Ciao ragazze!

L’altro giorno stavo curiosando su internet e ho letto da qualche parte la notizia (ancora incerta tra l’altro) di una nuova linea di make-up firmata Gucci, il cui lancio sarebbe previsto per il 2014. A prescindere dal fatto che sia vero o no, mi sono messa un po’ a pensare a questa “moda” da parte dei grandi marchi di entrare a far parte del mondo della bellezza; dai brand storici come Yves Saint Laurent, Chanel e Dior, ai “nuovi arrivati”, come Burberry, Tom Ford Marc Jacobs e D&G, sembra che ormai nessuno voglia restare escluso da un mercato in continua crescita ed espansione come quello della cosmesi.

DIOR-Bird-of-Paradise-Collection-Sommer-2013

Effettivamente quello che noto ogni volta che vado da Sephora è la grandissima quantità di persone che affollano i negozi, con i carrellini pieni di prodotti neanche troppo economici; ovviamente la crisi si fa sentire ovunque, ma la mia teoria è che noi donne, sempre abituate a cercare le occasioni più vantaggiose, a fiutare le offerte del supermercato e a fare shopping in saldo per risparmiare un pochino, siamo comunque alla ricerca di un piccolo lusso da concederci di tanto in tanto. Una borsa, un vestito o un paio di scarpe firmate possono compromettere le nostre finanze, ma un bel rossetto o una palette speciale riescono a renderci altrettanto felici, senza dover sborsare centinaia di euro e annegare nei sensi di colpa. Secondo me i grandi fashion designer hanno intuito questo nostro desiderio di volerci “viziare” un po’ e hanno trasferito tutto il loro fascino e la loro allure su prodotti resi bellissimi e attraenti, in linea con l’identità della griffe e quindi in grado di regalare non solo un semplice oggetto, ma una vera e propria esperienza sensoriale. Forse sto esagerando, ma pensate un attimo a un cosmetico di lusso che avete acquistato: pensate a Chanel, che avvolge ombretti e ciprie in eleganti astucci di velluto, al leggero profumo dei rossetti di Ysl, così belli che sarebbe un crimine non esibirli in pubblico, alle confezioni dorate dei trucchi di Dolce & Gabbana o a quelle nere ed essenziali di Armaninessuna marca low cost può eguagliare la sensazione di lusso e bellezza che deriva da questi prodotti! 

Tom Ford
Tom Ford
Un'edizione limitata di D&G ispirata al pizzo
Un’edizione limitata di D&G ispirata al pizzo
Il fondotinta Armani Maestro, che amo
Il fondotinta Armani Maestro, che amo
Burberry
Burberry
I nuovi blush in crema di Chanel
I nuovi blush in crema di Chanel
Batom-YVS
Ysl
Lancome_Alber-Elbaz
Alcuni pezzi dell’edizione limitata di Lancome in collaborazione con il designer di Lanvin Alber Elbaz

Poi va bè, si potrebbe fare un discorso tutto a parte sulla qualità di queste linee di make-up supergriffate (di certo non basta un grande nome per arrivare alla perfezione e si possono prendere delle cantonate anche spendendo cifre importanti), ma in linea di massima l’investimento non dovrebbe portare brutte sorprese. 

Ragazze, fatemi sapere se condividete il mio pensiero o se la pensate in modo differente! Voi sentite il desiderio di concedervi qualche lusso di tanto in tanto? Se sì, quali case cosmetiche attirano maggiormente la vostra attenzione? Vi fate catturare dai packaging spettacolari dei brand più famosi o vi fidate più di marchi professionali come la Mac? Pensate che il nome di un designer famoso sia sinonimo di qualità? Sono proprio curiosa di sentire le vostre opinioni!!