Allergia graminacee? Quali sono i sintomi e gli alimenti da evitare? 🤔

Un riepilogo su tutto quello che c'è da sapere sull'allergia alle graminacee: dal periodo di fioritura alle norme igieniche per la prevenzione, senza dimenticare quali sono i sintomi a cui prestare attenzione e quali i cibi da non mangiare.

COS’È L’ALLERGIA GRAMINACEE E COME SI RICONOSCE? QUALI SONO I SINTOMI E COSA NON MANGIARE?

  1. L’allergia graminacee è una delle allergie più diffuse e riguarda i pollini delle graminacee, che comprendono tantissime specie.
  2. Quali sono le graminacee? Ne fanno parte, per esempio, frumento, orzo, avena, segale, mais e riso.
  3. Purtroppo, i sintomi dell’allergia graminacee sono tanti e molto fastidiosi, in alcuni casi perfino invalidanti. Riguardano, prevalentemente, il sistema respiratorio.
  4. Se si è allergici alle graminacee bisogna prestare attenzione anche all’alimentazione: ci sono cibi consentiti e cibi vietati, per via di quella che gli esperti chiamano “cross reattività”. Spesso insorgono sintomi molto simili a quelli della celiachia.
  5. Antistaminici e decongestionanti sono i farmaci più impiegati nel trattamento dell’allergia graminacee, ma non mancano rimedi naturali in grado di alleviare i sintomi più comuni come l’utilizzo dell’aloe vera.

cliomakeup-allergia-graminacee-teamclio-cover

Credits: Foto di Unsplash | Pamela Heckel

Come abbiamo anticipato, l’allergia graminacee è una delle più diffuse. Si stima, infatti, che ne soffra il 15% circa della popolazione ed è molto frequente anche nei bambini. A farla scatenare sono i pollini delle graminacee durante il periodo della fioritura.

Come per tutte le allergie, gli allergeni contenuti nei pollini se inalati da chi è allergico causano una reazione anomala del sistema immunitario che risponde con sintomi dei più diversi, dai semplici starnuti alle eruzioni cutanee.

Cominciamo a conoscere meglio l’allergia graminacee, quali sono i periodi di fioritura a cui bisogna prestare maggiore attenzione e quali i suggerimenti da tenere presenti quando ci si mette a tavola, visto che anche la dieta gioca un ruolo importante.

ALLERGIA GRAMINACEE: COS’È E IN CHE PERIODO SI VERIFICA

L’allergia alle graminacee è caratterizzata da un’ipersensibilità del sistema immunitario nei riguardi dei pollini delle graminacee. Fanno parte di questa “famiglia”, tra le tante specie, frumento, gramigna, avena, farro, kamut, mais, miglio, segale, riso e orzo.

cliomakeup-allergia-graminacee-teamclio-8

Credits: Foto di Unsplash | Kelli McClintock


Oltre a questi cereali, chi è allergico alle graminacee deve evitare anche il contatto o l’ingestione di cibi che hanno proteine in comune con i pollini in questione. Si parla, in questo caso, di reazioni crociate, ma approfondiremo il discorso alimentazione più avanti.

cliomakeup-allergia-graminacee-teamclio-15

Credits: Foto di Unsplash | Volodymyr Hryshchenko

IL PERIODO DELL’ALLERGIA GRAMINACEE HA IL SUO CULMINE IN PRIMAVERA

Il periodo di fioritura delle graminacee in Italia ha una durata che va da fine aprile a fine ottobre, con picco nei mesi di maggio-giugno e un ritorno più lieve in autunno, a settembre. Non è raro che l’allergia alle graminacee e alle betullacee coesistano. Queste ultime, però, fioriscono prevalentemente in inverno.

DAGLI STARNUTI AGLI OCCHI GONFI, QUALI SONO I SINTOMI

Come avviene per tutte le allergie, i pollini delle graminacee vengono riconosciuti come pericolosi dal sistema immunitario che, quindi, produce anticorpi, le immunoglobuline, e stimola i mastociti (cellule immunitarie) a liberare nell’organismo istamina, una sostanza che favorisce l’infiammazione.

cliomakeup-allergia-graminacee-teamclio-14

Via Giphy

I sintomi dell’allergia graminacee riguardano prevalentemente il sistema respiratorio. I principali sono:

  • secrezione nasale abbondante
  • starnuti
  • tosse
  • asma
  • dispnea
  • naso chiuso
  • nodo in gola

cliomakeup-allergia-graminacee-teamclio-prurito-pelle

Credits: Foto di Unsplash | Romina Farias

Non mancano neppure sintomi che riguardano la pelle e le mucose, come:

  • bolle
  • brufoli
  • dermatite
  • prurito
  • occhi gonfi e viso gonfio

cliomakeup-allergia-graminacee-teamclio-stanchezza

Credits: Foto di Pexels | Elias Ficavontade

Se ne affiancano altri di carattere più generico, come mal di testa, gonfiore addominale e diarrea (specialmente in caso di assunzione dei cibi da evitare) e sensazione diffusa di stanchezza, già normalmente presente in primavera.

cliomakeup-allergia-graminacee-teamclio-1

Via Giphy

La cura con antistaminici e decongestionanti è attualmente la più efficace contro l’allergia graminacee.

Ragazze, non abbiamo ancora finito. Girate pagina e continuate a leggere per scoprire che rapporto c’è tra allergia graminacee e alimentazione, cosa non mangiare e alcuni suggerimenti per correre ai ripari quando si verifica questa allergia.