Si è appena conclusa la Fashion Week di Milano, che ci ha mostrato le sfilate delle grandi firme e non solo: nomi importanti che presentano le loro nuove collezioni e le tendenze che dovremmo aspettarci per la prossima stagione. Tra polo sportive, pellicce immense e stampe animalier, secondo voi, cosa ci ha più colpito delle ultime novità?

Ebbene si, risposta corretta! Le stampe africane ragazze! Lo stile afro ha iniziato a farsi vedere durante l’estate: design occidentali hanno incontrato tessuti tipicamente africani, i colori si sono fatti vivaci e gli abbinamenti non hanno avuto paura di essere audaci. Se vi ricordate, anche nel make-up si è visto molto stile Safari e Sahara.

Oggi vi vogliamo mostrare come le star hanno declinato questo stile e vogliamo parlarvi di un importante evento che si è tenuto a Milano, di cui purtroppo si parla ancora poco: la Afro Fashion Week! Ebbene sì, alternativa alla Fashion Week mainstream, anche la cultura e lo stile tipicamente africani hanno trovato il loro spazio nel mondo della moda. Siete curiose? Allora non vi resta che leggere il post!

ClioMakeUp-stile-afro-fashion-week-milano-1

LO STILE AFRO E LE STAR DI HOLLYWOOD: QUANDO LA TRADIZIONE È COOL

ClioMakeUp-stile-afro-fashion-week-milano-2

Gwen Stefani in tutto il suo splendore!


Questo 2017 è stato e continuerà ad essere l’anno dell’african style. Molte star come Beyoncè, Lupita Nyong, Gwen Stefani o la stessa e ex first lady Michelle Obama, hanno scelto e scelgono di mostrarsi, sotto i riflettori, con accessori, gioielli o total look ispirati ai tessuti del continente nero.

ClioMakeUp-stile-afro-fashion-week-milano-3

Per chi trova la stampa troppo sgargiante per il proprio stile, possono essere attraenti i piccoli accessori. Questi orecchini, per esempio, non sono fantastici? Via Pinterest

RIHANNA CON ABITO DI STELLA JEAN ALLA CASA BIANCA

ClioMakeUp-stile-afro-fashion-week-milano-4

Anche Rihanna, fondatrice della linea Fenty Beauty – diventata immediatamente celebre per l’inclusività dei suoi prodotti – ha portato, al suo incontro ufficiale alla Casa Bianca con l’ex presidente Barack Obama, un vestito dalla silhouette anni ‘50, caratterizzato da fantasie africane che valorizzano la linea della cantante.

Riri, scegliendo di indossare questo abito di carattere, non ha portato solo un po’ di cultura africana a casa del Presidente, ma anche un po’ di italianità in USA, perché Stella Jean (stilista di origine italiana nata a Roma da padre torinese) nelle sue creazioni riporta la  tradizione tipica dell’artigianalità e della manualità italiana.

ClioMakeUp-stile-afro-fashion-week-milano-5
Ma la febbre da stampa africana non ha colpito solo l’alta moda: anche marchi, considerati accessibili, come Zara, H&M e ASOS, quest’estate hanno dato il via a costumi e accessori a basso costo ricchi di riferimenti alla cultura Afro!!Le avevate già intraviste? Ecco cosa vi siete perse!?

ClioMakeUp-stile-afro-fashion-week-milano-5Zara, camicia stampa africana. Prezzo: 29,95€

 ClioMakeUp-stile-afro-fashion-week-milano-7

ASOS, maxi maglia con volant stampato. Prezzo: 30,49€

NON SOLO “MODA”: LE STAMPE AFRO TRADIZIONALI HANNO UNA STORIA.

Quando parliamo di “stile afro” o “stile tribale” non si tratta solo di moda. Ogni colore, ogni linea e singolo dettaglio di queste meravigliose fantasie, non solo rappresentano i colori brillanti di questa bellissima terra ma raccontano soprattutto la sua storia.

Bizzarro pensare che tutto nasca dall’esportazione di stoffe dall’Indonesia alla costa occidentale Africana, nel XVII. In quell’epoca, i colonizzatori, affascinati da questi tessuti grezzi ed originali, esportarono la loro fabbricazione in Europa. Con le grandi distanze da percorrere l’Africa rimaneva una zona di passaggio e, proprio lì, ci si rese conto che questi tessuti stavano diventando sempre più popolari.

Assunsero infatti una forte rilevanza culturale, sociale ed economica, diventando inizialmente simbolo di ricchezza, e poi, con il passare degli anni, parte della cultura e tradizione africana. Questi tessuti “urlano” alla vivacità, alla Joie de Vivre, alla passione ed emanano positività proprio come piace a noi! 🙂

ClioMakeUp-stile-afro-fashion-week-milano-8
Il rosso vibrante dei tramonti, il giallo luminoso  del sole, il verde vivo della savana… Non vi viene già voglia di indossarne uno!? Scopriamo insieme a pag. 2  gli abiti sfoggiati per la sfilata e gli ospiti speciali di questa prima Afro Fashion Week di Milano.

5 COMMENTI

  1. avete fatto benissimo a parlarne però, se mi posso permettere, “continente nero” no….. non è un sinonimo di Africa, è storicamente connotato in maniera negativa e stigmatizzante.

  2. Grazie per l’osservazione, apprezziamo davvero che tu abbia letto l’articolo con attenzione, per questo ci teniamo a dire che il nostro intento non era minimamente dispregiativo. Infatti quando si parla di “Continente nero” di solito ci si riferisce alla parte dell’Africa che si trova al sud del Sahara, e il motivo del nome dipende dal fatto che per molto tempo é rimasta inesplorata, oltre al fatto che gli abitanti di queste zone hanno appunto la pelle di colore nero. È quindi un termine arcaico: per esempio i colonizzatori vedevano questa zona oscura in quanto ignota. Oppure viene anche usato dagli astronauti che guardano la terra dallo spazio, poiché risulta il continente meno illuminato, per via dell’assenza dell’elettricità in alcune zone. Non era quindi nostra intenzione sminuire, ma piuttosto valorizzarlo.

  3. La moda afro mi ha sempre molto affascinata, ma su di me proprio non riesco a vederla… Le donne di origine africana la maggior parte delle volte sembrano delle divinità con quei colori e con quelle fantasie, ma per vedermici io avrei bisogno della loro consulenza. Belle, comunque, anzi bellissime 🙂

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here