Ciao ragazze!!

In questo post vi parlerò di trucco, di bellezza, ma anche un po’ di storia e di Oriente, perché il prodotto di cui vi sto per raccontare tutti i segreti ha una storia lunghissima e affascinante, lontana nel tempo ma anche attualissima! Si tratta del kajal o khol! 🙂 Siete curiose di scoprire tutti gli usi, la tradizione e di vedere quelli che posseggo? Leggete allora il resto del post! 🙂
Arabic-eye-makeup-tips-2012

Partiamo dall’inizio e vediamo insieme cos’è questo prodotto che rappresenta forse uno dei più antichi strumenti di bellezza mai usati!
Il Kajal, oppure il Khol, è un composto di pigmenti neri, metalli, grassi animali e minerali ampiamente usato in Asia, Medio Oriente e Nord Africa come eyeliner per il contorno dell’occhio o per scurire l’intera palpebra. Sia il kajal che il khol hanno la stessa funzione, ma si distinguono per la loro composizione: mentre il primo è in pasta, il secondo è in polvere. Sono in pratica lo stesso prodotto, ma il nome diverso deriva appunto dalla loro diversa forma.
Il suo uso era conosciuto fin da epoche antichissime, addirittura nell’età del bronzo. Ma le prime ‘testimonianze’ si hanno nell’antico Egitto, nel 3100 a.C., dove il Khol in polvere veniva usato sia dalle donne, ma anche dagli uomini perché si credeva che scurire l’interno dell’occhio proteggesse dai raggi solari.

ecco com'era nell'antico Egitto un tubetto di Khol!
ecco com’era nell’antico Egitto un tubetto di Khol!

 

tumblr_mdzt0oLqRe1qm86t3o1_1280
La bellissima Nefertiti… i suoi occhi come vedete sono contornati di nero…

 

e la favolosa Cleopatra, che come regina non poteva che avere un trucco da favola!
come quelli della favolosa Cleopatra (qui nella magnifica interpretazione di Liz Taylor) che come regina non poteva che avere un trucco da favola!

 

heheh rivisitato in chiave moderna da Katy Perry!
heheh rivisitato in chiave moderna da Katy Perry! Qui nel video di ‘Dark Horse’!

 

Il Khol in polvere offriva un colore intensissimo e una durata pazzesca, e come vi ho detto il suo uso non era solo estetico, ma anche protettivo, contro la luce del sole. Ma non solo. Serviva anche alle madri per abbellire e proteggere al tempo stesso i loro bambini. Il nero sotto gli occhi oltre a donare intensità allo sguardo, era ritenuto capace di proteggere i più piccoli dalle invidie e le cattiverie, perché si credeva che ‘rinforzasse’ lo sguardo.

feature25Sep13

In effetti l’applicazione di questo prodotto sui bambini è una tradizione che appartiene anche all’India, l’altra grande patria del kajal insieme ai Paesi Arabi, dove però si preferiva e si preferisce il Khol, la sua versione in polvere.

Jasmine nel film Disney Aladin!
Jasmine nel film Disney Aladin!

get_img

bastoncino di legno e kohl in polvere
bastoncino di legno e kohl in polvere
antichi e preziosi contenitori per khol
antichi e preziosi contenitori per khol

large


Anche in India il suo uso è stato riscontrato fin da tempi antichissimi (anche nella medicina ayurvedica!) e a usarlo tuttora non sono solo le donne, che lo applicano sui loro occhi quasi come fosse un eyeliner, o sui loro piccoli (anche sottoforma di puntino in mezzo alla fronte oppure dietro la nuca), ma anche gli uomini! Nella cultura Punjabi, ad esempio, il kajal (che da queste parti è anche chiamato Surma) è un colorante tradizionale usato principalmente nelle cerimonie. Gli uomini lo usano tuttora intorno agli occhi in occasioni speciali come le festività religiose. Ma ad applicarglielo sono di solito le mogli oppure le madri.

INDIA-RELIGION-EID

e a proposito di uomini... ne va pazzo anche Jack Sparrow! :D
e a proposito di uomini… ne va pazzo anche Jack Sparrow! :D

Tradizionalmente veniva preparato anche in casa, ma oggi, si trova facilmente in diversi negozi. In India si può trovare soprattutto sotto forma di pasta e il kit di solito comprende il prodotto in sé e un bastoncino in vetro che serve per l’applicazione.
ay29culq9
E’ molto usato anche nei trucchi per le spose indiane, mentre alcune attrici famose come Aishwarya Rai o Sonam Kapoor lo hanno sfoggiato anche in chiave più moderna.

Aishwarya Ray nel film Devdas
Aishwarya Ray nel film Devdas

Beautiful-Eye-Makeup-With-Kajal1

Schermata 2014-12-08 alle 00.20.36

Cliccate ora qui per la seconda parte del post dove vedremo più da vicino questi prodotti,  vi farò vedere anche quelli che ho io e vi dirò cosa ne penso!

