QUALI SONO LE TRADIZIONI NATALIZIE DALL’ITALIA E DAL MONDO CHE TUTTI DOVREMMO CONOSCERE?

  1. Le tradizioni natalizie sono un tesoro prezioso da preservare, anche quando si trascorre il Natale in poche persone come quest’anno.
  2. Proprio come per le tradizioni e le superstizioni di Capodanno, anche le usanze legate al Natale cambiano molto dal Nord al Sud dell’Italia. Le tradizioni natalizie italiane, infatti, sono estremamente variegate.
  3. Ovviamente, gli usi e i costumi si differenziano ulteriormente uscendo dai nostri confini: sono tante le tradizioni natalizie nel mondo che vale la pena conoscere.
  4. Basti pensare alle tradizioni natalizie inglesi, francesi e a quelle del Nord Europa, radicate nei paesi scandinavi: sono molto diverse dalle nostre!
  5. Che dire, poi, delle tradizioni natalizie americane? C’è tutto un mondo da scoprire, ricco di fascino e magia.

cliomakeup-tradizioni-natalizie-teamclio-cover

Credits: Foto di Pexels | Irina Iriser

Le tradizioni natalizie italiane, che conosciamo tutti molto bene, sono sicuramente diverse da quelle diffuse nel mondo, in Paesi lontani da noi come gli Stati Uniti o anche in zone più vicine, come nel caso delle tradizioni natalizie inglesi o francesi.

Ho pensato, in occasione di questo Natale, di raccogliere alcune delle più belle e interessanti. Parleremo di tradizioni natalizie culinarie e di usi e costumi legati alle celebrazioni delle festività più attese dell’anno. Per i bambini, ma anche per tutti noi adulti che abbiamo ancora voglia di sognare.

TRADIZIONI NATALIZIE ITALIANE: LE USANZE DIFFUSE NEL NORD DEL PAESE

Ci sono delle tradizioni natalizie in Italia diffuse praticamente ovunque, come l’albero di Natale e il presepe. A onor del vero, però, l’albero di Natale è molto più diffuso nel Nord del paese, mentre il presepe al Centro e al Sud.

cliomakeup-tradizioni-natalizie-albero-teamclio-1

Credits: Foto di Pexels | Hert Niks



In alcune zone dell’Italia settentrionale, non è Babbo Natale a portare i doni, ma Santa Lucia. Questa tradizione resiste, per esempio, nelle province di Verona ma anche nelle lombarde Brescia e Bergamo.

cliomakeup-tradizioni-natalizie-teamclio-santa-lucia

Credits: @lucagiacomelliferrarini Via Instagram

In particolare, la tradizione di Santa Lucia è molto sentita in Veneto, proprio a Verona come vi ho anticipato: si narra che durante le festività del 1200 in città si diffuse un’epidemia che colpiva la vista dei bambini e che, per scongiurarla, le mamme decisero di far fare ai loro piccoli un pellegrinaggio chiedendo la grazia a Santa Lucia, protettrice dei non vedenti.

Per convincere i bambini, promisero che la Santa avrebbe fatto trovare loro dei regali al ritorno. Da quel momento, nella notte tra il 12 e il 13 dicembre, i bambini veronesi attendono che Santa Lucia porti i doni in groppa al suo asinello.

cliomakeup-tradizioni-natalizie-teamclio-corona-3

Credits: @stelidistile Via Instagram

Un’usanza tipica del Trentino Alto Adige, invece, è quella della Corona dell’Avvento. Ogni famiglia realizza una corona con rami di abete e nastri rossi di seta intrecciati, inserendo su questa corona 4 candele. Ogni domenica precedente al giorno di Natale, le famiglie si ritrovano per accenderne una, aspettando insieme il 25 dicembre.

