SUPER NOVITÀ! NASCE DARKLOVE IL PRIMO MASCARA CLIOMAKEUP 😍

Forum L’ANGOLO DI NOI CIOMPETTE CHAT Noi con….ansia, panico, depressione

Noi con….ansia, panico, depressione

Topic iniziato da
, ultimo intervento di
manuel121, 2 mesi, 3 settimane fa
  • Autore
    Articoli
  • #109272
    LoulouParticipant
    Messaggi: 148

    Credo sia importante anche circondarsi di ciò che ci fa stare bene, cose, attività e persone, ed evitare chi ci addita come malate immaginarie.

    #109276
    Ale2Participant
    Messaggi: 25

    Hai ragione loulou io penso che se venisse fuori che è stato d’ansia so a cosa ricondurlo il mio problema è che non posso del tutto evitare la persona che mi ci ha portata ma quello che so è che è lontana e che quindi non le devo dare retta e lasciarla parlare.

    #109277
    CchrissyParticipant
    Messaggi: 289

    Grazie @monchichi per aver aperto questa chat. Leggere le vostre esperienze mi ricorda un po la me di alcuni anni fa… vorrei soltanto dire una cosa, ho visto cosa significa stare da entrambi i lati della medaglia, so cosa si prova a non sentirsi capiti, ma so anche cosa significa essere dall’altra parte… perciò anche se rischio di essere impopolare, vi chiedo di cercare di non essere troppo dure con chi vi sta intorno, perchè stare vicino a chi sta male non è semplice soprattutto quando si sa cosa vuol dire stare male e non riuscire lo stesso ad aiutare qualcuno che sta passando quello che hai passato tu…

    • Questa risposta è stata modificata 1 anno, 11 mesi fa da  Cchrissy.
    #109284
    CchrissyParticipant
    Messaggi: 289

    @loulou non so se la mia esperienza sia simile alla tua ma ho l’impressione che siamo giunte alla stessa conclusione, quello che mi ha salvato sono stati la famiglia e le amiche… una in particolare, ed è stata lei a suggerirmi di circondarmi di persone e cose positive.. non le sarò mai abbastanza grata!

    Ancora oggi ci sono momenti in cui ho una paura folle di ricascarci, perchè è una continua lotta con me stessa, ma una cosa è certa ora conosco meglio me stessa e i miei limiti e soprattutto so cosa fare quando sento che qualcosa non va.

    Anche io voglio dire a tutte che se ne può uscire, non nascondo che è dura, ma io che sono sempre stata una persona pessimista, timida e insicura sto imparando ad essere più ottimista e più sicura di me.

    #109295
    Messaggi: 224

    Buongiorno!
    concordo in parte con chi dice che per uscirne bisogna circondarsi di persone positive.
    In parte, perchè spesso non basta. A volte si, e allora bene, una con la vicinanza di persone care riesce a superare il momento no, e va benissimo. Ma spesso, anzi quasi sempre, il panico, l’ansia, la depressione, scaturiscono a causa di meccanismi interni distorti, dovuti a diverse cose che non sto qui a dire perchè non ne ho le competenze. E finchè non si sistemano questi meccanismi, non se ne uscirà mai del tutto.Le amiche, l’amore, un cambiamento di vita possono mettere fine ad un periodo no, e magari poi una non ci ricade mai più……ma spesso ci si ricade, finchè non si sistema quel qualcosa nel profondo che ci causa l’ansia.
    Dico questo in base alla mia esperienza, e non voglio sminuire assolutamente il vissuto di chi ce l’ha fatta da sola, anzi sono felicissima che ne siate uscite e che sia stato solo un momento.
    Ma in certi casi, spesso, serve l’aiuto di un professionista che ci faccia elaborare il nostro vissuto e che ci dia gli strumenti per affrontare in modo diverso quello che ci fa così tanta paura. Possiamo anche andare avanti tutta la vita a tamponare gli stati d’ansia, vuoi con i farmaci, con discipline per tranquillizzarci ecc…..ma credo che in certi casi la soluzione vera e definitiva sia proprio la psicoterapia.