155 COMMENTI

  1. Clio saranno due anni che aspetto delle info sul Khol della Guarlain!! Sei talmente il mio guru che invece che comprarlo e provarlo ho aspettato e aspettato e aspettato.. Molto probabilmente non avrai mai letto le mie richieste a proposito.. Però alla fine me l’hai fatto il post! Peccato non sia un tuo preferito ma se dovessi andare in oriente o in posti arabeggianti probabilmente lo prenderei!! Vediamo..!

  2. Anche la super fashion Carrie, nel film di sex and the city, non disdegna il kajal delle bancarelle! X)

  3. Quello di guerlain non lo amo, o non sono comunque in grado perché facevo un casino assurdo sotto l’occhio aiuto haha proverò qll di benecos mi sa 🙂

  4. mi ricordo che all’inizio compravo tutte le matite Kajal o kohl per la scrivenza all’interno dell’occhio..e sbavavano tutte senza pietà una cosa immonda..poi ho capito che ci sono anche delle matite waterproof o comunque non così morbide che scrivono all’interno e non sbavano..e mi sono sposta su quei lidi!

    quello Guerlain mi attira da quando ho iniziato truccarmi..non ho mai ceduto perché usando le lenti a contatto ho paura che la polvere entri nell’occhio e me le vada a sporcare..e quando sporco le lenti il risultato è un disastro perche inizio a non vederci quindi poi le tolgo le rimetto, lacrimo etc..e il trucco ne esce proprio male!inoltre ho sempre avuto paura non tenesse e che anche lui sbavasse troppo come i suoi compagni in matita
    di certo l’effetto un po sfumato ma non colato mi piacerebbe molto!

  5. ma io devo dire che l’effetto PANDA mi piace un bel pò! ovviamente se è fatto apposta! io sono bionda e sfumo molto oppure uso colori sul marrone e bordeaux perchè il nero è moooooolto nero però mi piace. c’era un tempo che lo portavo nero proprio a panda! fichi che ricordi… bellissimi! erano i tempi dei colori super forti hahahahahahahahhahaha

  6. io sapevo che oltre a proteggere dal sole e dagli sguardi invidiosi, era applicato (non so se anche oggi ci sia quest’uso) per proteggere gli occhi dalle infezioni o sbaglio? comunque non credo faccia per me: ho la lacrima facile quando mi trucco e porto gli occhiali quindi meglio evitare l’effetto sbavato che su di me sarebbe più effetto cazzotto in un occhio! XD

  7. Io ho provato la matita Automatic Precision di Kiko, e mi ci sono trovata molto bene! Ha una mina di dimensioni normali, automatica quindi non serve temperarla, ed è di un nero molto intenso! Io la uso soprattutto nella rima interna, e facendo due passate a distanza di un paio di minuti l’una dall’altra si fissa bene e (almeno a me) non cola! Poi, avendo lo sfumino in fondo, io l’ho usata molto anche sfumata sulla palpebra, ma in quel caso metto sempre un primer sotto 😉 Le altre, quelle con la punta gigante, non le ho mai provate e sinceramente non ci tengo! Cioè, come si fa ad avere un minimo di precisione?? Insomma, mi sa che non ci spenderò dei soldi! 😀

  8. Clio mi piacerebbe un tutorial con un trucco occhi arabeggiante, per avere lo sguardo felino come Aishwarya Rai (uguale!!)
    Con le sue foto messe così di mattina, senza un preavviso mi hai distrutta 🙂
    La trovo magnifica!

  9. quanto è fico Johnny deep!!!! sbav….. 😛 ^-^ ^-^
    mi piace molto l’effetto del kajal specialmente sotto l’occhio sfumato ad arte…peccato che anke se ci metto tre ore per fare una sfumatura perfetta per non sembrare un panda poi bastano 10 minuti e mi cola tutto…non me lo posso permettere… ;-(

  10. Adoro il Kajal, ne avevo comprato un paio di boccette in tunisia (proprio quello tradizionale, ora riutilizzo le boccette come portaincensi perchè sono bellissime) e l’avevo adorato. A differenza tua Clio preferisco i trucchi occhi meno definiti, mi sembra mi stiano molto meglio e dato che ho pelle e capelli chiari con le linee definite sembro veramente una troiaccia, quindi ero proprio impazzita per quel prodotto e ricevevo sempre tantissimi complimenti quando lo indossavo.
    Ora che purtroppo l’ho finito mi sono votata all’ombretto nero per la riga sopra le ciglia e alle matite per la rima interna….ma non è affatto la stessa cosa e ancora non ho trovato una matita che tenga e faccia un effetto fantastico quanto il kajal.

  11. Ne ho visti tanti in Marocco e ne sono rimasta molto affascinata… ma siccome sono un’imbranata, prendo la matita-kajal di kiko e uso quella (si distingue solo x essere più morbida e nerissima)

  12. io lo adoro,,,trovo che sulle donne e sugli uomini di quella cultura stia benissimo,ma che renda più belli anche noi 🙂 pensavo che avresti inserito le matite nere di wjcon e essence tra i tuoi kajal(anche se non sono kajal effettivamente) !!! 🙂 stasera rima interna di nero 😀

  13. Finalmente ho capito la differenza.
    Alla fine però fa lo stesso lavoro di una semplice matita nera. solo che avere la boccetta di kajal con il bastoncino fa più figo.

