Ciao ragazze!

Non sono solo le modelle a trovare lavoro grazie alla foto giusta: per motivi diversi, succede anche a chi svolge qualsiasi altro tipo di professione… e intendo proprio qualsiasi. Tutto un’insieme di dettagli che veicolano un’impressione di professionalità, competenza, affidabilità e passione per il proprio lavoro possono contribuire in modo decisivo a farvi prendere in considerazione.

Lo stesso staff di LinkedIn, il servizio web impiegato principalmente per lo sviluppo di contatti professionali, ha fatto alcuni test che hanno dimostrato in via inequivocabile che sostituire la propria foto profilo cambia radicalmente la situazione: attraverso alcuni escamotage che andrò a svelarvi nel post, la stessa persona e – NOTA BENE – con lo stesso CV, senza aggiungere o cambiare in alcun modo le proprie skills, è riuscita ad avere molti più riscontri positivi. Ebbene sì, che ci piaccia o meno, tutti giudichiamo un libro dalla copertina :-)!

ClioMakeUp-foto-profilo-linkedin-1

Sul web ci sono milioni di articoli che spiegano come creare un buon profilo per i siti di ricerca d’impiego o, uscendo dal web, come scrivere il curriculum perfetto, ma un recente post che mi è capitato di leggere proprio su linkedin.com mostra come la validità del quadro professionale potrebbe non essere sufficiente.

Jerome Knyszewski, esperto di online-reputation, si è sottoposto ad un interessante esperimento utilizzando 7 sue foto in cui cambia angolazione, colori, taglio, sguardo ed espressione, con l’intento di dimostrare che l’immagine giusta può effettivamente favorire o danneggiare gli sforzi di coloro stanno cercando lavoro tramite LinkedIn. “La prima impressione non ha prezzo, anzi ha un prezzo, se vi imbattete in qualcuno che sembra incompetente e antipatico, le probabilità di farsi assumere sono basse.”

E in effetti, le varie foto hanno impattato sui risultati in modo in certi casi drastico! Potete giudicare voi stesse:

ClioMakeUp-foto-profilo-linkedin-2-sbagliataL’immagine “da turista in vacanza” è quella che ha ottenuto i punteggi più bassi. Credits: @linkedin.com

ClioMakeUp-foto-profilo-linkedin-3-perfettaQuesta è la foto che invece ha avuto i punteggi più alti, ed è anche quella che Jerome ha attualmente su quasi tutti i suoi profili. Credits: @linkedin.com

ClioMakeUp-foto-profilo-linkedin-4-sbagliataQuesta foto è stata scattata lo stesso giorno della seconda, ma la percezione è drasticamente diversa su un fattore chiave, la “likability”! Credits: @linkedin.com

ClioMakeUp-foto-profilo-linkedin-5-erroriJerome racconta che questa è stata la sua foto profilo di Linkedin per quasi due anni; appena l’ha sostituita con quella nuova, ha firmato il suo contratto più importante fino ad oggi. Solo una coincidenza? Credits: @linkedin.com

ClioMakeUp-foto-profilo-linkedin-6-comeSembra una buona foto, ma c’è il 20% di differenza di punteggio sulla competenza rispetto alla foto migliore! Impressionante, non trovate? Credits: @linkedin.com

ClioMakeUp-foto-profilo-linkedin-7-taglioUn’altra prova che una foto professionale non è garanzia di successo. Credits: @linkedin.com

ClioMakeUp-foto-profilo-linkedin-8-taglioQuesta foto invece ha ricevuto critiche per il taglio a metà della fronte. Credits: @linkedin.com

Quindi, quali sarebbero le regole da seguire affinché la vostra foto su LinkedIn o sul curriculum aumentino le vostre chance di trovare lavoro… O per lo meno che non le abbassino?? Scopritelo nella prossima pagina!