Ciao ragazze!

In questo post voglio parlarvi di rossetti! Ma né di nuove collezioni e colori, e neanche di quali sono i miei preferiti o i peggiori, bensì di strani metodi per crearli, conservarli e usarli!
L’idea mi è venuta grazie a una di voi che mi ha scritto nella sezione Chiedi a Clio, in cui mi faceva vedere un video della makeup artist australiana Sharona Farrel  che mostrava i suoi rossetti Mac in una versione decisamente fuori dal comune!

6367db4a21ef11e39ebd22000aaa21ed_7
E non si tratta né della mia fighissima chiavetta USB…
... né dei miei fazzoletti! :D
… né dei miei fazzoletti! 😀

Il suo procedimento (non nuovissimo) serve per evitare lo spreco dei rossetti che stanno per finire, o che magari si sono rotti e non possono più essere usati con il loro packaging normale. In pratica bisogna procurarsi prima di tutto dei mini contenitori simili a quelli degli ombretti minerali in polvere. Si preleva bene il rossetto dalla sua posizione originale e si appoggia dentro.

IMG_3503-1024x682

rossetti sciolti

Il tutto finisce in forno a microonde per pochissimi secondi oppure in forno normale a 100 gradi per 10 minuti. Un’alternativa è quella di sciogliere prima il rossetto da solo a bagnomaria e poi versarlo nei nuovi contenitori. Da semi-liquido, il rossetto poco dopo riacquista la sua consistenza e da quel momento naturalmente si può prelevare solo con un pennellino da labbra.
Non tutti i rossetti però possono essere sottoposti a questo procedimento: quelli opachi, una volta sciolti e poi ri-solidificati, tendono a rimanere troppo secchi, perché la loro formulazione è naturalmente diversa da quelli classici più cremosi.
Insomma, un procedimento probabilmente valido e sicuramente contro ogni spreco, ma forse un pochino laborioso…
Ne so qualcosina comunque anche io, che in quanto MUA, ho un metodo semplice e pratico (senza sciogliere nulla però) per portarmi dietro i diversi rossetti quando sono in giro per lavoro:
IMG_2898

IMG_2901

Ne scelgo alcuni tra quelli che mi piacciono di più, di solito Mac o Nars, belli pigmentati e non trasparentini. Ovviamente anche in questo caso il metodo di applicazione è con il pennellino, e la comodità sta nel fatto che, oltre a non dover portarsi dietro tanti rossetti singoli, si possono creare più sfumature e colori personalizzati, perché naturalmente i rossetti in questo modo si possono mischiare tra loro. I colori belli intensi aiutano in questo senso, perché una volta mischiati si capisce meglio che tinta otteniamo. Come vedete ci ho messo dentro anche un colore molto scuro, quasi blu e nero, e un burrocacao, perché così posso ottenere anche un rossetto più idratante.

Detto questo non potevo poi parlarvi del mitico rossetto creato da me  qualche mese fa alla Bite di New York! Vi ricordate? Vi avevo fatto vedere un’anticipazione su Facebook su quello che era il risultato dopo una giornata emozionante da piccolo chimico! 😀
941683_10151545451961051_251235163_n

La Bite (un brand di prodotti naturali arrivato da poco negli Usa) aveva appena aperto un negozio a Ny e c’era la possibilità di unire diversi colori e profumi per creare il rossetto dei nostri sogni 😉 Il mio l’avevo creato miscelando il fucsia, il corallo e il profumo di ciliegia!
E non contenta ci ero ritornata dopo poco per crearmene un altro!
e41fe0f4d2b511e285f822000a9e5e0a_7

f16f0944d05611e2918122000a9f4d8a_7
Questo è stato il risultato sulle labbra!

Le più attente si ricorderanno anche che avevo girato un video in cui facevo vedere il procedimento e se non ricordo male una di voi me l’aveva anche chiesto qualche settimana fa… Ebbene, eccolo qui (in versione light perché durava delle ore! 😀 Spero vi piaccia!

 Ma ultimamente c’è qualcos’altro che gira sul web e che fa vedere come è possibile creare dei rossetti in casa. Stavolta però non si parte da rossetti vecchi o quasi finiti, bensì da pastelli a cera!
Ebbene sì ragazze, qui si torna tutte un po’ bambine! 😀 I pastelli in questione sono quelli famosi (per lo meno in America) della Crayola, azienda americana famosa per non usare sostanze tossiche ma solo ingredienti sicuri e adatti ai bambini.
crayola-crayons

Qui il procedimento è simile a quello per sciogliere dei classici rossetti. Si spezzettano i colori e si mettono sempre a bagnomaria. Per dargli un effetto che sia più simile a un ‘rossetto’ bisogna però aggiungere altri ingredienti. C’è chi usa solo olio di cocco, e chi aggiunge anche vaselina. Insomma, una vera ricetta per creare un rossetto fai-da-te che però, se devo essere sincera, mi lascia qualche dubbio. Insomma, non è che mi fidi tantissimo di questi pastelli sciolti e poi messi sulle labbra come un comune rossetto. Ma intanto persino la famosa e camaleontica Promise Phan, cognata della celebre Michelle l’ha provato. Il risultato? Giudicate voi! Certo che forse alcuni colori sono più adatti al Carnevale…eheheh

Allora ragazze che mi dite? Vi attirano questi metodi per creare rossetti in casa? Conoscevate questa tecnica di sciogliere i rossetti per recuperarli o semplicemente conservarli diversamente? L’avete mai provato? Fatemi sapere cosa ne pensate! Un bacione all prossima! :-))