  14. Ciao Clio! Devo ringraziarti perché oggi, con questo post, finalmente mi hai svelato un mistero: come si applica il kohl con il bastoncino di legno!!! Yheeeeaaa!!!

  15. Io ho proprio quello di guerlain, certo l’effetto è diverso da quello di un eyeliner ma ogni tanto mi piace anche quello, anche perché trovo che al contrario delle matite/eyeliner normali non vada a rimpicciolire l’occhio.. ma sarò l’unica al mondo a cui dura poco? Tutti di solito elogiano proprio la sua durata :/

  16. Sono d’accordo! Dopo aver provato l’eyeliner definito mi sono accorta che mi donano molto di più i trucchi sfumati, che poi è quello che ho sempre fatto, pur inconsapevolmente! Io ho il kajal della maybelline, però l’ho preso blu ed ogni volta che lo metto mi sento subito più sexy 🙂 quindi per me pollice su per questo prodotto, e grazie a Clio per il chiarimento tra kajal e khol perché proprio non lo sapevo!!! 🙂

  17. Anch’io ne ho uno preso in Tunisia! Lo tengo come una reliquia, è in un boccino in vetro con tappo in sughero, ho provato una sola volta ad usarlo e ho fatto un danno per cui lo tengo per ricordo.
    E anch’io amo i trucchi meno definiti.
    Insomma ad ogni tuo commento mi basta scrivere “anch’io” 🙂

  18. Quando ero più gggiovine e la palpebra permetteva. Ora ho le occhiaie che fanno lo stesso effetto. Proteggono pure quelle da sole e invidie? Se è così allora sto a posto!!!

  19. Io non l’ho ancora comprato per quel motivo, ho cercato su internet ma trovo pareri discordanti e quindi per ora non l’ho ancora preso anche se mi attira un sacchissimo!
    C’è gente che dice che portando le lenti si trova benissimo e anzi, essendo un antibatterico, ha trovato l’applicazione di questa polvere ancora più utile, altri dicono che il loro oculista proprio storce il naso al nominare polvere libera nell’occhio… Non so proprio!
    Più che altro ho paura di infilarmi il bastone nell’occhio xD

  20. Scusa Fia se te lo chiedo.. Ma con danno cosa intendi?
    Io sono molto interessata a questo prodotto ma mi frenano sia il fatto che porto le lenti sia che ho paura di ficcarmi il bastone nell’occhio -.- xD

  21. Ciao Clio!! Trovo bellissimo l’effetto, solo che su di me preferisco un tratto più deciso. E poi non mi piace tanto il fatto che duri poco.. mi sa che è molto bello, ma poco adatto alle ciompette come me!!! 🙂

  22. Forse sarò una delle poche che ha quasi del tutto “abbandonato” il kajal e in generale la matita nera… Uso l’eyeliner, quello sì, ma nella rima interna ho abolito la matita.. A parte il fatto che io ho gli occhi piccoli e se metto la matita spariscono del tutto, ma poi ho notato che mi rendono lo sguardo pesante, e mi fanno LACRIMARE TERRIBILMENTE!! Preferisco di gran lunga lasciare la rima vuota e colorare le ciglia sotto con un ombretto e poi con il mascara..

  23. Buongiorno! Ferie finite, tornata operativa! 🙂 Mi piace da morire l’effetto che il Kajal da all’occhio! Io il kajal matitone grosso della kiko.. è davvero super morbido quindi quando lo uso devo avere il tempo per rifinirlo e fissarlo bene perchè altrimenti lo ritrovo spalmato sotto il sopracciglio e un pò dappertutto! 🙂 Però hai ragione Clio, è un pò antipatico da mettere nella rima interna soprattutto ora che non ha più la punta fina e nell’angolo interno mi macchio tutto! Dovrei trovare il modo di temperarlo! 🙁 Ci fai un tutorial del trucco della foto di apertura del post? bacetti a tutte!

  24. hehehehe non che per me sia molto diverso, condivido il 90% delle cose che scrivi ^_^ eh diciamo che non è un prodotto facilissimo da usare, basta poco per trovarsi la faccia cosparsa di polvere nera!!

  25. Mmmh mi stai facendo venir voglia di provare il kajal maybelline, la prossima volta che lo vedo ci faccio un pensierino 🙂

  26. Ciao belle! La matita nera khol di Kiko, con l’estremità a sfumino, che vedo nella foto, é la mia matita nera preferita in assoluto, unico prodotto comprato e ricomprato negli anni (salvo il mascara 4X L’Oreal!). Baciooo

  27. Aaah Clio, quando ho visto il titolo del post, ho subito pensato al kajal di Guerlain che per il suo packaging mi fa pensare all’Oriente e al lusso! In regola generale, non uso quasi mai la matita nera perché grazie proprio a te Clio, ho scoperto che preferivo di più la matita marrone o color burro! Bello post cone sempre! Un bacione

  28. Io ce l’ho e la detesto! Sta lì nel casettino abbandonata a se stessa,proprio qualche giorno fa ho deciso di darle di nuovo una chance ma niente,non mi piace!

