Ciao a tutte!

Non ne avete (mai) abbastanza di Oscar? Dopo aver visto i look più notevoli del red carpet della cerimonia e degli After Party, ci sembrava ancora doverosa una considerazione: sapete che tante delle star bocciatissime o promosse con qualche caduta di stile, si sono poi riprese proprio per la festa che ha seguito la premiazione?
Il motivo è forse inspiegabile, ma i loro beauty look e i loro abiti sono imperdibili! Siete pronte per vedere come pochi dettagli possono risollevare un look apparentemente disastroso?

ClioMakeUp-oscar-2016-red-carpet-after-party-prima-e-dopo-look-vestito-trucco-make-up-heidi-klum

HEIDI KLUM

Quello che per Clio (e noi condividiamo) è stato un floppone sul red carpet, ha preso decisamente una nuova piega all’after party di Vanity Fair: il tulle lilla di Marchesa indossato da Heidi Klum, non proprio azzeccato, è stato rimpiazzato da un più moderno e sexy abito nero ad intarsi bluette firmato Atelier Versace.

ClioMakeUp-oscar-2016-red-carpet-after-party-prima-e-dopo-look-vestito-trucco-make-up-heidi-klum-capelli

L’aver sciolto i capelli e intensificato lo sguardo, caricando di più il trucco, ma lasciando la pelle molto nude, poi, le ha dato un’aria più fresca e sensuale.

CHRISSY TEIGEN

Anche se Chrissy era già promossissima alla cerimonia, con l’abito nero scintillante di Talbot Runhof, pensiamo abbia davvero illuminato la notte degli Oscar! Le maniche a fessura, l’incrocio sopra al seno… insomma, davvero strepitosa!

ClioMakeUp-oscar-2016-red-carpet-after-party-prima-e-dopo-look-vestito-trucco-make-up-CHRISSY-TEIGEN

E ammettiamo che ci piacciano ancora di più i capelli: se le ciocche sulle tempie alla cerimonia non avevano convinto molto, l’acconciatura “tirata” ci è apparsa molto più elegante e ricercata!

ClioMakeUp-oscar-2016-red-carpet-after-party-prima-e-dopo-look-vestito-trucco-make-up-CHRISSY-TEIGEN-capelli

JENNIFER LAWRENCE

Su Jennifer Lawrence abbiamo qualche reticenza. Lei sicuramente ha azzeccato i due stili: raffinata per la cerimonia e sexy per l’after party. Però l’abito con le cuciture semi aperte di Alexander Wang rischia di fare un po’ “Lady Frankenstein“, non vi pare?

ClioMakeUp-oscar-2016-red-carpet-after-party-prima-e-dopo-look-vestito-trucco-make-up-jennifer-lawrence

In compenso, per quanto riguarda il beauty, l’abbiamo trovata al meglio! Lo smokey nero che ha proposto, illuminato da una collana più scintillante rispetto a quella del red carpet, è un esempio perfetto da copiare, se avete gli occhi incappucciati!

ClioMakeUp-oscar-2016-red-carpet-after-party-prima-e-dopo-look-vestito-trucco-make-up-jennifer-lawrence-capelli

Non sappiamo, poi, se è la luce, ma le labbra sembrano più nude-beige e meno rosate, rispetto al look del red carpet. Anche le sopracciglia sembrano leggermente più scure e il blush, forse, è stato sostituito da una terra leggera. Diciamo che non sappiamo scegliere: stava benissimo in entrambi i casi!

KERRY WASHINGTON

Kerry Washington è un altro caso in cui si vede come un bel look possa essere rovinato dal vestito sbagliato.
Il corpetto di pelle dell’abito Atelier Versace con cui Kerry ha calcato il palco dell’Academy proprio non ci è andato giù. E invece, per quanto mooolto provocante, l’abito per il party di Vanity Fair sapeva valorizzarle il décolleté mozzafiato e il corpo da pantera dell’attrice di Scandal e Django. Ora sì che anche il trucco acquista una nuova luce!

ClioMakeUp-oscar-2016-red-carpet-after-party-prima-e-dopo-look-vestito-trucco-make-up-kerry-washington

In realtà si direbbe che al cambio d’abito non sia seguito un cambio di trucco e parrucco – e meno male! Stava già divinamente! Probabilmente è tanto solo rinfrescato per apparire ancora intatto e luminosissimo.

ClioMakeUp-oscar-2016-red-carpet-after-party-prima-e-dopo-look-vestito-trucco-make-up-kerry-washington-capelli

E se vi diciamo che Olivia Wilde ha recuperato moltissimo dal red carpet (un po’ disastroso)? E che Brie Larson avrebbe dovuto vincere un secondo Oscar per quanto era divina all’after party? Per questo e tutti gli altri “WOW” dopo tanti “mmmmmh”, girate pagina!