza. Sposò l’armatore greco Aristotele Onassis e da quel momento tutti iniziarono a chiamarla Jackie O.
article-1198991-05AAAA10000005DC-955_468x506Intanto Londra, dopo la Parigi degli anni ’50, dvenna la nuova capitale della moda in Europa con i suoi stilisti (una su tutte Mary Quant che inventa e lancia le minigonne!), fotografi, artisti e modelle. L’ideale di bellezza proposto, però, era ben lontano dalle curve di Marilyn e dai corpi sinuosi delle pin-up, che fino a poco tempo prima avevano affascinato il mondo intero. Il ‘corpo ideale’ proposto in questi anni era esile e quasi ‘infantile’. Un vero cambiamento. Tra le modelle più famose di quegli anni, una su tutte incarnava perfettamente il nuovo concetto di bellezza: la mitica (e giovanissima) Twiggy!!

all'anagrafe Lesley Hornby... adorabile!
all’anagrafe Lesley Hornby… adorabile!
ora, ditemi voi se una foto così di Twiggy non ne vale almeno 1000 di Cara! :D
ora, ditemi voi se una foto così di Twiggy non ne vale almeno come 1000 di Cara! 😀 Fantastica…
e originalissima! Il rossetto bicolor è fantastico!
…e originalissima! Il rossetto bicolor e i colori pop.. fantastici!
Twiggy e la minigonna!
Twiggy e i mitici abitini a trapezio! :-)
Twiggy e i mitici abitini a trapezio! :-)

vogue-twiggy-782x1024

Sono poi gli anni dei ‘Tre giorni di pace, amore e musica, del celebre concerto di Woodstock (1969), della musica rock, dei Beatles e delle lor fan scatenate, dei messaggi pacifisti e delle manifestazioni di disaccordo per la guerra in Vietnam. Schemi e tabù vengono capovolti e cancellati… gli ideali di libertà e uguaglianza animavano i giovani dell’epoca (anche con la nascita e diffusione della cultura hippie!), che in Europa guidarono anche delle contestazioni studentesche nelle principali università.

tumblr_mk7s3eUE4P1rmaswso1_500

'She loves you yeeee yeee yeeee!' :D
‘She loves you yeeee yeee yeeee!’ :D


E siamo solo agli inizi ragazze… questo era solo un assaggino degli anni ’60! Cliccate qui perché ora si inizia a parlare di look!