  29. ragazze buongiorno! come state? io devo ancora digerire il superpranzo di ieri…..eheheheheh… ma parliamo di kajal! mi piacerebbe tantissimo capire come usarlo bene, è bellissimo…. ne comprai uno da kiko che è accettabile solo se sfumato per fare una base un pò più grande e grigia a matita o eyeliner…perchè di base il “deep black” promesso è solo un sogno.

  30. Buongiorno,
    Io non metto quasi mai la matita nera nè nella rima inferiore nè sulla rima superiore. Su di me non piace, forse perché sono un fantasmino, ma ho notato che su di me stanno meglio colori più chiari, tipo il marrone o grigio, poi non amo che i prodotti sbavino, specialmente intorno agli occhi. Trovo però che sulle ragazze dai tratti orientali oppure semplicemente su una carnagione media, il kajal/kohl, anche se sfumato (sbavato) stia benissimo!

  31. Grazie Clio x il post!!! Era una mia richiesta!!!! Mi piace molto come prodotto, pensavo però che fosse più duraturo… Cmq mi incuriosisce e mi piacerebbe provarlo…

  32. Niente di grave, semplicemente bisogna saperlo usare (e io modestamente, non lo so usare) altrimenti ci si ritrova la polvere pure sotto la pianta dei piedi 🙂

  33. Mia madre mi ha portato dall’egitto quello che ho scoperto solo ora chiamarsi kohl, io l’ho sempre chiamato kajal 😀 cmq l’ho adorato, io se potessi mi truccherei con il carbone e il kohl è nero nero che più nero non si può e dura anni, si nel senso che io per struccarmi impiegavo anni! certo ogni tanto faceva effetto panda, ma dava al look quel tono rock che mi piace tanto e poi io sono già panda di mio grazie alle occhiaie quindi…

  34. Clio che bella la storia del kajal/khol!!!!!!!!!!
    Devo dire che mi incuriosisce parecchio il khol di guerlain però non deve essere per niente facile da applicare…sarebbe bello un tuo tutorial dove ci mostri la sua applicazione e magari la creazione di un trucco arabeggiante :-)))))))
    Grazie per il post Cliuzza :*******

  35. Uso il kajal dal primo viaggio in India di mia amma, e avevo 11 anni. Ora ne ho 33 e se per caso passo più di tre giorni senza metterlo mi viene un allergia pazzesca e mi prudono da morire gli occhi, oppure mi viene direttamente la congiuntivite. Spero vivamente che mia madre non smetta mai di andare in India, perchè quelli comprati in Italia, anche se originali indiani, mi bruciano da morire! Sono kajal addictied, sia mentalmente che fisicamente!!!

  36. M spiace tesora!!!! :-((( Non volevo fare pubblicità balzana, mi trovo veramente benissimo!!! Baciooo

  37. Io mi sono fatta portare dal Marocco da un’amica di mia mamma il kohl!** nemmeno a me piace molto l’effetto panda che ottendo con il kajal ma ho risolto in modo molto semplice: prima una passata di kajal, aspetto un pochino, metto il mascara , un’altra passata si kajal e poi una di kohl e mi dura un sacco, praticamente non sbava! Ho fatto anche un trucco ispirato a quello fatto da clio è durato tutto il pomeriggio e tutta la sera 🙂

  38. Bello il Kajal!!! Ma poi vogliamo parlare di come ci rende lo sguardo subito più sexy?! Io di sera lo metto sempre, non riesco proprio a vedermi con un trucco occhi intenso, ma senza kajal…è un mio must!

  39. Si, in realtà ha un effetto blandamente antisettico e si usa per proteggere gli occhi dal tracoma, che in quelle regioni è ancora diffuso.

  40. io ho il mattino grigio scuro e lo si mette tranquillamente nella rima interna senza sporcarsi. Per usarlo come eye-liner basta usare un pennello angolato. Dura anche se piangi…cioè…

  41. Io per Kajal pensavo che si intendesse solo la matita per l’interno dell’occhio, quindi non ne sapevo nulla =) l’effetto è davvero bello, molto intenso però il fatto che vada anche fuoi dall’occhio non mi convince…già ho le occhiaie, se lo metto e mi va fuori chissà come divento… vorrei saperne di più su come si applica!

  42. Ho acquistato khol e kajal originali indiani su ebay e devo dire che sono gli unici cosmetici che riesco a portare nella rima interna senza avere l’effetto panda dopo appena un’ora. Tutte le matite provate in precedenza, anche quelle waterproof, e i kajal-matita, sbavavano poco dopo l’applicazione. Buono il khol di Guerlain (provato in nero, marrone e un favoloso ottanio… che purtroppo non mi dura niente) ma quello indiano lo batte per duata e intensità. Unico accorgimento: applicare il khol in polvere prima di applicare il fondotinta perchè altrimenti la polvere che scivola si attacca al viso.

