Ciao a tutte!

Ormai da tempo sul web è diventato impossibile non imbattersi nella misteriosa Black Mask, un prodotto che sembra aver conquistato una posizione speciale nella wishlist di ogni beauty-addicted.

Anche voi ragazze non vi siete lasciate sfuggire la notizia, in molte ci avete chiesto di approfondire l’argomento del beauty al nero! Ed eccoci, di seguito condivideremo con voi la nostra opinione sulla maschera del momento. C’è chi dice di amarla e grida al miracolo e chi, invece, pensa di aver buttato soldi al vento!

Senza dimenticarci di coloro che non ne hanno ancora sentito parlare: di cosa si tratta esattamente? Funziona davvero?

Non solo, ci sono altri prodotti che, come vi mostreremo, hanno sfruttato la fama dei toni dark! Vediamoli insieme! 😉

cliomakeup-black-mask-Izabel-goulart-maschera-nera-coverNaturalmente anche le celebrities hanno già testato questa novità! Qui vediamo la topmodel brasiliana Izabel Goulart con una black mask impreziosita da sottili fogli dorati. Sarà questo il segreto della sua bellezza?

Black Mask, questa sconosciuta!

La prima tappa prevede una intro sulla Black Mask, è lei la fondatrice di quest’ondata di interesse, lei che inizialmente ha catturato l’attenzione per la sua forma estetica.

Come possiamo intuire dal nome, la Black Mask è una maschera nera.


Ma dai! 😀

E qui è necessaria la premessa: molti brand hanno creato maschere nere, non esiste LA maschera nera.

La confusione sull’argomento deriva proprio dalla mancanza di un prodotto unico ed originale di una marca specifica: qualunque casa cosmetica potrebbe produrre una maschera nera, bastano gli ingredienti giusti! Ingredienti che analizzeremo meglio in seguito 😉

cliomakeup-black-mask

Il fenomeno della Black Mask, ci siamo accorte, riguarda più il classico tubetto Made in Asia. Molte aziende dall’oriente puntano sulla popolarità creata da maschere di questo colore, di conseguenza sono in tanti a produrla.

cliomakeup-black-mask

cliomakeup-black-mask

cliomakeup-black-maskAddirittura viene utilizzata la stessa modella per pubblicizzare diverse marche. Mmmmmh.

Oltre al colore in sé, l’altro motivo per cui è facile esserne attratte riguarda la rimozione della maschera tramite il metodo peel off che ci riporta dolcemente ai nostri ricordi delle elementari, quando togliersi la pellicola di colla vinilica dalla pelle era puro piacere! Infatti, la maggior parte delle Black Mask in commercio non deve essere sciacquata come una maschera qualsiasi. Più avanti capiremo il perché!

Di cosa è fatta?

Quali sono gli ingredienti chiave che la rendono così speciale?
Anche qui, dipende dalla marca. Non possiamo fare affermazione valide per tutte le maschere nere, ma in genere molte di quelle provenienti dalla Cina (e non solo) contengono, al contrario di ciò che si pensa, il… nulla.

Sarà tutto più chiaro un volta che vi avremo mostrato la lista ingredienti.
Nel dettaglio la maschera che prenderemo come riferimento sarà la Black Mask di Pil’aten, la quale ha riscosso molto successo sull’Amazon italiano, inserendosi al ventunesimo posto in classifica nei bestseller della sezione beauty:

cliomakeup-black-maskPIL’ATEN Blackhead Remover. Prezzo: 6,29€ su Amazon.it
INCI: water, polyvinyl alcohol, the daily dye, glycerol, propylene glycol, the diazonium imidazolidinyl urea, iodopropynyl butyl carbamate, glycol, flavor (daily)

Oltre all’ambiguità della formula, bisogna notare come non ci sia nessun principio attivo, o ingrediente di orgine naturale (come il carbone) che provochi la sua colorazione singolare.

Nell’INCI, al terzo posto, non viene nascosta la presenza di “dye”, che significa colorante. Avete letto bene ragazze, la tanto desiderata Black Mask è, in molti casi, very black a causa dello zampino dei coloranti… e nient’altro!

La Boscia invece, brand molto amato negli States, produce molti articoli nerissimi inserendoci anche una dose di carbone. Ma a che serve il carbone?

Sin dall’antichità il carbone vegetale era conosciuto per le sue molteplici proprietà benefiche, tra cui l’azione depurativa. Grazie alle sue fibre porose, il carbone riesce ad assorbire l’eccesso di sebo sulla nostra pelle, aiutandoci a pulire in profondità i pori!

cliomakeup-black-maskBoscia Luminizing Black Mask. Prezzo: 34$

Infatti dobbiamo ricordarci che certe dichiarazioni che facciamo dipendono molto da brand a brand.

Volete scoprire i risultati che abbiamo ottenuto provando la maschera? Ma allora, è vero che il nero è il colore più adatto per una skincare all’insegna del detox? Scopriamolo insieme nella pagina successiva!