Recentemente sul blog si è parlato di invecchiamento della pelle e degli accorgimenti per ritardarlo e minimizzarlo e, nei vostri commenti, ho visto che avete giustamente notato che, le donne asiatiche, hanno una pelle spesso veramente bella, che tende a mostrare i segni dell’età più lentamente rispetto quella delle donne occidentali.

Incuriosita allora ho fatto qualche ricerca e ho scoperto che, questa fortuna genetica è, come si poteva immaginare, accompagnata da un’accuratissima e mirata cura della pelle eheh! Se se è fatta portavoce Chizu Saeki, una delle più famose e ammirate guru giapponesi in fatto di skincare, che ha racchiuso i segreti di una pelle perfetta ad ogni età in un metodo che ha raccolto centinaia di migliaia di fan in tutto il mondo! Siete curiose, bellezze, di scoprire di che cosa si tratta? Allora non vi resta che continuare a leggere per scoprire i segreti di bellezza del Sol Levante ;-)!

cliomakeup-skincare-giapponese

PRIMA DI TUTTO: CHI È CHIZU SAEKI?

Chizu Saeki è una delle più famose estetiste ed esperte di bellezza del Giappone. La sua carriera ha, alle spalle, importanti impieghi per case cosmetiche affermate come Dior e Guerlain, ma poi Chizu ha deciso di aprire un salone tutto suo, in cui poter utilizzare i suoi particolari metodi per la cura della pelle!

cliomakeup-skincare-giapponese-3Chizu Saeki. Credits: sheis.vn

 “The Japanese skincare revolution” è diventato un best seller!

Da una parte sono basati sui pilastri della tradizione di bellezza giapponese ma, dall’altra, se ne distaccano, e presentano innovazioni che sono parse sin da subito avanguardistiche!

cliomakeup-skincare-giapponese-1

Chizu ha voluto condividerle con il resto del mondo in un libro intitolato The Japanese Skincare Revolution (“La rivoluzione della skincare giapponese”) che, non c’è neanche bisogno di dirlo, è diventato in pochissimo tempo un best seller!

cliomakeup-skincare-giapponese-2Chizu Saeki, The Japanese Skincare Revolution. Prezzo: a partire da 20,84€ su Amazon.it

MA IN CHE COSA CONSISTE LA “RIVOLUZIONE” DELLA SKINCARE GIAPPONESE?

In Giappone è molto diffusa la tendenza a lavare la pelle in più passaggi, prima rimuovendo il make-up con un olio struccante, e poi pulendola a fondo con un detergente. Il metodo di Chizu Saeki tende, però, ad allontanarsi da questa skincare routine, optando per l’uso di lozioni e creme al posto degli oli.

cliomakeup-skincare-giapponese-5Credits: luukmagazine.com

La filosofia di Chizu, inoltre, è incentrata sulla prevenzione dell’invecchiamento della pelle, pur avendo a cuore tutte le problematiche e gli inestetismi che la possono riguardare. Ecco gli step fondamentali che promuove!

cliomakeup-skincare-giapponeseCredits: thenonblonde.com

IL DIGIUNO DELLA PELLE

Una volta alla settimana Chizu raccomanda di tenere la pelle “a digiuno”

Chizu Saeki raccomanda, almeno una volta alla settimana, di tenere la pelle “a digiuno”, ovvero di non applicare nessun tipo di prodotto sul viso (neanche un detergente per lavarlo) per 24 ore, e di limitarsi ad utilizzare dell’acqua.

cliomakeup-skincare-giapponese-8

In questo modo, la pelle avrà il tempo di “disintossicarsi” e sarà più ricettiva ai prodotti che vi verranno applicati nei rimanenti sei giorni successivi!

cliomakeup-skincare-giapponese-13

Bellezze, non è mica finita qui! Nella pagina successiva vi parlerò di come questa guru della skincare giapponese suggerisce di usare i prodotti per la cura della pelle, e della sua famosissima maschera fai da te di 3 minuti! Andate a pagina 2 per vedere di che si tratta!

28 COMMENTI

  1. O questa tipa è un genio o cavalca l’onda delle skin care orientali, non resta che provare……

  2. Post interessantissimo! Ora che mi stavo abituando a seguire la skincare coreana armandomi di pazienza con mille prodotti sulla mensola del bagno, qui si professa il “less is more” e addirittura il digiuno facciale? Ahah… Ci avevo pensato anche io al digiuno da prodotti, così spontaneamente a volte lo faccio. Penso che le culture asiatiche giapponese e coreana siano molto avanti in fatto di skincare pertanto mi piace essere informata su queste cose,trovo che ci siano sempre ottimi spunti per migliorare il modo in cui usiamo i prodotti. Terrò conto del massaggio, cosa che già faccio se non sono troppo pigra. Per la genialata dell’uso delle proprie secrezioni sebacee, proprio ora che son riuscita a limitarne la produzione con maschere quotidiane, pulizia etc mi si dice di farne tesoro? Buuuh ;-P

  3. Mi piace questa signora!!anche io sono convinta che un ottimo massaggio applicato ad un prodotto altrettanto valido, siano meglio di qualsiasi routine che include mille mila passaggi. Infatti io penso che fare così tanti passaggi con così tanti prodotti, stressi la pelle e basta!poi ahimè fa tanto la genetica, se nasci con la tendenza ad avere rughe non c’è prodotto/skincare che tenga..
    Quella degli olii naturali del viso non mi sembra così una cavolata, infatti è noto che le persone con la pelle grassa tendano ad avere meno rughe..proverò!ahah

  4. Il digiuno della pelle non è troppo diverso da ciò che dicevo io riguardo il fatto che qualche sera è meglio non applicare nulla. A me capita di stare senza crema quando mi sveglio più tardi e lavoro a casa. Oppure quando non sto bene e la mia pelle produce più sebo perché a un certo punto la mia priorità è stare nel letto invece che applicare creme. Credo sia ottimo il concetto di less is more. Vorrei leggere il suo libro per vedere quante creme consiglia di usare realmente e com’e la routine mattutina e quella serale.