  43. ciao! anch’io li avevo puntati (sempre in Germania fra l’altro!) ma costavano un pochetto e mi sono sempre astenuta! Ergo, chi li ha provati si faccia avanti! e se tu li provi ricordati di me per una review ! 🙂

  44. Sinceramente non avevo mai capito cosa fosse questo kajal, per me le matite nere sono sempre state tutte uguali, nonostante il mio trucco abituale sia composto da eyeliner e matita nera nella rima interna.
    Ma ora ho capito tutto, mai più un kajal nella mia trousse! E’ proprio lui che mi donava quell’adorato effetto panda dopo nemmeno due ore!
    Grazie Clio 😉 Mi hai illuminato!

  45. grazie Clio! mi piace un casino il Kajal, anche se dopo 10 min sbava!!! ma continuo cmq ad usarlo anche se l’effetto “panda che si è appena fatto un pianto” non mi entusiasma tantissimo… però è bello bello! insomma, quando si tratta di Kajal ho un comportamento un pò da pazza irrazionale… del resto non ho ancora trovato nulla (nè matite, nè altro) che non sbavasse se messo nella rima interna, tanto vale continuare col Kajal!

  46. ammetto che sono rimasta ammaliata dal tubetto però non saprei usarlo se non con il classico effetto panda. Preferisco finish più netti e definiti. Questi post storici però mi piacciono tantissimo sono molto interessanti.

  47. ciao clio!!! bellissimo l’effetto del kajal, anche se il fatto che dopo poco sbavi mi trattiene dal provarlo, stesso motivo per cui metto raramente anche la matita nella rima interna dell’occhio… prima o poi però mi piacerebbe provare le matite long lasting eyeliner di wjcon, visto che ne parli sempre bene!! 🙂

  48. Io lo metto praticamente ogni giorno e ne ho provati diversi … solita storia dopo un’ora si scioglievano tutti dovevo ritoccarlo continuamente ( orribile la rima con il kajal a pezzettini ) e poi ”La grande Scoperta!!! ” … Automatic Precision di Kiko ,non lo mollo piu’,due passate e se ne sta per davvero molte ore !!!!

  49. Il kajal credo di averlo usato pochissime volte proprio perchè sbava… io ho la pelle grassa e un prodotto del genere mi durava meno di niente. Molto meglio invece con il Terracotta khol di Guerlain… Ma mi piaceva molto più averlo che usarlo!

  50. Io pensavo che il kajal era la matita nera, non avevo proprio idea che avesse tutta questa storia, interessantissimo. Anche se oggi come oggi una matita nera che rischia di colarmi sulla guancia non mi attira moltissimo, ma capisco che abbia in realtà tutto un suo significato e tradizione 🙂

  51. Io ne avevo uno della collistar ma era troppo morbido e colava ai lati…. Una mia amica ha proprio quelli che usano in nord africa credo sia in pasta che in polvere e da quello che mi dice ci vuole molta pratica a metterlo perché bisogna essere super precise e se si sbaglia si rischia di macchiare tutto l’occhio dato che è di un nero molto intenso….. Io invece non amo i trucchi cosi “Neri” … Quindi lascio il kajal alle più esperte ehehe

  52. Le formulazioni “antiche” indiane erano una bomba,e non facevano effetto panda,ora sono introvabili.Si usava un bastoncino di argento con il pot di prodotto in crema,messo da mani esperte con l’occhio chiuso per colorare anche all’attaccatura delle ciglia superiori.
    I prodotti in polvere non mi sono mai piaciuti,nemmeno quello di guerlain,irritantissimo il modo in cui sbava.
    Gli usi e costumi sull’uso del kajal in uomini e bambini sono limitati a pochi,per esempio alle popolazioni di villaggi rurali o ceti sociali più bassi, mentre un secolo fa anche i nobili ne facevano uso,era ritenuto un prodotto curativo-protettivo per gli occhi.
    Oggi come oggi una ragazza indiana la vedi con la khol pencil di chanel o mac o givenchy,altro che surma!!

  53. una decina di anni fa guai se non avevi il kajal di pupa !!!!!
    Io ne ho uno di bottega verde che ogni volta che provo a metterlo mi viene l’orzaiolo…. forse mi fa allergia qualcosa?! Proverò quello di collistar…

  54. Quello della Guerlain ce l’ho anche io! L’ho ricevuto come regalo quando facevo quarta superiore, ah quanta felicità, me lo portavo nell’astuccio a scuola e a volte lo tiravo fuori per osservarne i riflessi blu e verdi. Peccato che la prima volta che mi decisi ad usarlo combinai un disastro, la polvere mi si appiccicò alle lenti a contatto e il colore sulla rima inferiore era una sottospecie di blu sbiadito, lontano anni luce dal colore intenso che presenta nel tubetto. Non l’ho mai più usato, anche se credo di averlo ancora da qualche parte.
    Ora nella mia trousse ho solo matite e un eye-liner in penna e cerco di seguire la regola non-complichiamoci-la-vita-soprattutto-se-complicarsela-costa-tanti-soldini.