    #109296
    lorraineParticipant
    Messaggi: 363

    ciao a tutte, non sempre la famiglia aiuta, anzi spesso è la causa di tale situazione, e alcuni addirittura ” mettono il dito nella piaga”, altro che aiuto! E nemmeno ” non” capisco, anzi, capiscono benissimo.
    Credo comunque che un supporto famigliare ” vero” e non ipocrita o di interesse possa servire per parlare.
    Ovvio non basta, purtroppo spesso bisogna ricorrere a dei farmaci, almeno per un breve periodo.
    La cosa peggiore è isolarsi ma spesso bisogna fare ” pulizia”, per forza di cose”, di chi ci ha messo in certe situazioni, almeno nel mio caso.
    Brutta bestia comunque, ci vuole molta volontà, bisogna ” aiutarsi”, e il periodo che stiamo vivendo, senza lavoro, è proprio la ciliegina sulla torta.
    ciao a tutte

    #109298
    lorraineParticipant
    Messaggi: 363

    Tante volte è ereditaria la cosa, e sta lì dietro l’angolo ad aspettare il momento per uscire fuori.
    Nel mio caso è certamente ereditaria, da una parte proprio come patologia, dall’altra da una ipersensibilità caratteriale.
    La sua esplosione iniziale è stata una decina di anni fa, con una operazione alla schiena, non riuscita bene, dopo 15 giorni sono stata rioperata, la paura di rientrare nella sala operatoria e il dopo, due mesi di letto, hanno scatenato inizialmente attacchi di panico notturni, poi quotidiani…ma con i farmaci ne ero uscita, perché comunque c’è stata una causa scatenante.
    Purtroppo come ha scritto alcune di voi, sembra di esserne uscita, ma non è così.
    Quando si presentano poi delle situazioni molto gravi, peggio se insieme, si riscatena, e perfino arriva a somatizzarsi sul fisico.
    Personalmente ho un carattere molto tosto, determinato, con tendenza a risolvere le situazioni, sono ( ero) creativa, ma ora veramente non mi riconosco più.
    E anzi sono piena di rabbia perché certa gente meriterebbe davvero una grande punizione, non si può agire a danno di altri, lo trovo di una cattiveria e di un egoismo, paragonabili a…diciamo ” escremento”! Giusto per tenermi, visto che non è ne il luogo ne il caso.
    Si vive davvero male nel risentimento.

    #109305
    Ale2Participant
    Messaggi: 25

    Io penso che la mia ansia sia proprio per colpa di una persona molto invidiosa e me ne sono resa conto due mesi fa quando in un momento di grande paura dopo una notte d’inferno a piangere dalla paura il mattino seguente la signora è entrata in casa e nel vedermi molto spaventata mi ha detto ma dai su con il morale hai una bella casa, una bella vita ecc…. In quel momento avrei voluto urlarle in faccia ma per amore del figlio e per non dare spettacolo davanti a mio figlio non l’ho fatto ma mi sono ripromessa che prima i poi gliene diró quattro. Intanto per una persona cattiva come lei io sto così e non riesco proprio ad uscirmene.

    #109306
    Messaggi: 224

    Io non ho in apparenza una causa scatenante, o almeno credo di no….ma sono figlia unica di genitori ansiosi, senza sintomi, ma molto molto apprensivi che mi hanno sempre tenuta sotto una campana di vetro e inculcato mille paure. In più,credo, che mia mamma sia da sempre depressa…..poco, in modo non grave e che non si vede, ma si percepisce. Lei è quella che mi fa stare più male perchè non mi capisce e continua a darmi contro…io con lei non posso parlare perchè “la faccio stare male” e perchè lei “non è in grado di aiutarmi”, con questa frase se ne lava le mani emi fa capire che non vuole sentire certi discorsi. Mio papà al contrario è molto superficiale…..e con lui non sono mai riuscita ad aprirmi. Amiche vere così forti da confidarmi non ne ho, e comunque non riuscirei mai. In pratica sono sola con la psicologa, che mi ascolta…..ma è una psicologa, non è che la posso considerare una amica, e non viene con me fisicamente a darmi un appoggio quando devo fare qualcosa.
    Ogni cosa la faccio da sola e la cosa che mi fa rabbia è che i miei non capiscono quanto mi pesi fare certe cose che per altri sono banali…..per loro sono una lavativa, comoda, che non si impegna e non fa sacrifici…..vorrei solo che capissero che sacrifici sto facendo io per fare quelle cose che a loro sembrano banalissime!

