Quando si parla di eiaculazione femminile, sembra quasi di scoperchiare il “Vaso di Pandora”, e con un misto di incredulità e interesse tutte le donne si iniziano a porre delle domande.

L’eiaculazione femminile (in gergo squirting), rappresenta il picco di piacere femminile, ottenuto tramite l’orgasmo clitorideo. Il termine deriva dall’inglese, e significa “fontana”. Sono molte le donne che si aspettano di vedere sgorgare dalle loro gambe un fiume in piena, e forse, proprio per questo in molte ne sono spaventate.

Secondo alcuni studi il liquido prodotto durante lo squirting, in alcune donne è più denso, ma viene espulso sempre dall’uretra. Analizzandolo in laboratorio è stato scoperto che è molto simile allo sperma, poiché contiene un’altissima quantità di PSA, un enzima che negli uomini viene secreto dalla prostata. Questo fluido sarebbe prodotto da residui di ghiandola prostatica, o dalle ghiandole di Skene (probabili evoluzioni femminili della prostata) presenti e attivi solo in alcune donne.

In questo post, vi vogliamo raccontare di cosa si parla quando si affronta l’argomento eiaculazione femminile, e i 5 passi che alcune di noi hanno trovato fondamentali per raggiungere il proprio piacere. Siete un po’ curiose? Allora iniziamo!

cliomakeup-eiaculazione-femminile-squirting-3-happines

#1 RESPIRA

Sempre più donne rendono nota la loro capacità di eiaculare. Tra il 10-40% della popolazione ammette di essere in grado di portare il proprio corpo ad un piacere così intenso. Ma come squirtare davvero?

cliomakeup-eiaculazione-femminile-squirting-2-orgasmo

Tutte le gif sono via: giphy.com


La libertà sessuale, ci ha portato a farci sempre più domande sul sesso in generale, e su questa pratica in particolare. Molte donne, non sanno come raggiungere questo attimo tanto ambito, e talvolta accade che sia proprio la nostra mente a frenarci.

impariamo ad ascoltare il nostro corpo per poter raggiungere l’orgasmo

Fondamentale è imparare ad ascoltare il proprio corpo, e preparalo per l’eiaculazione. Lo squirting è un fenomeno tutto femminile, caratterizzato da un’abbondante secrezione inodore e incolore che viene espulsa grazie alle contrazioni dell’orgasmo.

cliomakeup-eiaculazione-femminile-squirting-17-squish

Per prima cosa bisogno respirare, sembra ridicolo dirlo, ma non c’è niente di peggio, che avere l’ansia di raggiungere questo momento. L’orgasmo, non è un traguardo da tagliare, ma un momento di puro piacere che ci attraversa come una scarica elettrica. L’eiaculazione è solamente una sua conseguenza, ma in nessun caso deve diventare un’ossessione. Se no, sarà praticamente impossibile raggiungerla!

#2 SENTITEVI DISINIBITE DURANTE IL RAPPORTO

Che siate da sole 😉 o con il vostro partner, dovete godervi i momento… in tutti i sensi. Ci spieghiamo meglio: tutte noi possiamo raggiungere l’orgasmo e di conseguenza abbiamo tutte la possibilità di vivere lo squirting. Ma, questo può accadere solamente se ci sentiamo bene con il nostro corpo, con il nostro compagno/a e non abbiamo assolutamente la sensazione di essere giudicate.

cliomakeup-eiaculazione-femminile-squirting-5-disinibite

Durante l’amplesso sessuale non dovete domandarvi che cosa starà pensando di voi l’altra persona. Non dovete pensare a come sembrerà il vostro corpo o se quello che state facendo è troppo, o troppo poco.

cliomakeup-eiaculazione-femminile-squirting-14-love-yourself

Durante il sesso tutte queste “paturnie” le dovete lasciare fuori dalla camera da letto, e sentirvi libere di muovervi come più vi piace. Sentitevi disinibite, felici e libere. In questo modo, sarà più facile raggiungere l’orgasmo e chissà, magari anche la tanto ambita eiaculazione femminile.