  55. D’accordissimo sul khol della Guerlain, è bello averlo, meno bello usarlo. C’è da riconoscere che almeno il dipartimento Marketing della Guerlain fa un gran bel lavoro se solo il possesso dei loro prodotti, e non necessariamente l’utilità di questi, ci soddisfa 😉

  56. ciao Marianna,
    ti posso chiedere come si chiamano le marche indiane delle quali sei più soddisfatta?

  57. Uso da anni il kohl Guerlain ed è fantastico per applicazione e durata. Bisogna applicarlo utilizzando in bastoncino in orizzontale come se fosse una matita e il tratto è netto, per niente sbiadito. Se si preleva la giusta quantità il problema delle macchie è risolto. Lo consiglio!!!!

  58. Vero! Era bellissimo da tirare fuori dalla borsa per farsi un ritocchino al trucco… Poi tutte mi chiedevano cosa fosse…

  59. Io pensavo che il kajal o il kohl fosse quello in matita normale XD
    Questi così non li avevo mai visti!
    Ma non mi interessano più di tanto sinceramente..
    Quel bastoncino mi fa un pò impressione XD

  60. Che bel post Clio!! Non conoscevo così nei dettagli la storia del kajal. Io ho la masterdrama della maybelline e l’ho usata diverse volte, ma niente da fare! Sbava che è una meraviglia, sembro Pierrot in un giorno di pioggia (cit.)!
    Ormai è anni che ho abolito le matite khol/kajal nella rima interna nell’occhio, sempre per il solito effetto panda che mi ritrovo dopo un paio d’ore!!:(
    Quelli, invece, con la punta grossa non mi hanno mai attirato particolarmente. Li trovo un pò scomodi da usare e a dir la verità io li ho visti solo della Bottega Verde, ma non ho idea se siano validi o meno!

  61. Scusa Clio, avrei giust’appunto bisogno di un consiglio sul Kajal. Ho provato moltissimi tipi di kajal, dai tradizionali ai water resistent, ma continua a sciogliersi e non posso utilizzarlo. La mia estetista dice che potrei avere la lacrimazione troppo abbondante e oleosa. Tu hai qualche trucchetto da consigliarmi e qualche marca a cui potrei affidarmi? (quando dico di aver provato tutto vuol dire proprio tutto, da Diego Dalla Palma, Collistar, Maybelline, Kiko, …….e chi più ne ha più ne metta!)
    Te ne sarei veramente mooooolto grata.
    Ahhh comunque, bellissimo articolo, interessante come tua tradizione!!!!
    Besito 😉

  62. Io, da quando ho provato l’eye liner in gel anche nella rima interna, non l’ho lasciato più.

  63. Io ne usavo uno che mi avevano regalato, non ricordo la marca ma lo usavo come semplice matita. Poi la punta di è andata a scomparire e l’ho abbandonato! Ma quello in polvere non cade nell’occhio o da fastidio?

  64. Quello che si definisce “khol” in realtà non è il kajal ma è la polvere di un carbone (precisamente come racconta in un mito Islamico,è la polvere del cabone del monte Tur in Arabia Saudita che Allah bruciò xk un profeta voleva vedere il suo volto ed egli lo fece vedere e si bruciò la vetta del monte.Da essa si ricava quel poi quel polvere considerato sacro.Mi scuso x gli errori grammaticali.

  65. Ciao! Ho provato kajal e khol della Hashmi e mi sono trovata bene con tutti. Se vai sul sito ufficiale trovi molte informazioni. Lo stick fi kajal è di veloce utilizzo ma il khol in polvere, un po’ più difficile da applicare, ha una durata nettamente maggiore, almeno su di me! Ho provato varie matite classiche (dalle più economiche a quelle di marche famose) anche nella versione waterproof (povero il mio portafoglio!) ma dopo poco mi colavano tutte. I prodotti della Hashmi mi durano in buone condizioni diverse ore, li ritocco giusto una o due volte nel corso delka giornata con i Cotton fiock di sephora già imbevuti di struccante per una definizione più precisa.

  66. Hai provato la Bombay Black di Nabla? Sembra durare anche su di me che ho lo stesso problema (l’ho provata una volta sola per ora eh).

  67. anche io ho la masterdrama, e devo dire che mi ci trovo bene… finché non devo struccarmi!! è davvero difficile da togliere, però devo dire che come colore e durata su di me è imbattibile!

  68. Ma son l’unica che non ha capito come si applica il kohl? Cioè proprio non riesco ad immaginare l’applicazione di questa cosa in polvere senza che vada ovunque… Video!!!