DA QUELLE IN SICILIA ALLE USANZE PUGLIESI: LE TRADIZIONI NATALIZIE ITALIANE AL SUD

Come vi ho già anticipato, al Sud è molto diffusa l’usanza del presepe. Basti pensare alla tradizione napoletana e al suggestivo quartiere di San Gregorio Armeno, interamente allestito con presepi e statuette di ogni genere.

cliomakeup-tradizioni-natalizie-teamclio-presepe-4

Credits: Foto di Pexels | Jeswin Thomas

Un’altra usanza molto diffusa è quella degli zampognari – si tratta di una tradizione radicata anche nel Centro – ossia musicisti che girano per le strade dei paesi suonando con la loro zampogna brani tipicamente natalizi. Talvolta bussano anche alle porte, allietando con la loro musica in cambio di un’offerta.

cliomakeup-tradizioni-natalizie-teamclio-zampognari-5

Credits: @barbi.giangiu Via Instagram

Mentre al Nord c’è la tendenza di festeggiare in grande stile durante il Pranzo di Natale, al Sud l’evento più degno di nota è quello del Cenone della Vigilia del 24 dicembre. Basti pensare, per esempio, alle tradizioni natalizie in Sicilia: in alcuni paesi di montagna, la notte del 24 si accendono dei falò per riscaldare Gesù Bambino. Molte famiglie, inoltre, dopo il consueto Cenone si raccontano favole e leggende, per intrattenere i bambini in attesa di Babbo Natale.

cliomakeup-tradizioni-natalizie-teamclio-sicilia-candele-6

Credits: Foto di Pexels | Katie Evensen

IN CALABRIA IL CENONE SI COMPONE DI 13 PORTATE PER UN’IMPORTANTE RAGIONE

Sapevate, poi, che il Cenone della Vigilia in Calabria ha un numero di portate ben preciso? In alcune località, il Cenone deve essere costituito da 13 portate, a simboleggiare i 12 apostoli e Gesù, mentre in altre zone ne prevede solo 9, in onore dei mesi di gestazione di Maria. In Calabria, inoltre, è tipico “u Natalisi“, un particolare pane che secondo la leggenda viene preparato dai defunti per simboleggiare la loro presenza a tavola durante le feste.

cliomakeup-tradizioni-natalizie-teamclio-san-nicola-puglia

Credits: @lestradedelvinopuglia Via Instagram 

Passando, invece, alle tradizioni natalizie pugliesi è bene ricordare che i bambini non aspettano Babbo Natale (o almeno, non solo!). In queste zone, infatti, è San Nicola – che ha poi ispirato anche la leggenda di Babbo Natale – a portare loro i doni, nella notte tra il 5 e il 6 dicembre. Volete sapere come viene accolto? Bollendo una quantità enorme di fave!

LE TRADIZIONI NATALIZIE FRANCESI

Allontaniamoci dall’Italia e approdiamo in Francia. Le tradizioni natalizie francesi riguardano sia la notte della Vigilia che il giorno di Natale. La sera del 24 dicembre, i bambini primi di andare a dormire mettono sul caminetto scarpe o zoccoli perché durante la notte Gesù Bambino o Père Nöel (varia a seconda delle zone) possa riporre lì i suoi doni.

cliomakeup-tradizioni-natalizie-teamclio-francesi-8

Credits: Foto di Pexels | Mister Mister

Dopo il Cenone la tavola non viene mai sparecchiata, così che la Vergine Maria possa fermarsi lì e rifocillarsi. La mattina del 25 dicembre, invece, i bambini scartano i regali. Attenzione, perché questa tradizione non riguarda gli adulti, che si scambiano i doni la notte di Capodanno.

cliomakeup-tradizioni-natalizie-teamclio-francesi-dolci-9

Credits: @projectveganbaking Via Instagram

Grande protagonista il cibo, dalle ostriche a Parigi all’oca e il tacchino in Alsazia e in Borgogna. In Provenza, invece, vengono serviti ben 13 tipi di dessert, per lo stesso motivo simbolico di cui vi ho parlato prima: rappresentano i 12 apostoli e Gesù. Uno dei più famosi è la Bûche de Noël, ossia il tronchetto natalizio che secondo la tradizione va posizionato al centro della tavola imbandita come centrotavola di Natale.

Bellezze, non abbiamo ancora finito! Girate pagina e continuate a leggere per scoprire tante altre tradizioni natalizie. In particolare, parleremo ancora di tradizioni natalizie dall’estero, provenienti da varie parti del mondo!

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here