  5. L’idea della maschera mi piace molto, senza farlo apposta ho appena acquistato il tonico all’ acqua di rose, è davvero delicatissimo e con le maschere di muji mi coccolo 3 minuti!! Ottimo post ragazze

  6. Vorrei provare il “digiuno della pelle” nei giorni in cui lavoro a casa, ma il problema è che anche lavando il viso solo con acqua del rubinetto (molto calcarea) mi “tira” tantissimo e non riesco a non mettere la crema…

  7. io pratico il digiuno dela pelle, ma comunque applico un contorno occhi ed un idratante leggero dopo la normale detersione, altrimenti sento “tirare” la pelle e credo che nemmeno questo vada bene…. comunque anche secondo me, nel caso delle done asiatiche, è perlopiù una questione di genetica, hanno la pelle bella a prescindere… a proposito di questo porto l’esempio delle mie nonne: quella paterna era solita curare molto la pelle (latte detergente, tonico e crema) , la materna non ha mai usato creme o simili; morale la mia nonna paterna era
    iena di rughe, complice la pelle chiara e sensibile, nonostante le crema… la materna ha ancora una pelle bellissima…. la genetica fa molto…

  8. Non c’entra niente con questi prodotti, ma proprio ora mi sono arrivati i prodotti di ” The Ordinary”!!!! Ne aveva parlato una ragazza gg fa (li usava) , e vediamo come saranno:))

  9. Ciao Eder, io ho la pelle secca e non è meglio della pelle grassa … stai sempre a combattere perchè il colorito tende ad essere spento ed è quasi impossibile avere un aspetto radioso. Inoltre è prona a brufoli sotto pelle e milia perchè i pori si occludono facilmente. Beata te che puoi usare il minimo indispensabile, penso che chi ha la pelle secca debba usare più prodotti per mantenerla. Tra peeling, sieri, maschere idratanti, crema occhi, crema viso, olio struccante, crema struccante, impacchi e varie mi sa che sei messa meglio tu.

  10. Ciao Rebby, mi sa che ero io … mi sto ancora trovando molto bene. Ho di nuovo ordinato l’argireline. Fammi sapere come ti trovi.

  11. Ciao anche dove vivo io l’acqua è calcarea, senza spendere una fortuna io riempio il rubinetto e ci metto una manciata di bicarbonato. Aiuta ad ammorbidire l’acqua anche se non efficacemente come i filtri.

  12. Si eri tu!!! Li ho ordinati sul sito “deciem” e in una settimana lavorativa mi sono arrivati! Ti faro’ sapere! Grazie!!

  13. L’Erbolario fa un un tonico per pelli miste/grasse e uno per pelli secche e sensibili a base di ialuronico e attivi specifici pensato proprio per questo scopo, nella confezione si trovano 5 pastiglie di garza che una volta inumidite si trasformano in una maschera di tessuto monouso. Anche in Corea cmq gli utlimi trend sono tutti all’insegna del “fast skincare” o “skin diet” in cui si punta a semplificare la rouitne il più possibile con un solo attivo per volta, gli unici punti fermi rimangono la detersione serale doppia con olio e l’spf di giorno.

  14. anch’io ne sto usando vari, presi su Asos Italia, uno mi sta piacendo tantissimo, altri sono efficaci ma hanno una texture un po’troppo appiccicosa, specie con questo caldo, ottimo rapporto qualità/prezzo cmq anche se vanno usati studiando bene le istruzioni fornite dall’azienda sul suo sito prima altrimenti con certi attivi così concentrati (gli acidi soprattutto) si rischiano danni grossi 😉

  15. Rispondo a te e anche a SilviaD69….ho ancora dei prodotti da smaltire e aperti, ma stasera presa dalla curiosita’ ho voluto provare il peeling agli acidi..quello rosso x intenderci…prima mi sono struccata, ho fatto poi un leggerissimo scrub marca Avril, che è molto delicato, poi ho fatto il peeling..tieni presente che ho una pelle mista, ma nn piu’ tanto grassa, e sulle gote abbastanza delicata…a parte un leggero pizzicore non ho sentito altro..ho rispettato cmq i 10 minuti canonici di posa….che vi devo dire…la pelle è apparsa da subito molto liscia e parecchio luminosa!! Sulla fronte addirittura sembrava avessi messo un illuminante trasparente!! Ma nessuna zona grassa x via del lucido! Stupita in positivo! Ho acquistato oltre a questo, anche il contorno occhi alla caffeina, l’argireline, la crema viso alla vitamina c, l’acido jaluronico, il retinolo, e il buffet, che è una sorta di siero da mettere prima delle creme..non vedo l’ora di provarli, a parte il retinolo che lo riservero’ x l’autunno..grazie ragazze!!

  16. Io purtroppo non posso usare l’acqau del rubinatto della mia città per lavarmi, quindi uso sempr l’acqua termale
    Potresti lavare il viso normalmente e poi spruzzare un po’ di acqua termale e “lavarti” ulteriormente il viso in modo da togliere il calcare

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here