    #109313
    Marty2Participant
    Messaggi: 186

    Ale2 vedi che c’è un qualcosa che è cambiato! L’importante è riconoscerlo e andare dritto al sodo prima che dilaghi.
    @monchichi anche nel mio caso ci sono stati di mezzo genitori ansiosi senza sintomi e sono stata tenuta sotto la campana, in realtà più da me stessa che dagli altri. Comunque dovrei raccontare la mia vita negli ultimi cinque anni perchè capiate e un po’ l’ho fatto sul blog..
    Ripeto che mi considero fortunata perché i miei genitori mi hanno aiutata (poracci li ho esauriti pure loro) e lo hanno fatto anche le mie amiche (tenendo conto che non le ho sentite per 8 mesi perchè correvo dietro a persone sbagliate e mi sono presentata con queste problematiche…si, sono stata in “prova” per un un anno perché lo vedevo che non mi dicevano tutto, che tra di loro c’era un rapporto diverso, che dovevo recuperare il tempo perso. Però ho imparato a cambiare, almeno un po’!).
    La mia più grande paura è ritornare dove ero o comportarmi “male”, tipo essere pensante, piagnucolona, indecisa e che le amiche mi dicano “ciao ciao”, ritrovarmi da sola.

    • Questa risposta è stata modificata 1 anno, 11 mesi fa da  Marty2.
    • Questa risposta è stata modificata 1 anno, 11 mesi fa da  Marty2.
    • Questa risposta è stata modificata 1 anno, 11 mesi fa da  Marty2.
    #109317
    Ale2Participant
    Messaggi: 25

    Io ho avuto la tua stessa situazione quando vivevo con i miei, mia madre mi dava sempre conto è mi rinfacciava sempre tutto è mio padre stava sempre in silenzio e non gli importava in gran che. Fino a quando è nato mio figlio è mi sono sposata e sono andata via ho iniziato a trovare un pochino di pace che non è durata molto visto e considerato che non bastava la mia famiglia ma ci si è messa anche mia suocera a farmi i “dispetti” facendomi credere che lei è mia amica ma io di mamma ne ho una sola e siccome ho passato gli ultimi 5 anni di inferno ora mi tocca combattere anche con lei che pensa di fare la buona samaritana. Spero solo che una volta che riesco a uscirmene da questa situazione possa parlare con mio marito e cercare di fargli capire che si è sua madre ma non si può intromettere sempre nella nostra vita perché io un’altra situazione così non so se la sopporterei

    #109318
    Marty2Participant
    Messaggi: 186

    Una precisazione: detta così sembra che non mi fidi di loro. In realtà mi fido ciecamente di loro: faccio fatica a fidarmi di me stessa; o meglio, conoscendo quello che è stato, ho paura.

    #109386
    Messaggi: 224

    @ale2 se posso darti un consiglio, da esterna, non aspettare di aver superato l’ansia per parlare chiaramente a tuo marito. Per due motivi:
    -se riesci a farlo, sono sicura che ti libererai di una bella dose di ansia
    -se lo facessi dopo, lui o la suocera potrebbero pensare “prima andava bene, adesso no, non mi vuoi più (la suocera tra ipiedi), sei cambiata ecc ecc”
    Lo so….dal di fuori è tutto più facile….

    #109390
    ElenaelleParticipant
    Messaggi: 69

    Ciao

    #109392
    ElenaelleParticipant
    Messaggi: 69

    Non riesco a pubblicare il mio post

Stai vedendo 15 articoli - dal 31 a 45 (di 89 totali)
Attenzione

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.



POST POPOLARI