Il mondo della cosmetica si sta orientando sempre di più verso delle scelte ecologiche e verso un approccio green della produzione. 

Affianco ad aziende virtuose come Davines – che realizza i propri prodotti esclusivamente mediante energia da fonti rinnovabili, oltre a formule quasi completamente naturali e imballaggi eco-friendly – sono molte le realtà che stanno operando scelte a favore della tutela del pianeta. 

Il dibattito, che ormai coinvolge anche consumatori sempre più informati, non riguarda più solo le formulazioni, ma anche e soprattutto il packaging dei prodotti cosmetici, che deve essere rispettoso dell’ambiente e dunque riciclato o riciclabile. 

Allora ragazze, siete curiose di scoprire la verità sui materiali che costituiscono gli imballaggi dei prodotti beauty? Continuate a leggere il post!

cliomakeup-packaging-prodotti-cosmetici-1-copertina

PACKAGING DEI PRODOTTI COSMETICI: CONOSCERE IL NEMICO PER SCONFIGGERLO

L’ironia della sorte, a volte, ha dei risvolti tragicomici: la drammatica emergenza globale legata alla plastica ha per protagonista un materiale nato, in realtà, per uno scopo nobile. I primi prototipi, infatti, fanno la loro comparsa nel 1870 grazie a due americani – i fratelli Hyatt – che brevettarono la celluloide per cercare di sostituire l’utilizzo dell’avorio nella produzione delle palle da biliardo. 

cliomakeup-packaging-prodotti-cosmetici-2-libro

Filippo Solibello, Stop Plastica a Mare. Prezzo: 15,30 € su amazon.it


Purtroppo, questo materiale sta letteralmente invadendo il nostro piante e, soprattuto, i mari. Si calcola che circa il 75% della plastica prodotta nel mondo diventi un rifiuto e che ogni anno finiscano nel mare 12,7 milioni di tonnellate di plastica.  

cliomakeup-packaging-prodotti-cosmetici-3-plastica-nei-mari

Via Giphy

L’Italia, nel campo della riduzione del consumo di plastica monouso, è estremamente all’avanguardia: è la prima nazione in Europa, infatti, ad aver decretato lo stop ai Cotton fioc in plastica e alle microplastiche nei prodotti per l’igiene personale. Secondo il WWF, ridurre il consumo di plastica monouso potrebbe far calare la domanda per questo materiale del 40% entro il 2030. 

cliomakeup-packaging-prodotti-cosmetici-4-24bottles-vivienne-westwood

24 bottles è un brand italiano che vuole eliminare le bottiglie di plastica. 24 bottles, Climate Bottle Vivienne Westwood + 5. Prezzo: 39 € su 24bottles.com

Naturalmente, l’industria cosmetica è tra le prime a essere chiamate in causa per il cambiamento: la maggior parte delle confezioni, infatti, non sono riciclabili. D’altra parte, sono molti i brand che hanno accettato la sfida dell’eco-packaging trovando alternative sostenibili al 100% che abbiano anche un aspetto lussuoso. 

IL VETRO È IL PACKAGING ECOSOSTENIBILE PER ECCELLENZA? UN’AFFERMAZIONE CONTROVERSA

Quello della bellezza green è un trend che ha investito non solo le formulazioni, ma anche il mondo del packaging tanto che i consumatori sono sempre più informati su questo tema e sanno bene cosa vorrebbero vedere sugli scaffali. Si tratta del vetro, materiale considerato la scelta più sostenibile nel mondo della cosmetica.

cliomakeup-packaging-prodotti-cosmetici-5-riciclare-vetro

Credits: it.dreamstime.com

il vetro è una scelta green, ma non senza rischi per l’ambiente!

Sorge spontanea una domanda: questo materiale rappresenta davvero una scelta green e senza rischi?  Purtroppo la perfezione non esiste (per ora!). Bisogna tenere presente, infatti, che la funzione primaria del packaging è quella di proteggere il contenuto e, proprio per questo, il vetro non rappresenta un’alternativa felice, essendo molto fragile. 

La conseguenza più immediata è la necessità di inserire un pack secondario a protezione del vetro, aumentando così il volume degli imballaggi. Sommando questo fattore al peso del vetro, ne risulta una scelta ambientale discutibile a causa delle difficoltà di trasporto – e le conseguenti emissioni di CO2.

cliomakeup-packaging-prodotti-cosmetici-6-emissioni-co2

Via Giphy 

L’utilizzo del vetro, però, comporta anche innumerevoli vantaggi non solo per l’ambiente – può essere riusato in molti modi diversi, ma per la stessa industria cosmetica: grazie a questo materiale, infatti, è possibile conservare al meglio la qualità dei prodotti, evitando le contaminazioni. In più, sembra che lusso e sostenibilità possano trovare un punto d’incontro proprio nel vetro! 

cliomakeup-packaging-prodotti-cosmetici-7-tata-harper

Tata Harper utilizza esclusivamente vetro per i suoi prodotti, ma la strada è ancora lunga! Tata Harper, Olio Energizzante per il viso rivitalizzante. Prezzo: 59,65 € su amazon.it

Nel mercato italiano, Bottega Verde ha deciso di eliminare tutti i vasi di plastica in favore del vetro per rispettare al meglio l’attitudine green dell’azienda, che vuole dare massimo rilievo alla naturalità e dire addio alla chimica superflua. 

Ragazze non abbiamo ancora finito! Nella prossima pagina scopriremo alcuni tipi di packaging dei prodotti cosmetici che fanno bene all’ambiente. Continuate a leggere il post!

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here