  69. Di Khol io ho quello marocchino originale fatto portare da un’amica che studiava lì per un po’ :3 boccettina figa di legno in coordinato

  70. Ragazze, io lo compro nei paesi arabi e per applicarlo passo l’applicatore sotto l’acqua e poi lo immergo nella polvere. A me dura parecchio!

  71. Io bagno l’applicatore e poi lo immergo nella polvere. Credo che si faccia così e l’effetto è abbastanza definito e durevole.

  72. Oh finalmente qualcuno l’ha detto! Ho aspettato tutto il giorno questo momento!
    Non l’ho capito manco io.

  73. No, in verità non l’ho mai sentita nominare. Intanto la cerco…….tentar non nuoce. A questo punto ne ho buttate/regalate talmente tante che non sarà certo la fine del mondo provarne un’altra! 🙂

  74. Nel lontano 2009 avevo comprato uno dei miei primi trucchi: il kajal duo della Collistar bianco e nero e lo usato moltissimo! Quando è finito mi è proprio dispiaciuto.. Per un po’ ho continuato ad usarlo negli smokey come colore più scuro da sfumare perchè la punta non era acuminata come all’inizio..

  75. Ok, io a mala pena uso le matite, quindi non credo faccia per me XD. Però, quanto bello è quel cosino della guarlein??? Potrei usarlo come oggetto d’arredamento 🙂
    Bel post, davvero!

  76. Neanche io… Il post l’ho letto stamattina e mi son domandata tutto il giorno come evitare effetto spazzacamino…

  77. Sono un po’ contraria a tutti i prodotti da applicare “dentro” l’occhio, sia matite, che khol che kajal, ho gli occhi sensibili, e tutto ciò che rilascia particelle di prodotto sulla cornea non mi rende tranquilla, sbaglierò, ma nel dubbio mi astengo dall’uso…..

  78. Mia mamma,da sempre appassionata di make up (forse ho capito da dove proviene questa mia passione) ha sempre usato il kajal nella rima interna..me la ricordo sempre così!!ora che è un po più matura l’ho aiutata a scegliere una matita normale più duratura e precisa, infatti anche lei ci si vede meglio a questa età!!!post stupenderrimo..grazie mille clio 🙂

  79. A me sbava tantissimo:(( Ed è un peccato perchè è molto morbida, come piace a me, e di un nero super intenso!

  80. Ho regalato quello della Guerlain a mia sorella tanto tempo fa e si è trovata benissimo , tra l’altro non le faceva lacrimare gli occhi- Io uso la matita nera e mi è stato utilissimo il tuo consiglio di ripassarla una seconda volta prima di uscire . Funziona !! Il tratto mi dura di più . Grazie 🙂

  81. Nabla vende online, ma mi dicono che si trova anche in qualche profumeria bio.
    Ad ogni modo, se vuoi acquistare dal loro sito ufficiale hanno le spese di spedizione ad 1€ fino al 20 mi sembra 🙂

  82. Ok, ha senso. Per qualche motivo stavo pensando che bagnare la polvere fosse contro le regole 😀

  83. Io faccio parte di quelle che non escono mai e dico mai, senza matita kajal nella rima interna.. Ho gli occhi grandi e verdi e senza matita e mascara nero sembro Ranatan e le rane dello stagno..

  84. Ciao Clio anche io concordo,adoro il nero nella rima interna dell’ occhio.Da poco sto utilizzando quello della pupa,ma anche quella di bottega verde mi piace.Ho gli occhi verdi/celesti quindi non sempre metto la nera, ma anche blu mi piace tantissimo..ciao Clio.

  85. Ho appena appreso che da anni ho,dentro un cassetto un kajal….fatto come quelli delle foto postate per ultime da Clio….bene….a volte si scoprono cose che non diresti….è dell’Avon…..mah….ragazze! Oggi ho tagliato i capelli…..molto corti dietro ,davanti ciuffo con meches platino e borgogna e un rifresso istamaticpink dream……mi piace!!!!!!

  86. Ho provato l’expression kajal di maybelline ma non mi piace per niente scrive pochissimo e la punta si sgretola con niente quindi l’ho bocciato da subito e non ne ho mai provati altri. W la classica matita nera 😀

  87. Ciao sorella! ma lo sai che le rare volte che uso la matita nella rima interna ho davvero risolto col metodo imparato da Clio di stendere un po’ di ombretto dello stesso colore? in questa maniera il colore si fissa e non cola! hai mai provato?

  88. Ciao Francy!:) No, a dir la verità non ho mai provato, ho paura (non ridere!) che la polvere mi vada dentro l’occhio e al solo pensiero sto già lacrimando!:-D
    Cmq è tanto che non metto la maita nella rima interna, ormai mi sono abituata a vedermi così e poi mi rimpicciolisce molto l’occhio..