cliomakeup-eiaculazione-femminile-squirting-11-sesso

#3 NON ENTRARE NEL LOOP “CE LA DEVO FARE” 

Le vostre amiche vi hanno confidato che durante l’orgasmo arrivano sempre all’eiaculazione e a voi non è mai successo? Tranquille, non siete “difettose”, e non dovete assolutamente entrare nel loop “ce la devo fare” .

cliomakeup-eiaculazione-femminile-squirting-9-sogni-erotici

Non c’è una regola per squirtare, benché in molte la vorremmo avere, però sappiamo che tutto parte dalla stimolazione clitoridea. Questa, o la stimolazione della parte iniziale della vagina, nella parete anteriore su cui è appoggiata la vescica, innescherebbero tutto il processo. A dover essere stimolato è il punto G (complesso clitoro-uretro-vaginale), e questa stimolazione sollecita direttamente la vescica, che favorisce tutto il processo.

cliomakeup-eiaculazione-femminile-squirting-1-labbra

Ragazze, non siamo ancora arrivate al dunque. Nella prossima pagina vi diremo quali sono gli ultimi due passaggi che vi porteranno all’orgasmo e all’eiaculazione! Curiosissime? Allora “venite” a pagina due! 

33 COMMENTI

  1. Diamine, avevo letto “Educazione Femminile, i 5 Passaggi Fondamentali Per Il Vostro “Happy Ending” e già pensavo a una guida per un matrimonio felice e duraturo

  2. Solo a me questo articolo ha fatto venire ansia perché non ho queste ghiandole residue necessarie allo squirting? All’inizio dell’articolo si dice che sono una rarità poi sembra che se non squirti non godi. In questo articolo non si parla di orgasmo ma di altro, l’ho trovato proprio fatto male e collabora a creare false aspettative e credenze anziché il contrario. Non ci siamo per niente.

  3. non ho alcun problema a raggiungere sia l’orgasmo vaginale che clitorideo, ma lo squirting non l’ho proprio mai avuto. Sarebbe interessante provarlo almeno per curiosità, però sapevo anch’io, come qualcuna ha già scritto, che non tutte le donne hanno queste ghiandole che creano il famoso liquido. Boh! Mi sa che rimarrà un mistero…

  4. Ahah è magnifico il pokemon alla fine…SQUIRTLE!! Ogni riferimento è puramente casuale! Ahahaha

  5. Carooo Squirtle!! xD
    Comunque io ero convinta che fosse solo una leggenda e roba finta da film porno, anche perché non conosco nessuno a cui succede…
    Nel mio caso comunque è difficile lasciarmi andare del tutto non avendo mai un letto a disposizione, sempre col terrore che qualcuno ti sgami D:

  6. Come fai a sapere per certo che non hai queste ghiandole? Magari lo credi perché, come dice l’articolo, non ti è mai successo magari per eccessivo pudore o timore o pensieri in quel momento.

  7. Parlandone apertamente ho capito che è una cosa abbastanza diffusa ma di cui se ne parla poco perché noi donne dandoci la colpa cerchiamo di nasconderlo. Adesso ne parlo seneramente ma non nascondo che c’è stato un periodo non proprio roseo della mia vita in cui il sesso era diventato un tormento, più mi sentivo in difetto meno avevo voglia di avere rapporti e per il proprio partner non è proprio gratificante come cosa. Quasi invidio gli uomini perché riescono sempre a trarre piacere e a volte credono che per le donne sia uguale! Niente di più falso però non ho mai finto a letto per farlo contento. Purtroppo non riesco a lasciare tutto fuori dalla camera da letto come dovrebbe essere quindi se per me è un periodo no ne risento anche sul lato sessuale.

