QUANDO PREFERIAMO LO SMARTPHONE AL PARTNER?

Vediamo più nel dettaglio quando attuiamo questo atteggiamento che logora la coppia e le relazioni sociali più in generale. Il phubbing più palese è quello al ristorante; lasciare il telefono sul tavolo, a portata di mano, controllare le email, quindi le notifiche dei social e poi rispondere agli amici su Whatsapp.

C’è anche chi tende al phubbing mentre il partner racconta la sua giornata. Va bene essere multitasking, ma non è per nulla cortese ed è uno di quei momenti in cui l’altra persona sente di non avere importanza per il partner.

Credits: @news.com.au

È considerato phubbing non solo il prendere il telefono e chattare, navigare, controllare i social, mentre si è in compagnia, ma anche controllare e basta se qualcuno ha scritto.

L’indirizzare frequentemente lo sguardo allo schermo per controllare se ci sono novità dall’esterno e l’incapacità a scollegarsi per un paio d’ore e godersi la compagnia del partner, è un grosso problema.

Credits: @mogaznewsen.com


Credits: @Dreamstime.com

Si tende poi al phubbing anche perché l’altro lo fa. Se il partner è costantemente assorto a controllare le notifiche, a scorrere la bacheca Facebook, a guardare storie su Instagram e a mandare gif e meme su Whatsapp, ci si sente quasi giustificati a farlo. Infine, lo si fa per noia; la conversazione non è coinvolgente, si è stanchi, non si trovano argomenti da condividere e si preferisce lo smartphone alla persona.

Credits: @phys.org

COME LIBERARSI DI QUESTO COMPORTAMENTO CHE MINA LA COPPIA E LE RELAZIONI?

Come eliminare il phubbing ed evitare di logorare il rapporto con gli altri? Gli esperti consigliano di accordarsi per delle zone “libere da smartphone” e di rispettarle insieme in orari specifici. Un’idea potrebbe essere riporre i telefoni lontani e non sul tavolo mentre si è a cena.

Si potrebbe evitare l’uso dello smartphone anche dopo cena quando si è a casa, così come dovrebbe essere bandito dalla camera da letto.

Credits: @Cosmopolitan.hr

PER EVITARE IL PHUBBING SI POTREBBERO IMPOSTARE DELLE “SMARTPHONE FREE ZONE”

Esistono inoltre applicazioni gratuite utili a monitorarne l’uso, come ad esempio Quality Time. Break Free o Moment, il cui slogan azzeccatissimo è “Posa il tuo telefono e torna alla tua vita“.

Credits: @medium.com

Dobbiamo imparare a scollegarci da questo dispositivo, diventato un prolungamento della nostra mano, e tornare ad apprezzare e vivere i momenti insieme, che siano con gli amici, con la famiglia o con il partner.

Non diciamo di smettere di usare lo smartphone, in quanto fa parte della nostra realtà ed è diventato uno strumento di cui non possiamo fare a meno, ma dobbiamo tornare a socializzare anche offline.

Ragazze, questo post termina qui. Sempre in tema relazioni, leggete anche:

1) CHE COS’È IL POLIAMORE? TUTTI I SEGRETI SULL’AMORE NON MONOGAMO

2) EX E GALATEO SOCIAL: COME COMPORTARSI ONLINE QUANDO CI SI LASCIA?

3) SI PUÒ RESTARE AMICI? ECCO COME RIMANERE IN BUONI RAPPORTI CON L’EX

Ragazze, avevate mai sentito la parola “phubbing”? Sapevate già cosa significa? Vi è mai capitato di sentirvi ignorate dall’altra persona perché, mentre parlavate, stava incollata allo smartphone? E voi, vi siete mai rese conto di fare “phubbing” nei confronti di qualcuno? Raccontateci tutto nei commenti. Un bacione dal TeamClio!

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here