  89. Ciaoooo Cele!!:) Vai con il nuovo look!!!:-D
    Ne approfitto per mandarti un saluto e un abbraccio!!
    Notte!:********

  90. Avevo paura anche io invece è filato tutto liscio. Uso il pennellino angolato per eyeliner e sto molto attenta: pensa che ho la lacrima facile eppure non ho mai avuto problemi! XD comunque non lo faccio spesso perché raramente carico gli occhi. 😉

  91. Ne ho solo uno,matitone kajal della L’Oreal,usato appena comprato e poi più,che faccio?lo rispolvero in onore di questo post? 🙂

  92. A me ne hanno regalato uno tradizionale proveniente dal Marocco, ma non l’ho ancora mai provato perché non so bene come rigirarmi…

    Matita nella rima interna dell’occhio sempre e comunque: non esco senza 😉

  93. Non l’ho mai usato, ma l’effetto che fa un po’ vissuto e non ben definito non mi dispiace. Le foto che hai postato (soprattutto la prima) è bellissima….ma se non è fatto bene sa solo di trucco colato/improvvisato….
    Però per curiosità mi piacerebbe provare un trucco del genere 🙂
    Baciiiiii

    http://www.lafantasiadiannalia.blogspot.it
    FB: La fantasia di Annalia

  94. Io ho il kohl in polvere minerale della L’oréal e mi ci trovo bene! L’ho usato qualche volta nella rima interna e devo dire che mi ha sorpresa xke non finisce nell’occhio, non sbava e dura tanto! Però è da un po’ che non lo uso così perché preferisco usarlo piú spesso sulla palpebra superiore a mo’ di eyeliner oppure sempre sulla palpebra superiore ma piú sfumato per intensificare qualche Smokey dai colori scuri!
    Cmq a me piace un sacco 🙂 e se usato col pennellino sottile e bagnato è ancora piú intenso!

  95. Invece, riguardo a tutte quelle matite ke riportano la scritta kajal devo dire che sono molto restia… Perché mi sembra che ormai sia scritto ovunque! E poi magari non sono altro che delle semplici matite nere che nella rima interna non scrivono neanche bene (Essence sto parlando con te) -.-

  96. Ciao Clio. Io ho proprio il Khol di Guerlain blu con il bastoncino e mi trovo benissimo. Ce l’ho ormai da tantissimo tempo e mi piace l’effetto che da’all’occhio.Concordo che a volte sbava un po’ ma il colore e’ meraviglioso: un blu notte intenso con piccoli riflessi e non ottengo lo stesso effetto con nessuna matita. Poi non da’ alcun problema all’occhio. Per me The best!!!!

  97. Io te lo consiglio. Il khol di Guerlain e’ meraviglioso..e credimi quella boccetta dura all’infinito..poi non da’ alcuna allergia e te lo dice una che ha gli occhi sensibilissimiiii

  98. Io h sia il Khol che i Kajal di Guerlain e li stra-adoro; mi piace tantissimol’effetto di occhio languido che danno e il fatto proprio di non dar eun tratto preciso e definito. Io ho il Khol blu ed è un prodotto di grande qualità, intensifica il colore degli occhi come nessun altro prodotto. Io li passo anche tra le ciglia inferiori e sfumo e l’effetto panda non l’ho mai avuto e la durata buona. Io non ne posso più fare a meno, e valgono il prezzo (alto) pagato.

  99. Mi piace tantissimo il packaging della Guerlai, una meraviglia
    Io uso tantissimo la matita Kajal, perché mi piace la morbidezza e l’intensità del nero ed il fatto che sfumi benissimo non faccio particolare fatica nella rima inferiore.
    Certo però mi fa pauraaaa il bastoncino che usano per il Khol… non so se sarei capace di usarlo.

  100. No va be, in passato l’ho usato per un bel periodo. Nero. Puntualmente sbavato sotto l’occhio, tornavo di sera ed ero orrida.

  101. Anche io ho quello di Guerlain, ma non lo uso quasi mai, va detto che la confezione è bellissima, ma a me scende troppo e sembra che abbia delle occhiaie infinite, poi molte volte la polverina mi cade sul viso ( forse perchè sono un pò imbranatella eeeh )…anche i matitoni non li amo, alla fine preferisco eyeliner e matite più piccole e precise. Va detto che io comunque non mi vedo molto con la matita nera dentro l’occhio, preferisco sempre quella color burro…

  102. Davvero interessante conoscere la storia di questo prodotto, spero che in futuro parlerai anche di altri prodotti, adoro la storia! Per quamto riguarda il kajal mi fa ricordare mia madre che lo usa da sempre ed è stato uno dei primi trucchi che ho conosciuto ed anch’io come te preferisco linee più definite sulla rima inferiore, anche se la confezione di quello guerlain è stupenda!!!

  103. […] Non tutte le matite sono fatte allo stesso modo, e naturalmente non tutte sono fatte per essere usate nella rima interna. Molte matite, soprattutto quelle a lunga tenuta, possono anche seccare troppo l’occhio e creare fastidi se avete gli occhi sensibili o portate le lenti a contatto. Per questo è importante non utilizzarle troppo nella rima interna, e comunque usarle solo se è specificato che si possono usare in questa zona (ad esempio quelle kajal). […]

LASCIA UNA RISPOSTA