  8. bravissima… fingere è solo controproducente perchè poi il partner si sente il dio del sesso e pensa che vada bene così, quindi non si “impegnerà” a cambiare, se pensa che a noi vada bene così! 😉

  9. Hai ragione il sesso è difficilissimo quando di vive con i genitori
    Io ho avuto un paio di partner eh ma col primo ero all’università e a casa quindi non facevo mai nulla o quasi..mentre col mio attuale comosgco abbisab casina e privacy

    In Italia il sesso è taboo

  10. Praticamente tocca fare solo camporella, come si dice da me, non avendo ne io ne lui mai la casa libera. Molto rara la cosa e anche se fosse hai sempre l’ansia che per qualche motivo possano tornare prima, oppure zii e vicini che passano e vedono la macchina sapendo che i miei sono via, con conseguenti occhiatacce o battutine quando li incontro… E comunque la camporella non è il massimo, anzi, crea ansia anche quello, oltre la scomodità e il freddo o troppo caldo, o comunque sempre qualcuno che potrebbe sbucare fuori anche in piena notte 🙁 Quando ero più piccola me ne sbattevo di più, sei anche più spensierata con gli ormoni a mille, ma ormai ho 22 anni e sono più ansiosa

  11. Io sono uguale, se sono tesa per tutt’altra cosa, anche se lui non centra e sono una persona molto molto molto ansiosa, nonostante sia giovane, ho 22 anni 🙁 Vorrei essere una persona più menefreghista per vivere meglio…

  12. L’età incide ma nei limiti, anche io pensavo in passato che magari il problema fosse la giovane età e la mancanza di esperienza, questo fa ma in parte, se è una cosa che ti appartiene non cambia ma possiamo imparare a conviverci con serenità e ad accettarci per quelle che siamo ☺️ Se diamo troppo peso alla cosa finiamo solo per ingigantire il problema e peggiorarlo, ci facciamo solo degli inutili film mentali! impariamo a lasciarci andare un po’ di più e a pensare di meno!

  13. Stai tirando risposte a caso e pure scocciate e maleducate. Piuttosto non rispondere se devi rispondere incaz..a!

  14. Ehehehe io non vivo in città dove ci sono questi seriviz, sono in una zona di paesi di provincia D: da campi appunto xD

  15. con quel fidanzato , avevo 22 anni ed era il mio primo fidanzato, non ho voluto fare camporella e mi sono addirittura inventata un viaggio all’estero per trovare la mia migliore amica. Mi sono portata anche lui e ho risparmiato i soldi per mesi. L’altra cosa che ho fatto è stato affittare un albergo di pomeriggio! ahahahaah. Poi ormai grande e col mio compagno attuale sono riuscita a lasciare casa grazie al lavoro e ciao. All’estero fanno quello che vogliono con i genitori in casa .. purchè a porte chiuse :)). Ci darei un limite di età sicuramente (per quanto mi riguarda farlo a 15 anni è sbagliato) ma a 22 anni consentire a un ragazzo di avere un partner mi sembra giusto e che cavolo

  16. che poi mi sono accorta che avevo pubblicato il commento pieno di errori con parole che non si capivano :))

  17. Risposte a caso??? Ti ho detto che le tue ipotesi non si adattano a me. Inoltre non ti ho chiesto di fare ipotesi su di me, grazie. La mia opinione sull’articolo rimane.

  18. Una mia amica si chiude tranquillamente in camera col suo ragazzo, già appena dopo un mese che stavano assieme e i suoi sapevano… A parte ciò, non la invidio particolarmente, non riuscirei a fare nulla sapendo che i miei girano tranquillamente per casa. O peggio, mia sorella all’epoca che mi ero messa insieme al mio ragazzo aveva 6 anni. Puoi immaginarti se una bimba di 6 anni ti lascia stare in camera tranquilla col moroso? Non ci lascia in pace neanche adesso che ne ha 11 ahahah xD

  19. Boh, ribadisco che se non ti va di risponderebbe , ti conviene stare zitta invece di rispondere scocciata e maleducata.
    Qui si faceva per confrontarsi, non per indagare nella vita privata ovviamente.

  20. Ti capisco, ho anche io lo stesso problema ahah
    però per festeggiare l’anniversario siamo andati a Verona e abbiamo preso una stanza lì, se non altro è una situazione momentanea, più avanti ti mancherà anche tutta questa segretezza ahah 🙂

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here